Notifiche
Cancella tutti

ELON MUSK NON È UN OUTSIDER RINNEGATO: È UN MASSICCIO APPALTATORE DEL PENTAGONO

   RSS

0
Topic starter

https://www.mintpressnews.com/elon-musk-not-renegade-outsider-cia-pentagon-contractor/280972/

di Alan Macleod
UNUSTIN, TEXAS – La proposta di acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk ha arruffato molte piume tra i commentatori professionisti. "Musk è il leader sbagliato per la missione vitale di Twitter", si legge in un titolo di Bloomberg . La rete ha anche insistito : "Nulla nel track record del CEO di Tesla suggerisce che sarà un attento amministratore di un'importante proprietà dei media". "Elon Musk è l'ultima persona che dovrebbe rilevare Twitter", ha scritto Max Boot sul Washington Post, spiegando che “Musk sembra credere che sui social media tutto vada bene. Perché la democrazia sopravviva, abbiamo però bisogno di più moderazione dei contenuti, non meno". L'ironia dei punti vendita di proprietà di Michael Bloomberg e Jeff Bezos, che avvertono dei pericoli di consentire a un oligarca miliardario di controllare i nostri media, è stata a malapena commentata.
 
In aggiunta a ciò, una miriade di celebrità ha lasciato pubblicamente la piattaforma dei social media per protestare contro il proposto acquisto da 44 miliardi di dollari. Questo sembrava solo confermare a molte persone che amano la libertà di parola, che il miliardario sudafricano sia un estraneo rinnegato in missione per salvare Internet dal controllo autoritario dell'élite (nonostante stia prendendo in prestito denaro dai governi del Qatar e dell'Arabia Saudita per poterlo fare).
 
Musk ha deliberatamente coltivato questa immagine di se stesso: una figura di Tony Stark nella vita reale  ( https://it.wikipedia.org/wiki/Iron_Man), che pensa da solo e non fa parte dell'ordine stabilito. Ma dietro questa facciata accuratamente costruita, Musk è intimamente connesso allo stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, essendo uno dei suoi partner commerciali più importanti.
Elon, insomma, non è una minaccia per l'élite potente e radicata: è uno di loro.
 
IN UCRAINA, CON AMORE
Musk, la cui fortuna è stimata di 230 miliardi di dollari, più del doppio del prodotto interno lordo dell'Ucraina, ha raccolto molta pubblicità positiva per aver donato migliaia di terminali Starlink al paese, aiutando la sua gente a tornare online dopo aver combattuto contro Internet in gran parte del Paese. Starlink è un servizio Internet che consente a coloro che dispongono di terminali di connettersi a uno degli oltre 2.400 piccoli satelliti in orbita terrestre bassa. Molti di questi satelliti sono stati lanciati dalla società di tecnologie SpaceX di Musk.
 
Tuttavia, è presto emerso che c'è molto di più di quanto sembri nella straordinaria "donazione" di Musk. In effetti, il governo degli Stati Uniti ha pagato tranquillamente la più alta cifra in dollari a SpaceX per inviare il proprio inventario nella zona di guerra. È noto che USAID - un'agenzia governativa anti-insurrezione che ha regolarmente funzionato come organizzazione per il cambio di regime - ha messo da parte i soldi per acquistare e consegnare almeno 1.330 terminali.
 
Starlink non è una soluzione per il mercato di massa. Ogni terminale – che è, in effetti, una minuscola parabola satellitare portatile – ha una portata nettamente limitata ed è utile solo in situazioni iperlocali. Mykhailo Fedorov, ministro ucraino della Trasformazione digitale, ha stimato che i 10.000 terminali Starlink consentivano a circa 150.000 persone di rimanere online.
Un numero così piccolo di persone che utilizzano i dispositivi fa sorgere dei dubbi. Chi è abbastanza importante da ricevere un dispositivo del genere? Sicuramente solo individui di alto valore come spie o agenti militari. Che gli Starlink stiano servendo uno scopo militare è ora più che chiaro. Infatti, nel giro di poche settimane, Starlink è diventato una pietra miliare dell'esercito ucraino, consentendogli di continuare a prendere di mira le forze russe tramite droni e altri macchinari ad alta tecnologia dipendenti da una connessione Internet. Un funzionario ha detto al Times di Londra che "deve" usare Starlink per prendere di mira le forze nemiche tramite la termografia.
 
“Starlink è ciò che ha cambiato la guerra a favore dell'Ucraina. La Russia ha fatto di tutto per far saltare in aria tutte le nostre comunicazioni. Ora non possono. Starlink lavora sotto il fuoco dei Katyusha, sotto il fuoco dell'artiglieria. Funziona anche a Mariupol”, ha detto un soldato ucraino al giornalista David Patrikarakos.
 
Il riferimento a Mariupol allude al famigerato gruppo nazista, il Battaglione Azov, che secondo quanto riferito ha anche utilizzato la tecnologia di Musk. Anche in una caverna sotterranea sotto le acciaierie di Mariupol, i combattenti Azov sono stati in grado di accedere a Internet e comunicare con il mondo esterno, facendo interviste video dal sottosuolo. Nel 2015, il Congresso ha tentato di aggiungere una disposizione agli aiuti militari statunitensi all'Ucraina, stabilendo che nessun sostegno poteva andare ad Azov a causa della loro ideologia politica. Tale emendamento è stato successivamente rimosso per volere del Pentagono.
 
Dave Tremper, Direttore di Electronic Warfare al Pentagono, ha cantato le lodi di SpaceX. "Il modo in cui l'hanno fatto [mantenere online le forze ucraine] mi ha fatto venire l'acquolina in bocca", ha detto, aggiungendo che in futuro le forze armate statunitensi "devono essere in grado di avere quell'agilità".
 
UOMO RAZZO (ROCKETMAN)
Una tale affermazione è destinata ad attirare l'attenzione dei capi di SpaceX, che hanno a lungo tratto profitto dal loro redditizio rapporto con l'esercito americano. SpaceX si basa in gran parte su contratti governativi, poiché non c'è quasi nessuna domanda civile per molti dei suoi prodotti, in particolare i suoi lanci di razzi.
 
La compagnia di Musk ha ricevuto miliardi di dollari in contratti per il lancio di satelliti spia per spionaggio, guerra con droni e altri usi militari. Ad esempio, nel 2018, SpaceX è stata scelta per portare in orbita un sistema GPS Lockheed Martin da 500 milioni di dollari. Mentre i portavoce dell'Air Force hanno sottolineato i vantaggi civili del lancio, come una maggiore precisione per i dispositivi GPS, è chiaro che questi dispositivi svolgono un ruolo chiave nella sorveglianza globale e nelle guerre di droni in corso. SpaceX ha anche vinto contratti con l'Air Force per portare in orbita il suo satellite di comando, con la Space Development Agency, per inviare dispositivi di localizzazione nello spazio, e con il National Reconnaissance Office (NRO) per lanciare i suoi satelliti spia. Questi satelliti sono utilizzati da tutte le "cinque grandi" agenzie di sorveglianza, comprese la CIA e la NSA.
 
Pertanto, nel mondo di oggi, in cui così tanta raccolta di informazioni e acquisizione di obiettivi viene effettuata tramite la tecnologia satellitare, SpaceX è diventato altrettanto importante per la macchina da guerra statunitense, quanto aziende più note come Lockheed Martin e Boeing. Senza la compagnia di Musk, gli Stati Uniti non sarebbero in grado di portare avanti un programma così invasivo di spionaggio e guerra con i droni in tutto il mondo.
In effetti, la Cina sta diventando sempre più diffidente nei confronti di questo potere, e i ricercatori stanno cercando di sviluppare tecnologie anti-satellite per contrastare l'occhio onniveggente di SpaceX.  https://www.scmp.com/news/china/science/article/3178939/china-military-needs-defence-against-potential-starlink-threat
Eppure lo stesso Musk continua a beneficiare della percezione generale di non far parte del sistema.
 
Dalle sue origini nel 2002, SpaceX è sempre stata estremamente vicina allo stato di sicurezza nazionale, in particolare alla CIA. Forse il collegamento più cruciale è Mike Griffin, che, all'epoca, era il presidente e COO di In-Q-Tel, una società di venture capital finanziata dalla CIA che cerca di coltivare e sponsorizzare nuove società che lavoreranno con la CIA e altri servizi di sicurezza, dotandoli di tecnologie all'avanguardia. La "Q" nel suo nome è un riferimento alla "Q" della serie di James Bond, un inventore creativo che fornisce alla spia le ultime novità in fatto di tecnologia futuristica.
 
Griffin è stato con Musk praticamente dal primo giorno, accompagnandolo in Russia nel febbraio 2002, dove hanno tentato di acquistare missili balistici intercontinentali a prezzo ridotto per avviare l'attività di Musk. Musk sentiva di poter sostanzialmente minare gli avversari utilizzando materiale di seconda mano e componenti standard per i lanci. Il tentativo fallì, ma il viaggio cementò una partnership duratura tra i due, con Griffin che andò in guerra per Musk, sostenendolo costantemente come potenziale "Henry Ford" dell'industria missilistica. Tre anni dopo, Griffin sarebbe diventato capo della NASA e in seguito avrebbe ricoperto un incarico di alto livello presso il Dipartimento della Difesa.
Mentre era alla NASA, Griffin ha portato con sé Musk alle riunioni e si è assicurato la grande occasione di SpaceX.
Nel 2006, la NASA ha assegnato all'azienda un contratto di sviluppo di razzi da 396 milioni di dollari: una straordinaria "scommessa" nelle parole di Griffin, soprattutto perché non aveva mai lanciato un razzo prima. Come ha affermato il National Geographic, SpaceX, "non sarebbe mai arrivato dove è oggi senza la NASA". E Griffin era essenziale per questo sviluppo. Tuttavia, nel 2008, SpaceX era di nuovo in gravi difficoltà, con Musk incapace di pagare le buste paga. La società è stata salvata da un inaspettato contratto NASA da 1,6 miliardi di dollari per servizi cargo commerciali. Pertanto, fin dai suoi primi giorni, SpaceX è stato nutrito da agenzie governative che vedevano l'azienda come una fonte di tecnologia potenzialmente importante.
 
BOMBARDAMENTO NUCLEARE DI MARTE E COLPI DI STATO
Come Henry Ford, Musk è entrato nel settore automobilistico, acquistando Tesla Motors nel 2004. E  come Henry Ford, ha condiviso alcune opinioni piuttosto controverse. Nel 2019, ad esempio, ha suggerito che vaporizzare le calotte glaciali di Marte attraverso una serie di esplosioni nucleari potrebbe riscaldare il pianeta a sufficienza per sostenere la vita umana. Se ciò fosse fatto, probabilmente non sarebbe nemmeno il suo peggior crimine contro lo spazio. Durante un'acrobazia pubblicitaria del 2018, ha fatto esplodere una Tesla nello spazio usando un razzo SpaceX. Tuttavia, non ha sterilizzato il veicolo prima di farlo, il che significa che era ricoperto di batteri terrestri, microrganismi che probabilmente saranno fatali per qualsiasi vita aliena che incontreranno. In sostanza, l'auto è un'arma biologica che potrebbe porre fine alla vita su qualsiasi pianeta che incontri.
 
Musk ha anche attirato l'attenzione quando sembrava ammettere di aver collaborato con il governo degli Stati Uniti per rovesciare il presidente boliviano Evo Morales nel 2019. La Bolivia ospita le più grandi riserve di litio di facile estrazione del mondo, un elemento cruciale nella produzione di veicoli elettrici a batteria (BEV).   Morales si era rifiutato di aprire il paese alle società straniere desiderose di sfruttare la Bolivia a scopo di lucro. Invece, ha proposto di sviluppare una tecnologia sovrana per mantenere sia i posti di lavoro che i profitti all'interno del paese. È stato rovesciato da un colpo di stato di estrema destra sostenuto dagli Stati Uniti nel novembre 2019. Il nuovo governo ha rapidamente invitato Musk a parlare. Quando gli è stato chiesto su Twitter a bruciapelo se fosse stato coinvolto nella cacciata di Morales, Musk ha risposto: "Colpiremo chi vogliamo! Fatevene una ragione."
 
Il sudafricano ha una lunga storia di trolling e dichiarazioni incendiarie, quindi questa "confessione" potrebbe non essere così rigida come sembra. Tuttavia, ogni speranza di Musk di trarre profitto  dalla Bolivia è stata annullata dopo che il partito di Morales è tornato al potere con una clamorosa vittoria un anno dopo.
 
 
L'UOMO PIÙ RICCO DEL MONDO, FINANZIATO DAI CONTRIBUTI
Oltre ai miliardi di contratti governativi che le società di Musk si sono assicurate, hanno anche ricevuto numeri simili in sussidi e incentivi pubblici. La principale tra queste è Tesla, che beneficia notevolmente delle complesse regole internazionali sulla produzione di veicoli elettrici. Nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio, i governi di tutto il mondo hanno introdotto un sistema di crediti per i veicoli ecologici, in base al quale una certa percentuale della produzione di ciascun produttore deve essere costituita da veicoli a emissioni zero. Tesla produce solo auto elettriche, quindi soddisfa facilmente il segno.
 
Tuttavia, il sistema consente anche a Tesla di vendere i crediti in eccesso ai produttori che non possono soddisfare queste quote. In un mercato competitivo in cui ogni produttore deve raggiungere determinati obiettivi, questi crediti valgono il loro peso in oro e generano miliardi di profitti Tesla ogni anno. Ad esempio, solo tra il 2019 e il 2021, Stellantis, che possiede i marchi Chrysler, Fiat, Citroen e Peugeot, ha sborsato quasi 2,5 miliardi di dollari per acquisire crediti verdi Tesla negli Stati Uniti e in Europa.
 
Questo sistema bizzarro e autolesionista spiega in qualche modo perché Tesla vale più per capitalizzazione di mercato di Toyota, Volkswagen, Mercedes-Benz, BMW, GM, Ford, Honda, Hyundai, Kia e Volvo messe insieme, nonostante non sia pari a nessuna delle prime 15 case automobilistiche in termini di numeri di vendute.
 
La società di Musk ha anche ricevuto un significativo sostegno dal governo nelle sue fasi iniziali, ricevendo un prestito a basso interesse di 465 milioni di dollari dal Dipartimento dell'Energia nel 2010, in un momento in cui Tesla era in crisi e il suo futuro era in dubbio.
 
Come molte aziende giganti, Tesla è in grado di mettere in gioco gli stati uno contro l'altro, ogni località affamata di lavoro fa offerte contro le altre per dare alla società quanti più incentivi fiscali e monetari gratuiti possibile. Nel 2020, ad esempio, Austin ha concesso a Tesla più di 60 milioni di dollari in agevolazioni fiscali per costruire lì una fabbrica di camion.
 
Questo, tuttavia, è stato un piccolo vantaggio rispetto ad alcuni degli accordi firmati da Musk. Lo Stato di New York ha consegnato a Musk oltre 750 milioni di dollari, inclusi 350 milioni di dollari in contanti, in cambio della costruzione di un impianto solare fuori Buffalo, un impianto che Musk avrebbe dovuto costruire da qualche parte negli Stati Uniti. Nel frattempo, il Nevada ha firmato un accordo con Tesla per costruire la sua Gigafactory vicino a Reno. Gli incentivi inclusi significano che la casa automobilistica potrebbe incassare quasi 1,3 miliardi di dollari in sgravi fiscali e crediti d'imposta. Tra il 2015 e il 2018, lo stesso Musk ha pagato meno di $ 70.000 in tasse federali sul reddito.
 
Pertanto, mentre l'uomo d'affari di 50 anni si presenta come un genio della scienza anticonformista - una messinscena che gli ha procurato legioni di fan in tutto il mondo - un'analisi più ravvicinata della sua carriera mostra che ha guadagnato la sua fortuna in un modo molto più ortodosso. Prima nascendo ricco, poi facendo il grande passo come miliardario delle dot-com e infine, come tanti altri, nutrendosi dall'enorme abbeveratoio del governo.
 
Forse più seriamente, tuttavia, la stretta vicinanza di SpaceX sia all'esercito che allo stato di sicurezza nazionale, lo contrassegna come un ingranaggio chiave nella macchina dell'Impero statunitense, consentendo a Washington di spiare, bombardare o colpire chi vuole.
 
È per questo motivo che gran parte dell'isteria, sia positiva che negativa, sull'acquisto in corso di Twitter da parte di Musk è fuori luogo. Elon Musk non salverà né distruggerà Twitter perché non è un crociato ribelle che sfida l'establishment: ne è parte integrante.
 

Michael Griffin, a sinistra, incontra Musk, a destra, nel 2005 al quartier generale della NASA a Washington.

 
 
 
 
 
 
Questa argomento è stata modificata 5 mesi fa 6 volte da ekain3
2 risposte
0

grazie ekain3, un pezzo illuminante. Io, che conto come un peto in una stalla, è da un po' che sostengo l'assurdità del ritenere il castoro un paladino delle libertà e dei diritti civili. Ciclicamente vengono propinate alle masse queste storie romanzate del nerd geniale e squinternato che ribalta le regole del sistema, mi sembra questo l'ennesimo caso

0
Topic starter

@ducadiGrumello  grazie!  Sono bravi i giornalisti Mintpress, ogni tanto dai un'occhiata a quello che postano, se ti capita: https://www.mintpressnews.com/

Questo post è stato modificato 5 mesi fa 3 volte da ekain3
Condividi: