Notifiche
Cancella tutti

I nostri valori europei: 1,21 euro di salario minimo in Ucraina

   RSS

0
Topic starter
 
Werner Rügemer
 
Incontra l'Ucraina, un paese con la popolazione più povera e malata d'Europa, il fulcro del contrabbando di sigarette, il leader mondiale nel traffico di corpi femminili.
 
Quando un salario minimo legale è stato introdotto per la prima volta in Ucraina, nel 2015, era di 0,34 euro, o 34 centesimi all'ora. Successivamente è stato aumentato: nel 2017 era di 68 centesimi, nel 2019 era di 10 centesimi in più, ovvero 78 centesimi, e dal 2021 è stato di 1,21 euro. Mai sentito parlare?
 
Anche questo salario più basso non viene sempre pagato
 
Naturalmente, ciò non significa che questo salario minimo sia effettivamente pagato correttamente in questo stato. Pertanto, per un'intera settimana lavorativa nel 2017, il salario minimo mensile era di 96 euro. Ma nell'industria tessile e della pelle, ad esempio, questo salario minimo per un terzo della forza lavoro prevalentemente femminile è stato pagato raramente in tempo. Diffuso anche il pagamento a pezzo: in un'ora si devono cucire un certo numero di camicie; se ciò non funziona, è necessaria una rielaborazione non retribuita.
 
Se non c'erano ordini, veniva ordinato il congedo non retribuito. In molti casi le ferie annuali dovute per legge non venivano concesse o non erano pagate. La direzione ha impedito l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti. Con questo salario minimo, le persone erano molto al di sotto del livello di sussistenza ufficiale: nell'anno in questione ammontava a 166 euro.
 
La catena salariale della fame dall'Ucraina ai paesi vicini dell'UE
 
Ci sono circa 2.800 aziende tessili registrate ufficialmente, ma anche un numero presumibilmente altrettanto elevato di piccole imprese non registrate. Per decenni hanno formato una normale economia sommersa, spesso in piccole città e villaggi.
 
Eppure la maggior parte di queste aziende si classificano solo come fornitori di seconda classe per i produttori a basso costo meglio collegati a livello internazionale nei paesi vicini dell'UE, in particolare in Polonia, ma anche in Romania e Ungheria.
 
Così il 41 per cento delle scarpe va come semilavorato da fame dall'Ucraina prima alle fabbriche a basso salario di Romania, Ungheria e Italia: lì ottengono l'innocente e bella etichetta "Made in EU".
 
Gli stessi lavoratori tessili possono permettersi solo importazioni di seconda mano dalla Germania
 
La maggior parte dei circa 220.000 lavoratori tessili sono donne anziane. Mantengono la testa fuori dall'acqua solo grazie all'agricoltura di sussistenza, ad esempio avendo il proprio giardino con un pollaio. Le malattie dovute alla malnutrizione sono comuni.
 
I lavoratori tessili acquistano per lo più i propri vestiti da importazioni di seconda mano, che provengono principalmente da Germania, Polonia, Belgio, Svizzera e Stati Uniti. L'Ucraina importa molto più tessuti di quanti ne esporti.
 
Le costose importazioni Boss ed Esprit dal ricco Occidente dell'UE, che sono pre-prodotte in Ucraina, sono destinate all'élite ricca e alla bolla delle ONG a Kiev, mentre la maggior parte delle importazioni sono i tessuti di seconda mano più economici. I lavoratori tessili, e in effetti la maggior parte della popolazione, possono permettersi solo i tessuti usa e getta quasi gratuiti degli stati ricchi, come riportato da Clean Clothes Campaign.
 
Ma i sindacati occidentali e gli “attivisti per i diritti umani” guardano ancora all'Asia e al Bangladesh quando si tratta di salari bassi nell'industria tessile che violano i diritti umani. Sebbene i bassi salari in Ucraina siano molto più bassi. Anche nelle discussioni in corso nell'UE e nel Bundestag tedesco su una legge sulla catena di approvvigionamento: lì lo sguardo va lontano, a livello globale, verso l'Asia, mentre la catena della povertà UE-Ucraina è smentita.
 
Eccola qui, la corruzione: C&A, Hugo Boss, Adidas, Marks&Spencer, New Balance, Esprit, Zara, Mexx sono gli utenti finali profittevoli. Vivono dello sfruttamento che è contro i diritti umani. Qui negli stati ricchi dell'UE siedono i principali attori della corruzione.
Accolgono segretamente l'ispettorato del lavoro inesistente o complice dello stato ucraino e l'UE copre anche l'ingiustizia del lavoro sistemica, con il rituale ipocrita e l' ammonimento irrilevante della corruzione in Ucraina.
 
 
Fornitori di auto, prodotti farmaceutici, costruzione di macchine
 
Qualcosa di simile all'industria tessile e della pelle sta accadendo anche in altri settori. L'Ucraina era un centro di produzione industriale nell'Unione Sovietica.  Dopo l'indipendenza nel 1991, gli oligarchi hanno rilevato le aziende, ne hanno preso profitti e non hanno investito nell'innovazione. Per le aziende occidentali erano disponibili milioni di dipendenti ben qualificati, con salari bassi.
 

Migliaia di aziende, principalmente dagli Stati Uniti e dai paesi dell'UE – circa 2.000 solo dalla Germania – hanno effettuato ordini di subappalto per parti piuttosto semplici: Porsche, VW, BMW, Schaeffler, Bosch e Leoni, ad esempio, per i cavi per auto; gruppi farmaceutici come Bayer, BASF, Henkel, Ratiopharm e Wella ottengono i loro prodotti  eseguiti e confezionati, Arcelor Mittal, Siemens, Demag, Vaillant, Viessmann gestiscono filiali di assemblaggio e vendita. Qui vengono pagati salari da due a tre euro, ovvero più del salario minimo, ma comunque inferiori rispetto ai vicini paesi dell'UE di Ungheria, Polonia e Romania.

 
Ecco perché i siti ucraini sono strettamente collegati con i siti delle stesse società in questi paesi vicini dell'UE, dove il salario minimo legale è superiore a 3 euro e inferiore a 4 euro. Tuttavia, la rete è altrettanto valida con gli stati vicini ancora più poveri di Moldova, Georgia e Armenia, che non sono membri dell'UE. Anche le filiali sono gestite qui. Nel corso del "Vicinato orientale", (“Eastern Neighborhood”)  organizzato dall'UE, vengono sfruttate tutte le differenze di qualificazione, anche i pagamenti più bassi, con l'Ucraina come porta girevole.
 
Migrazioni di lavoro a milioni
 
Questo sfruttamento selettivo dei vantaggi della posizione da parte dei capitalisti occidentali non ha portato allo sviluppo economico nazionale. Al contrario, l'Ucraina si è impoverita economicamente. La maggior parte della popolazione è stata resa più povera e più malata. Una reazione di massa è la migrazione di manodopera.
È iniziato presto. Alla fine degli anni '90, diverse centinaia di migliaia di ucraini erano emigrati in Russia. I salari non erano molto più alti, ma in Russia l'eccessiva occidentalizzazione degli stili di vita e l'aumento del costo della vita per cibo, affitto, salute e tasse governative non prendono piede.
 
Dagli anni 2000, e accelerato dalle conseguenze del colpo di stato di Maidan del 2014, circa 5 milioni di ucraini sono stati lavoratori migranti: circa due milioni più o meno permanentemente all'estero e circa tre milioni che si sono spostati verso gli stati vicini. In particolare, lo Stato polacco, che in ogni caso rivendica le parti occidentali dell'Ucraina, incoraggia la migrazione di manodopera dall'Ucraina. Circa due milioni di ucraini sono impiegati in Polonia, principalmente in lavori poco qualificati come addetti alle pulizie, colf, camerieri, badanti degli anziani e autisti di camion. In Polonia è fiorente anche il business delle agenzie per il lavoro: dichiarano gli ucraini cittadini polacchi e li collocano come assistenti domiciliari in Germania e Svizzera, ad esempio: lì pagano il salario minimo per una settimana di 40 ore, ma in realtà gli operatori sanitari devono essere disponibili 24 ore al giorno, secondo il contratto con l'agenzia polacca.
 
Centinaia di migliaia di ucraini sono anche impiegati a tempo indeterminato, a tempo determinato o pendolari avanti e indietro in Romania, Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca, con salari minimi compresi tra 3,10 euro e 3,76 euro. Gli ucraini sono contenti di questo, anche se sono spinti un po' al di sotto di questi salari minimi: è ancora molto meglio che nel loro paese d'origine, e l'ispettorato del lavoro non dice nulla e nemmeno l'UE dice nulla (Werner Rügemer: Imperium EU – Labour Injustice , Crisi, Nuove Resistenze, Tredizione 2021).
 
Agli studenti ucraini piace essere lavoratori stagionali impiegati nell'agricoltura dell'UE. Nella sola Bassa Sassonia, ci sono circa 7.000 studenti all'anno, che non necessariamente studiano, ma entrano con documenti di immatricolazione falsi. Né in Ucraina né in Germania c'è alcun controllo, come ha rilevato uno studio della Fondazione Friedrich Ebert.
 
Salario minimo in Lituania: nel 2015 era di 1,82 euro, cinque volte superiore a quello dell'Ucraina dell'epoca; nel 2020 era di 3,72 euro. L'UE sta promuovendo lo sviluppo della Lituania in un centro di spedizione merci europeo: con l'aiuto dell'intelligenza artificiale, camionisti economici e volenterosi provenienti da paesi terzi come Ucraina e Moldova, ma anche da paesi più lontani come le Filippine, sono diretti in tutta Europa .
Non hanno bisogno di imparare nessuna lingua; ricevono le istruzioni tramite smartphone e navigatore. Ad esempio, con l'inizio della guerra in Ucraina, le società di autotrasporti in Lituania e Polonia hanno improvvisamente avuto una carenza di oltre 100.000 camionisti: dall'Ucraina, non potevano partire a causa del servizio militare.
 
Povertà femminile I: la prostituzione proibita fiorisce
 
Lo stato patriarcale oligarca dell'Ucraina ha aggravato la disuguaglianza tra uomini e donne. Con un divario retributivo di genere del 32%, le donne ucraine sono all'ultimo posto in Europa: in media, ricevono un terzo di stipendio in meno rispetto ai loro colleghi uomini e nel settore finanziario e assicurativo la cifra raggiunge il 40 per cento per lo stesso lavoro: la media dell'UE è del 14 per cento. A causa degli stereotipi patriarcali, le donne sono anche particolarmente spesso costrette a lavori part-time precari, ancor più che nella Germania di Angela Merkel, che è al penultimo posto tra i paesi dell'UE in termini di discriminazione nei confronti delle donne.
Questa povertà patriarcale delle donne include il divieto della prostituzione, che prospera in queste condizioni. Tra le circa 180.000 donne che lavorano come prostitute in Ucraina, donne single divorziate con figli o donne disoccupate, rientrano anche le insegnanti delle scuole primarie, che non riescono a cavarsela con i loro 120 euro al mese, sono anche tra le circa 180.000 donne che lavorano come prostitute in Ucraina, donne single divorziate con figli o donne disoccupate.
 
Poiché la prostituzione è vietata, gli operatori dei bordelli guadagnano, così come gli agenti di polizia e i tassisti, perché hanno un buon reddito attraverso il silenzio. Vengono utilizzati anche appartamenti privati, come i bordelli in posizioni privilegiate nella capitale Kiev. I turisti sono attirati - con 80 euro sono dentro. Otto servizi per notte - non rari. Poco meno della metà del reddito resta alle donne. Alcune sperano in un periodo transitorio di uno, due o anche tre anni. Spesso invano. Un terzo diventa tossicodipendente, un terzo è considerata sieropositiva.
 
Dopo la “liberalizzazione” dei servizi sessuali da parte del governo federale di Schröder/SPD e Fischer/Greens all'inizio del secolo, la Germania è diventata il “bordello d'Europa”. L'agenzia di sviluppo di proprietà federale GTZ ha pubblicizzato nella sua "Guida turistica per le donne in Germania" le donne ucraine che ora avevano buone prospettive nel settore del sesso. Sono venute in molte.
La Germania della Merkel è diventata il centro europeo della prostituzione commerciale, la maggior parte illegale e tollerata dalle autorità: condizioni favorevoli per le donne che non provengono da uno stato membro dell'UE. Quindi è ovvio che i protettori stanno ora cercando di reclutare donne ucraine in fuga al confine nel 2022.
 
 
La povertà delle donne II: il corpo femminile come materiale sfruttabile
L'Ucraina è un luogo piacevole per le aziende occidentali per impegnarsi in pratiche altrimenti vietate, un luogo mille volte favorevole per la globalizzazione guidata dagli Stati Uniti. Questo vale anche per l'uso commerciale del corpo femminile, ben oltre la prostituzione illegale.
L'Ucraina è il punto caldo globale per la maternità surrogata industriale, con una "liberalizzazione" più ampia che altrove.  La diffusa povertà femminile fornisce una riserva inesauribile.
Vittoria Vita, La Vita Nova, Delivering Dreams o più prosaicamente BioTex: questi sono i nomi con cui le agenzie di maternità surrogata a Kiev e Kharkiv pubblicizzano i loro servizi e le loro donne. Le belle e sane donne ucraine sono offerte nei cataloghi per ricchi stranieri. Tra 39.900 e 64.900 euro sono i prezzi per un neonato sano.
Le richieste di  bambini provengono da USA, Canada, Europa occidentale e Cina.
 
I futuri genitori consegnano l'ovulo e lo sperma in una delle dozzine di cliniche specializzate. Sono fertilizzati in una provetta. Quindi l'embrione estraneo viene impiantato nella madre surrogata. La madre surrogata porta un figlio geneticamente straniero. Questo è stato sviluppato negli Stati Uniti, ma lì è molto più costoso: tra 110.000 e 240.000 euro. In Ucraina è meno regolamentato. La donna che porta il bambino non deve avere nulla a che fare geneticamente con il bambino, è solo uno strumento estraneo che deve essere dimenticato subito dopo l'uso, non esiste più ed è pronto per il prossimo utilizzo per una coppia straniera completamente diversa .
 

I prezzi variano a seconda che i futuri genitori vogliano o meno un sesso specifico per il loro bambino ordinato: senza scelta di sesso, da BioTex costa 39.900 euro, con due tentativi per il  sesso desiderato costa 49.900 euro, e con tentativi illimitati costa  64.900 euro. Queste offerte includono la sistemazione in albergo, il rilascio del certificato di nascita e il passaporto presso il consolato tedesco. Finora, più di 10.000 bambini di questo tipo sono stati partoriti in tutto il mondo.

La madre surrogata - una società di maternità surrogata porta il nome appropriato: Surrogacy Ukraine - riceve un bonus mensile compreso tra 300 e 400 euro durante la gravidanza e, dopo la consegna riuscita del prodotto, il bonus di successo viene aumentato a 15.000 euro. Se c'è un aborto spontaneo, il bambino è disabile o la sua adozione viene rifiutata, le madri surrogate non ottengono nulla. La loro condizione psicologica non viene presa in considerazione e non c'è sicurezza sociale contro i danni alla loro salute. Non ci sono studi sulle conseguenze a lungo termine.
 
 
 
Contratti a zero ore, espropriazione dei sindacati
 
Il governo Zelensky ha aumentato il salario minimo a 1,21 euro, ma allo stesso tempo indebolisce e distrugge i sindacati, già sempre più indeboliti dall'indipendenza. La legge sul lavoro di dicembre 2019 è il culmine dell'estrema ingiustizia del lavoro fino ad oggi: 
*È consentito il contratto di lavoro a ore zero: Lavoro su richiesta. Quando l'imprenditore ha un lavoro da assegnare, ottiene il dipendente con breve preavviso. Il numero di ore lavorate e il reddito da lavoro possono essere zero.
 
*I licenziamenti non devono più essere giustificati.
 
*La negoziazione individuale dei contratti di lavoro è incoraggiata – "negoziazione" è, ovviamente, un termine eufemistico per le offerte senza alternative, il che non è un problema dato l'alto tasso di disoccupazione. La contrattazione collettiva può essere sospesa nelle aziende con meno di 250 dipendenti, ovvero oltre il 95% delle aziende. Le società che ne traggono vantaggio sono in particolare società statali, poi agroalimentari e alimentari e del tabacco come Nestlé e Philip Morris.
 
Inoltre, i sindacati devono essere espropriati ei loro beni confiscati. Anche se indeboliti, hanno ancora terreni e in alcuni casi grandi case di epoca sovietica, che si trovano nei centri delle città. Per Zelensky, questi sono "avanzi russi" - così sono espropriati!
 
Centinaia di migliaia di ucraini hanno protestato contro la nuova legge, nessuna notizia occidentale lo ha riportato. In una lettera congiunta del 9 settembre 2021, la Federazione sindacale internazionale e la Federazione sindacale europea – ITUC, CSI, CES – hanno segnalato al governo ucraino e al comitato dell'UE incaricato dell'integrazione dell'Ucraina: il nuovo diritto del lavoro ucraino non viola solo tutti i diritti del lavoro delle Nazioni Unite e dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), ma anche i bassi standard dell'UE: nessuna risposta.
 
 
Espropriazione e impoverimento dei contadini
 
Dopo l'indipendenza, ai circa 7 milioni di contadini delle loro fattorie collettive furono assegnati in media circa quattro ettari di terreno come proprietà. Questo è troppo poco per gestire un'attività agricola indipendente. Pertanto, i contadini hanno finora affittato la loro piccola terra a oligarchi nazionali e stranieri, per un canone di locazione basso, attualmente in media $ 150 all'anno, da $ 80 nel 2008.
 

Ad esempio, l'oligarca Andry Verevsky e il suo gruppo Kernel hanno acquisito 570.000 ettari di terreno in affitto, l'oligarca Oleg Bakhmatyuk e UkrLandFarming hanno acquisito 500.000 ettari, l'investitore statunitense di "locuste" NCH Capital di New York ha acquisito 400.000 ettari, l'oligarca Yuriy Kosyuk per MHP, 370.000 ettari, l'oligarca Rinat Akhmetov per la sua Agro-Holding 220.000 ettari, mentre il Continental Farmers Group dell'Arabia Saudita affitta “solo” 195.000 ettari.

Sono coinvolti anche fondi pensione svedesi e olandesi. Dalla Baviera arrivano piccoli oligarchi come Dietrich Treis e Hans Wenzel, che hanno 60 ettari in casa ma coltivano 4.500 ettari in Ucraina con affitti incomparabilmente economici. Alexander Wolters dalla Sassonia ha affittato insieme 4.200 ettari, per 60 euro per ettaro all'anno.
 
Sono tutti completamente integrati nell'UE e nel mercato del mondo occidentale:
 
*Il domicilio legale e fiscale delle aziende agroalimentari è preferibilmente nei paradisi finanziari standard dell'UE di Cipro, Lussemburgo e Svizzera; I governi ucraini hanno contribuito con esenzioni fiscali e sussidi.
 
*Ricevono costantemente ingenti prestiti dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e dalla Banca europea per gli investimenti (BEI).
 
*Le sementi, i fertilizzanti, i pesticidi e la tecnologia agricola sono principalmente nelle mani di società statunitensi e tedesche come Cargill, Archer Daniels, John Deere, Corteva, Bayer e BASF.
 
I manager altamente pagati gestiscono le attività. Alcuni degli agricoltori possono svolgere lavoro non qualificato al salario minimo in questo settore agricolo su larga scala. Un po' di terra non affittata permette loro di sopravvivere a malapena.
 
Ma il governo Zelensky ha posto fine alla pratica dell'affitto: dal 1 luglio 2021, gli agricoltori possono vendere la loro terra, inizialmente solo ad acquirenti con cittadinanza ucraina. A tal fine, il governo sta predisponendo un portale d'asta dove si possono fare offerte anche in forma anonima. Il rilascio della vendita della fertile terra nera ucraina è stato richiesto non solo dagli oligarchici land grabber, ma anche dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), che ha imposto questa condizione all'Ucraina fortemente indebitata per un nuovo prestito di 5 miliardi: la terra può essere venduta, questo porta alla ripresa economica!
 
Un successivo referendum nel 2024 dovrebbe quindi avviare il passo successivo: vendita della terra anche a stranieri. L'ulteriore impoverimento delle famiglie contadine sarà una delle conseguenze di queste condizioni. Pertanto, molti agricoltori hanno protestato contro questa "riforma agraria", senza alcun effetto.
 
 
Centro di contrabbando Ucraina: da 30 anni
 
A partire dal 1992, le più grandi aziende di sigarette Philip Morris, R.J. Reynolds, British American Tobacco e Japan Tobacco hanno acquistato fabbriche di sigarette in Ucraina. In alcuni casi, lo stato è rimasto per alcuni anni come azionista di minoranza.
 
La produzione con lavoratori qualificati buoni, ma ora meno pagati, si applicava al mercato ucraino. L'ampia gamma di marchi di lusso, come Marlboro e Chesterfield, fino ai marchi più economici, è stata prodotta per l'esportazione. In cambio, il governo complice ha abbassato la tassa sul tabacco a un livello senza rivali a livello internazionale, meno della metà di quanto sarebbe altrimenti in Europa. Allo stesso tempo, i controlli doganali sono rimasti a livelli bassissimi.
 
Alla fine degli anni '90, la Commissione Europea se ne rese conto: Philip Morris & Co produce oltre il 90 per cento in Ucraina per l'esportazione, anche con le sigarette economiche per il contrabbando globale verso gli stati poveri, ma anche verso gli stati ricchi dell'UE. Il contrabbando danneggerebbe gli stati dell'UE per 4 miliardi di euro all'anno. L'UE ha citato in giudizio Philip Morris e Reynolds per danni. Il tribunale di New York ha respinto la causa nel 2001. Tre anni dopo, Philip Morris ha accettato di pagare all'UE 1,3 miliardi di dollari per aiutare a combattere il contrabbando e le etichette contraffatte.
 
Morris non ha pagato per il momento, tuttavia, e l'accordo è stato rinnovato nel 2010. Morris ha accettato di pagare la somma, distribuita su 12 anni, a Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Questi stati hanno firmato l'accordo, ma tutti gli stati dell'Europa orientale non lo hanno fatto. Allo stesso tempo, la complicità è fiorita dietro le quinte: Michel Petite, direttore generale del Servizio giuridico della Commissione europea dal 2001 al 2007, si è trasferito nello studio legale statunitense Clifford Chance nel 2008, ha assunto il cliente Philip Morris ed è diventato anche presidente del “Comitato etico” dell'UE.
 
In Ucraina, un pacchetto di sigarette Marlboro costa 2,50 euro e in Kosovo 1,65 (a partire dal 2021), nonostante nel frattempo una tassa sul tabacco leggermente aumentata – mentre il pacchetto costa 7 euro in Germania, 6,20 in Belgio, 10 in Francia, 6 in Italia, e così via. Pertanto, ovviamente, l'esportazione e il contrabbando dall'Ucraina continuano. Ecco perché i negoziati sono ritualisticamente inconcludenti, anche al 21° vertice UE-Ucraina nel 2022. "L'Ucraina è diventata un hub globale per la consegna di sigarette illegali in Europa", ha ammesso il vice capo dell'ufficio del presidente ucraino, Alexei Honcharuk. Il presidente Zelensky, ovviamente, ha promesso ancora una volta che l'Ucraina combatterà il contrabbando di tabacco ancora più ferocemente di prima.
 
Ucraina: la spesa militare più alta in Europa
 
Il colpo di stato di Maidan del 2014 organizzato da attori occidentali - dipartimento delle comunicazioni della NATO, Horizon Capital, Swedbank, National Endowment for Democracy, Black See Trust, Soros Foundation - ha issato il piccolo banchiere Arseniy Yazeniuk nell'ufficio del primo ministro ucraino. I boicottaggi contro la Russia hanno portato alla perdita di diverse centinaia di migliaia di posti di lavoro in Ucraina, circa 40.000 solo per aziende tedesche come il fornitore di automobili Leoni.
Il governo ucraino ora ha preso spunto dall'UE e ha introdotto un salario minimo legale nel 2015: 34 centesimi l'ora lavorata.
Questo è stato un chiaro annuncio del livello a cui si stavano muovendo i redditi da lavoro. I lavoratori come quelli dell'industria tessile e dell'agrobusiness sono felici quando il salario minimo viene effettivamente pagato. Gli altri dipendenti sono contenti quando la paga oraria si avvicina ai tre euro. La migrazione di manodopera in direzione di paesi esteri è accelerata, è stata ed è volentieri utilizzata dai paesi vicini dell'Europa orientale non così impoveriti.
 
Lo stato più povero d'Europa in termini di maggioranza della popolazione, con l'aiuto della NATO, in particolare degli Stati Uniti e del Regno Unito, si è riarmato ancora più velocemente dal 2016, dal 2,9% del prodotto interno lordo (PIL) per i militari entro mezzo decennio al raddoppio di 2020, anche prima della guerra: al 5,9 per cento - per la richiesta del presidente degli Stati Uniti Obama di aumentare i budget militari al 2%. Questo pone l'Ucraina al 2° posto nel mondo dopo l'Arabia Saudita, davanti al secondo miglior model boy statunitense, Israele altamente armato.
L'Ucraina che non è  membro della NATO, con ora 41 milioni di abitanti, ha con i suoi 292.000 soldati più militari anche degli altri membri NATO più grandi (esclusi gli Stati Uniti, ovviamente), ovvero più soldati di Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Grecia, Spagna , Polonia, Romania….
Lo stato con la popolazione più povera d'Europa ha concesso a se stesso o ai suoi signori e signore a Washington, Bruxelles, Londra, Parigi e Berlino allo stesso tempo le spese militari di gran lunga più elevate, forse per la preparazione di una guerra, o per cosa?
 
La popolazione più povera e malata d'Europa
 
Il FMI ha concesso prestiti allo “Stato più corrotto d'Europa” (Transparency International) con condizioni per tagli sociali e pensionistici, per aumenti delle tasse comunali (acqua, fognature, rifiuti) e dei prezzi statali dell'energia e per ulteriori privatizzazioni. Il FMI era anche un guerrafondaio: la perdita del Donbass avrebbe avuto un impatto negativo sull'ammontare dei prestiti occidentali, si sa.
Nel 2020, il debito nazionale è stato ridotto a un 60% otticamente attraente, che è eccellente per l'adesione all'UE. La conseguenza di accompagnamento: la maggior parte della popolazione è ancora più povera, il costo della vita, il cibo, le tasse comunali, gli affitti, l'assistenza sanitaria e i costi energetici sono aumentati – ora sono solo parzialmente accessibili o per niente. La pensione media nel 2013, prima del colpo di stato di Maidan, era ancora di 140 euro, il picco nella storia dell'Ucraina indipendente. Dal 2017 la pensione media è di 55 euro. Sempre più pensionati devono continuare a lavorare, se trovano lavoro.
 
Dall'indipendenza di stampo occidentale, la popolazione ucraina si è ridotta da 51 milioni a 41 milioni. Già prima dell'attuale guerra, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) prevedeva un'ulteriore contrazione nel 2050: 32 milioni di abitanti, e sarebbero in media ancora più vecchi di quanto non siano ora.
 
La popolazione più povera d'Europa è anche la più malata: l'Ucraina è al primo posto in Europa per decessi dovuti alla malnutrizione, come documentato nel 2019 dall'European Journal for Epidemiology.
 
Come la Presidente della Commissione Europea, la Sig.ra von der Leyen, ha elogiato in modo così espansivo, "l'Ucraina sta difendendo in modo impressionante i nostri valori europei!" Ecco perché l'Ucraina dovrebbe diventare un membro dell'UE. Il presidente ha aggiunto: "L'Ucraina merita questo status perché è pronta a morire per il sogno europeo".
La rappresentante politica dipinta come cristiana ha più ragione di quanto pensi.
 
 
 
 
https://s.yimg.com/uu/api/res/1.2/dHh9Sm7ggMSKEr7KunORQw--~B/aD01NzY7dz0xMDI0O2FwcGlkPXl0YWNoeW9u/https://media.zenfs.com/de/euronews_de_articles_568/72a22df5745e0ca3b8b46b1a2114e49 b" alt="" data-src="https://s.yimg.com/ny/api/res/1.2/3QMy3iIUXF727pyDRqYJCQ--/YXBwaWQ9aGlnaGxhbmRlcjt3PTk2MDtoPTU0MDtjZj13ZWJw/ https://s.yimg.com/uu/api/res/1.2/dHh9Sm7ggMSKEr7KunORQw--~B/aD01NzY7dz0xMDI0O2FwcGlkPXl0YWNoeW9u/https://media.zenfs.com/de/euronews_de_articles_568/72a22df5745e0ca3b8b46b1a2114e49 b" />
 
Condividi: