Notifiche
Cancella tutti

“COMMETTERE ERRORI È ACCETTABILE; MENTIRE NON LO È” DICHIARA IL NUOVO MINISTRO DELLA DIFESA RUSSO

   RSS

1
Topic starter

“COMMETTERE ERRORI È ACCETTABILE; MENTIRE NON LO È”  DICHIARA IL NUOVO MINISTRO DELLA DIFESA RUSSO

Georgiy Berezovsky

Russia Today

14 maggio 2024

https://www.rt.com/russia/597586-new-russian-defense-minister/

'Commettere errori è accettabile; mentire non lo è” – il nuovo ministro della Difesa russo tra virgolette

 

Andrey Belousov è ufficialmente diventato il nono ministro della Difesa nella storia della Russia moderna.

È stato nominato dal presidente Vladimir Putin il 12 maggio. La decisione è stata inaspettata, poiché è il primo civile a ricoprire la carica. Belousov non ha mai prestato servizio nelle forze dell’ordine e ha trascorso gran parte della sua carriera lavorando come economista accademico.

Allo stesso tempo, Belousov è un membro di lunga data dell’élite politica russa che negli ultimi 20 anni ha ricoperto importanti incarichi governativi. In questi anni ha dimostrato la sua professionalità e la sua visione unica del futuro della Russia.

Per aiutare a farsi un’idea migliore di chi sia Andrey Belousov, RT ha compilato una selezione di citazioni tratti dai recenti discorsi e interviste del nuovo ministro della Difesa.

 

Rapporti con l'Occidente e missione della Russia 

[La Russia dovrebbe seguire la strada di un] conservatorismo modernizzato… La Russia può preservare i valori occidentali tradizionali. L’Occidente ha abbandonato questi valori tradizionali ed è passato a qualcos’altro – a una [mentalità] antitradizionale nel quadro del postmodernismo.

[È importante] preservare i valori tradizionali occidentali, che in un certo senso sono i valori della civiltà cristiana occidentale, della civiltà europea. E la Russia può diventare la custode di questi valori. Questo può sembrare un paradosso, ma è vero. A questo proposito, sarebbe sbagliato chiamare l’Occidente nostro nemico… 

Ma in Occidente ci sono alcune élite… e parti considerevoli della società che sono associate ai valori tradizionali.

E a questo proposito, potrebbero cogliere questa goccia, questa possibilità che la Russia offre loro per preservare alcuni [dei loro valori]. 

 

Sul mondo globale 

Sarebbe più corretto parlare di una svolta verso il Sud e non solo verso l’Est. Ma di per sé la parola “svolta” è piuttosto subdola, perché implica l’ideologia del mondo globale. Il mondo globale – almeno nella mente dei suoi ideologi – era monocentrico. Era composto dal nucleo anglosassone e dalla “vecchia” Europa che si univa ad esso, e insieme governavano il mondo. E poi, in qualche modo, noi ci adattiamo a questo mondo. Comunque è vero, abbiamo davvero cercato di integrarci... Ma ora siamo stati un po' buttati fuori. Anche se siamo partiti anche noi da soli. Ma l'ideologia di un mondo multipolare riguarda lo sviluppo di una certa auto-dipendenza, simile al concetto del Sé di [Carl] Jung. È diverso dalla "persona" o dalla "maschera" che si indossa. Tutti i paesi sovrani dovrebbero possedere questo [concetto del] Sé. I paesi che non sono sovrani, per definizione, non possono possedere questo Sé. Rispetto profondamente paesi come l'Olanda, i Paesi Bassi, [ma] non possiedono la sovranità.

 

Sulla "individualità" di una nazione 

Non c’è altra scelta per il nostro Paese se non quella di acquisire o riscoprire questo Sé. Alcuni dicono che abbiamo enormi risorse, che abbiamo persone di talento. È vero. Ma il prerequisito più importante per [formare] il nostro Sé è una grande cultura. Abbiamo un nostro codice culturale, una nostra identità culturale, che la maggior parte dei paesi e dei popoli non possiede. A proposito, Dostoevskij la sentiva molto bene. Dostoevskij, soprattutto in opere come "Diario di uno scrittore", lo esprimeva con estrema precisione. E anche molti altri scrittori del XIX e XX secolo [hanno parlato di questo]. Questa è la nostra risorsa più importante, quella che dobbiamo utilizzare.

Abbiamo bisogno che le persone comprendano che portano dentro di sé questo codice culturale. [Questo dovrebbe essere fatto] attraverso vari meccanismi – attraverso il patriottismo, l’educazione, le esperienze dei nostri padri e nonni… Se risolviamo questo problema, i compiti economici diventeranno secondari. Sono complessi, ma sono sicuro che li risolveremo perché, in sostanza, abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per raggiungere questo obiettivo. 

 

Sulle élite russe 

Non tutti possono guardare nella stessa direzione. Ciò non è mai accaduto in passato e non accadrà mai. Soprattutto nel nostro Paese. Il nostro Paese è sempre stato caratterizzato da valori diversi e questa situazione peggiora sempre durante i periodi di riforma. Che si tratti delle riforme di Pietro [il Grande]... Noi lo chiamiamo Pietro il Grande, ma a quei tempi alcuni lo chiamavano l'anticristo e lo anatemizzavano. E non sto nemmeno parlando della rivoluzione [russa], quando il nostro corpo ufficiali si divise in due: il 50% sosteneva i Rossi [i bolscevichi] e il 50% sosteneva i Bianchi [le forze anticomuniste che combattevano i bolscevichi]. Chi erano queste persone? Formavano l'élite. Ma un particolare tipo di élite.

La stessa cosa è accaduta negli anni ’90, quando si è verificata una grande spaccatura nella nostra società. 

È abbastanza difficile, [anche] impossibile e controproducente costringere tutti a muoversi in una certa direzione. Ma ci deve essere un certo nucleo [della società] che andrà a creare questo ambiente… Questo nucleo non ha nulla a che fare con l’economia, riguarda il significato.

 

Su cosa ha da offrire la Russia 

Considerando la situazione, metterei [la produzione] alimentare al primo posto, perché la Russia possiede una parte significativa delle terre fertili del mondo. Naturalmente c’è anche l’energia, compresi i servizi energetici e la sicurezza energetica. La Russia può [anche] offrire sicurezza militare. In alcuni campi la Russia può offrire tecnologie, in altri la logistica, perché attraverso la Russia passano numerosi corridoi dei trasporti transcontinentali. Perciò, abbiamo qualcosa da offrire al mondo. 

 

Sulla strategia della Russia nel prossimo decennio

Quale strategia dovrebbe adottare una grande economia nazionale, come quella russa, nei prossimi cinque-dieci anni? La risposta è abbastanza semplice: è necessario garantire la sostenibilità strategica, e ciò è possibile solo attraverso la formazione di alleanze nazionali sostenibili. Pertanto, l’essenza della strategia della Russia dovrebbe essere quella di costruire alleanze con paesi amici…

Sta emergendo una nuova struttura bipolare, [ma anche] un nuovo confronto tra i blocchi. Secondo me, questo

non è del tutto corretto. Dovremmo piuttosto considerare un sistema di alleanze – come quando diversi attori principali stringono diverse alleanze, comprese quelle multilaterali e bilaterali. E il risultato è quello che chiamiamo un mondo multipolare.

 

Sulla sovranità 

La sovranità non implica la completa indipendenza. Sovranità significa che il Paese e la società sono in grado di raggiungere i propri obiettivi nazionali. Se si riesce a fissare degli obiettivi e a raggiungerli, allora si è un paese sovrano. La Cina, l’India e l’Indonesia possono farlo, ma l’Europa no. L’Europa ha perso la sua sovranità. E non sto nemmeno parlando degli altri paesi che tutti conosciamo. Questo non è dovuto al fatto che lì esista una dittatura politica o qualcosa del genere. Semplicemente manca qualcosa, capite cosa intendo? [Il concetto di] sovranità implica sia lo stato di una società, la sua identità culturale, sia la disponibilità di risorse per un ulteriore sviluppo.

All’inizio degli anni 2000, anche la Russia ha avuto difficoltà a trovare un equilibrio, ma è andata avanti. Ma voglio dire che quando il Paese si trova in una situazione difficile o a un bivio, il modello di mobilitazione dell’economia non è l’unica scelta, questo è il punto [principale].

 

Sugli obiettivi da ministro della Difesa

Attualmente stiamo conducendo un'operazione militare speciale. Naturalmente, le questioni più urgenti e immediate sono legate a questa operazione. Ciò comporta principalmente la fornitura delle attrezzature militari e specializzate più avanzate, munizioni di artiglieria, missili, dispositivi di protezione personale per i soldati, dispositivi di comunicazione, droni, strumenti di guerra elettronica e così via. La portata di questi problemi è vasta. Ciascuna direzione ha piani mensili, ma la loro esecuzione richiede attenzione quotidiana, e spesso oraria. Questa è la prima cosa.

In secondo luogo, il nemico si adatta rapidamente. Il panorama dell’utilizzo delle nuove tecnologie cambia su base settimanale. In questo contesto non dobbiamo solo imparare e tenere il passo, ma anche anticipare le mosse del nemico. Questo sforzo, coordinato con lo Stato Maggiore Generale, è continuo ma richiede anche un coinvolgimento quotidiano: dobbiamo analizzare l’applicazione delle nuove tecnologie e sviluppare nuovi metodi di combattimento.

È essenziale garantire la piena integrazione dell'economia delle Forze Armate nella più ampia economia nazionale. Dato l'oggettivo aumento della spesa per la difesa, che ormai ha superato il 6,7% del PIL del paese, questo compito è complesso e sfaccettato e coinvolge principalmente l'ottimizzazione delle spese militari. Ci tengo a sottolineare che ottimizzazione non significa tagli indiscriminati; vuol dire aumentare l’efficienza.

Tutto ciò che è efficace e avanzato nel nostro Paese deve contribuire alla vittoria e al raggiungimento degli obiettivi delle Forze Armate. Sono pienamente consapevole della mia responsabilità nei confronti del Paese, del popolo russo e del Presidente della Federazione Russa. In linea con la nomina anticipata, mi impegno a dedicare tutti i miei sforzi, la mia salute e, se necessario, la mia vita al raggiungimento dei compiti assegnati. Mi farò guidare da un principio incrollabile: 'Commettere errori è accettabile; mentire non lo è'.

 

Scelto e tradotto da oldhunter

Questa argomento è stata modificata 4 settimane fa 3 volte da oldhunter
1 risposta
1

Finalmente un uomo di pensiero.

Condividi: