Notifiche
Cancella tutti

Il World Economic Forum lancia i Centri di Controllo Alimentare - Gli agricoltori olandesi si ribellano contro la folle politica

   RSS

1
Topic starter
 
 
 

Niente più spazio per gli agricoltori con i "Food Hub del WEF"

È spaventoso quanto velocemente le teorie del complotto si avverino. Mentre Bill Gates continua ad acquistare terreni agricoli negli Stati Uniti, il World Economic Forum di Klaus Schwab prevede di costruire il primo Centro di Controllo Alimentare nei Paesi Bassi.
Nello stesso tempo limitano la produzione di cibo da parte degli agricoltori.
Nascono in tutto il mondo Food Innovation Hub (FUB) per la "trasformazione dei sistemi alimentari". https://hortiheroes.com/en/innovation-hub/
Nel novembre 2020, il World Economic Forum ha annunciato che il Centro europeo per l'innovazione alimentare avrà sede a Wageningen, nei Paesi Bassi.
 
Il primo ministro Rutte ha annunciato l'anno scorso che il suo paese avrebbe investito nel Segretariato di coordinamento globale dei centri per l'innovazione alimentare. Il segretariato opererà anche da Wageningen.
" I pescatori stanno rinunciando all'attività, i contadini rinunciano al loro lavoro, la prossima 'crisi' prevista sarà la carestia. Fortunatamente, c'è una soluzione: i "food hub" del WEF! ha detto il leader dell'FVD Thierry Baudet.
“Lo trovo abbastanza inquietante. A cosa serve un centro di coordinamento alimentare? Del WEF, nientemeno. Con il pretesto di "prezzi equi per gli agricoltori", i (buoni) cittadini sono resi dipendenti dal WEF per il loro approvvigionamento alimentare. Non è spaventoso?" ha chiesto la scienziata della salute Yvonne Simons.
Il ricercatore indipendente Frank Hoogerbeets ha osservato: “Gli hub alimentari devono assumere il controllo totale dell'approvvigionamento alimentare attraverso la politica del WEF. Quindi non c'è più posto per gli agricoltori.
Non segnalato dal NOS [Ente Nazionale Pubblico. ndr]”.

Il primo ministro Rutte ha parlato in precedenza al WEF di questi "centri alimentari". Il suo governo intanto accusa gli agricoltori di produrre troppo “azoto”.

 

FRODE DELL' AZOTO
La scorsa settimana ci sono state diverse azioni da parte degli agricoltori contro l'annunciata politica sull'azoto. Il governo vuole ridurre drasticamente le emissioni di ammoniaca dall'agricoltura per proteggere la natura. Per alcuni agricoltori, ciò significa che non possono continuare la loro attività in futuro. Gli attivisti tra gli agricolotori arrabbiati hanno bloccato le strade, hanno visitato il Mediapark di Hilversum e sono andati a casa del ministro dell'azoto Christianne van der Wal. La polizia ha arrestato diversi attivisti per attacchi e atti vandalici.
 
Durante la discussione sulla "crisi dell'azoto" manifatturiera nel Paese, e soprattutto le proteste degli agricoltori contro i piani tirannici dell'amministrazione Rutte, Wybren van Haga (BVNL) si è scagliato contro il governo. "La frode dell'azoto è inspiegabile", ha detto Van Haga. Ha detto che i terreni agricoli vengono confiscati a causa di un problema che non esiste.
 
Van Haga (BVNL) non usa mezzi termini: "Gli agricoltori olandesi", ha detto, "vengono distrutti da questo governo sulla base di un problema di azoto inesistente. Migliaia di vite vengono distrutte, famiglie distrutte e il lavoro di generazioni viene distrutto".
La situazione è così grave che “diversi contadini si sono impiccati”. E, infatti, «il diritto alla proprietà non vale più niente: la cultura contadina è demonizzata, il governo non sembra più essere un protettore dello Stato di diritto».

Gideon van Meijeren, membro del parlamento del Forum for Democracy (FVD), è stato citato in  De Dagelijkse Standaard : “I piani di espropriazione del gabinetto sono una vera e propria dichiarazione di guerra al settore agricolo. Sotto false pretese, gli agricoltori vengono derubati delle loro terre, le fattorie secolari vengono demolite e le famiglie dei contadini vengono completamente distrutte.

"È terribile vedere che diversi agricoltori ora sono stati spinti a una tale disperazione da sentirsi obbligati a intraprendere un'azione più ferma per far sentire le loro grida". Ha esortato il governo a fermare "i piani illegali di esproprio" basati sulla bufala dell'azoto.

 

La polizia ha filmato mentre attaccavano gli agricoltori

I principali media olandesi hanno definito “violente” le proteste dei contadini. Ma cosa è successo davvero durante le proteste degli agricoltori olandesi?

Gli agricoltori olandesi affermano che la polizia ha agito in modo particolarmente aggressivo e violento durante le proteste vicino a Stroe e Kootwijkerbroek martedì e che i resoconti dei media sul fatto che queste proteste siano "violente" non sono corretti.

I media hanno mostrato immagini di giovani che hanno attaccato i furgoni della polizia vicino a Kootwijkerbroek con, tra le altre cose, martelli demolitori. La polizia ha arrestato 10 persone con l'accusa di aggressione pubblica e tentato omicidio.

Secondo gli agricoltori, le informazioni della polizia non sono corrette. Un giovane agricoltore ha detto al  Barneveldse Krant  di essere stato sorpreso sulla A1 vicino a Stroe da un gruppo sconosciuto che ha dato fuoco a pneumatici di auto vicino all'autostrada.

“È stato tutto molto veloce e è successo in un minuto, ma non facevano parte di noi. Non li conosciamo nemmeno noi. Durante l'invito alla protesta, è stato affermato con forza che non avremmo dato fuoco alle gomme", ha detto la moglie del contadino.

A seguito dell'intervista, Caroline van der Plas del  BoerBurgerBeweging  ha chiesto ancora una volta una dichiarazione al ministro della Giustizia sulle proteste degli agricoltori, ora che le storie dei media e degli agricoltori non corrispondono. "Cosa successe veramente? La Camera deve conoscere i fatti. Giovedì, la relazione sui fatti è stata ancora rifiutata da [PM Mark] Rutte", ha lamentato Van der Plas.

Mercoledì sera, Tim Hoogeveen è stato arrestato durante una protesta sulla A37 vicino a Holsloot. Era sospettato di tentato omicidio perché sarebbe andato a sbattere contro un'auto della polizia con il suo trattore. Media e politici hanno accusato ancora una volta gli agricoltori di essere “violenti”. La giustizia non è stata in grado di determinare sulla base di immagini e dichiarazioni che si trattava di tentato omicidio colposo e Tim è stato rilasciato di nuovo, ha riferito  RTV Drenthe .

Trasformare il cibo

Un  documento del 2020 della Fondazione Rockefeller ha  delineato un piano ambizioso per trasformare il sistema alimentare col pretesto del Covid. Il documento è stato pubblicato subito dopo che il World Economic Forum ha annunciato il suo programma Great Reset e intitolato  Reset the Table .

https://www.rockefellerfoundation.org/report/reset-the-table-meeting-the-moment-to-transform-the-u-s-food-system/

Il documento sosteneva che il sistema alimentare statunitense doveva essere rivisto con particolare attenzione alla "giustizia sociale" e alla "protezione dell'ambiente".

La Fondazione Rockefeller ha sostenuto "l'agricoltura sostenibile" e il "cibo sano". Il WEF si concentra principalmente sugli insetti come fonte proteica “sostenibile”.

Inoltre, i Rockefeller sostengono la sorveglianza digitale e la raccolta di dati sulle abitudini alimentari degli americani. Questo sta già accadendo in Europa. Statistics Norway (SSB) ha ordinato alle grandi catene di supermercati norvegesi di condividere tutti i dati delle loro ricevute con l'agenzia.

La maggior parte dei cittadini sostiene i propri agricoltori

La maggior parte degli olandesi ha detto che avrebbe lavorato semplicemente da casa ora che gli agricoltori stavano progettando di  chiudere l'intero paese . https://www.hartvannederland.nl/nieuws/politiek/meerderheid-nederland-steunt-protestactie-boeren-panel

Ciò è emerso da un sondaggio rappresentativo condotto da  Hart van Nederland che ha  interrogato più di 4 100 persone. La ricerca ha anche mostrato che la maggioranza sostiene la grande azione di protesta degli agricoltori.

Gli agricoltori hanno in programma di chiudere l'intera Olanda all'inizio della settimana con azioni previste negli aeroporti (Schiphol, Eindhoven, Rotterdam e Lelystad), nel porto di Rotterdam e nei centri di distribuzione dei supermercati.

 
Nel frattempo, gli agricoltori olandesi continuano con le proteste di massa in tutto il paese. Hanno bloccato il confine con la Germania e le strade di tutto il paese. Lo stanno facendo in risposta alla decisione delle autorità di ridurre il numero di capi di bestiame e utilizzare meno fertilizzanti.
 
 

 

 
Questa argomento è stata modificata 1 mese fa 9 volte da ekain3
Condividi: