Notifiche
Cancella tutti

"GENOCIDA JOE" SUBISCE UN ALTRO MORTIFICANTE SCHIAFFO ALLE NAZIONI UNITE

   RSS

0
Topic starter

"Genocida Joe" subisce un altro mortificante schiaffo alle Nazioni Unite

Mike Whitney 

Venerdì 10 maggio 2024

https://www.unz.com/mwhitney/genocide-joe-suffers-another-mortifying-slap-down-at-the-united-nations/

 

Con un chiaro rifiuto delle politiche e della leadership statunitense in Medio Oriente, l’assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato a stragrande maggioranza a favore della richiesta palestinese di diventare membro a pieno titolo delle Nazioni Unite. I media occidentali hanno per lo più ignorato il voto di venerdì poiché i risultati ampiamente attesi rappresentano un altro occhio nero per Washington. Ma l’esito del voto è un duro colpo per la fallimentare politica di Gaza dell’amministrazione Biden, nonché una chiara indicazione che il sostegno globale dell’America al genocidio di Israele sta aumentando l’isolamento e l’irrilevanza di Washington.

La votazione dell’assemblea è stato di 143 a 9, il che significa che l’influenza diplomatica degli Stati Uniti si è erosa al punto che la Casa Bianca è riuscita a malapena a costringere 9 dei suoi più fedeli stati vassalli a respingere la mozione. È fondamentale che le persone capiscano appieno il significato di questo voto, il che suggerisce che il cosiddetto “ordine basato su regole” è una frode avvilente che diventa ogni giorno più anemica. Inoltre, il voto fornisce una prova convincente che il secolo americano è ufficialmente finito e che la stragrande maggioranza delle nazioni del mondo non è più disposta a conformarsi agli editti egoistici di Washington.

Naturalmente, Gilad Erdan, l'inviato di Israele alle Nazioni Unite, ha colto l'occasione non per esprimere il suo rimorso per aver preso parte alla sadica furia della sua nazione a Gaza, ma per rampognare gli altri membri dell'assemblea per aver coraggiosamente agito su una questione di principio. Senza alcuna traccia di ironia, Erdan ha accusato gli altri membri di “fare a pezzi la Carta delle Nazioni Unite con le proprie mani. Sì, sì, è quello che state facendo. State distruggendo la Carta delle Nazioni Unite”.  

Quello che Erdan non ha menzionato è che Israele detiene il record mondiale di violazioni alle risoluzioni delle Nazioni Unite e deve ancora trovare una legge internazionale che non possa impunemente violare. Israele ha  deciso molto tempo fa che il suo futuro dipendeva dalla sua capacità di utilizzare il più grosso teppista del mondo come sua guardia del corpo personale, cosa che gli permette così di ignorare qualsiasi restrizione legale o morale sul suo comportamento. Questo è un estratto da un articolo del britannico Guardian:

La risoluzione di venerdì…. non fa della Palestina un membro a pieno titolo delle Nazioni Unite, né le conferisce diritto di voto nell’assemblea, o il diritto di candidarsi come membro del consiglio di sicurezza, ma il voto è stato una clamorosa espressione dell’opinione mondiale a favore d i uno Stato palestinese, galvanizzata dal continuo spargimento di sangue e dalla carestia causata dalla guerra di Israele a Gaza.

Anche prima del voto dell'assemblea di venerdì mattina, Israele e un gruppo di leader repubblicani avevano sollecitato comunque il taglio dei finanziamenti americani a causa dei nuovi privilegi concessi dalla risoluzione alla missione palestinese.

La missione degli Stati Uniti presso l'ONU, che ha votato contro la risoluzione, ha avvertito che utilizzerà di nuovo il veto se la questione dell'adesione dei palestinesi tornerà all'esame del Consiglio di Sicurezza per un'altra votazione.

"Gli sforzi per portare avanti questa risoluzione non cambiano la realtà che l'Autorità Palestinese attualmente non soddisfa i criteri per aderire alle Nazioni Unite secondo la Carta delle Nazioni Unite", ha detto il portavoce della missione, Nathan Evans. “Inoltre, il progetto di risoluzione non modifica lo status dei palestinesi quale “missione di osservatori di stati non membri”.  The Guardian: L'Assemblea generale delle Nazioni Unite vota a favore della candidatura palestinese all'adesione [1]

Cercate di capire quanto sia davvero ipocrita e moralmente fallimentare la posizione degli Stati Uniti. Negli ultimi 57 anni, repubblicani e democratici hanno sostenuto a parole la soluzione a due Stati basata sulla risoluzione 242 delle Nazioni Unite, che impone a Israele di rimuovere i suoi insediamenti dalla terra palestinese nella Gaza occupata e in Cisgiordania. “Lasciate la terra palestinese e ci sarà la pace”. Questa è la politica statunitense sostenuta dal diritto internazionale. Ma ora, sotto Biden, gli Stati Uniti non solo si oppongono a uno Stato palestinese (il che aumenterebbe le sue possibilità di ottenere un accordo equo), ma stanno anche fornendo denaro, bombe e supporto logistico per fare a pezzi più di 2 milioni di palestinesi. Questa è in poche parole la politica di Biden e, nel caso non l’abbiate notato, rappresenta un chiaro allontanamento da oltre mezzo secolo di politica estera degli Stati Uniti. Il motivo per cui Biden viene ora comunemente chiamato “Genocida Joe” è perché sta infrangendo unilateralmente il diritto internazionale fornendo sostegno materiale alla barbarie israeliana che rende lui – e gli Stati Uniti – parimenti colpevoli dell’annientamento premeditato del popolo palestinese. Ecco dell’altro dal Guardian:

…la risoluzione chiarisce inoltre che “lo Stato di Palestina, nella sua qualità di Stato osservatore, non ha il diritto di voto nell’assemblea generale o di presentare la propria candidatura agli organi delle Nazioni Unite”.

…. “In sostanza, dà ai palestinesi l’aspetto e i diritti di un membro delle Nazioni Unite, ma senza gli attributi fondamentali di un vero membro, che sono il potere di voto e il diritto di candidarsi al Consiglio di sicurezza”.

Nonostante la formulazione della risoluzione chiarisca che la Palestina non avrebbe avuto diritto di voto, Israele ha chiesto agli Stati Uniti di tagliare i finanziamenti alle Nazioni Unite a causa di questa risoluzione, e un gruppo di senatori repubblicani ha annunciato che stavano presentando una legge in tal senso.

…. Lo ha detto il senatore Mitt Romney in una dichiarazione scritta. “La nostra legislatura taglierà i finanziamenti dei contribuenti statunitensi alle Nazioni Unite se concederà ulteriori diritti e privilegi all’Autorità Palestinese e all’OLP”. The Guardian

Bello, vero? Quindi, il voto non è andato come voleva lo zio Sam, perciò siccome non accetta la sconfitta ora fa il broncio. E il suo frignare spiega perché sempre più leader si stanno unendo a un blocco alternativo di nazioni chiamato BRICS. Semplicemente non c’è motivo di allinearsi con una superpotenza in declino che è così moralmente corrotta da credere che l’omicidio di massa sia una politica estera accettabile. (Nota: gli altri paesi che si sono opposti alla richiesta di adesione della Palestina sono stati Micronesia, Argentina, Ungheria, Nauru, Palau, Papua Nuova Guinea e Israele. L’elenco dimostra l’inefficacia della diplomazia statunitense che con Anthony Blinken è praticamente crollata.

Non sorprende che il rappresentante permanente della Russia, Vassily Nebenzia, abbia offerto l'analisi più intelligente. Ecco cosa ha detto poco prima del voto:

È nostro comune dovere correggere la storica ingiustizia alle aspirazioni palestinesi per un proprio Stato sovrano unificato, che avrebbe dovuto essere ammesso alle Nazioni Unite già nel 1948. Siamo convinti che la piena adesione della Palestina all’ONU aiuterebbe a pareggiare le posizioni negoziali iniziali con Israele, che ha ottenuto lo status di Stato membro delle Nazioni Unite più di 75 anni fa.

L’ammissione dello Stato di Palestina all’ONU rappresenterebbe il primo pratico passo verso una giusta soluzione della questione palestinese sulla piattaforma approvata dall’ONU e nel quadro giuridico internazionale universalmente riconosciuto. …..

Questo processo dovrebbe portare all’attuazione della soluzione a due Stati, riconosciuta a livello internazionale, che prevede la coesistenza in pace e sicurezza di Israele con la Palestina lungo i confini del 1967 e con la sua capitale a Gerusalemme Est. Affinché questo dialogo abbia successo, Israele e Palestina devono trovarsi su un piano di parità in conformità con le decisioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite….

….Quando questo progetto di risoluzione verrà adottato, la Palestina… riceverà una serie di ulteriori opportunità per risultati più efficaci nell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite e negli incontri tenuti sotto gli auspici dell'UNGA. Consideriamo questa un’opportunità per correggere almeno in parte l’ingiustizia storica contro il popolo palestinese, che da tempo soffre, e che ha perso un numero senza precedenti di vite pacifiche negli ultimi sette mesi…

… La Palestina deve diventare membro a pieno titolo delle Nazioni Unite…. Riteniamo che l'elemento più importante di questo progetto sia contenuto nella raccomandazione al Consiglio di Sicurezza dell'ONU di riconsiderare la richiesta di adesione della Palestina all'ONU. È un obbligo morale per tutti noi. Solo la piena adesione consentirà alla Palestina di unirsi alle fila degli altri membri dell’Organizzazione ed esercitare pienamente i diritti che questo status implica. ….Il popolo palestinese se lo merita da tempo. Dichiarazione del Rappresentante Permanente Vassily Nebenzia alla 10a Sessione Speciale d'Emergenza dell'Assemblea Generale [2].

Ben detto.

In conclusione: Biden e i suoi referenti non vogliono che i palestinesi abbiano un proprio Stato, motivo per cui stanno aiutando Israele ad annientare la popolazione nativa e a sostituirla con coloni ebrei. Fortunatamente, secondo il diritto internazionale, i territori occupati saranno terra palestinese per sempre e non c’è nulla che gli Stati Uniti o Israele possano fare al riguardo.

Mike Whitney

 

  1. https://www.theguardian.com/world/article/2024/may/10/un-support-palestine-membership
  2. https://russiaun.ru/en/news/100524
Questa argomento è stata modificata 2 settimane fa 3 volte da oldhunter
Condividi: