Notifiche
Cancella tutti

Chi vuole essere uno schiavo? La convergenza tecnocratica di esseri umani e dati

   RSS

0
Topic starter

https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fcomm.2020.00037/full

di Daniel Broudy e Makoto Arakaki
''You will get chipped. It’s just a matter of time.''

"L'umanità si è accorta a malapena", osserva Edwin Black, "quando il concetto di informazione massicciamente organizzata è emerso silenziosamente per diventare un mezzo di controllo sociale, un'arma di guerra e una tabella di marcia per la distruzione di gruppo" ( Black, 2001 , p. 7). La domanda è: quale significato hanno gli strumenti di questo periodo attuale dell'era dell'informazione per il nuovo ordine socioeconomico? Gli strumenti sono al centro di un nascente sistema di schiavitù globale, i cui contorni sono leggermente offuscati dalla seducente propaganda di integrazione, dall'immaginario e dal linguaggio tipici del progresso tecnologico. L'eccitazione generata dalla raffinatezza, dalla velocità e dall'efficienza maschera l'avvento di un'imminente prigionia diffusa.

La storia moderna fornisce precedenti e contesto.
Black identifica il computer a cui avevamo dato forma, come lo strumento chiave che è venuto, nel tempo, a rimodellarci. Senza il computer ai suoi esordi, i leader del partito nazista non avrebbero potuto organizzare e realizzare i loro piani per identificare gli indesiderabili, espellerli dalla società, confiscare i loro beni; mandandoli nei ghetti; deportandoli; e, infine, intraprendere gli sforzi per sterminarli. (Edwin Black, Discusses IBM and the Holocaust. New York, NY: Yeshiva University.)
Con l'assistenza della macchina Hollerith di IBM  
    (un precursore primitivo del microprocessore odierno), il Terzo Reich poteva memorizzare informazioni su qualsiasi processo, individuo o posizione grazie all'ingegno di fori praticati su schede di carta in colonne e righe.
L'era dell'informazione, nata non nella Silicon Valley ma a Berlino nel 1933, individua le informazioni statistiche. "Non solo posso considerarti un membro della folla", osserva Black, "ma posso individuare le informazioni che ho su di te" (2012): dove vivi, qual è la tua professione e dove sono i tuoi conti bancari.
Forse il più grande risultato della codifica delle schede di carta con dati etnografici è apparso nella sua manifestazione concreta nei tatuaggi incisi sugli avambracci dei prigionieri dei campi di concentramento.
I segni numerati servivano come catene concettuali che legavano i prigionieri alle macchine Hollerith che analizzavano la loro unica essenza umana in categorie sociali, economiche ed etniche. Le categorie sono fondamentali sia per esaltare che per emarginare gli altri. “La maggior parte delle categorizzazioni”, osservava George Lakoff, “è automatica e inconscia, e se ne diventiamo consapevoli, è solo in casi problematici” (Lakoff, 1986, p. 6).
Stereotipi e pregiudizi latenti nelle persone al potere diventano noti solo quando questi costrutti cognitivi vengono convertiti in parole pronunciate, politiche obbligatorie e/o atti violenti.
Il caso problematico degli elementi indesiderabili per Hitler, ad esempio, era un dilemma innanzitutto della mente, di una categorizzazione consapevole che necessitava di una risoluzione attraverso una maggiore consapevolezza della percezione della minaccia che gli ebrei rappresentavano per la purezza della cultura e della società più ampie.
Ciò è stato fatto, in parte, rendendo palesi i sentimenti non detti. Mentre prestava servizio come ministro della propaganda, Joseph Goebbels ha elaborato le narrazioni principali che sono servite a posizionare gli ebrei e altri indesiderabili nella categoria non umana.
Parallelo alla modifica della percezione pubblica attraverso i media, è stato il lavoro delle macchine tabulate che hanno posto le persone catturate sotto gli occhi attenti e le mani delle autorità che perfezionavano gli strumenti per la Soluzione Finale.
Secondo Theodore Porter, "Uno dei compiti della storia è identificare le fonti di ciò che gli entusiasti proclamano essere assolutamente nuovo e rivoluzionario" (2016). Edwin Black ha scoperto nei documenti storici come la macchina Hollerith di IBM avesse rivoluzionato l'efficienza nell'affrontare le noiose routine e i livelli di attenzione richiesti da enormi quantità di dati di censimento. Alla fine, vasti set di dati numerici potevano essere manipolati in modi da trasformare numeri astratti in ritratti più significativi di persone reali.
Questo fantastico nuovo mondo di dati di massa è arrivato per integrare lo strano con il banale, il concettuale con il materiale e l'innovazione con il luogo comune.
Black si chiede perché l'IBM si sia coinvolta nel mercato dei campi di sterminio nazisti.. “Non si è mai trattato di antisemitismo”, sostiene, “mai di nazismo; è sempre stata una questione di soldi".
Era la morte resa redditizia per un particolare tipo di libero mercato.
 
Mentre la cieca ricerca del denaro trasforma il frutto dell'attività umana in prodotti per il consumo di massa nel mercato aperto, quell'appassionata ricerca di mammona, nella vita contemporanea, minaccia paradossalmente di trasformare gli esseri umani, in parte o nella loro totalità, in merci vendibili e usa e getta.
Riferendosi a questo processo come "la terza ondata di commercializzazione", Michael Burawoy parla dei mercati attuali in cui anche "parti del corpo umano ... sono diventate merci che vengono acquistate e vendute" (Burawoy, 2017).
Se la reclusione e la schiavitù, quindi, sono iniziate con il detenuto di Auschwitz tatuato con un numero Hollerith analogico (come rivela la ricerca di Black), la nuova schiavitù si concluderà con un prigioniero di un campo di concentramento microchippato nella matrice globale con un numero digitale.
Gli strumenti della matrice sono, attualmente, e appaiono ovunque, le fotocamere intelligenti e i sensori del mondo reale aumentati dagli occhiali della realtà virtuale nell'Internet of Things (IoT).
Sono imposti alle persone attraverso intelligenti campagne di marketing dall'élite del potere.
Questa marcia inesorabile verso la schiavitù volontaria in un nuovo ordine dell'economia globale, non dovrebbe sorprendere coloro che hanno osservato con disagio gli strumenti dei big data applicati a tutti i prodotti e merci, sia organici che inorganici.
Come identificatore numerico a 12 cifre, l'Universal Product Code (UPC) è apparso per la prima volta nel 1971 per gli articoli di commercio.
L'onnipresente design IBM per l'UPC che vediamo oggi ha rivoluzionato il monitoraggio e il controllo di tutto l'inventario dei materiali nei punti vendita.
Non molto tempo dopo, il codice a barre (come è noto), iniziò ad apparire nelle etichette per il bestiame. Nella maggior parte dei casi, un marchio su un animale è una prova prima facie della proprietà.
Oggi, il marchio di proprietà è il nuovo chip IBM/Sony "PersonalCell", un chip di identificazione a radiofrequenza (RFID), "più piccolo di un chicco di riso" (Abate, 2014) e impiantabile sotto la pelle, non solo nel bestiame e animali domestici ma, soprattutto, negli esseri umani. 
 
Il chip impiantabile getta effettivamente le basi per una distopia totalitaria?
Jefferson Graham ci ricorda che gli esseri umani sono visti come nient'altro che animali domestici dall'élite del potere:'' You will get chipped. It’s just a matter of time.'', (Graham, 2019), osserva.
Il titolo definisce i nuovi strumenti come minacce all' autonomia all'agire umano e alla sovranità, mentre i cani da guerra scatenati sui nemici fanno a pezzi le loro vittime.
"La tendenza", osserva Lee Brown, "coincide con la marcia della Svezia verso il cashless, con banconote e monete che costituiscono solo l'1% dell'economia svedese" (Associated Press, 2017; Savage, 2018; Brown, 2019).
Gran parte del discorso sulle minacce al sistema (Broudy e Tanji, 2018) e all'agire umano e alla sovranità è intriso di immagini di guerra che contrappongono l'uomo alle sue macchine.
La propaganda mainstream oscura in gran parte, tuttavia, i disegni degli agenti dietro la guerra, la rete di profittatori tecnocratici i cui argomenti di discussione dominano il discorso pubblico.
Con l'accesso illimitato ai media mainstream di loro proprietà, i tecnocrati che scrivono i copioni per la nuova economia, gestiscono e manipolano "le informazioni in [questo] mondo basato sui dati ... riconosciuto ora come eccitante, sexy e perfettamente moderno. E non per la prima volta,...
Almeno dalla cultura della stampa, il brivido dei dati è stato collegato a nuove tecnologie coraggiose” (Porter, 2016). Il chip impiantabile è un nuovo strumento coraggioso il cui uso è ora in fase di normalizzazione dai media aziendali. Le sue pretese efficienze sono considerate così eccitanti e vitali che nessuno nel mainstream si interroga in modo critico su dove questi strumenti porteranno l'umanità.
Nel suo Scenarios for the Future of Technology and International Development del 2010, il presidente della Rockefeller Foundation ha osservato che: "Un importante e nuovo componente del nostro toolkit strategico è la pianificazione degli scenari, un processo di creazione di narrazioni sul futuro basate su fattori in grado di influenzare un particolare insieme di sfide e opportunità” (Rodin, 2010, p. 4). I narratori d'élite hanno bisogno di un pubblico globale che presti attenzione alle ultime narrazioni che creano.
 
Conclusione
Chiudiamo con una riflessione sulla storia, che i lettori dovrebbero considerare, quando lo spettro di una distopia tecnocratica ha cominciato ad apparire nel contesto dell'emergente “complesso militare-industriale” (Eisenhower, 1961). Aldous Huxley aveva avvertito il mondo 4 anni prima del famoso messaggio di addio del presidente Dwight D. Eisenhower, che allertava i cittadini di una nuova minaccia alla pace.
L'intervista di Huxley con il giornalista Mike Wallace predice un'epoca in cui i messaggi di pubbliche relazioni controllati dall'élite del potere avrebbero minacciato di minare la capacità dell'uomo di ragionare e, quindi, come un cavallo di Troia, aprire la strada ad attacchi ai diritti umani e alla sovranità.
Huxley inizia con il presupposto, elaborato in precedenza da Walter Lippmann, che i leader debbano "fabbricare [il] consenso" (Lippmann, 1922, p. 248) delle persone che governano.
''... se vuoi preservare il tuo potere indefinitamente, devi ottenere il consenso dei governati, e questo lo faranno in parte con la droga (farmaci) come avevo previsto in Brave New World, in parte con queste nuove tecniche di propaganda'' (Huxley, 1958). (Che è poi la frase che cita Harari, lo storico israeliano, in uno dei suoi discorsi al WEF,  ma decontestualizzandola).
Anche uno sguardo all'ossessione sempre crescente degli Stati Uniti per le prescrizioni e i farmaci dall'inizio degli anni '60, e l'ascesa di un'egemonia farmaceutica americana, avviserà l'osservatore casuale che vaste fasce della popolazione sono state rese docili e comodamente insensibili, messe a tacere , sedato ed emarginato in decenni di “massiccia sovraprescrizione” (Frances, 2012; Insel, 2014).
"Lo faranno", osserva Huxley, "aggirando il lato razionale dell'uomo e facendo appello al suo subconscio e alle sue emozioni più profonde, e persino alla sua fisiologia, e così facendogli amare davvero la sua schiavitù" (1958).
Con la pletora di assistenti domestici personali di Amazon, Apple, Google, Microsoft, Facebook e altri, che ora appaiono in innumerevoli case, il profondo desiderio universale di connessione sociale, sicurezza e protezione è stato ora soddisfatto attraverso le continue intercettazioni da parte dei principali commercianti, marketer e lo stato (Broudy e Klaehn, 2019; Fowler, 2019).
Con la paura sempre presente di un nuovo terrore minaccioso mitizzato nei media mainstream dai principali propagandisti, placata da un accesso facile, efficiente e onnipresente a beni e servizi, le persone rimangono "altamente suscettibili ad accettare misure di emergenza estreme" (Robinson, 2020).
“Voglio dire, penso che questo sia il pericolo che in realtà le persone possano essere, in qualche modo, felici sotto il nuovo regime, ma che siano felici in situazioni in cui non dovrebbero essere felici” (Huxley, 1958).
Nel 1944, Karl Polanyi vide in azione tre "finzioni" che facevano funzionare una tale economia di mercato: (a) la vita umana poteva essere subordinata alle richieste del mercato e ricostituita come "lavoro"; (b) il mondo naturale poteva essere subordinato e ricostituito come 'bene immobiliare'; e (c) l'azione di scambio avrebbe potuto essere ricostituita in "capitale".
Tutta la vita, la natura e lo scambio sono stati trasformati in cose destinate alla redditività. “Una simile istituzione non potrebbe esistere per un lungo periodo”, ha affermato Polanyi, “senza annientare la sostanza umana e naturale della società” (Polanyi, 1944/2001, p. 3).
Oggi, Michael Rectenwald vede la "grande trasformazione" di Polanyi come un arcipelago di Google in cui il "Big Digital" minaccia la sovranità umana con le sue "capacità estese di supervisione, sorveglianza, registrazione, tracciamento, riconoscimento facciale, sciami di robot, monitoraggio, recinto, punteggio sociale, trammeling, (qualcosa che limita l' attività, l'espressione il progresso; un vincolo: https://www.thefreedictionary.com/trammeling) , punizione, ostracismo, spersonalizzazione o controllo in altro modo sulle popolazioni…” (2019, p. 30).   (“extended capabilities for supervision, surveillance, recording, tracking, facial-recognition, robot-swarming, monitoring, corralling, social-scoring, trammeling, punishing, ostracizing, un-personing or otherwise controlling populations…” (2019, p. 30).
 
Nel momento in cui scriviamo, vediamo nell'attuale pandemia COVID-19 un chiaro percorso verso il "Brave New World" del "Big Digital": la prevista scomparsa del denaro contante e la sua sostituzione impiantata in persone obbligate a essere socialmente distanti, il Microchip come salvatore della grande tecnologia resuscitato dai "super-predatori, senza coscienza, senza empatia, con l'obiettivo di soggiogare tutti" di sottomettere tutti : As of this writing, we see in the present COVID-19 Pandemic a clear path toward the “Brave New World” of “Big Digital”—the planned disappearance of hard currency and its replacement implanted in people mandated to be socially distant, the Microchip as big-tech savior resurrected by the “super-predators, [with] no conscience, no empathy [aiming to] bring [all] to heel” (Clinton, 1996).
Sebbene, come abbiamo discusso, il fascismo amichevole appaia in varie forme, rimane particolarmente "difficile per molti percepire Bill Gates come un pericoloso autoritario oltre che un fanatico dell'eugenetica" che indossa "quei maglioni pastello e quel sorriso sciocco, che suona più come Kermit the Frog che Adolf Hitler, e ingrassa i suoi discorsi pubblici con byte dal suono altruistico” (Frank, 2009; Harlow, 2009; Miller, comunicazione personale).
Ma esortiamo i lettori a contemplare gli sforzi, "sostenuti dalla Bill & Melinda Gates Foundation" e altri, ora in corso, per invadere l'inviolabile integrità sovrana degli esseri umani con "nanoparticelle iniettabili che rivelano informazioni private" (Wu, 2019).
Dal rilascio di Windows 3.0. nel 1990, continua la lotta incessante contro i virus. Ci chiediamo quanto costerà davvero a tutti noi vaccinarci dal tipo di ferocia monopolistica che ora ispira la costruzione della "griglia di controllo" globale (Eclinik, 2019) e ci esorta ad accettare le nuove soluzioni iniettabili.''
 
 

 

Punched Card Tabulatormagnifying-glass
Le prime tabulatori di Herman Hollerith hanno aperto gli occhi del mondo sull'idea stessa dell'elaborazione dei dati. Lungo la strada, le macchine hanno anche gettato le basi per IBM.
Questa argomento è stata modificata 2 mesi fa 2 volte da ekain3
2 risposte
0
Topic starter
Il barone Joachim Dedo Otto Georg Dietrich Adolf von der Leyen zu Bloemersheim
Conosciuto anche come: "Joachim Otto Georg Diederich Adolf"
Data di nascita: 28 Settembre 1897
Luogo di nascita: Meerbusch, Dusseldorf, Renania settentrionale-Vestfalia, Germania(DKR)
Morte: 23 marzo 1945 (47)
Meissen, Sassonia, Germania (Germania)
Occupazione: Amministratore distrettuale sotto il nazionalsocialismo, nella Cecoslovacchia occupata e nella Polonia occupata. Nel distretto della Galizia è stato coinvolto nell'organizzazione dell'Olocausto come capitano di distretto.

comunque von der Leyen è il marito, il commento potevo risparmiarmelo...

0
Topic starter

https://unlimitedhangout.com/2021/02/investigative-reports/schwab-family-values/

Condividi: