Notifiche
Cancella tutti

FRANCESCO, UN PAPA DEI POVERI? UN PAPA PER L'AMBIENTE? O UN PAPA DELL'ÉLITE GLOBALE?

   RSS

0
Topic starter

https://winteroak.org.uk/2022/05/30/francis-a-pope-of-the-poor-a-pope-for-the-environment-or-a-pope-of-the-global-elite/comment-page-1/?unapproved=126178&moderation-hash=f3e4b55616262e8f6270b813c5001477#comment-126178

di Matt Smyth , Professore all'Università di Strasburgo – Studi Religiosi
 

Papa Francesco. Un papa di rottura. Un papa per l'ecologia. Nemico del capitalismo, ma compassionevole verso i poveri ei migranti. Il papa gay friendly. Indulgente con i divorziati, ma ostile ai tradizionalisti e ai conservatori. Il riformatore della curia romana corrotta, il nemico degli abusi sessuali perpetrati dai chierici... O meglio il papa dei paradossi? 

 
È con Bayer-Monsanto e BP che Francesco spera di salvare il pianeta, con Bank of America e con Merck e Johnson & Johnson di Big Pharma che immagina di evocare un capitalismo etico. Sarebbe allora più simile al papa di una nuova logica di marketing? Guarda caso, è proprio in nome della difesa dell'ambiente, dell'inclusività, dell'equità o della giustizia sociale che gli "stakeholder" aziendali della governance globale stanno cercando di far rispettare la loro agenda, che non è altro che convertire l'intero pianeta e ogni umano che dimora sulla sua superficie in asset negoziabili in borsa.
 
Bergoglio, in tal senso, è un caso di studio. Sulla scia del World Economic Forum (WEF) di Davos, ha trasformato il Vaticano in un portavoce della governance globale. Nel frattempo, i responsabili politici di questa stessa governance, dal momento che non sono più disposti a sfruttare la brama consumistica per la felicità delle masse, ma ora preferiscono scommettere sulla coercizione, hanno elaborato una nuova strategia di marketing. 
Nascondono il loro vecchio desiderio dietro una nuova narrazione senza fini di potere: la necessità di separarsi radicalmente dal capitalismo neoliberista individualista, ad alta intensità di energia.
L'élite globale sta accumulando tutti i beni che ancora non possiede, confiscando le libertà civili e concentrando tutto il potere nelle proprie mani, tuttavia questo colpo di stato viene messo in scena all'interno di una nuova narrativa di preoccupazione per il cambiamento climatico e la biodiversità, dedicata al bene comune, ostile all'individualismo egoistico e negativo quando si tratta del libero mercato. Altrimenti detta: comunitaria. In effetti, il messaggio di Francesco al mondo incarna questo nuovo tipo di PR del "capitalismo responsabile". Fino a ogni singola parola d'ordine.
 
 
 
Il papa dei lockdown, del tracciamento dei contatti, degli esperimenti medici forzati e della segregazione

 
Papa Francesco è emerso, alla fine dell'inverno 2020, come una delle maggiori voci pubbliche a favore delle cosiddette restrizioni sanitarie all'epoca attuate in tutto il mondo da agenzie e governi nazionali di sanità pubblica, secondo le indicazioni dell'OMS.
Quando, con grande sgomento di molti cattolici, i governi iniziarono a vietare le riunioni religiose, il papa non perse tempo a soppesare la questione con tutta la sua autorità a favore di queste politiche. Per la prima volta nella storia, un Successore di Pietro, insieme in questo ai poteri secolari, proibì ai cattolici di andare alla Messa, o a qualsiasi altra cerimonia, anche la Veglia pasquale, invitando le persone a rimanere 'obbedienti' alle misure di blocco dei loro governi'.
 
I pochi vescovi, come Mons. Schneider, che hanno osato opporsi a queste restrizioni, sono stati rimproverati o ignorati, poiché erano conservatori le cui parole erano facili da disprezzare agli occhi dei media mainstream. Ad esempio, monsignor Viganò si è affrettato a esporre pubblicamente questa collusione tra l'attuale papato e il governo globale delle imprese, ma i media mainstream si sono assicurati che il suo messaggio non arrivasse.
 
Lo slogan preferito del suo predecessore polacco era stato "Non aver paura", ma il papa argentino non ha avuto remore ad unire la sua voce al coro di tutti coloro che hanno cantato, come l'ex segretario alla salute britannico Hancock o il suo omologo francese Véran, l'antifona composta da 'esperti di salute': abbiate paura!
Un'antifona di cui il verso avrebbe potuto essere: finché non avremo un vaccino, non abbiamo altra opzione per frenare il tasso di infezione se non il nuovissimo approccio di XI Jinping.
 
 
Nel novembre 2020, Francesco si è incaricato di difendere la tattica cinese dallo scetticismo dell'opinione pubblica nel tanto consensuale New York Times: “Come se le misure che i governi devono imporre per il bene del loro popolo costituissero una sorta di assalto politico sull'autonomia o sulla libertà personale!” Le persone sono bloccate in isolamento, le famiglie non si possono riunire, i riti collettivi vengono banditi, gli anziani muoiono in isolamento, le imprese familiari sono distrutte, migliaia di giovani sono spinti al suicidio, ma è per il loro bene. I pochi governi che non hanno osato cedere al panico e non hanno rispettato le direttive del PCC e dell'OMS, sono stati severamente rimproverati da Bergoglio come "governi che si sono scrollati di dosso la dolorosa evidenza di morti crescenti, con inevitabili e gravissime conseguenze" .
 
Da allora, è diventato il fedele sostenitore della campagna di sperimentazione genetica universale nota come vaccinazione, anche per i bambini. Non una parola sul successo dei trattamenti precoci sperimentati nei paesi poveri. Non una parola sulla letalità estremamente bassa di SARS-CoV2. E, naturalmente, non una parola sulla natura altamente sperimentale delle iniezioni geniche inventate da Pfizer, Moderna, AstraZeneca o Johnson & Johnson. Ancora una volta, Bergoglio non vacilla di un briciolo dalla narrativa ufficiale martellata incessantemente dai media mainstream: il mondo si trova di fronte a una minaccia spaventosa; rimanere a casa o almeno praticare il "distanziamento sociale", accettare il tracciamento dei contatti e indossare una mascherina; la vaccinazione universale è l'unica via di salvezza.
 
 
Vuole imporre a ogni essere umano una sperimentazione genetica, sia attraverso il marketing, il ricatto o la semplice coercizione
 
Nel suo libro di interviste Oltre la tempesta, Francesco, insieme a MSM e politici, dice al pubblico di "Credere nella scienza". Il successore di Pietro ripone la sua fede e speranza negli annunci trionfanti di Pfizer o Moderna, proprio come avrebbero fatto i suoi predecessori con gli articoli del Credo cristiano: “Dobbiamo ritrovare oggi la speranza e la fede nella scienza: grazie al vaccino, pian piano ritroveremo la strada verso la luce”. Non possiamo, nemmeno per un secondo, presumere che abbia scelto questa dicitura "fede e speranza" per caso. Per bocca di un papa, tali parole possono riferirsi solo alle prime due virtù cristiane note come virtù teologali.
 
Francesco esercita tutto il suo potere per promuovere la politica globale attuata dai governi del G20 (e non pochi altri). Come gli altri capi di stato, desidera imporre a ogni essere umano una sperimentazione genetica, sia attraverso il marketing, il ricatto o la semplice coercizione. In un famoso video, il papa non si astiene dal descrivere l'iniezione come un "dovere morale", e anche come un "atto d'amore" (la terza virtù teologale, guarda caso). La potenziale pericolosità di dette iniezioni non sembra preoccuparlo minimamente. Né quale potrebbe essere l'esito per i bambini, dal momento che desidera anche vederli tutti fare l'iniezione, anche i più piccoli. E il Vaticano ora ha un mandato per il vaccino.
 
Ancora più sorprendente: la Congregazione per la Dottrina della Fede -l'ex Santa Inquisizione- ha pubblicato un documento per rimuovere ogni riluttanza che i fedeli avrebbero potuto provare all'idea di farsi iniettare un prodotto sviluppato da cellule derivate da feti umani abortiti. Roma, quindi, e tutte le conferenze episcopali nel resto del mondo, per conformarsi all'ortodossia vaccinale ufficiale predicata da artisti del calibro di Bill Gates, non si sono tirate indietro dal violare un tabù di duemila anni di ortodossia cattolica sull'aborto. A causa dell'emergenza sanitaria. Ancora una volta, Francesco ha avuto a che fare solo con una manciata di vescovi dissenzienti.
 
Non sorprende quindi che Francesco sia molto favorevole al passaporto sanitario. Ha imposto il suddetto passaporto all'interno del territorio vaticano e in alcuni seminari. Inoltre, come ho detto, l'iniezione genetica sperimentale è ormai obbligatoria in Vaticano. Sulla scia di questo mandato, alcune zelanti diocesi, in particolare in Canada, hanno iniziato a richiedere la prova della "vaccinazione" ai fedeli. Quanto al ricatto, alla violazione della privacy, alla sorveglianza digitale universale e alla segregazione sociale che implica il passaporto sanitario, queste cose non sembrano infastidire molto il nostro pontefice argentino.
 
 
 
Un papa per il partenariato globale

 
Questo è semplicemente un altro esempio di istituzione che nuota con la corrente principale?
Dopotutto, il papa sta semplicemente cantando la stessa melodia di tutti gli altri capi di stato occidentali. Ma c'è di più: Francesco Bergoglio si considera un partner attivo del grande sconvolgimento sociale ed economico istigato dalla governance globale sulla scia della crisi del Covid, e pubblicizzato dal WEF con il marchio "Great Reset". In effetti, questa governance globale dovrebbe riunire gli "stakeholder" pubblici e privati ​​del mondo all'interno di una "partenariato". Quest'ultimo, che è più simile a una sottomissione dello stato all'élite globale delle multinazionali, ha lo scopo di consentire alla classe dirigente manageriale tecnocratica di decidere il futuro del pianeta lontano da qualsiasi processo democratico. Questo è ciò che chiamano Global Public-Private Partnership (GPPP o G3P).
 
I "capitalisti delle parti interessate", ‘Stakeholder capitalists’, come amano definirsi, rappresentano i partner senior. In sostanza, si tratta del complesso finanziario e Info Tech, ovvero il settore finanziario (BlackRock, Vanguard e le banche di investimento internazionali SIFI), in collusione con Info Tech (Big Tech), sotto l'egida delle banche centrali (BIS, Fed , BCE e BoE), mentre il buon vecchio Big Oil (e tutte le industrie, come Big Food),  restano sullo sfondo. Si considerano responsabili nel loro insieme del bene comune pubblico globale in modo decisivo e vitale. 
Questi amministratori delegati e presidenti sono i veri responsabili politici. I partner minori sono i governi e i rispettivi apparati statali (ad eccezione della Cina che occupa una posizione specifica nella catena alimentare). Gli stati sono una sorta di "gestione intermedia" per l'oligopolio aziendale globale... La governance globale si basa anche pesantemente su istituzioni internazionali come il FMI, la Banca mondiale, l'OMC o l'OCSE, le ONG come l'OMS e, naturalmente, le principali Onlus private come Bill & Melinda Gates Foundation, Wellcome Trust o Rockefeller Foundation...
 
E poi arrivano le assemblee globali delle parti interessate (per mancanza di una parola migliore), tra le quali il Vaticano non vede l'ora di occupare un posto. Il compito di queste particolari ONP è di riflettere sull'agenda condotta dai partner senior e di coordinare le decisioni dei responsabili dell'attuazione delle politiche derivate da questa agenda. In questo momento, il principale è senza dubbio il World Economic Forum (WEF), il cui presidente per tutta la vita, il dottor Klaus Schwab, è riuscito nel tempo a consentire al Forum di Davos di diventare l'inevitabile "hub" della suddetta partnership globale. Contrariamente ai club di basso profilo come il Gruppo dei Trenta dei banchieri centrali, il Gruppo Bilderberg pubblico-privato e la Commissione Trilaterale, o il vecchio Chatham House and Council on Foreign Relations, il WEF assume, con molta pubblicità, la missione di cui è dotato, in virtù della “comunità” aziendale che serve. La governance globale non ha più bisogno di nascondersi. In realtà, il WEF è responsabile delle sue pubbliche relazioni, ed è quindi al timone di una grande campagna di marketing progettata per spingere la "società civile" ad accogliere le nuove politiche della governance: il Grande Reset e la successiva 4a Rivoluzione Industriale:  https://www.youtube.com/watch?v=kpW9JcWxKq0         
Sulle macerie lasciate dalla crisi del COVID e grazie alla stretta "finestra di opportunità" offerta da quest'ultima, i capitalisti stakeholder saranno in grado di attuare un nuovo "capitalismo responsabile" che trascende sia il keynesismo che il neoliberismo. O almeno così dicono.
 
Questo glorioso futuro, sognato dalle parti interessate globali per "coloro che non sono niente", come ama dire il presidente francese e Young Global Leaders del WEF Macron, è descritto in modo geniale nelle parole ormai famose di Ida Auken del WEF come un'era in cui si "non possiedo niente, non ho privacy e la vita non è mai stata migliore”. ( https://medium.com/world-economic-forum/welcome-to-2030-i-own-nothing-have-no-privacy-and-life-has-never-been-better-ee2eed62f710). Tale stile di vita paradisiaco sarà generosamente donato ai plebei dopo che l'attuale sistema economico crollerà definitivamente, dal grande cartello finanziario che controlla l'oligopolio delle multinazionali.   Quest'ultimo sfrutterà un mercato captive globale, dopo la prevista scomparsa della maggior parte delle piccole imprese indipendenti. Una tale concentrazione assoluta di ricchezza e potere nelle mani dell'élite tecnocratica sarà raggiunta definitivamente quando valute digitali completamente controllate, digitalizzazione degli oggetti fabbricati (IoT: Internet of Things) e digitalizzazione delle attività umane (IoB: Internet of Bodies) saranno implementati, consentendo il continuo data mining umano attraverso la tecnologia blockchain. https://it.wikipedia.org/wiki/Data_mining
 
 
 
 
Ecco perché questa nuova era comporterà la fine completa della nostra privacy a vantaggio della totale sorveglianza digitale. In questo futuro ideale, gli esseri umani saranno rinchiusi in "città intelligenti ma sostenibili" (smart cities),  per combattere il cambiamento climatico e difendere la biodiversità. Mangeranno cibo sintetico ma eco-responsabile (prodotto dai nostri colossi dell'agro-business eco-friendly), e accoglieranno con favore le modifiche che consentiranno loro di diventare 'potenziati', (‘augmented’)  ...
 
Questo colpo di stato planetario, che potrebbe anche essere riassunto come la presa e la monetizzazione di ogni aspetto della natura, deve essere lanciato - inutile dirlo - per il "nostro bene".
Da qui, l'insistenza della governance sulla creazione di un capitalismo responsabile, etico, zero netto, "verde", disposto a dare a tutti la propria possibilità nella vita e pronto a offrire una salute ottimale per tutti. È così che le gigantesche corporazioni finanziarie e industriali, la cui infinita avidità ha finora svolto un ottimo lavoro di distruzione metodica del pianeta e di rovina della nostra salute, intendono impossessarsi - in modo che siano naturalmente meglio custoditi - degli ultimi "beni" ('asset', come li chiamano) che gli sfuggono (piano verde per trasformare il sistema finanziario globale). I nostri corpi, le nostre libertà e i "beni comuni" ('commons')...
 
Ebbene, il Vaticano, come ho detto, è davvero desideroso di mantenere il suo posto tra le assemblee globali dell'élite manageriale, sotto la supervisione di titani finanziari come BlackRock, insieme al WEF o alla Chatham House. Ma con una sottile dimensione “religiosa” ed etica adornata da un venerabile patrimonio. Una patina così prestigiosa è più che "bancabile" agli occhi di tutti questi tecnocrati all'avanguardia della modernità. Molto simile alla "Meditazione consapevole" resa popolare da Jon Kabta Zinn, da allora benedetta dall'élite manageriale di Davos. Francesco è in grado di concedere a quest'ultima una garanzia etica che è insieme televisiva e antica.
Questi sono beni che la governance globale non è disposta a disdegnare, così come non disdegna il prestigio delle celebrità dello spettacolo. Francesco non è del tutto paragonabile a figure di Davos come Leonardo Di Caprio o Greta Thunberg, ma gode di una sorta di popolarità planetaria, in particolare al di fuori della sua Chiesa. Certo, il cattolicesimo sta attraversando un forte declino, anche nelle sue ex roccaforti africane o latinoamericane, all'interno delle quali le Chiese evangeliche stanno lasciando profonde ammaccature. Tuttavia, il papa rimane l'unico capo religioso il cui peso si estende al mondo intero. Nessun'altra religione può vantare una tale leadership globale. Grazie a un papato amabile, il governo globale è in grado di raggiungere il mondo intero dall'alto della Sede di Pietro (e almeno a ciò che resta del gregge cattolico).
Scommetto che questo è apprezzato da Klaus Schwab, che si vede, nell'involontariamente esilarante ode cinematografica alla propria gloria, Das Forum, come il vicario della parrocchia dell'élite mondiale.
Il papa del Grande Reset

 
Oltre al suo ruolo di garanzia morale, Francesco - ma non in modo così rumoroso - gioca lo stesso ruolo della povera Greta Thunberg con la quale il Forum di Davos ama associarsi. Allo stesso modo di Greta, l'attuale papa è un convinto critico dell'attuale sistema economico e un campione per un mondo sostenibile a zero emissioni. Come ho già detto, questo è esattamente il tipo di narrativa che i responsabili politici globali, come il CEO di BlackRock Larry Fink, hanno deciso di propagandare per venderci la grande trasformazione che desiderano attuare.
Non sorprende che il Vaticano sia strettamente legato al mondo finanziario internazionale: dal 2006, l'APSA (Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica, l'entità preposta alla gestione degli enormi portafogli borsisti e immobiliari del Vaticano) può contare su Peter Sutherland come Speciale Consulente:  https://www.catholicnewsagency.com/news/249389/pope-francis-names-jeffrey-sachs-to-pontifical-academy     Forte sostenitore della politica delle "frontiere aperte", è stato anche nominato presidente della Commissione cattolica internazionale sulle migrazioni dal 2015 alla sua morte nel 2018. Questo padre della globalizzazione è stato in precedenza presidente del GATT, poi co-fondatore dell'OMC, ma anche un presidente di BP e Goldman Sachs e, inutile dirlo, un membro del Consiglio di fondazione del WEF, tra le molte altre cose...
 
 
 
Spera di essere uno dei comunicatori della grande transizione confezionata da Klaus Schwab sotto il marchio "Great Reset"
 
Quanto allo stesso Francesco, il WEF ha potuto utilizzare la sua immagine planetaria, dal momento che Francesco ha inviato un messaggio al Summit annuale di Davos in ben quattro occasioni. Inoltre, una tavola rotonda di Davos è presieduta ogni anno da un delegato vaticano.
 
Ancora una volta, sembra essere un fedele portavoce della narrazione del WEF. Spera di essere uno dei comunicatori della grande transizione confezionata da Klaus Schwab sotto il marchio "Great Reset". L'introduzione dell'enciclica Fratelli Tutti (ottobre 2020) è abbastanza eloquente a questo proposito: “…la pandemia di Covid-19 è esplosa inaspettatamente, mettendo a nudo le nostre false sicurezze. A parte i diversi modi in cui i vari paesi hanno risposto alla crisi, la loro incapacità di lavorare insieme è diventata abbastanza evidente. Nonostante tutta la nostra iperconnettività, abbiamo assistito a una frammentazione che ha reso più difficile risolvere i problemi che riguardano tutti noi. Chi pensa che l'unica lezione da trarre sia stata la necessità di migliorare ciò che già si stava facendo, o di affinare i sistemi e le normative esistenti, nega la realtà”.
 

Secondo Bergoglio, l'elemento cruciale di questa mutazione è proprio l'instaurazione di una tale governance globale del partenariato pubblico-privato. Nel suo messaggio del 2021 alla Banca Mondiale e al FMI, inquadrato in tutto il pathos comunitario, afferma che l'attuale lancio della sperimentazione genetica apre una finestra perfetta su questa partnership globale (sciolta da troppi vincoli democratici): “abbiamo soprattutto bisogno di un vaccino solidale giustamente finanziato, perché non possiamo permettere che la legge del mercato abbia la precedenza sulla legge dell'amore e della salute di tutti. Qui ribadisco il mio appello ai leader di governo, alle imprese e alle organizzazioni internazionali affinché collaborino per fornire vaccini a tutti, in particolare ai più vulnerabili e bisognosi (Messaggio Urbi et Orbi, Natale 2020). La mia speranza è che in questi giorni le vostre deliberazioni formali ei vostri incontri personali portino molto frutto per il discernimento di sagge soluzioni per un futuro più inclusivo e sostenibile. Un futuro dove la finanza è al servizio del bene comune, dove i deboli e gli emarginati sono posti al centro, e dove la terra, la nostra casa comune, è ben curata”.

È un leitmotiv. Giovanni XXIII (enciclica Pacem in terris), il Concilio Vaticano II (Costituzione Gaudium et spes) e anche Benedetto XVI (enciclica Caritas in veritate) hanno tutti condiviso la convinzione che abbiamo "urgente bisogno di una vera autorità politica mondiale" (Caritas in veritate § 67). Tuttavia, Bergoglio, nella sua enciclica Laudato Si' del 2015, o nel suo messaggio all'ONU dello stesso anno, Per un'ecologia integrale, chiede incessantemente una governance globale più forte, in particolare di fronte ai cambiamenti climatici. Questo appello ai decisori politici per una mobilitazione contro il riscaldamento globale è un aspetto di una denuncia più generale dell'economia del libero mercato, insieme al consumismo e alla concorrenza commerciale che ne sono parte integrante. Ancora una volta, questa narrativa "progressista" è pienamente in linea con l'agenda dell'élite globale: consumismo e concorrenza non si adattano più a un mercato vincolato nelle mani di un oligopolio; mentre il clima o le minacce infettive che dovrebbero essere la nostra attuale nemesi rappresentano la fase conclusiva della storia degli stati-nazione nati dalla pace di Westfalia, 1648. https://it.wikipedia.org/wiki/Pace_di_Vestfalia
 
Abbastanza logicamente, Francesco invoca la nascita di un nuovo ordine mondiale dalle rovine lasciate dalla 'pandemia': «Ricordiamoci tutti che c'è qualcosa di peggio di questa crisi: il dramma di sprecarla. Non possiamo uscire da una crisi come prima: o ne usciamo migliori o ne usciamo peggio”. È difficile non riconoscere la narrazione ormai familiare del presidente del WEF Klaus Schwab: "La pandemia rappresenta una rara finestra di opportunità rara per riflettere, reimmaginare e ripristinare il nostro mondo". Inoltre, papa Francesco si è unito al coro dei leader mondiali (o ex leader), Joe Biden, Kamala Harris, Nancy Pelosi, Boris Johnson, Matt Hancock, Justin Trudeau, Mark Rutte, Jacinda Ardern, Bill Gates, Tony Blair, Prince Harry, Antonio Gutteres, Obama, Hilary e Bill Clinton, Sadiq Khan ecc., che ci implorano di "ricostruire meglio" una volta che la "pandemia" sarà finita. Per esempio, secondo Francesco, «il cammino verso la salvezza dell'umanità passa attraverso la creazione di un nuovo modello di sviluppo, che punta indiscutibilmente sulla convivenza tra i popoli in armonia con il creato» (Dio e il mondo a venire) e, quindi, passa attraverso le politiche propugnate dalla governance globale, come Universal Basic Income (sulla scia della crisi Covid ovviamente).
 
 
 
Il papa della Bayer-Monsanto: una svolta storica

 
 Le crisi interne non sono una novità per il papato. Roma, per molto tempo, divenne uno strumento nelle mani di pontefici assetati di potere e pieni di ambizioni terrene, o al contrario uno strumento nelle mani di un principe bisognoso anche della posizione apostolica. È noto che la Santa Sede, una o due volte, ha cercato un aiuto esterno o un compromesso piuttosto imbarazzante. Nel 1830, Pio VIII condannò gli insorti cattolici polacchi per compiacere lo zar. Nel 1888 Leone XIII scomunicò i manifestanti cattolici irlandesi per ottenere il favore dell'Impero britannico. Da allora, il Vaticano è stato pronto ad avviare lunghe trattative con Lenin, raggiungere un accordo con Mussolini e firmare un concordato con Hitler... Tuttavia, questo è un punto di svolta: mai prima d'ora un papa è stato tentato di abbracciare le ideologie dei regimi con il quale ha concluso un accordo. Il papato non è mai stato guidato dall'ambizione di diffondere le loro agende.
Oggi, tuttavia, un'istituzione che proclama la sua giurisdizione universale sui cristiani si sta allo stesso tempo sforzando di collaborare con una governance globale tecnocratica che prospera sotto l'egida delle grandi corporazioni. Roma si considera una sorta di partner "spirituale" dell'élite aziendale che aspira a dominare completamente il pianeta.
Questa affiliazione all'agenda globale è stata formalmente riconosciuta quando Lynn Forester de Rothschild ha lanciato il Consiglio per il capitalismo inclusivo con il Vaticano, "sotto la guida" di papa Bergoglio e del cardinale Turkson. https://www.inclusivecapitalism.com/
Intorno al papa, e attorno alla più piccola associazione dei "Guardiani del capitalismo inclusivo", ‘Guardians for Inclusive Capitalism’,  il Consiglio riunisce i "leader mondiali delle imprese e del settore pubblico", in particolare gli amministratori delegati alla ricerca di un capitalismo "sostenibile", "resiliente", "inclusivo", un capitalismo responsabile", "equo" ed "fair" giusto, (spero di non aver sbagliato una parola d'ordine), proprio come i CEO di Johnson & Johnson, Merck, Bank of America, BP e Bayer-Monsanto (la cui competenza etica e ambientale è riconosciuto in tutto il mondo).
Al loro fianco, troviamo i presidenti delle Fondazioni Ford e Rockefeller e l'araldo dell'industria finanziaria Net-Zero, l'onnipresente Mark Carney. Il Consiglio “è una collaborazione storica di amministratori delegati e leader globali ispirati dalla guida morale di Sua Santità Papa Francesco. Il nostro è un imperativo morale e di mercato per rendere le economie più inclusive e sostenibili con un movimento di azioni audaci e guidate dalle imprese che abbracciano l'ecosistema economico”.
 
Papa Bergoglio sta orchestrando una campagna di marketing per l'agenda della governance globale
La fondatrice e presidente di 'The Council' (come si suol dire), Lynn Forester de Rothschild, lei stessa managing partner di Inclusive Capital Partners (e amica di lunga data di Jeffrey Epstein), afferma che “il capitalismo ha creato un'enorme prosperità globale, ma ha anche lasciato troppe persone indietro, ha portato al degrado del nostro pianeta e non è ampiamente considerato attendibile nella società. Questo Consiglio seguirà l'ammonimento di Papa Francesco ad ascoltare "il grido della terra e il grido dei poveri" e rispondere alle richieste della società per un modello di crescita più equo e sostenibile”.
Non sorprende che il loro sito web ("impegni", ‘commitments’),  sia molto allineato con i diciassette obiettivi globali delle Nazioni Unite e del WEF per il 2030. I nostri "capitalisti inclusivi", come il WEF, sperano di mostrare una narrativa che dovrebbe essere percepita come "di sinistra" o almeno comunitaria: insistono sul fatto che i moderni grandi operatori economici dovrebbero essere ritenuti responsabili del loro impatto sull'ambiente, in particolare sul clima; per la loro scelta di essere comprensiva di tutti i tipi di minoranze; per la loro disponibilità a dare una possibilità a tutti; per quello che fanno per accogliere i profughi… Allo stesso modo Francesco, sorridente e benevola figura paterna del 'capitalismo responsabile', vuole essere percepito come il papa gay-friendly, amico dei migranti, e il 'papa verde' noto per la sua strenua militanza contro il cambiamento climatico. In altre parole, papa Bergoglio sta orchestrando una campagna di marketing per l'agenda della governance globale.
 
La stessa narrazione - con tutte le sue parole d'ordine - si ritrova nei documenti del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale ( https://www.humandevelopment.va/en.html   creato nel 2016 dalla fusione di diverse altre commissioni romane, e presieduto dallo stesso cardinale Turkson del Council of Inclusive Capitalism. “Il Dicastero […] esprime la preoccupazione della Santa Sede per le questioni di giustizia e pace, comprese quelle relative alle migrazioni, alla salute, alle opere caritative e alla cura del creato”. In particolare, il Papa chiede al Dicastero di “esprimere la sollecitudine e la cura della Chiesa per l'intera famiglia umana di fronte alla pandemia di COVID-19”. Infatti, "La pandemia di COVID-19 è la crisi che definisce questa generazione". Pertanto, l'obiettivo del Dicastero è quello di supervisionare “la ricerca e gli studi sull'attuale epidemia di COVID-19 e le sue questioni correlate e di pensare a una società e al mondo post Covid-19, in particolare nei settori dell'ecologia, dell'economia, del lavoro, della sanità, della politica, comunicazioni e sicurezza” (vaticano-covid-19).
 
 
 
Il papa della 4a rivoluzione industriale e del transumanesimo

 
Con chi dovremmo riflettere su questa futura “società e mondo post-Covid”? Ebbene, per esempio, con la ONLUS romana human2-0.org, "sviluppata" da padre Philip Larrey.  https://humanity2-0.org/
“Sviluppata in collaborazione con il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale della Santa Sede e un consorzio di leader e luminari, Humanity 2.0 cerca di unire l'umanità nella causa comune di realizzare un mondo migliore per i nostri figli”. E poiché ''Humanity 2.0 è un veicolo per facilitare le iniziative collaborative tra i settori pubblico, privato e religioso tradizionalmente isolati", amministratori delegati come quelli di CISCO, Virgin o Publicis si sono uniti per benedire questa partnership con il loro potere aziendale. Nessun riferimento al cristianesimo nel suo sito web, guardato da un'immagine della dea Atena, ma introdotto da una breve citazione di Tommaso d'Aquino.
 
Il suo presidente, padre Larrey, è sacerdote e preside della Facoltà di Filosofia della pontificia Università Latran, ma anche apostolo della 4a Rivoluzione Industriale (actoninstitute.it),  https://www.facebook.com/watch/?v=217968335999938 , cara al cuore di Klaus Schwab. È l'autore di Artificial Humanity, un libro in cui mostra la sua fede nella futura Intelligenza Artificiale, come entità dotata di vera intelligenza, ma spera che rimanga umana.
Francesco, mentre proclama la sua fede in quella che crede essere la tecnologia di domani e l'IA (Intelligenza Artificiale), in particolare, sembra citare padre Larrey quasi alla lettera, aggiungendo solo il suo personale tono comunitario. In un breve videoclip, il papa invita i cristiani a «pregare per un'IA 'umana'». Perché «la robotica può rendere possibile un mondo migliore se unita al bene comune. […] Preghiamo affinché il progresso della robotica e dell'intelligenza artificiale possa sempre servire l'umanità. Potremmo dire: che sia ‘umano’”. 
In un vertice di Davos, ma nel contesto della crescente disoccupazione dovuta all'automazione, ha dichiarato che "l'intelligenza artificiale, la robotica e altre innovazioni tecnologiche devono essere impiegate in modo tale da contribuire al servizio dell'umanità e alla protezione della nostra casa comune, piuttosto che al contrario” (Davos Forum 2018). Non siamo molto lontani dal credo transumanista sostenuto dai suoi portavoce dei media mainstream come Yuval Noah Harari. L'IA potrebbe essere effettivamente pericolosa, tuttavia per proteggere la plebe dai suoi potenziali mali, abbiamo bisogno che l'élite tecnocratica sia al comando...
 
L'ideologia transumanista, in particolare la sua convinzione nel futuro avvento di una Grande Convergenza Biodigitale, è un punto chiave della 4a Rivoluzione Industriale predicata dal WEF.
L'uomo e la macchina dovranno fondersi attraverso il data mining, con l'aiuto dell'editing del genoma e degli impianti digitali, in modo da poter dare alla luce un "umano potenziato"  (‘augmented human.’) 
La barriera tra entità biologiche casuali e tecnologie digitali programmabili sarà rimossa. L'idea stessa di vita così come quella di libertà sono obsolete: la vita e in particolare l'anima umana non sono che algoritmi estremamente complessi tratti da reazioni chimiche ed elettromagnetiche. Chi padroneggerà i dati di questi algoritmi sarà così in grado di "hackerare" gli esseri umani, come dice Yuval Noah Harari, in un discorso tenuto ai suoi maestri di Davos nel 2018.
Inoltre, anche la speranza transumanistica in una vita eterna, realizzata sia attraverso la prevenzione dell'invecchiamento cellulare che attraverso la “Whole Brain Emulation”, inizia ad attrarre grandi investimenti da parte delle grandi aziende. Ma, anche con molta fantasia, sembra piuttosto difficile conciliare questi sogni con l'insegnamento dei predecessori di Francesco.
 
Ciò non ha impedito a padre Larrey di presiedere due incontri tenuti a Roma presso il Collegio Teutonico, insieme a Carlos Moreira e David Ferguson, sotto il patrocinio di una misteriosa Elite Global Leaders Conference. Sia Moreira che Ferguson sono famosi per essere sostenitori del transumanesimo, per essere stati co-autori del Codice Transumano   https://transhumancode.com/   e per aver creato l'Oiste Think Tank che fa parte della galassia del WEF. La prima, tenutasi a luglio 2019, si è occupata proprio del Codice Transumano. Gli stessi zelanti apostoli della futura utopia tecnocratica sono tornati nell'ottobre 2021 per discutere della "tecnologia che rafforza l'umanità",  ‘Technology that Empowers Humanity’ ...
'Affinché le cose rimangano le stesse...'

 
Come ha potuto il papato trasformarsi così radicalmente? È una domanda impegnativa per lo storico. I vari scandali ecclesiastici in cui Bergoglio è stato personalmente coinvolto potrebbero fornirci l'inizio di una spiegazione. Questo papa è noto per aver coperto ad oltranza i crimini perpetrati da alti prelati (McCarrick, Zanchetta, Maradiaga e molti altri), sebbene tutti si trovassero ad affrontare accuse gravi e ben documentate di abusi sessuali o corruzione finanziaria, o anche entrambe . Solo la piena esposizione pubblica ha reso possibile il loro licenziamento. Bergoglio è emerso per quello che è veramente: un burocrate pronto a proteggere i suoi compagni collaboratori ad ogni costo. D'altra parte, questo è lo stesso uomo che stava cercando di compiacere l'opinione pubblica rafforzando la politica di Roma contro gli abusi sessuali commessi da preti comuni. Un discreto comunicatore, come la maggior parte dei top manager moderni, è sempre pronto a far girare la sua istituzione fuori dai guai con una narrazione ben praticata.
 
I conservatori religiosi preoccupati per l'esposizione delle statuette della Pachamama in una chiesa vicino al Vaticano non devono esserlo. Tali manifestazioni non costituiscono una dichiarazione di sincretismo né di neopaganesimo ecologico. Allo stesso modo delle forti promesse pubbliche della "difesa del pianeta", "contro il cambiamento climatico" o "a favore dell'ambiente" messe in scena dai cosiddetti stakeholder finanziari o industriali. Francesco non adora la Madre Terra più dei suoi partner del settore privato, decisi a impossessarsi di ciò che è rimasto dei beni naturali. Questo è puro spin.
 
Tuttavia, il mondo sta davvero cambiando e anche Roma sta cambiando. Chiaramente, i vertici della gerarchia cattolica non vogliono prendere una posizione controculturale: preferirebbero seguire l'ideologia dominante, anche al prezzo di ingoiare una certa dose di transumanesimo. Il gesuita Bergoglio è stato una volta sotto l'influenza dello scientismo mistico di Teilhard de Chardin S.J.? Forse. Tuttavia, c'è un altro motivo più semplice per questa mossa. Il papato è ora in realtà estremamente debole e Francesco non può accettarlo. In tutto il mondo le chiese sono vuote o si stanno svuotando, anche nelle sue antiche roccaforti come l'America Latina. Le uniche comunità che sopravvivono sono minuscole, sparse e mostrano una buona dose di conservatorismo, anche a volte tradizionalismo. Il Vaticano, in quanto tale, è diventato un'istituzione terribilmente antiquata, poco adatta alle dimensioni e alla portata delle comunità che dovrebbe supervisionare. Sebbene continui a farlo, di fronte alle statistiche ufficiali, il papa non è più in grado di parlare all'umanità come se fosse ancora un'autorità spirituale e morale seguita in tutto il mondo da più di un miliardo di fedeli. L'unica carta rimasta in mano, in un mondo secolarizzato, è ciò che ancora rappresenta in teoria, ma non in realtà: una certa aura legata alla sua tonaca bianca, Piazza e Basilica di San Pietro, Palazzo Vaticano, Cappella Sistina, Le Guardie Svizzere (purché 'vaccinate' ovviamente!) e le università pontificie.
È disposto a cooperare attivamente per far rispettare un sistema totalitario globale
 
L'intera esistenza di Bergoglio è una vita di obbedienza alle strutture gerarchiche a cui ha aderito.  Il cattolicesimo è ormai troppo debole per potergli fornire un'ideologia socialmente egemonica, mentre allo stesso tempo il suo più profondo istinto burocratico gli impedisce di voltare le spalle al pensiero di gruppo contemporaneo. Inoltre, se Francesco avesse scelto di dedicarsi alla minoranza cattolica ancora esistente, avrebbe corso il rischio di spingere la vecchia Roma pontificia nell'oblio e nell'anonimato agli occhi del grande pubblico. Non era una scelta che un uomo dell'apparato come lui avrebbe potuto fare. Il suo desiderio era rimanere fedele a Roma come la vede lui: un'istituzione leader a livello mondiale, come lo era prima. Francesco, quindi, ha scelto di provare a diventare uno degli "stakeholder" della governance globale. Pertanto, è disposto a mettere a disposizione ciò che resta del prestigio senza tempo della sua posizione, ai suoi nuovi giganteschi soci aziendali. E' disposto a collaborare attivamente per far rispettare un sistema totalitario globale, basato in definitiva sulla sorveglianza digitale e sugli esperimenti genetici che stanno uccidendo milioni di persone. ‘Se vogliamo che tutto resti come è, bisogna che tutto cambi!’*(Il Gattopardo)
 

 

 
 
 
 
 
 
 

 

Questa argomento è stata modificata 7 mesi fa 4 volte da ekain3
Condividi: