Notifiche
Cancella tutti

Daniele Ganser sul conflitto in Ucraina

   RSS

1
Topic starter
 
- L'altra faccia della verità -
Senza la violazione del diritto internazionale da parte del presidente degli Stati Uniti Obama otto anni fa, l'invasione militare illegale di Putin probabilmente non avrebbe avuto luogo.
di Daniele Ganser
Il 24 febbraio 2022, il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato al suo esercito di invadere l'Ucraina, una violazione del divieto delle Nazioni Unite sull'uso della forza e quindi illegale. Quasi esattamente otto anni prima, il 20 febbraio 2014, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha rovesciato il governo ucraino per trascinare il paese nella NATO. Questo colpo di stato è la radice della guerra in Ucraina. Come l'invasione di Putin, il comportamento di Obama violava il divieto delle Nazioni Unite sull'uso della forza ed era quindi illegale. È ora di smettere di accontentarsi di mezze verità da una parte o dall'altra e raccontare la storia del conflitto in modo completo ed equilibrato.
Gli Stati Uniti hanno davvero rovesciato il governo in Ucraina?
Perché quasi nessuno se ne è accorto in quel momento?
E quali prove storiche ci sono per questo? Ricevo spesso queste e simili domande in questi giorni. In qualità di storico e ricercatore di pace, ho studiato per anni le guerre aperte e segrete degli Stati Uniti e ho anche descritto il colpo di stato in Ucraina nel mio libro "Guerre illegali". "E' stato un colpo di stato sponsorizzato dall'Occidente, su questo non ci sono dubbi", ha detto l'ex funzionario della CIA Ray McGovern.
A Berlino, un anno dopo il colpo di stato del 10 maggio 2015, ho tenuto una conferenza sugli eventi in Ucraina e ho mostrato che il presidente Obama ha effettivamente rovesciato il governo in Ucraina. Se vuoi, puoi guardare la lezione qui ( https://www.youtube.com/watch?v=_sMfNmx0wKo). https://www.youtube.com/watch?v=vMxSF_pf-YU
Al momento si legge e si sente molto nei media sull'invasione di Putin, che è stata giustamente criticata. Ma non leggi e non senti praticamente nulla sul colpo di stato di Obama. Perché ci viene raccontata solo metà della storia? La guerra in Ucraina è un conflitto internazionale particolarmente delicato perché si confronta con gli Stati Uniti e la Russia, entrambi dotati di armi nucleari. Come per la crisi dei missili cubani, entrambe le parti stanno giocando a carte nascoste e stanno cercando di attirare l'Ucraina nella loro sfera di influenza.
 
Dopo la caduta del muro di Berlino e il crollo dell'Unione Sovietica, l'Ucraina ha dichiarato la sua indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1991. La debolezza di Mosca ha dato a Washington la sua prima opportunità di espandere l'influenza degli Stati Uniti nell'Europa orientale e di assorbire gli ex membri del Patto di Varsavia controllati da Mosca, nella NATO.
Sebbene gli Stati Uniti abbiano promesso alla Russia che la NATO non si sarebbe espansa, è esattamente quello che è successo. Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria sono diventate membri della NATO nel 1999. E al vertice della NATO nella capitale rumena Bucarest, nell'aprile 2008, il presidente degli Stati Uniti George Bush ha dichiarato che anche l'Ucraina sarebbe stata annessa alla NATO.
La Russia era arrabbiata, perché l'Ucraina confina direttamente con la Russia. E c'erano voci di avvertimento anche negli Stati Uniti. "Immaginate l'indignazione a Washington se la Cina avesse forgiato una potente alleanza militare e avesse cercato di conquistare  Canada e Messico", ha avvertito il politologo dell'Università di Chicago John Mearsheimer. Secondo Mearsheimer, l'Occidente ha provocato inutilmente i russi ed è quindi responsabile della crisi in Ucraina.
 
Alla fine del 2013, sempre più persone hanno manifestato contro il governo del presidente Viktor Yanukovich e del primo ministro Nikolai Azarov sulla Maidan, la piazza centrale della capitale ucraina Kiev. Il noto ex campione del mondo di boxe Vitali Klitschko ha guidato le manifestazioni e ha tenuto discorsi appassionati in stretta consultazione con gli Stati Uniti. In questa situazione tesa, l'influente senatore statunitense John McCain è volato in Ucraina e il 15 dicembre 2013 ha visitato Klitschko e il campo di protesta a Maidan. Immagina l'indignazione a Washington se un noto parlamentare russo fosse volato in Canada per sostenere i manifestanti nella capitale Ottawa per rovesciare il governo canadese. Questo è esattamente ciò che gli Stati Uniti hanno fatto in Ucraina. I leader delle proteste di Maidan hanno frequentato l'ambasciata americana per ricevere i suoi ordini. Alcuni manifestanti erano armati e hanno usato violenza contro la polizia. "Gli americani hanno chiaramente spinto lo sviluppo del confronto", ricorda il primo ministro Nikolai Azarov, che è stato rovesciato. All'ambasciata degli Stati Uniti a Kiev, è stato l'ambasciatore degli Stati Uniti Geoffrey Pyatt a sostenere i manifestanti e quindi a destabilizzare l'Ucraina. L'ambasciatore Pyatt era in contatto diretto con l'ex pugile Klitschko. La ben organizzata manifestazione di Maidan è cresciuta di dimensioni e le tensioni a Kiev sono cresciute.
 

Anche l'odierno presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stato direttamente coinvolto nel colpo di stato, perché ha anche lui sostenuto la manifestazione a Maidan. Nel dicembre 2013, Biden, allora vicepresidente sotto Obama, ha chiamato durante la notte il presidente Yanukovich e lo ha minacciato di penalità se avesse permesso alla polizia di ripulire Maidan. Yanukovich ha quindi ritirato l'evacuazione pianificata. Al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Victoria Nuland era responsabile del colpo di stato. Nuland era un collaboratore senior del presidente Obama come assistente del segretario di Stato John Kerry. Nuland ha perso influenza sotto il presidente Donald Trump, ma è stato riconfermato vicesegretario di Stato dal presidente Joe Biden. In Ucraina, Nuland voleva rovesciare il primo ministro Nikolai Azarov e il presidente Viktor Yanukovich per attirare il paese nella NATO, come deciso al vertice di Bucarest.

I leader della manifestazione di Maidan non solo hanno ricevuto i loro ordini dall'ambasciata americana, ma sono stati anche pagati. Nel dicembre 2013, due mesi prima del colpo di stato, Nuland ha dichiarato in una conferenza: "Abbiamo investito più di cinque miliardi di dollari per aiutare l'Ucraina a garantire prosperità, sicurezza e democrazia".
L'ex membro del Congresso degli Stati Uniti Ron Paul ha chiesto pubblicamente: "Abbiamo sentito l'assistente del Segretario di Stato americano Victoria Nuland vantarsi che gli Stati Uniti hanno speso 5 miliardi di dollari per il cambio di regime in Ucraina. Perché questo viene accettato?” Che alcuni dei manifestanti in Ucraina fossero stati pagati era un segreto di Pulcinella all'epoca. “Ci sono persone come il miliardario statunitense George Soros che finanziano le rivoluzioni. Soros ha anche sostenuto il Maidan, pagato le persone lì - hanno guadagnato di più in due settimane a Maidan che in quattro settimane di lavoro nell'Ucraina occidentale", ha detto l'esperta ucraina Ina Kirsch alla Wiener Zeitung. "Ci sono prove sufficienti che le persone sono state pagate sia al Maidan che al contro-evento, l'"Anti-Maidan"", afferma Ina Kirsch, che si trovava sul posto a Kiev. “C'erano dei premi per ogni risultato. Conosco persone che hanno incassato l'Anti-Maidan alla contro-demo del mattino, poi sono andate a Maidan e hanno incassato di nuovo lì. Non è insolito in Ucraina".
La prova chiave del coinvolgimento degli Stati Uniti nel colpo di stato in Ucraina è una conversazione telefonica intercettata tra Victoria Nuland e l'ambasciatore Geoffrey Pyatt il 7 febbraio 2014, pochi giorni prima del colpo di stato. In una telefonata, Nuland dice chi dovrebbe formare il nuovo governo in Ucraina dopo il colpo di stato. "Non credo che Klitsch dovrebbe far parte del nuovo governo, non credo sia necessario e non è una buona idea", ha detto Nuland. "Penso che Yatsenyuk sia l'uomo giusto, ha l'esperienza necessaria nel mondo degli affari e della politica".
Infatti, dopo il colpo di stato, Arseniy Yatsenyuk divenne Primo Ministro dell'Ucraina. L'ex pugile Vitali Klitschko si è dovuto accontentare della carica di sindaco di Kiev. Ciò dimostra che Victoria Nuland ha pianificato e portato a termine con successo il colpo di stato per gli Stati Uniti. Ban Ki-moon delle Nazioni Unite "potrebbe aiutare a renderlo impermeabile''(a far accettare la cosa senza problemi), e sai una cosa, fanculo l'UE!", ha detto testualmente Nuland nella conversazione intercettata, che ha suscitato indignazione da parte della cancelliera Angela Merkel.
Alla fine di febbraio la situazione a Maidan è peggiorata. Il 20 febbraio 2014 si è verificato un massacro quando cecchini non identificati hanno sparato a agenti di polizia e manifestanti da diverse case, uccidendo più di 40 persone. È scoppiato il caos. Il governo in carica del presidente Viktor Yanukovych e la sua unità di polizia Berkut sono stati immediatamente accusati del massacro, sebbene non fossero interessati all'escalation della situazione, poiché non volevano un colpo di stato che li estromettesse.
"Il mondo non deve guardare come un dittatore massacra il suo popolo", ha commentato il pugile Vitali Klitschko, che voleva rovesciare il governo, nel tabloid tedesco Bild.
Il cambio di regime ha avuto successo: il presidente Yanukovich è stato rovesciato ed è fuggito in Russia. È stato sostituito dal miliardario Petro Poroshenko, che come presidente ha immediatamente dichiarato di voler guidare l'Ucraina nella NATO.
 
Un anno dopo il colpo di stato, il presidente degli Stati Uniti Obama ha parlato alla CNN del trasferimento di potere in Ucraina, ma ha nascosto il ruolo degli Stati Uniti. "Putin è stato colto alla sprovvista dalle proteste di Maidan", ha detto Obama. "Yanukovich è fuggito dopo che abbiamo negoziato un accordo per cedere il potere." I telespettatori della CNN non hanno potuto sapere che Obama aveva effettivamente rovesciato il governo in Ucraina.
 

Ma i russi sapevano che gli Stati Uniti avevano orchestrato il colpo di stato ed erano molto sconvolti. "Credo che questa crisi sia stata creata apposta", ha detto il presidente Putin al Corriere della Sera. Putin era convinto che i paesi della NATO avrebbero potuto impedire il colpo di stato. "Se l'America e l'Europa avessero detto a coloro che hanno commesso questi atti incostituzionali: 'Se sali al potere in questo modo, in nessun caso ti sosterremo. Bisogna tenere le elezioni e vincerle', allora la situazione si sarebbe evoluta in modo completamente diverso".

 

Il presidente Vladimir Putin non aveva intenzione di rinunciare all'Ucraina senza combattere. Subito dopo il rovesciamento di Yanukovich, nelle prime ore del mattino del 23 febbraio 2014, ha dato l'ordine di iniziare a "recuperare" la Crimea. Soldati russi in divisa verde senza insegne hanno occupato tutti i punti strategici di Simferopol, la più grande città della penisola di Crimea, il 27 febbraio 2014. Il 16 marzo 2014, il 97% della popolazione della Crimea ha votato per lasciare l'Ucraina e unirsi alla Russia. Da allora, la penisola di Crimea non è più appartenuta all'Ucraina ma alla Russia. Né gli Stati Uniti né la Russia hanno rispettato il diritto internazionale nella guerra in Ucraina. In primo luogo, Obama ha infranto il diritto internazionale con il colpo di stato del 20 febbraio 2014. In risposta, Putin ha anche lui infranto il diritto internazionale occupando la Crimea il 23 febbraio 2014.

 
Febbraio 2014. L'occupazione della Crimea da parte della Russia "è stata una violazione del diritto internazionale applicabile (...) la sovranità del diritto internazionale e l'integrità territoriale dell'Ucraina sono state ignorate", spiega Dieter Deiseroth, ex giudice del Tribunale amministrativo federale. L'Occidente ora critica aspramente Putin, anche se lui stesso "ha ripetutamente violato il diritto internazionale applicabile in numerosi casi (Kosovo, Iraq, Afghanistan, Libia, guerra con droni, Guantanamo, ecc.), che hanno gravemente danneggiato la sua credibilità".
 
Il Donbas si separa
Dopo il colpo di stato di Kiev e la secessione della Crimea, l'Ucraina è precipitata nella guerra civile. Il nuovo primo ministro Arseniy Yatsenyuk ha cercato di portare l'intero Paese sotto il suo controllo con l'esercito, i servizi segreti e la polizia. Ma non tutti i soldati, gli ufficiali di polizia e gli impiegati dei servizi segreti hanno seguito le istruzioni del governo golpista. Nell'est dell'Ucraina di lingua russa, al confine con la Russia, le regioni di Donetsk e Lugansk hanno affermato che non avrebbero riconosciuto il governo golpista di Kiev. I separatisti hanno occupato stazioni di polizia ed edifici governativi, sostenendo che il nuovo governo non aveva legittimità perché era salito al potere illegalmente.
Il primo ministro Yatsenyuk lo ha negato con veemenza, dicendo che tutti i separatisti sono terroristi. Il direttore della CIA John Brennan è volato a Kiev per consigliare i golpisti. Il 15 aprile 2014, l'esercito ucraino, con il supporto degli Stati Uniti, ha iniziato la sua "operazione speciale antiterrorismo" e ha attaccato la città di Slavyansk nella regione di Donetsk con carri armati e mezzi corazzati. Ciò ha dato inizio alla guerra civile ucraina, che ha causato più di 13.000 vittime in otto anni e ha portato all'invasione illegale di Putin il 24 febbraio 2022.
Il colpo di stato di Kiev non dà a Putin il diritto di invadere l'Ucraina e quindi di violare il diritto internazionale. Ma se in Occidente ignoriamo il colpo di stato del 2014, non saremo mai in grado di capire la guerra in Ucraina.
 
 
 
 
 
Questa argomento è stata modificata 2 mesi fa 5 volte da ekain3

Intano Putin prima di invadere ha riconosciuto formalmente le Repubbliche del Donbas, quindi dal punto di vista del diritto internazionale non ha fatto nulla di illegale, essendo intervenuto su richiesta dei governi delle Repubbliche che erano sotto attacco da ben 8 anni. Inoltre l'intelligence russa haveva segnalato l'imminenza di un massiccio attacco definitivo alle Repubbliche, con la concentrazione di una forza di almeno 200mila uomini sulla linea di contatto. La Russia è intervenuta nella crisi tardivamente e perchè costretta, dapprima cercando di alleggerire la pressione su Donetsk e costringendo gli ucraini a impiegare truppe nella difesa di Kiev. Ottenuto questo risultato, hanno spostato la forza militare nel sud-est del paese, dando inizio all'operazione vera e propria. E' stato un errore? Secondo me sì, dal punto di vista strategico/militare, ma dal punto di vista politico evidentemente la Russia non aveva la forza politica e mediatica di gestire una presa di Kiev e la decapitazione del governo ucraino come gli USA fecero nella seconda guerra contro l'Iraq. Mi viene anzi in mente che nella prima Guerra del Golfo gli USA si comportarono in modo simile, respingendo le forze iraqene fuori dal Kwait senza spodestare Saddam Hussein.

@Cleon XIII: hai ragione: Ganser ha soppesato in modo astratto, da storico, non da giornalista, i pro e i contro.   Ma proprio per questo è anche chiaro e non omette le colpe e i crimini USA e NATO: li elenca e li ricorda tutti.  E' uno storico, e sta rispondendo in merito all'accusa che viene fatta a Putin di aver violato il divieto delle Nazioni Unite sull'uso della forza. Tieni conto che è da anni che denuncia il colpo di stato in Ucraina e le politiche espansioniste dell'Impero, sempre col suo stile calibrato.   Volevo solo mettere qui il pensiero di uno storico pacifista non allineato, che ha sempre denunciato le politiche imperialiste della NATO e degli USA:  per questo Ganser non può più insegnare in diverse università svizzere. A causa delle sue idee e dei suoi metodi di ricerca, ad esempio sull'11 settembre e sul conflitto in Ucraina, è stato isolato messo in disparte dal mondo accademico, e ha perso la cattedra all'Università di S.Gallo  (Universität St. Gallen).

Metto qui il link del video che non si apre nel pezzo sopra:   https://www.youtube.com/watch?v=vMxSF_pf-YU

3 risposte
0

Si accede a questo articolo solo dalla pagina principale in home, ma esso non compare nell'elenco generale degli articoli del forum, o mi sbaglio? 

0
Topic starter

@Pfefferminz :  mi pare che si possa accedere anche dal forum, ma magari posso farlo solo io che ho postato il pezzo, non so...

Adesso ho trovato l'articolo di Daniele Ganser anche nel forum, nella categoria "articolo segnalato per la pubblicazione".
Seguo da anni Daniele Ganser e devo dire che qui su ComeDonChisciotte ha fatto purtroppo pochissime apparizioni. Ottimo quindi pubblicare un suo articolo.

0
Topic starter

Metto qui il link del video che non si apre nel pezzo sopra:    https://www.youtube.com/watch?v=vMxSF_pf-YU

Condividi: