Notifiche
Cancella tutti

LA SVOLTA CONSERVATICE

   RSS

0
Topic starter

LA SVOLTA CONSERVATICE

Aleksandr Dugin

geopolitika.ru/it

17 maggio 2024

https://www.geopolitika.ru/it/article/la-svolta-conservatice

 

 

L'assunzione della carica da parte del Presidente Putin segna una nuova fase nella storia della Russia. Alcune linee dei periodi precedenti saranno sicuramente continuate, altre raggiungeranno una soglia critica, altre ancora saranno riportate indietro, ma deve anche nascere qualcosa di nuovo.

Vorrei richiamare l'attenzione sull'aspetto ideologico, che può diventare un vettore fondamentale dell'ulteriore sviluppo della Russia nel contesto internazionale.

Nel nostro feroce confronto con l'Occidente, che sta barcollando sull'orlo del conflitto nucleare e della Terza Guerra Mondiale, il problema dei valori sta diventando sempre più contrastante. La guerra in Ucraina non è solo un conflitto di Stati con i loro razionali interessi nazionali, ma uno scontro di civiltà che difendono ferocemente i loro sistemi di valori.

Oggi possiamo dire con certezza che la Russia ha puntato definitivamente sulla difesa dei valori tradizionali, ai quali lega i processi fondamentali di rafforzamento della propria identità civile e della propria sovranità geopolitica. Non si tratta semplicemente di interessi diversi di entità separate all'interno della stessa civiltà - quella occidentale - come fino a poco tempo fa era ancora possibile interpretare il conflitto tra la Russia e l'Occidente collettivo, anche se con una forzatura. È ormai evidente che due sistemi di valori si sono scontrati.

L'Occidente collettivo moderno è fermamente a favore di:

  • individualismo assoluto;
  • LGBT e politiche di genere;
  • cosmopolitismo;
  • una cultura dell'annullamento;
  • post-umanesimo;
  • migrazione illimitata;
  • la distruzione di tutte le forme di identità;
  • la teoria critica della razza (secondo la quale i popoli precedentemente oppressi hanno tutto il diritto di opprimere a loro volta i loro ex oppressori);
  • la filosofia relativista e nichilista del postmodernismo.

L'Occidente censura senza pietà la propria storia, proibisce libri e opere d'arte, e il Congresso degli Stati Uniti si sta preparando a rimuovere interi blocchi di scritture che presumibilmente offendono determinati gruppi di persone per motivi etnici e religiosi. Inoltre, lo sviluppo delle tecnologie digitali e delle reti neurali ha messo all'ordine del giorno il trasferimento dell'iniziativa di governare il mondo dall'umanità all'intelligenza artificiale - e alcuni autori occidentali stanno già esaltando questo come un incredibile successo e un momento di singolarità a lungo atteso.

A tutto questo, la Russia di Putin oppone esplicitamente una serie di valori molto diversi, molti dei quali sono legiferati nel decreto n. 809 del 9 novembre 2022. La Russia difende fermamente:

  • l'identità collettiva contro l'individualismo
  • il patriottismo contro il cosmopolitismo;
  • la famiglia sana contro la legalizzazione delle perversioni;
  • la religione contro il nichilismo, il materialismo e il relativismo;
  • l'essere umano contro gli esperimenti postumanisti;
  • l'identità organica contro la sua erosione
  • la verità storica contro la cultura dell'annullamento.

Ci sono due orientamenti opposti, inoltre, due ideologie antagoniste, sistemi di visione del mondo. La Russia sceglie la tradizione - l'Occidente, al contrario, tutto ciò che non è tradizionale e persino anti-tradizionale.

Ciò rende il conflitto in Ucraina, dove queste due civiltà si sono affrontate in una battaglia feroce e decisiva, qualcosa di molto più di un normale conflitto di interessi. C'è, certo, ma non è l'aspetto principale. L'aspetto principale è che due modelli di ulteriore sviluppo dell'umanità sono entrati nel confronto: il percorso liberale, globalista e anti-tradizionale dell'Occidente moderno o il percorso alternativo, multipolare e policentrico con la conservazione della tradizione e dei valori tradizionali, per il quale la Russia sta combattendo.

Qui è il momento di notare che il mondo multipolare, a cui la Russia ha proclamato la sua fedeltà durante la precedente fase di governo di Putin, ha senso solo se riconosciamo che ogni polo, ogni civiltà (oggi chiaramente rappresentata nei BRICS) ha diritto alla propria identità, alla propria tradizione, al proprio sistema di valori. Il multipolarismo acquista senso e giustificazione se si parte dalla pluralità delle culture esistenti e si riconosce loro il diritto di conservare la propria identità e di svilupparsi sulla base di principi interni. Ciò significa che i poli del mondo multipolare, a differenza del modello unipolare globalista, dove i valori occidentali dominano di default come valori universali, seguono in misura maggiore o minore il percorso della Russia, ma solo schermando i loro valori tradizionali, che sono ogni volta diversi.

Lo vediamo chiaramente nella Cina moderna. Non solo rifiuta il globalismo, il liberalismo e il capitalismo globale come dogmi, pur mantenendo molte caratteristiche dello stile di vita socialista, ma si rivolge sempre più ai valori eterni della cultura cinese, facendo rivivere in modo nuovo l'etica politica e sociale di Confucio, che ha ispirato e ordinato la società per diversi millenni. Non è un caso che una delle principali teorie delle relazioni internazionali della Cina moderna sia l'antica idea di Tianxia, in cui si pensa che la Cina sia al centro del sistema mondiale, con tutte le altre nazioni che circondano il Celeste Impero alla periferia. La Cina è il proprio centro assoluto, aperto al mondo, ma che custodisce rigorosamente la propria sovranità, unicità e identità.

L'India moderna (Bharat) si sta muovendo nella stessa direzione, soprattutto sotto il governo di Narendra Modi. Anche in questo caso, è dominata da un'identità profonda, l'Hindutva, che fa rivivere le basi dell'antica cultura vedica, della religione, della filosofia e dell'ordine sociale.

Il mondo islamico rifiuta in modo ancora più categorico il sistema di valori dell'Occidente collettivo, che non è affatto compatibile con le leggi, le regole e gli atteggiamenti islamici. In questo caso, l'accento è posto sulla tradizione.

I popoli africani si stanno muovendo nella stessa direzione, intraprendendo un nuovo ciclo di decolonizzazione, questa volta della coscienza, della cultura e del modo di pensare. Sempre più pensatori, politici e personaggi pubblici africani si rivolgono alle radici delle loro culture autoctone.

Anche l'America Latina sta gradualmente scoprendo questi nuovi orizzonti di tradizionalismo, religione e radici culturali, entrando sempre più in conflitto diretto con le politiche degli Stati Uniti e dell'Occidente collettivo. E la specificità dell'America Latina è che per molto tempo la lotta anticoloniale è stata condotta prevalentemente con slogan di sinistra. Ora la situazione sta cambiando: la sinistra sta scoprendo le origini tradizionali e conservatrici della sua lotta (ad esempio, nella “teologia della liberazione” dominata dai cattolici) e sta crescendo un fronte anticoloniale conservatore (ad esempio, la “teologia dei popoli”).

Ma finora nessuna delle civiltà orientate al multipolarismo e che prediligono la tradizione è entrata in conflitto armato diretto con l'Occidente, tranne la Russia. Molti esitano, aspettando il finale di questo drammatico confronto e, sebbene potenzialmente la maggioranza dell'umanità rifiuti l'egemonia dell'Occidente e i suoi sistemi di valori, nessuno, a parte noi, è pronto a entrare in uno scontro diretto con esso.

Ciò offre alla Russia un'occasione unica per assumere la guida della svolta conservatrice globale. È giunto il momento di dichiarare direttamente che la Russia è in guerra con la pretesa di universalità dei valori della civiltà occidentale e si schiera interamente a favore della tradizione, sia della propria (popolare russa, ortodossa) sia di tutte le altre. Dopotutto, nel caso del trionfo del globalismo e della conservazione dell'egemonia occidentale, anch'essi sono minacciati da una distruzione imminente.

Tutte le civiltà del mondo sono conservatrici, questa è la loro identità. E ne sono sempre più consapevoli. Solo l'Occidente postmoderno ha deciso di rompere radicalmente con le sue radici cristiane classiche e ha iniziato a costruire una cultura della degenerazione, della perversione, della patologia e della sostituzione tecnica delle persone con organismi postumani (dall'IA ai cyborg, alle chimere e ai prodotti dell'ingegneria genetica). E nello stesso Occidente, una parte significativa della società rifiuta questo percorso e si oppone sempre più al cammino delle élite liberali postmoderne al potere verso l'abolizione definitiva dell'identità culturale e storica delle stesse società occidentali.

Nel suo nuovo mandato presidenziale, avrebbe perfettamente senso che Putin proclamasse la difesa della tradizione - in Russia e nel mondo, compreso lo stesso Occidente - come sua principale missione ideologica. Vladimir Putin è già il più grande leader agli occhi di tutta l'umanità, che svolge questo ruolo, resistendo eroicamente all'egemonia occidentale. È giunto il momento di annunciare la missione globale della Russia per proteggere le civiltà e i loro valori tradizionali. Smettere di stare al gioco dell'Occidente e di utilizzare le sue strategie, i suoi termini, i suoi protocolli e i suoi criteri. La sovranità civile consiste nel fatto che ogni nazione ha il pieno diritto di accettare e rifiutare qualsiasi linea guida esterna, di svilupparsi nel proprio modo speciale, indipendentemente dal fatto che qualcuno dall'esterno possa esserne insoddisfatto.

Così, recentemente, il 7 maggio, il quotidiano britannico Mirror ha dichiarato che nove parole del discorso inaugurale del Presidente Putin sono “una terribile minaccia per l'Occidente”. Queste parole erano: “La Russia stessa e solo lei determinerà il proprio destino!”. In altre parole, qualsiasi accenno alla sovranità è percepito dall'Occidente come una dichiarazione di guerra contro di esso. La Russia ha accettato ed è pronta a sostenere chiunque difenda la sua sovranità con la stessa forza.

Naturalmente, ogni civiltà ha i suoi valori tradizionali, ma oggi sono tutti sotto attacco da parte di una civiltà aggressiva, intollerante, ingannevole e perversa, che sta conducendo una guerra spietata contro qualsiasi tradizione - contro la tradizione in quanto tale. La Russia di Putin, in questa situazione, può dichiararsi apertamente portatrice di una missione inversa: diventare il difensore della tradizione e della norma, della continuità e dell'identità.

In precedenza, nel XX secolo, l'influenza della Russia nel mondo poggiava principalmente sul movimento di sinistra. Ma oggi si è gradualmente spento, assorbito dal liberalismo o esaurito da solo (con poche eccezioni, e il più delle volte in alleanza con tendenze conservatrici anticoloniali). Ora vale la pena scommettere sui conservatori, sostenitori dell'identità civile. Nasce così un nuovo slogan: tradizionalisti di tutti i Paesi, unitevi!

Non dobbiamo d’altronde imbarazzarci, vergognarci o nasconderlo. Quanto più fiduciosamente intraprenderemo questo cammino, tanto più velocemente e con maggiore sicurezza crescerà la nostra influenza nel mondo. Se abbiamo scelto di puntare sul multipolarismo, dobbiamo essere coerenti in questo.

Tutti vedono già Putin come la figura chiave della rinascita conservatrice. È tempo di proclamarlo apertamente. Le critiche dell'Occidente non possono essere evitate in ogni caso, ma ora i fattori decisivi nelle relazioni con l'Occidente sono diversi e i nostri alleati - attuali e potenziali - inizieranno a sostenere la Russia con rinnovato vigore. Dopo tutto, i nostri obiettivi e le nostre finalità di vasta portata saranno ora chiari per loro. Si fideranno di noi e inizieranno a costruire insieme a noi un mondo equo ed equilibrato nell'interesse dell'intera umanità, senza alcuna diffidenza o esitazione.

 

 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Condividi: