Notifiche
Cancella tutti

John Bellamy Foster spiega la "soluzione" ideata dalla finanza globale per risolvere l'imminente crisi ambientale: creare beni per un valore di molti quadrilioni di dollari sulla base di tutto ciò che la natura crea ed espropriarli dai beni comuni...

   RSS

0
Topic starter

https://gpenewsdocs.com/the-capitalist-solution-to-save-the-planet-make-it-an-asset-class-sell-it/

John Bellamy Foster spiega la "soluzione" ideata dalla finanza globale per risolvere l'imminente crisi ambientale: creare beni per un valore di molti quadrilioni di dollari sulla base di tutto ciò che la natura crea ed espropriarli dai beni comuni globali per realizzare un profitto. Peggio ancora: tutto questo sta già accadendo.

Prodotto da Lynn Fries / GPEnewsdocs

LYNN FRIES: Ciao e benvenuto. Sono Lynn Fries produttrice di Global Political Economy o GPEnewsdocs. L'ospite di oggi è John Bellamy Foster.

Parlerà della finanziarizzazione della terra come nuovo regime ecologico. Un regime in cui la rapida finanziarizzazione della natura sta promuovendo una Grande Espropriazione dei beni comuni globali e l'espropriazione dell'umanità su una scala che supera tutta la storia umana precedente. E che sta accelerando la distruzione degli ecosistemi planetari e della terra come casa sicura per l'umanità. Tutto col pretesto di salvare la natura trasformandola in un mercato.  
https://monthlyreview.org/2022/04/01/the-defense-of-nature-resisting-the-financializaton-of-the-earth/

 
 

John Bellamy Foster, che si unisce a noi dall'Oregon, è professore di sociologia presso l'Università dell'Oregon ed editore di Monthly Review. Ha scritto ampiamente di economia politica ed è uno dei maggiori studiosi di questioni ambientali. È autore di numerosi libri tra cui Marx's Ecology: Materialism and Nature , The Great Financial Crisis: Causes and Consequences , The Ecological Rift: Capitalism's War on the Earth . Un libro di prossima pubblicazione, Capitalism in the Anthropocene: Ecological Ruin or Ecological Revolution, uscirà presto da Monthly Review Press. Benvenuto, Giovanni.

JOHN BELLAMY FOSTER: Felice di essere qui.
 
FRIES: Tu pensi che la finanziarizzazione della natura sia il regime più catastrofico del capitalismo fino ad oggi, un nuovo regime ecologico. E inizio; pensi che questo sia stato al centro di ciò che è emerso dai negoziati della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021 a Glasgow.
 
FOSTER: Sì. Ironia della sorte, durante la COP 26 a Glasgow tutti stavano guardando per vedere, beh, come i governi e le potenze avrebbero agito per proteggere la terra.
E la cosa principale che è venuta fuori da Glasgow sono stati in realtà questi piani per l'acquisizione finanziaria della terra, in nome della salvezza della natura. L'intero settore della conservazione a livello globale ha ora accettato queste politiche di finanziarizzazione.
Questo è stato davvero il prodotto principale degli incontri di Glasgow, tutti realizzati dal capitale con il sostegno dei governi. Ma non c'è discussione pubblica da nessuna parte su questo. Non c'è paese in cui questo sia stato sottoposto a processi democratici o addirittura a dibattiti. Non ci sono dialoghi su questo.
Il capitale sta solo procedendo all'acquisto di servizi ecosistemici. Creare veicoli finanziari strutturati dove poter controllare il capitale naturale da accumulare sulla base di essi. E gestire i servizi naturali su questa base con l'idea di accumulare ricchezza.
 
FRIES: Collega i punti dalla necessità del capitale di una nuova classe di attività intorno al 2009, intorno al picco della Grande Crisi Finanziaria, all'attuale traiettoria della finanziarizzazione della natura come nuovo regime ecologico.
 
FOSTER: Il mondo ha attraversato una crisi finanziaria globale dal 2007 al 2010. Uno dei problemi in termini di instabilità finanziaria, ovviamente, è che non ci sono abbastanza attività sottostanti per sostenere l'espansione finanziaria del sistema, che sta avvenendo a livelli estremi. Quindi stiamo accumulando debiti in relazione all'economia mondiale. Ma il debito in realtà non ha basi materiali sufficienti, flussi di entrate sottostanti.
 
Quindi il capitale è alla ricerca di nuovi flussi di entrate. E dopo la crisi finanziaria del 2007-2010, hanno iniziato a guardare sempre più ai servizi ecosistemici (ciò che potremmo chiamare natura e servizi della natura) come base, come base materiale per la finanziarizzazione.
 
Quindi c'è questa rapidissima finanziarizzazione in corso della natura che sta avvenendo ora. Dove i servizi naturali, i servizi ecosistemici, vengono trasformati in forme di valore di scambio che possono essere la base della finanziarizzazione. Tutto in nome della salvaguardia dell'ambiente globale.
 
C'è stato un grande cambiamento avvenuto nell'autunno del 2021, tra settembre e novembre nel contesto dei negoziati sul clima delle Nazioni Unite, dove sono state introdotte o portate in primo piano tre nuove iniziative.
 
Una è la Glasgow Financial Alliance for Net Zero, che riunisce tutte le grandi società finanziarie. Tutte le grandi banche, gli hedge fund e così via si sono riuniti combinando diciamo $ 130 trilioni di attività. Questi sono tutti fondamentalmente le banche occidentali e gli hedge fund. E hanno affermato che avrebbero organizzato, finanziarizzato la natura per produrre un'economia globale a zero emissioni di carbonio.
Il mese prima, la Borsa di New York insieme all'Intrinsic Exchange Group ha introdotto una nuova classe di asset alla Borsa di New York chiamata Natural Capital Assets. Ciò aveva davvero a che fare con questo processo di creazione di veicoli finanziari strutturati per creare flussi di entrate dai servizi ecosistemici. Ciò potrebbe quindi essere finanziarizzato e il debito costruito su di essi e così via. Tutto questo col pretesto di salvare la natura.
 
E infine negli stessi negoziati sul clima, hanno sostanzialmente concordato un piano per un meccanismo mondiale di scambio di carbonio che era stato introdotto nell'accordo di Parigi del 2015, ma tutti i dettagli non erano stati elaborati. Quindi questo ha stabilito almeno la base per un meccanismo globale di scambio di carbonio, che, ancora una volta, finanziarizzerebbe la natura.
 
Ciò ha portato a un'enorme espansione proprio negli ultimi mesi dei tentativi di finanziarizzare la terra. Trasformare i servizi ecosistemici, servizi ecosistemici veramente basilari come la fotosintesi e la produzione di ossigeno nell'ambiente e cose del genere, in valore di scambio di beni monetari che il capitale può possedere. O almeno forse gli stati nazione possederanno e il capitale essenzialmente gestirà e questo può trasformarsi in attività finanziarie.
 
In sostanza, le corporation sarebbero proprietarie di ciò che fa la natura, non solo della terra. I governi probabilmente sarebbero ancora proprietari della terra, ma il capitale sarebbe proprietario dei servizi forniti dalla natura.
E li gestirebbe per enormi quantità di denaro.
Questa è una grande accumulazione, come ha affermato l'Intrinsic Exchange Group (IEG): se scontati nel corso del secolo, i servizi ecosistemici valgono quattro quadrilioni (o $ 4.000 trilioni) di dollari presi insieme.
 
FRIES: E dovremmo anche notare che queste iniziative sono rivolte al Sud del mondo. Come dici tu fondamentalmente perché i guadagni finanziari dall'espropriazione della terra in nome della gestione del capitale naturale e delle compensazioni, sono più grandi nel Sud del mondo.
I tuoi articoli descrivono in dettaglio i modi in cui viene eseguito questo targeting. Ad esempio, l'iniziativa Glasgow Alliance for Net Zero del 2021 ha dichiarato in anticipo che i finanziamenti per la mitigazione del carbonio da mettere a disposizione dei paesi in via di sviluppo sono soggetti a vincoli. Quindi il finanziamento dipenderà dalla volontà di un paese in via di sviluppo di aprire completamente le proprie economie al capitale globale.
Nel caso del piano concordato per lo scambio di carbonio e nei progetti per promuovere un mercato mondiale delle compensazioni, i 100 miliardi di dollari che i paesi sviluppati hanno promesso di dirigere verso il Sud del mondo sono soggetti alla leva del debito da parte del capitale finanziario monopolistico multinazionale
 
Quindi John, solo per chiarire di cosa stiamo parlando qui con la finanziarizzazione della natura e l'accumulazione della natura, stai dicendo che, in generale, ciò comporta la creazione di crediti finanziari, quindi titoli su beni naturali ed ecosistemi, servizi ambientali di vario genere che possono quindi essere scambiati e sfruttati? È questo in fondo ciò che intendi per finanziarizzazione e accumulazione della natura?
 
FOSTER: La finanza si basa davvero sulla promozione del debito. E da un certo punto di vista, il denaro stesso è un debito. Ma la finanza si basa sulla promozione del debito. E questo significa gravami sui futuri flussi di entrate dalle attività sottostanti. Ciò che rappresentano i debiti o ciò che ottengono i creditori sono i flussi di entrate nel futuro.
Quindi, in sostanza, significa che stai vendendo tutto ciò che la natura fornisce o flussi di entrate nel futuro. In molte di queste proposte, si tratta di svendere ciò che la natura produrrebbe o le entrate che genererebbe se fosse ridotta al valore di scambio nel prossimo secolo o due.
 
Ed è molto pericoloso. Se si guarda indietro al 2007-2010, la Grande Crisi Finanziaria, l'intero sistema finanziario rischiava davvero di crollare. E i cambiamenti strutturali avvenuti in quel momento, e questo è legato alla stagnazione economica, sono davvero ancora lì.
 
La finanziarizzazione, la crescita dell'economia del debito, è per molti versi a un livello molto più estremo di quanto non fosse nel 2007. E stiamo guardando ad altre crisi finanziarie che potrebbero verificarsi, un'altra concepibile Grande Crisi Finanziaria. Questo perché creiamo queste bolle del debito, che espandono l'economia, ma alla fine la bolla scoppia. Le conseguenze ci sono.
 
Le nostre economie stanno crescendo lentamente, ma allo stesso tempo stiamo anche espandendo la bolla del debito. Quindi siamo in questa sorta di trappola di stagnazione/finanziarizzazione.
 
Ebbene, se provi a finanziarizzare l'intera natura e provi a gestire i servizi dell'ecosistema secondo principi capitalisti regolati da veicoli di investimento strutturati, stai sostanzialmente portando la natura in questa bolla finanziaria.
 
Ma è assurdo. Perché le leggi di natura (e possiamo parlare di leggi di natura come fa il mondo scientifico intendendo i processi biogeochimici del Sistema Terra) non funzionano come i mercati capitalisti. E in realtà tentare di monetizzare la natura e trattarla come una risorsa finanziaria, come una risorsa economica, un flusso di reddito in cui possiamo imporre debiti (e questo creerà entrate secondo il potere innato del capitale e allo stesso tempo salverà la natura), è davvero una favola senza basi reali.
 
Voglio dire, è peggio di una favola. È un completo feticcio del capitale e della natura.
 
John Maynard Keynes una volta disse che siamo nei guai quando l'economia produttiva sottostante diventa una bolla nel sistema finanziario. Ma ora stiamo creando una situazione in cui la terra stessa si trasformerà in una bolla nel sistema finanziario, che a sua volta è un'impresa speculativa.
 
C'è una famosa affermazione di un cartista del XIX secolo, Dunning, nel suo libro sui sindacati, che Marx cita nel primo volume del Capitale. Dove Dunning dice: quel capitale lo faremo così e così per un tasso di rendimento del 12%. 
E farà anche di più; trasgredirà le leggi per  un tasso di rendimento del 50%. Ma per un tasso di rendimento del 300%, mentirà e distruggerà ed è disposto a svendere l'umanità e la terra stessa. E questo indica la tratta degli schiavi.
 
E penso sia la situazione in cui ci troviamo.
I rendimenti sono così grandi che il capitale è davvero ipnotizzato dall'idea che i servizi ecosistemici scontati e proiettati su tutto questo secolo valgano quattro quadrilioni di dollari [$ 4000 trilioni]. E poi possono intervenire e avere un pezzo di tutto questo. Il fatto che questo sia così distruttivo viene ignorato.
Inoltre quello che stanno facendo è prendere i servizi ecosistemici non dalla popolazione della terra nel suo insieme, ma più immediatamente stanno togliendo la natura dalle popolazioni indigene.
In Africa, ad esempio, si sostiene che il 90% della terra sia essenzialmente senza titolo,
per cui il capitale può prendere il sopravvento e raccogliere il capitale naturale e i servizi ecosistemici.
La ragione di ciò è che questo è un retaggio del colonialismo. Così che, dopo il periodo coloniale e il periodo postcoloniale, è stato in qualche modo riconosciuto che le comunità indigene avevano diritti comuni sulla terra su cui vivevano nel corso della storia. Ma non avevano alcun titolo effettivo. Avevano solo una sorta di vaghi diritti comuni.
Mentre i governi sono concepiti in modo tale che ogni governo è visto come detentore del diritto finale su tutta la terra in un paese. Ma quello che sta succedendo è che le rivendicazioni indigene sulla terra vengono in qualche modo rimosse. Non sono trattati come aventi la stessa base della proprietà privata. E così queste terre possono essere espropriate in forma di land grabbing.
Molto di questo avviene ora per impossessarsi del capitale naturale e dei servizi ecosistemici. Ed è maturo per la corruzione. Il mio articolo inizia con un enorme caso di corruzione nello stato malese del Borneo, Sabah. Quindi stiamo assistendo anche alle lotte degli indigeni contro questa finanziarizzazione della terra.
 
FRIES: John, completerò rapidamente per gli spettatori i punti che hai appena fatto sulla lotta delle popolazioni indigene e il potere innato del capitale. In primo luogo, sulla favola del potere innato del capitale e quindi dei privilegi sulla produzione futura dell'economia, come ha affermato l'economista ecologico Herman Daly citando alcune righe del tuo articolo Defence of Nature :
“… l'economia di crescita capitalista, pur continuando a trarre profitto nel corso della sua distruzione creativa, si trova in ultima analisi di fronte ai limiti fisici di un Sistema Terra, che, come l'interesse composto, non aumenta in modo esponenziale. La vera ricchezza fisica emanata dalla natura e derivata in definitiva dall'energia solare è soggetta alla legge dell'entropia e non può generare una rapida crescita senza fine come nel caso del "debito monetario simbolico!" Il conflitto tra l'espansione economica basata sulla finanza e la base ecologica della società è quindi inevitabile”.
 
Nel contesto delle lotte dei popoli indigeni per citare lo stesso articolo : “Questa lotta si sta verificando in tutti e tre i continenti del Sud del mondo e nelle regioni del Nord del mondo, un'indicazione di quanto siano stretti i legami tra il neocolonialismo e la naturale forza devastante Juggernaut - del capitale.
 
Come dici in questi articoli, la finanziarizzazione della terra sta promuovendo una grande espropriazione dei beni comuni globali e l'espropriazione dell'umanità su una scala senza precedenti. Dacci ora un quadro generale e anche un contesto storico sulla tua critica ecologica di come anche la finanziarizzazione sia un'espropriazione.
 
FOSTER: Beh, disse una volta Karl Marx e questa è una parafrasi ma è molto vicino a quello che ha detto. Ha detto: Nessuno possiede la terra. Nemmeno tutte le persone del pianeta possiedono la terra. La teniamo in custodia come buoni capifamiglia per le generazioni future, per l'intera catena delle generazioni umane. Sai, in termini di umanità, se qualcuno ha diritto alla terra, al pianeta, siamo tutti noi insieme. O certamente, la teniamo in affidamento per il futuro. Svenderla ai servizi privati è tutta un'altra cosa.
Karl Polanyi, il grande antropologo economico, una volta disse che: convertire la natura in beni immobili è stata l'invenzione più estrema dei nostri antenati. Ma ora stiamo facendo un ulteriore passo avanti. Non si tratta della proprietà della terra, ma della svendita e dell'integrazione nel mondo finanziario di tutto ciò che la natura fa, di tutti i suoi servizi ecosistemici in tutto il pianeta. il tutto spartito e trasformato in debiti e derivati e flussi di reddito che saranno posseduti dal capitale.
 
Le cose che prima erano considerate doni gratuiti della natura ora saranno di proprietà di interessi finanziari e interessi finanziari privati. Ciò significa che pochi possederanno i servizi dell'ecosistema e il resto della popolazione della terra sarà espropriato.
 
 
FRIES: Parlando ora nel contesto di un sistema di produzione, spiega meglio il termine espropriare. Quindi, cosa significa esattamente?
 
FOSTER: Espropriare significa sostanzialmente prendere senza ritorno. Dobbiamo prendere dalla natura nella nostra produzione. E non c'è niente di sbagliato nella libera appropriazione della natura a favore dell'umanità nel suo insieme. C'è un problema quando la natura viene trattata come un dono gratuito al capitale, nient'altro che come un mezzo per l'accumulazione di capitale.
C'è un problema quando l'appropriazione della natura non avviene in modo sostenibile. Cioè, non c'è reciprocità. Non è possibile restituire in alcun modo. In modo che questo diventa una forma di rapina. Stai prendendo senza sostituire e questo si traduce sempre in distruzione. E il nostro sistema fondamentalmente lo fa.
 
Ora, ci sono risorse che sono insostituibili. Non possono essere sostituite. Herman Daly ha spiegato come possiamo utilizzare tutte le risorse in modo sostenibile. E dobbiamo conformarci a quelle regole o stiamo davvero distruggendo le basi ecologiche della nostra stessa esistenza.
 
Gli ecologisti parlano del rubinetto e del lavandino. Il rubinetto si riferisce a ciò che estraiamo dalla natura. Abbiamo anche il problema del lavandino. È lì che smaltiamo gli scarti della produzione. E le emissioni di anidride carbonica sono fondamentalmente uno spreco della produzione.
Che su piccola scala non sarebbe davvero molto importante. Voglio dire, l'anidride carbonica fa parte del nostro sistema respiratorio. Ma nella scala in cui le emissioni si verificano oggi e concentrano il carbonio nell'atmosfera, stiamo producendo cambiamenti climatici che stanno minacciando la civiltà e gli stessi sistemi dell'umanità.
Quando pensiamo alla produzione, dobbiamo pensare non solo al rubinetto che è l'estrazione; dobbiamo anche pensare al lavandino dove vanno i rifiuti. E ci sono regole in termini di sostenibilità e come possiamo vivere sul pianeta con queste limitazioni. Ma il capitalismo non è orientato a niente del genere. Ha un obiettivo e questo è il profitto o l'accumulazione di capitale o l'aumento del patrimonio netto, comunque lo si voglia guardare.
Questo è ciò che guida il capitale. Non vede davvero nient'altro. E nel processo di crescita, anche se la nostra economia cresce, stiamo distruggendo il sistema naturale che ci circonda che è la base stessa della nostra esistenza.
 
 
FRIES: Sottolinei che secondo Marx era necessario in qualsiasi critica del capitalismo comprendere non solo le enormi forze produttive generate dal capitale, ma anche il lato distruttivo negativo dell'interazione del capitalismo con l'ambiente. E per questo, Marx ha posto l'accento sulla scienza naturale.
 
Questa enfasi può essere vista nel suo trattamento dell'agricoltura capitalista dove Marx è stato il primo grande economista, come dici tu, a incorporare concetti come il metabolismo e la scienza della termodinamica nell'analisi della produzione.
 
(...)
FRIES: Tornerò ad alcune delle tue argomentazioni essenziali su come anche la finanziarizzazione sia un'espropriazione e la collegherò al furto della natura a cui hai fatto riferimento prima.
 
Quindi portaci attraverso il concetto di depredare il suolo del 19° secolo, nel presente dove, come scrivi nell'articolo di Defense of Nature : "L'espropriazione originale si è trasformata in un colosso planetario, un sistema di rapina che abbraccia l'intera terra, portando a una spoliazione e distruzione più universali”.
 
E a proposito dell'Espropriazione originaria è opportuno citare  l'articolo Natura come modalità di accumulazione : “L'espropriazione del bene comune, la sua semplificazione, divisione, sequestro violento e trasformazione in proprietà privata costituirono il presupposto fondamentale per l'origine storica del capitalismo . Ciò che Karl Marx definì l'espropriazione originaria dei beni comuni in Inghilterra e in gran parte del mondo (spesso comportando l'espropriazione di lavoratori in varie forme di schiavitù e lavoro forzato) generò le concentrazioni di ricchezza e potere che spinsero la fine del XVIII e l'inizio della rivoluzione industriale del XIX secolo”.
 
Quindi, in poche parole, dall'espropriazione originaria alla grande espropriazione, prova a spiegare questo riferimento al furto della natura.
 
FOSTER: Nel libro The Robbery of Nature che Brett Clark e io abbiamo scritto insieme, abbiamo collegato la questione della spaccatura, la spaccatura metabolica alla questione della rapina della natura. Tornando a Marx e alle sue discussioni nel Capitale e altrove ea Justus von Liebig e altri, abbiamo sostenuto che la spaccatura, la spaccatura metabolica o la spaccatura nel metabolismo tra gli esseri umani e la natura era un prodotto della rapina della natura. Dal non affrontare il bisogno di reciprocità e sostenibilità nel rapporto con la natura.
Quindi, prendere dalla natura e non restituire è una forma di furto o rapina, l'espropriazione appunto. Quindi l'espropriazione è una forma di rapina, furto. Ma non solo natura, in molti casi è espropriazione di corpi umani. Guardiamo la schiavitù. Guardiamo all'oppressione delle donne, ai problemi della riproduzione sociale.
 
Questi tipi di problemi, l'oppressione delle donne, la schiavitù, il supersfruttamento delle persone nel Sud del mondo sono tutti problemi di rapina. E il sequestro, naturalmente, la finanziarizzazione della natura, l'accaparramento della terra, sono tutte forme di esproprio che poi creano le basi della proprietà privata e dell'accumulazione di capitale.
 
Il capitalismo cerca costantemente di espropriare persone, risorse, terra e natura per espandere il proprio sistema. Quindi il furto della natura è parte integrante del problema della spaccatura metabolica.
 
La spaccatura metabolica che Marx spiegò originariamente in termini di crisi del suolo in Inghilterra e altrove nel XIX secolo. Dove l'agricoltura capitalistica industriale stava rimuovendo in modo intensivo i nutrienti (come azoto, fosforo e potassio) dal suolo nel cibo e nelle fibre che venivano esportate nei centri urbani con una popolazione industriale concentrata.
 
I nutrienti, che venivano spediti per centinaia, forse migliaia di miglia verso le città, non tornarono più nel suolo. Quindi hanno dovuto cercare di ottenere ossa dai campi di battaglia napoleonici e dalle catacombe d'Europa per avere fertilizzante naturale per il suolo. E il guano dal Perù ha stabilito l'intero massiccio commercio di guano in cui hanno utilizzato la manodopera cinese, sostanzialmente espropriando i loro corpi e uccidendoli molto rapidamente. Per ottenere il guano (gli escrementi degli uccelli) per fertilizzare il suolo in Inghilterra che veniva impoverito dall'agricoltura industriale.
 
Questo tipo di rapina del suolo è un modello di come il capitalismo ruba risorse e terra ovunque. Prendere senza rimettere. Non seguire i principi ecologici, ignorare la permacultura, costruire monocolture e fondamentalmente distruggere la terra.
 
Quindi la rapina è la vera fonte della spaccatura metabolica stessa. E quella spaccatura tra gli esseri umani e la natura è il modo in cui possiamo comprendere la crisi ecologica. È tutto radicato nel sistema di produzione, il sistema di produzione capitalista che ora è stato globalizzato e finanziarizzato e sta davvero spingendo il mondo contro un muro.
 
FRIES: Il sistema di produzione capitalista, come tutti sappiamo, si basa sulla produzione di merci per il valore di scambio e l'accumulazione infinita di capitale. Quindi un tapis roulant di scambio, profitto e accumulazione.
 
I tuoi articoli sulla rivista mensile chiariscono come il concetto di capitale naturale sia nato originariamente come difesa contro il sistema capitalistico di produzione per valore di scambio. Spiega brevemente questo e poi il concetto correlato del paradosso di Lauderdale.
 
FOSTER: Devi tornare davvero al XIX secolo e il concetto di capitale naturale è stato introdotto da socialisti e radicali in opposizione all'espropriazione della natura nel loro tempo, la trasformazione della natura in valore di scambio. Che in termini attuali era a un livello abbastanza grezzo. Ma la terra veniva presa e trasformata in valore di scambio, trasformata in capitale.
 
Il concetto di capitale naturale si opponeva alla trasformazione di tutta la natura (e allora si pensava solo alla terra e alle materie prime) in denaro, in valore di scambio, in cash nexus (nesso di cassa). Hanno sostenuto che avevamo uno stock di capitale naturale e che dovevamo proteggerlo. E lo vedevano in termini di valore d'uso. Questo è il materiale naturale per usare termini di valore. Dovevamo proteggere questo stock di natura.
 
Sostenevano che se la natura, che era la base essenziale dell'esistenza umana, (la natura materiale e la terra e le risorse e le foreste e così via) fosse stata introdotta nel sistema del valore di scambio sotto il capitale (cosa che stavano vedendo accadere ai loro tempi e la terra trasformata in mercati immobiliari e così di seguito in mercati immobiliari privati)- questo avrebbe distrutto le basi dell'esistenza naturale da cui dipendiamo.
 
Vedi figure come Ebenezer Jones nel suo famoso libro sulla terra in Inghilterra. E figure come Karl Marx che sostengono una concezione del capitale naturale basata sul valore d'uso e non sul valore di scambio. Marx in seguito abbandonò la nozione di capitale naturale perché pensava che portasse a una nozione di naturalizzazione del capitalismo. E così ha adottato un vocabolario diverso distinguendo tra materia terrestre per la natura, e capitale terrestre, cioè quando il capitale si impossessa della natura e la trasforma in valore di scambio.
E c'è una nozione nota come il paradosso di Lauderdale che prende il nome dal conte di Lauderdale all'inizio del XIX secolo. Ha sviluppato questa nozione che il capitalismo, non ha usato il termine capitalismo ma era implicito. Voglio dire, il termine non esisteva ancora a quel tempo. Stava parlando di valori d'uso materiali naturali che costituiscono ricchezza pubblica come l'acqua, le foreste, i raccolti.
Ha sostenuto che il capitalismo o il sistema di scambio privato, poiché dipendeva dallo scambio, dipendeva dalla scarsità. Che le cose avevano davvero valore o potevano essere commercializzate solo se avevano un prezzo. E il prezzo dipendeva dalla scarsità.
 
Così quell'acqua liberamente disponibile e abbondante non aveva prezzo, non aveva valore di scambio. E l'aria non aveva valore di scambio perché era abbondante, liberamente disponibile. E tutto questo potresti applicarlo ad altri aspetti della natura, che erano in realtà una specie di doni gratuiti.
 
Il capitalismo è arrivato, e una delle cose che fa per creare un'economia basata sul valore di scambio e trarne profitto, è che vogliono rendere scarse queste risorse. E un modo per renderle scarse è semplicemente creando proprietà private e monopoli privati, che poi possono limitare l'accesso di altri alle risorse. Se ci sono pozzi per l'acqua, se qualcuno entra e se ne impossessa e diventa un monopolio privato, possono far pagare soldi per l'acqua.
Quindi l'economia privata lavora alla distruzione della ricchezza pubblica in vari modi. E ci lavora sistematicamente per creare mercati privati. E Ebenezer Jones in The Land Monopoly ha parlato di quello che succederebbe se l'aria nelle vicinanze di Londra si trasformasse in un mercato privato... Stava scrivendo all'inizio del XIX secolo, quindi non ha usato proprio queste espressioni, ma ora possiamo capirlo.
 
Tutti questi pensatori sostenevano che la natura doveva essere vista come un valore d'uso materiale naturale, la base della nostra esistenza. E non poteva ridursi a valore di scambio, a nesso monetario del mercato, senza distruggere le basi della nostra esistenza. Ed è così che è nato il concetto di capitale naturale. L'enfasi era sul naturale. Che questo era uno stock naturale e uno stock permanente da cui dipendevamo.
 
 
FRIES: Come scrivi nel tuo articolo Nature as a Mode of Accumulation questo concetto di capitale naturale radicato nel valore d'uso : “È stato reintrodotto nella discussione economica negli anni '70 e '80 a partire da Small is Beautiful (Piccolo è bello), di Schumacher, per evidenziare la ' liquidazione' dello stock di 'capitale naturale' come un fallimento di prim'ordine del sistema economico moderno, che rappresenta il punto di vista dell'economia ecologica.
 
Spiega anche che, in una tradizione basata sulla termodinamica, anche gli economisti ecologici inizialmente ispirati dalla pubblicazione di Nicholas Georgescu-Roegen del 1971, The Entropy Law and the Economic Process, hanno abbracciato questa nozione di capitale naturale. E l'hanno sposata, come dici tu, alla nozione di "capitale naturale critico" in conformità con quello che è noto come il postulato della sostenibilità forte.
 
Un approccio che poneva limiti alla crescita e determinava la sostenibilità in biofisica, quindi usa termini di valore.
 
E fondamentali per questo sono stati i tre principi di sostenibilità introdotti da Herman Daly, a cui hai fatto riferimento prima. Il primo principio riguardava le fonti rinnovabili, il secondo una fonte non rinnovabile e il terzo una sostanza inquinante.
 
Continua a scrivere in questo stesso articolo che : “Gli elementi di base della critica termodinamica dell'economia neoclassica di Nicholas Georgescu-Roegen furono accettati fin dall'inizio dagli economisti marxisti e visti come coerenti con la tradizione marxiana, sebbene privi di una critica sociale. "
 
Quindi parla ora della risposta neoclassica a tutto questo e di altri approcci ispirati da altre figure di spicco che la pensano allo stesso modo come Howard Odum, per esempio. In altre parole, parliamo ora della risposta neoclassica a una tradizione di economia ecologica in cui il concetto di capitale naturale era radicato in termini di valore d'uso.
 
FOSTER: Gli economisti neoclassici hanno lavorato per trasformare questo in un concetto di valore di scambio. All'inizio di questo secolo, l'economia neoclassica ha assunto in larga misura l'economia ecologica, che era stata una tradizione dissidente. E ha ridotto il concetto di capitale naturale a un concetto di valore di scambio che va misurato come capitale, in termini monetari, per essere un bene monetizzato.
La nozione di valore d'uso, di natura come valore d'uso costitutivo, in realtà non è affatto presente nell'economia neoclassica, che non utilizza il concetto di valore d'uso. Quindi, in pratica, c'è stato questo passaggio.
 
Parte del passaggio è stato associato ai calcoli che hanno fatto sui servizi ecosistemici e sulla ricchezza naturale. E  quei calcoli sono stati fatti su basi in gran parte fasulle, perché stavano trasformando in mercati ipotetici cose che non erano affatto mercati, ma una volta che ci hanno messo un cartellino del prezzo, il capitale ha iniziato a pensare: beh, come possiamo effettivamente trasformarli in mercati su cui poi possiamo capitalizzare.
FRIES: Parliamo di come sono arrivati a questi calcoli che danno un prezzo alla natura.
 
FOSTER: Se guardi a come è successo, in realtà c'è stato un grande dibattito su questo nell'economia ecologica. Ma vinse chi voleva ridurre la natura a valore di scambio o almeno a calcolarlo. E la figura di spicco in questo è stata Costanza che è stato anche Editore di Ecological Economics.
Nel 1997, sono usciti con il primo calcolo di ciò che i servizi ecosistemici mondiali valgono in valore monetario. Ora devi capire che questi non sono mercati reali. Quindi hanno fatto ogni sorta di manovre fantasiose per convertire ciò che la natura fa in mercati.
 
Quindi hanno diviso ciò che la natura fa a livello globale in 17 servizi ecosistemici che si verificano in tutto il pianeta. E hanno escogitato valori per ciascuno di questi servizi ecosistemici basati su metodi come il prezzo edonistico, che è fondamentalmente un modo per attribuire un valore alla natura sulla base di confronti con le pratiche attuali.
Quindi usano questo tipo di tecniche e usano quella che chiamano valutazione contingente in cui elaborano mercati ipotetici e poi sondano i consumatori su ciò che sono disposti a pagare. Usano questo tipo di tecniche per valutare un particolare ecosistema. E poi estrapolano gli studi su quell'ecosistema a livello globale e escogitano valori. Lo hanno fatto per circa 17 diversi servizi ecosistemici a livello globale e questo diventa quindi il valore dei servizi ecosistemici in tutto il pianeta.
 
Apparentemente lo hanno fatto per dare un valore alla natura in modo che le persone la proteggessero. Ma nel momento in cui questo ha cominciato ad accadere, ed era prevedibile, il capitale ha iniziato a vedere che questi servizi ecosistemici potevano essere trasformati in mercati. Valorizzati e trasformati in mercati e finanziati attraverso il debito, che finisce per essere acquistato e diventa la base per l'accumulazione finanziaria.
 
Lo stesso gruppo guidato da Costanza è uscito con un'altra stima dei servizi ecosistemici mondiali, che era ancora più alta. E ci sono stati di conseguenza tutti questi massicci incontri di società e l'istituzione di protocolli sul capitale naturale e vari modi di organizzare, studiare e capire come creare mercati da questi servizi ecosistemici emersi in cui tutte le società giganti erano direttamente coinvolte.
 
 
FRIES: Prova a darci più di un'idea delle ramificazioni di questo cambiamento nell'economia ecologica.
 
FOSTER: Nel 21° secolo, la natura è ora trattata come capitale, come valore di scambio, come fonte di valore di scambio. E se guardi al concetto di capitale naturale che si vede in questo nuovo tipo di economia neoclassica... la prospettiva economica dominante, il capitale naturale è usato per il bene naturale sottostante, che ora è visto come capitale ecologico.
 
Ma tutte le stime e le proiezioni e tutta la finanziarizzazione si basano sul concetto di servizi ecosistemici, visti come il flusso di entrate fornito dalla natura. Quando la natura fa cose come la fotosintesi, sta fornendo un servizio presumibilmente all'economia mondiale.
 
La natura non sa che lo sta facendo, potremmo dire. Ma nella loro teoria, la natura sta fornendo un servizio ecosistemico all'economia mondiale, che come qualsiasi flusso di entrate può essere capitalizzato.
 
Fondamentalmente, una volta che hanno capito che qui c'è un flusso di entrate dai servizi ecosistemici derivati dall'attività sottostante del capitale naturale, possono quindi prendere quel flusso di entrate e dividerlo per il tasso di sconto e moltiplicarlo per il cento per cento per ottenere un flusso previsto di entrate nel futuro. Diciamo in un secolo nel futuro e poi possono imporre debiti sulla base di quel flusso di entrate e finanziarizzare la natura e realizzare enormi profitti.
 
FRIES: Parla in modo più specifico di come il capitale naturale definito in termini di valore di scambio sia arrivato a incarnare e rappresentare la visione dell'economia ecologica.
 
FOSTER: Se guardi Ecological Economics, la rivista che era associata all'International Association for Ecological Economics, in realtà hanno avuto una battaglia tra Howard Odum, uno dei principali sviluppatori di ecologia dei sistemi nel mondo, e Robert Costanza sulla questione se la rivista avrebbe dovuto intraprendere la strada di concepire la natura come valore di scambio o se l'economia ecologica avrebbe dovuto mantenere una concezione profonda dell'ecologia basata sul valore d'uso.
 
Howard Odum e gli altri scienziati con cui era associato e che erano stati parte della fondazione di Ecological Economics, la rivista, furono praticamente buttati fuori. Questo è in qualche modo l'inizio dell'economia ecologica che diventa qualcosa di diverso, catturata o conquistata dall'economia neoclassica.
 
Ci sono persone come Robert Solow, il più prestigioso teorico neoclassico della crescita, che ha affermato che se le risorse naturali potessero essere sostituite, allora effettivamente non conterebbero più e potrebbero essere del tutto tralasciate.
 
Questo in realtà è ciò che è stato fatto con la funzione di produzione neoclassica. Il lavoro e il capitale sono gli unici fattori di produzione e la natura e la terra sono del tutto escluse. L'intera nozione di valore d'uso in natura è del tutto esclusa. Tutto, ma proprio tutto, è ridotto a valore di scambio.
 
Quindi ciò ha fornito il tipo di base teorica per la sostituibilità debole, che è l'idea che la natura non abbia molta importanza. Che i mercati possono sostituire le risorse naturali e qualsiasi cosa la natura faccia. E questo si è connesso con lo sviluppo di stime come quella di Costanza e altri dei servizi ecosistemici mondiali.
 
Molto presto abbiamo avuto queste nozioni riguardo alla finanziarizzazione della terra. Non semplicemente in senso accademico, ma ora trasferite dal mondo accademico al mondo del capitale, dove corporation e governi hanno iniziato a mettere in programma le politiche, i calcoli, i metodi, le strutture per trasformare effettivamente i servizi ecosistemici ovunque sul pianeta, in mercati economici che il capitale può finanziare e accumulare. 
 
FRIES: Quindi, John, abbiamo parlato dell'argomentazione che hai avanzato secondo cui questa finanziarizzazione della terra come nuovo regime ecologico sta accelerando la distruzione degli ecosistemi planetari e della terra come casa sicura per l'umanità. Parla per un momento di come, anche prima di questo nuovo regime ecologico, hai avvertito un ritmo accelerato di devastazione rispetto ai precedenti periodi del capitalismo.
 
Tra gli esempi di ciò, scrivi di come Darwin ai suoi tempi fosse stato colpito da come la colonizzazione europea avesse trasformato l'ecologia dell'isola di Sant'Elena in un deserto in soli tre secoli. (L'isola di Sant'Elena è stata resa famosa dal viaggio del Beagle.) Tuttavia, nell'attuale fase del capitalismo, i processi biogeochimici dell'intero sistema terrestre sono stati alterati in sole due generazioni.
 
FOSTER: Ho scritto di questo nel mio libro The Vulnerable Planet nel 1994, dove spiegavo come stavamo varcando le soglie dei processi biogeochimici del pianeta e minacciando l'intero sistema terrestre. Ma quello che mi ha colpito, e di cui ho scritto allora, è la velocità con cui stava avvenendo. La velocità era in termini di cambiamento climatico.
 
Abbiamo visto enormi cambiamenti geologici nella storia della terra. Ma non abbiamo visto nulla che accadesse a questa velocità. Questo è uno dei motivi per cui possiamo indicare le cause antropogeniche e la spaccatura antropogenica nel sistema terrestre, che è il modo in cui definiamo l'avvento dell'epoca dell'Antropocene nella storia del sistema terrestre. Ed è davvero la velocità del cambiamento.
 
I rapporti scientifici, anche se l'IPCC ha cercato di tenere il passo con questo, ma tutti i loro rapporti credo abbiano sottovalutato la velocità con cui stiamo trasformando la natura. E questo sotto la pressione di un sistema di accumulazione del capitale orientato alla crescita esponenziale.
 
A questo punto, generiamo enormi quantità di rifiuti economici ed ecologici. Cose di cui le persone non hanno né bisogno e non vogliono veramente. Abbiamo un sistema di marketing, un enorme sistema di marketing multimiliardario, orientato a convincere la gente a comprare sempre di più. E il nostro sistema è orientato alla crescita più rapida possibile. E per aggravare questo, anche nei periodi di espansione economica, attingiamo sempre di più all'estrazione dai sistemi naturali.
 
Questo è un sistema ad alta intensità energetica. Non si prende cura dei bisogni delle persone. La ricchezza creata non va alle popolazioni. E nell'ideologia dominante non si parla nemmeno più di gocciolamento,  trickle-down, ( https://it.wikipedia.org/wiki/Trickle-down), di cui si parlava nella mia giovinezza, perché tutti sanno che è falso.
Quindi stiamo creando un sistema che non avvantaggia economicamente la popolazione umana, mentre in realtà stiamo distruggendo l'intera terra. E il motore di questo è un processo di accumulazione di capitale. Che ora è altamente finanziariazzato e globalizzato ed è diventato il nemico dell'umanità e del pianeta. Mettiamo i profitti prima delle persone e del pianeta in tutti i casi in questa società. Non puoi risolvere le cose in questo modo.
 
Il capitale insiste nel dire: beh, la tecnologia risolverà il problema, perché non vuole la trasformazione sociale. Insistono nel dire: bene, possiamo farlo con la tecnologia. E la popolazione ci casca perché ha i cellulari in tasca e pensa: oh, la tecnologia è assolutamente meravigliosa.
 
Ma non importa quanto siano meravigliosi i telefoni cellulari, la tecnologia di comunicazione e altre tecnologie che abbiamo non ci consentono di trascendere le leggi della fisica. E oggi siamo proprio davanti i questo. E ciò implica davvero una crisi inimmaginabile per la popolazione della terra.
 
FRIES: L'epoca antropocenica a cui ti riferisci è ovviamente un riferimento al tempo geologico.
Per citare la locandina del tuo libro di prossima pubblicazione, Anthropocene Epoch, segna “una realtà mutata in cui le attività umane sono ora la principale forza geologica che colpisce la terra nel suo insieme, generando allo stesso tempo una crisi esistenziale per la popolazione mondiale. "
 
Parla di più della questione dell'argomento capitalista secondo cui la tecnologia può salvare l'umanità dalla rovina ecologica. Quindi cose come la geoingegneria.
 
FOSTER: Beh, non è solo geoingegneria, ma cose come i metodi di sequestro del carbonio e la cattura diretta dell'aria. Ma è interessante notare che nel Sesto Rapporto di Valutazione, AR6 dell'IPCC, la parte sulla mitigazione del rapporto, la Parte III del Gruppo di Lavoro Tre è stata pubblicata nell'aprile di quest'anno. Ma l'attuale rapporto di consenso scientifico, il rapporto scritto dagli stessi scienziati, è stato completato nell'agosto 2021.
 

I governi nel processo IPCC hanno il diritto di intervenire e riscrivere il rapporto scientifico, il Summary for Policy Makers (SPM). Hanno riscritto interamente il rapporto scientifico. Praticamente ogni riga del rapporto di consenso scientifico è stata censurata dai governi. E in alcuni punti si è trasformato nell'esatto opposto.

 
Lo sappiamo perché Scientist Rebellion nell'agosto 2021 ha fatto trapelare il rapporto di consenso scientifico sulla mitigazione che abbiamo pubblicato sul sito Web di Monthly Review. Quindi puoi confrontare ciò che gli scienziati hanno deciso con il Summary for Policy Makers (SPM) pubblicato dai governi.
 
Troviamo che nel rapporto di consenso scientifico hanno detto: queste tecnologie non sono disponibili. Non funzionerà, non possono svolgere un ruolo importante nel mantenerci al di sotto di 1,5 gradi Celsius, o anche al di sotto di 2,0 gradi Celsius.
 
E hanno detto che altre cose come le centrali a carbone dovevano essere eliminate a livello globale in questo decennio. E ciò di cui abbiamo bisogno sono fondamentalmente soluzioni a basso consumo energetico, che possano migliorare le condizioni delle società. Come diceva quel rapporto: migliorare le condizioni di tutti sulla terra ma anche usando meno energia nel processo.
 
FRIES: Nel 2019, scrivendo su come il capitalismo ha fallito e chiedendo cosa ci sarà dopo, hai sostenuto che :“Una volta che lo sviluppo umano sostenibile, radicato non nei valori di scambio, ma nei valori d'uso e nei bisogni umani genuini, arriva a definire il progresso storico, il futuro, che ora sembra chiuso, si aprirà in mille modi, consentendo forme di sviluppo del tutto nuove, più qualitative e collettive”.
 
Quindi, ciò che sta emergendo forte e chiaro in tutto questo è come, per come la vedi, la struttura sottostante dell'accumulazione di capitale stessa è ciò che ostacola le soluzioni reali alla crisi ecologica.
 
FOSTER: L'ironia è che il capitalismo ha creato questa crisi ecologica e la sta generando. E la risposta del capitale (e questo è tipico del sistema) è che abbiamo solo bisogno di una forma più intensiva, più estrema di accumulazione del capitale. La risposta alla crisi ecologica creata dal capitale è trasformare in capitale tutta l'ecologia mondiale. Rendere l'insieme della natura essenzialmente conforme alle leggi economiche. E gli economisti ei capitalisti dicono che questa è la risposta.
 
Il motivo per cui vende, nonostante la sua natura illogica, è che per il capitale questa è sempre la risposta. Se c'è una crisi, la crisi è perché c'è troppo poco capitale, non troppo. Dal punto di vista del capitale, la risposta a ogni crisi, una crisi economica, è ridistribuire il reddito dai poveri ai ricchi, cioè aumentare il potere del capitale. Se c'è un problema, una crisi ecologica, la risposta è aumentare il potere dei mercati dei capitali ed espanderlo nella natura.
 
Paul Hawken sostiene nel suo libro Natural Capitalism e altri con lui lo sostengono,  che non abbiamo davvero il capitalismo finché tutta la natura non fa parte del capitale, non fa parte del capitalismo. Ma è assurdo.
 
Viviamo all'interno di un pianeta. Il capitalismo esiste all'interno del pianeta. La società umana esiste all'interno del pianeta. Gli esseri umani vivono all'interno del pianeta. Non possiamo trasformare l'intero pianeta terra in una sorta di attributo del sistema di mercato capitalista senza distruggere il mondo. Ma è esattamente quello che stanno facendo.
 
La soluzione alla crisi ecologica che stanno sostenendo non implica prendere l'efficienza energetica e trasformarla in conservazione come si vede a Cuba. Prendono l'efficienza energetica e la trasformano in una maggiore espansione del sistema economico. E questo non aiuta. Questo è ciò che chiamiamo il paradosso di Jevons. Che più siamo efficienti nell'uso delle risorse, più risorse usiamo. Perché l'obiettivo non è conservare ma espandere l'economia e l'accumulazione di capitale. Bene, in un tale sistema, sei diretto verso la distruzione.
 
Ora la distruzione è molto vicina a noi. Siamo molto vicini ora all'aumento di 1,5 gradi della temperatura media globale. E secondo l'ultimo rapporto IPCC (AR 6, la base della scienza fisica) nel loro scenario più ottimistico raggiungeremo 1,5 gradi Celsius nel 2040. Ciò richiederebbe una sorta di trasformazione sociale su scala rivoluzionaria per essere realizzato.
 
È più probabile che raggiungeremo 1,5 gradi Celsius in questo decennio, in questo decennio, tra pochi anni. Siamo diretti oltre il bordo della scogliera in termini di punto di svolta per il clima, in cui raggiungeremo un cambiamento climatico irreversibile.
 
Anche nello scenario più ottimistico, nei prossimi decenni dovremo affrontare grandi catastrofi. Ma se non intraprendiamo l'azione che impedisce il cambiamento irreversibile, minacceremo la civiltà stessa nel senso più ampio del termine e la specie umana e miliardi di persone sulla terra.
Dobbiamo avere un metodo diverso. E' da sessant'anni che siamo a conoscenza del cambiamento climatico (cambiamento climatico accelerato o riscaldamento globale accelerato) e tutto ciò che abbiamo fatto è promuovere soluzioni capitaliste che ci hanno avvicinato all'orlo del precipizio. E ora siamo su un treno in corsa. È ora di tirare il freno di emergenza.
 
FRIES: C'è molto di più dietro questo e molto altro ancora nel tuo prossimo libro su Capitalism in the Anthropocene: Ecological Ruin or Ecological Revolution, ma per oggi dovremo lasciarlo lì. John Bellamy Foster, grazie.
 
FOSTER: Grazie.
 
FRIES: E da GPEnewsdocs a Ginevra, Svizzera, grazie per esserti unito a noi.
 
John Bellamy Foster è redattore di Monthly Review e professore di sociologia all'Università dell'Oregon. Ha scritto ampiamente sull'economia politica e si è affermato come un importante sociologo ambientale. È autore di Capitalism in the Anthropocene: Ecological Ruin or Ecological Revolution, un libro di prossima pubblicazione (2022) che sarà pubblicato da Monthly Review Press. Tra le numerose altre pubblicazioni, i libri precedenti includono Marx's Ecology: Materialism and Nature (2000), The Great Financial Crisis: Causes and Consequences (con Fred Magdoff, 2009), The Ecological Rift: Capitalism's War on the Earth (con Brett Clark e Richard York , 2010), The Theory of Monopoly Capitalism: An Elaboration of Marxian Political Economy (Nuova edizione, 2014) e The Return of Nature: Socialism and Ecology (2020).

https://gpenewsdocs.com/the-capitalist-solution-to-save-the-planet-make-it-an-asset-class-sell-it/

 
 
 
Questa argomento è stata modificata 4 giorni fa da ekain3
1 risposta
0

Mi sembra che questa foto anticipi e spieghi con chiarezza il capitalismo e i suoi fini:

(clic sul quadratino blu con il punto di domanda)

Questo post è stato modificato 3 giorni fa da Primadellesabbie
Condividi: