Notifiche
Cancella tutti

LA TUA GUIDA ALLA GUERRA DI QUINTA GENERAZIONE

   RSS

0
Topic starter

LA TUA GUIDA ALLA GUERRA DI QUINTA GENERAZIONE

James Corbett

Fonte: The Corbett Report

Martedì 18 aprile 2023

Link: https://www.corbettreport.com/5thgen/

 

Siamo nel bel mezzo di una guerra che sta cambiando il mondo. Tuttavia, questa non è una guerra ordinaria. La maggior parte delle vittime di questa guerra non è nemmeno in grado di identificarla come tale, né capisce di esserne un combattente. Si chiama guerra di quinta generazione e sono qui per raccontarvi tutto.

THE CORBETT REPORT PODCAST

EPISODE 441

<iframe width="400" height="30" src="https://www.corbettreport.com/?powerpress_embed=48323-podcast&amp;powerpress_player=mediaelement-audio" title="Blubrry Podcast Player" frameborder="0" scrolling="no"></iframe>

Per chi ha una larghezza di banda limitata,  CLICCA QUI  per scaricare una versione più piccola e di dimensioni inferiori di questo episodio.

Per coloro che sono interessati alla qualità audio,  CLICCA QUI  per la versione di massima qualità di questo episodio (ATTENZIONE: download molto grande).

 

TRASCRIZIONE E FONTI

Siamo nel bel mezzo di una guerra che in questo momento sta cambiando il mondo.

Oh, non intendo la guerra in Ucraina, quella su cui tutti i media ti chiedono di concentrare la tua attenzione. Sì, quel conflitto continua a intensificarsi e ogni giorno ci sono nuove storie su provocazioni e minacce che potrebbero portare a uno scambio nucleare… ma non è questa la guerra a cui mi riferisco.

No, la guerra  di cui sto parlando è una guerra ancora più vasta. Una guerra che sta avvenendo ovunque nel mondo, proprio mentre parlo, e che coinvolge praticamente tutti sul pianeta, giovani e meno giovani, uomini e donne, militari e civili. È la guerra di ogni governo contro il proprio popolo e di ogni istituzione internazionale contro la libera umanità.

Tuttavia, questa non è una guerra ordinaria. La maggior parte delle vittime di questa guerra non è nemmeno in grado di identificarla come guerra, né capisce di esserne un combattente.

Si chiama guerra di quinta generazione e sono qui per raccontarvi tutto.

Sono James Corbett di The Corbett Report e questa è la tua guida alla guerra di quinta generazione

 

CHE COS'È LA GUERRA DI QUINTA GENERAZIONE?

Che cos'è la guerra di quinta generazione, comunque? E, a pensarci bene, quali furono le prime quattro generazioni di guerra?

Buone domande. Per una risposta approfondita a quest'ultima domanda, ti consigliamo di leggere "The Changing Face of War: Into the Fourth Generation" - un articolo del 1989 della Marine Corps Gazette co-autore di William S. Lind - e dovresti anche leggere "William S. Lind & Philip Giraldi – Fourth Generation Warfare & The Deep State".

WILLIAM S. LIND: Questa città e ogni capitale del mondo è completamente ignara del fatto che è coinvolta in un cambiamento nella guerra così grande che non solo rende obsolete le nostre attuali politiche estere e di difesa, ma essenzialmente rende obsoleta l'intera quadro entro il quale si pensa alla difesa e alla politica estera. […] Il cambiamento è ciò che chiamo l'ascesa della guerra di quarta generazione e questa è specificamente la quarta generazione della guerra moderna. […] Pensiamo ora agli affari esteri e alla difesa nel quadro dello stato-nazione. Le forze armate sono progettate per combattere altre forze armate statali. Ma quella realtà sta cambiando. […] Quello che sta accadendo oggi nel mondo in un numero sempre maggiore di luoghi è che le forze armate statali si trovano a combattere non contro altre forze armate statali, ma contro forze di quarta generazione. Forze non statali.

FONTE: Lo Stato e la guerra moderna https://www.youtube.com/watch?v=ipWqr1Vnyj4

In poche parole, la tesi di Lind et al. è che l'"età moderna" della guerra iniziò con il Trattato di Vestfalia del 1648, che, secondo Lind, "dava allo stato il monopolio della guerra". Da quel momento in poi, la guerra moderna ha attraversato tre generazioni, vale a dire:

  • Guerra di prima generazione: la tattica della linea e della colonna, sviluppata nell'era del moschetto a canna liscia;
  • Guerra di seconda generazione: la tattica del fuoco indiretto e del movimento di massa, sviluppata nell'era del moschetto rigato, delle retrocarica, del filo spinato e della mitragliatrice; e
  • Guerra di terza generazione: le tattiche del movimento non lineare, comprese le manovre e l'infiltrazione, sviluppate in risposta all'aumento della potenza di fuoco sul campo di battaglia durante la prima guerra mondiale.

Questo, secondo Lind e i suoi coautori, ci ha portato alla fine del XX secolo, quando lo stato-nazione iniziò a perdere il monopolio della guerra e il combattimento militare tornò a una forma decentralizzata. In quest'era - l'era della  guerra di quarta generazione - il confine tra "civile" e "militare" diventa sfumato, gli eserciti tendono a impegnarsi in operazioni di controinsurrezione piuttosto che in battaglie militari, e i nemici sono spesso motivati ​​dall'ideologia e dalla religione, attuando operazioni psicologiche più importanti che mai.

Ma, sostengono alcuni, siamo ora entrati in una nuova era della guerra, vale a dire la guerra di quinta generazione.

C'è ancora un gran dibattito su ciò che definisce la guerra di quinta generazione, su come sappiamo di esserne coinvolti, o anche se esiste (Lind, per esempio, rifiuta il concetto). Vari studiosi hanno tentato di definire la guerra di quinta generazione (5GW), come il dottor Waseem Ahmad Qureshi, che la identifica  come "la battaglia delle percezioni e dell'informazione", o Qiao Liang e Wang Xiangsui dell'Esercito popolare di liberazione, che scrivono dell'era della "guerra senza limiti" in cui "una relativa riduzione della violenza militare" ha portato a "un aumento della violenza politica, economica e tecnologica". Se i dibattiti accademici sulla natura mutevole della guerra fanno per te, allora sull'argomento c'è molto da leggere, da The Handbook of 5GW: A Fifth Generation of War?  a una sfilza di articoli accademici. Ma per gli scopi di questo editoriale, non sono interessato a quel dibattito. In effetti, useremo una definizione decisamente non accademica di guerra di quinta generazione tratta da un articolo di Al Jazeera come punto di partenza: "L'idea alla base di questo termine [5GW] è che nell'era moderna le guerre non sono combattuta da eserciti o guerriglieri, ma nella mente dei comuni cittadini". Ci sono due cose importanti da notare su questa definizione. La prima è che la guerra di quinta generazione non è condotta contro eserciti permanenti di stati-nazione o guerriglieri ribelli, ma contro cittadini comuni. La seconda è che questa guerra non viene combattuta in un campo di battaglia da qualche parte, ma nella mente. Allargherò un po' la definizione per includere il fatto che questa guerra viene condotta a tutti i livelli, non solo a quello mentale. Il succo è questo: la guerra di quinta generazione è una guerra a tutto campo che viene intrapresa contro tutti noi dai nostri governi e dalle organizzazioni internazionali a cui appartengono. Viene condotta contro ognuno di noi in questo momento, ed è una battaglia per il dominio a tutto spettro su ogni singolo aspetto della tua vita: i tuoi movimenti e interazioni, le tue transazioni, persino i tuoi pensieri, sentimenti e desideri più intimi. I governi di tutto il mondo stanno lavorando con le aziende per sfruttare la tecnologia per controllarti fino al livello genomico e non si fermeranno fino a quando ogni persona che resiste loro non sarà sottomessa o eliminata. La parte più incredibile di tutto questo è che così pochi sanno che la guerra è in corso, figuriamoci che ne sono i combattenti. Il modo migliore per comprendere questa guerra è esaminare alcuni dei modi in cui viene intrapresa contro di noi.

 

GUERRA DELL'INFORMAZIONE

Fermami se l'hai già sentito prima, ma questa è una guerra informatica e i poteri che non-dovrebbero-essere sono impegnati in "una guerra per la tua mente". Naturalmente, avrai sentito parlare di "Infowars" se sei stato nello spazio dei media alternativi per un certo periodo di tempo. E per una buona ragione: la guerra dell'informazione è una parte assolutamente essenziale della guerra contro tutti che definisce la guerra di quinta generazione. Il modo più ovvio per capirlo è guardare alle effettive forze militari che si stanno impegnando in operazioni psicologiche contro i propri cittadini.

DAN DICKS Qui dice:

"Una lettera del governo della Nuova Scozia inviata ai residenti per avvertire di un branco di lupi in libertà nella provincia è stata falsificata dal personale militare canadese come parte di una missione di addestramento di propaganda che è andata fuori dai binari.

"La lettera diceva ai residenti di diffidare dei lupi che erano stati reintrodotti nell'area dai governi provinciale e federale e avvertiva che gli animali stavano ora vagando per la valle di Annapolis. La lettera, che in seguito divenne pubblica, suscitò preoccupazione e domande tra i residenti ma fu successivamente bollata come "falso" dal governo della Nuova Scozia che non sapeva che dietro l'inganno ci fossero i militari. "L'addestramento prevedeva anche l'uso di un altoparlante per generare suoni di un lupo, hanno confermato le forze armate canadesi a questo giornale". Ragazzi, lasciate che affondi per un secondo. Hanno creato una falsa lettera del governo, l'hanno messa in giro dicendo che ci sono lupi pericolosi e hanno installato altoparlanti nell'area che proiettano ululati di lupo! Questa non è solo ricerca, lo sai. Questo non è solo un esercizio di allenamento. Si stanno impegnando attivamente in questa operazione psicologica per spaventare le persone usando degli altoparlanti. Questo è incredibile.

FONTE: Smascherata campagna di paura di inesistenti lupi da parte di militari canadesi! ma non potrai credere a quello che stanno per fare dopo!

Ma non sono solo le vere e proprie operazioni militari di soldati vestiti con tute mimetiche che fanno parte di questa infowar di quinta generazione. Nella guerra contro tutti, l'establishment utilizza ogni mezzo a sua disposizione per manipolare la percezione del pubblico. Così, Richard Stengel, l'ex direttore di  Time  che ha conferito  a te il (dis)onore di persona dell'anno di Time! nel 2006, è lieto di presiedere una conversazione del Council on Foreign Relations in cui difende l'uso della propaganda da parte del governo degli Stati Uniti contro i propri cittadini.

RICHARD STENGEL: Fondamentalmente, ogni paese crea una propria storia narrativa. E, sai, il mio vecchio lavoro al Dipartimento di Stato era quello che la gente diceva scherzosamente come il principale lavoro di propagandista. Non abbiamo parlato di propaganda. Non sono contro la propaganda. Ogni paese la fa e deve farla alla propria popolazione e non penso necessariamente che sia così terribile.

FONTE: Interruzioni politiche: lotta alla disinformazione e alle notizie false

Oppure prendi Hill & Knowlton, la società di pubbliche relazioni assunta dal governo kuwaitiano per creare l'inganno di Nayirah [la falsa testimonianza della figlia quindicenne dell’ambasciatore del Kuwait negli USA contro soldati iracheni, ndt] nella prima guerra del Golfo…

"NAYIRAH": “Hanno tolto i bambini dalle incubatrici… Presero le incubatrici e lasciarono morire i bambini sul freddo pavimento”.

FONTE: Violazioni dei diritti umani in Kuwait

… metodo che venne replicato dall'OMS nel 2020 quando trovava celebrità da utilizzare come "influencer" per amplificare messaggi truffaldini.

ANNUNCIATORE: L'evento One World Together At Home ha presentato un Who's Who delle migliori star della musica e celebrità, che si sono riunite durante il fine settimana per una trasmissione speciale di musica, commedie e messaggi personali, il tutto in segno di gratitudine verso coloro che in tutto il mondo sono in prima linea per combattere la pandemia di coronavirus.

MATTHEW MCCONAUGHEY: Allora cosa possiamo fare? Dobbiamo prenderci cura dei nostri operatori sanitari e dobbiamo fargli guadagnare tempo prendendoci cura di noi stessi.

ANNUNCIATORE: L'evento è stato predisposto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dal gruppo no-profit Global Citizen.

FONTE: Le celebrità eseguono un concerto virtuale "One World": "Una lettera d'amore al mondo"

Oppure prendi lo Scientific Pandemic Influenza Group on Behaviors del governo britannico, che ammette apertamente  di utilizzare tecniche psicologiche per manipolare il pubblico a temere i complottisti, una mossa che alcuni  membri del panel hanno definito "totalitaria" … e nessuno fa una piega. Forse la parte più insidiosa dell'infowar di quinta generazione è che è diventata così normalizzata che tutti sanno che sta accadendo, ma nessuno la considera una guerra. Ovviamente tutto è "pubblicità" e "propaganda". E ovviamente viene usato per manipolare il nostro comportamento. È così che funziona il mondo, no? Ma ignoriamo la vera natura della guerra informatica a nostro rischio e pericolo. Dopotutto, ho spesso osservato che questa è una guerra contro la tua mente e che lo spazio di battaglia più conteso al mondo è lo spazio tra le tue orecchie. Potresti aver pensato che lo intendessi metaforicamente, ma in realtà lo intendo letteralmente. Il che ci porta a….

 

GUERRA NEUROLOGICA

Se ascolti il ​​Dr. James Giordano parlare senza ascoltare quello che sta dicendo, hai l'impressione che sia semplicemente uno scienziato eloquente e ben informato appassionato della sue ricerche. Quando ascolti  ciò che sta dicendo, tuttavia, o anche solo guardi le sue diapositive PowerPoint, come la diapositiva "NeuroS/T per NSID", ti rendi conto che è il dottor Stranamore. O, se non il dottor Stranamore in persona, almeno il  suo portavoce.  Ma non è l'Armageddon nucleare a motivare Giordano, è ciò che chiama "armi di distruzione di massa", le varie tecnologie per l'intervento neurologico che le forze armate statunitensi e le forze armate di tutto il mondo stanno sviluppando. Queste includono (secondo lo schema ben collaudato di Giordano) le "droghe, insetti, tossine e dispositivi" che possono migliorare o interrompere le funzioni cognitive del loro obiettivo, come i nanoparticolati "ad alta aggregazione del sistema nervoso centrale" che, secondo Giordano, "si raggruppano in cervello o nel sistema vascolare" e "creano essenzialmente quella che sembra una diatesi emorragica". Per quanto fantascientifico possa sembrare, insiste sul fatto che questi nanoparticolati (e molte, molte altre orribili armi neurologiche) sono già in lavorazione:

JAMES GIORDANO: L'idea qui è che posso ottenere qualcosa chiamato materiale ad alta aggregazione del SNC che è essenzialmente invisibile ad occhio nudo e anche alla maggior parte degli scanner perché è così piccolo che passa selettivamente attraverso la maggior parte dei livelli di porosità del filtro. Questi vengono quindi inalati attraverso la mucosa nasale o assorbiti attraverso la mucosa orale. Hanno un'elevata affinità con il SNC. Si aggregano nel cervello o nel sistema vascolare e creano essenzialmente quella che sembra una diatesi emorragica; in altre parole, una predisposizione all'emorragia o una predisposizione al coagulo nel cervello. Quello che ho fatto è stato creare un agente che crei un ictus, ed è molto, molto difficile ottenere l'attribuzione per farlo. Posso usarlo su una varietà di livelli, dall'individuo al gruppo. Altamente dirompente. E, infatti, questa è una delle cose che è stata analizzata ed esaminata in una certa misura dai miei colleghi della NATO e da coloro che stanno lavorando al peggior uso delle scienze neurobiologiche per creare disgregazione demografica. Molto, molto preoccupato per il potenziale per questi agenti nanoparticellari di essere agenti di aggregazione del SNC per causare interruzioni neurali.

FONTE: Brain Science dal banco al campo di battaglia: le realtà - e i rischi - delle neuroarmi | Seminario CGSR

E nel caso non avessi capito il punto, noterai che illustra la sua diapositiva con l'immagine di un cervello umano nel mirino di una di queste armi neurologiche. Non c'è niente di difficile da capire nel quadro che viene dipinto qui: siamo in guerra con un nemico che sta letteralmente prendendo di mira il nostro cervello. Ma ancora una volta, non è solo l'uso letterale di armi neurologiche da parte delle forze armate convenzionali in contesti di guerra convenzionale di cui noi, i combattenti in gran parte inconsapevoli della guerra di quinta generazione contro tutti, dobbiamo preoccuparci. Come i miei ascoltatori già sanno, il tecnocrate dichiarato Elon Musk sta cercando di vendere la sua tecnologia del chip cerebrale Neuralink alla folla hipster come un modo interessante e sexy per incrementare la tua coscienza… o così che la futura divinità dell'IA potrà avere pietà di noi. O qualcosa di simile. Ad ogni modo, dovresti assolutamente inserire il Neuralink nella tua testa alla prima occasione! E sicuramente non porre qualsiasi domanda sul motivo per cui così tante scimmie macaco e altri animali da laboratorio che Neuralink stava usando nei test di prova nell’esperimento di "interfaccia cervello-macchina" sono morti. Per chiunque non sia ancora vittima dell'operazione di guerra dell'informazione progettata per preparare l'umanità all'imminente distopia transumana, tutto questo suona folle. Ma per coloro che si sono innamorati della psyop del nemico delle guerre informatiche, questi tipi di tecnologie che alterano la mente sono esattamente come pubblicizzati: opportunità entusiasmanti per "aggiornare" il debole wetware biologico che chiamiamo il nostro cervello. Ma se pensi di poter evitare l'aspetto biologico della guerra di quinta generazione semplicemente evitando il chip cerebrale, sei sfortunato. Dovrai anche fare i conti con…

 

GUERRA BIOLOGICA

La narrativa della guerra biologica è, comprensibilmente, tornata in prima linea nella coscienza pubblica negli ultimi anni, non solo a causa della truffa, ma anche a causa delle domande sollevate sui biolaboratori ucraini sostenuti dagli Stati Uniti e qualunque lavoro possano o meno svolgere alle porte della Russia. Questa immagine, ad esempio, arriva direttamente da Army.mil, che è stato fin troppo felice di vantarsi solo lo scorso luglio [2021] che i soldati statunitensi stavano conducendo "esercitazioni pratiche ed esercitazioni sul campo con le truppe ucraine in ambienti di laboratorio e sul campo" che includevano la garanzia della prontezza di "laboratori mobili smontabili". Niente da vedere qui, gente. (Forse l'unica cosa sorprendente dell'articolo è che non l'hanno cancellato dal loro sito web... per ora) Tuttavia, ancora una volta, se pensiamo alla guerra biologica solo in termini militari convenzionali, trascuriamo l'operazione molto, molto più ampia per manipolare, controllare e armare tutti gli aspetti del nostro ambiente, il nostro approvvigionamento alimentare e persino il nostro stesso genoma secondo i fini degli oligarchi al potere. Questa guerra biologica di quinta generazione intrapresa contro di noi include:

  • I "vaccini" vettoriali a mRNA e DNA e adenovirus geneticamente modificati che sono stati "normalizzati" negli ultimi due anni e che, come amano vantarsi le aziende miracolosamente "fortunate"che hanno scommesso tutto su questa tecnologia, che sta riprogrammando il "software della vita".
  • Gli organismi geneticamente modificati - sia colture ogm che animali ogm - che vengono ora liberati nel mondoin un  esperimento incontrollato che mette a  repentaglio la nostra salute e il futuro stesso della biosfera.
  • La spinta verso il "cibo" sintetico, di laboratorio, che viene finanziato dai soliti miliardari eugenetistiche minaccia di separare l'umanità dall'abbondanza naturale della terra, ci rende dipendenti da un numero sempre più ridotto di aziende per il nostro approvvigionamento alimentare e, in definitiva, per guidarci verso un futuro in stile Soylent Green [il cibo degli uomini comuni nel film distopico “2022 i sopravvissuti”, ndt].

Sono sicuro che puoi riempire gli spazi vuoti con una miriade di altri esempi degli attacchi all'aria, all'acqua e al bioma del mondo che costituiscono questa guerra biologica senza limiti di quinta generazione condotta contro di noi.Quando e se metterai insieme i pezzi di questo puzzle e cercherai di avvertire le persone in massa che sono sotto attacco, la tua capacità di resistere a questo programma si baserà sulla tua capacità di usare le tue risorse accumulate (la tua ricchezza) per promuovere comunità di resistenza. Non preoccuparti, però; anche il nemico ha coperto quel dominio.

 

GUERRA ECONOMICA

Visti gli avvenimenti delle ultime settimane, anche i più addormentati ora si rendono conto che siamo in un periodo di guerra economica. Anche questa guerra ha i suoi aspetti convenzionali. Sul tabellone 2D, abbiamo visto l'impero NATO lanciare le sue armi di distruzione finanziaria contro la Russia nelle ultime settimane e, esattamente come previsto, ha portato al consolidamento di un comodo blocco geopolitico di spauracchi e a una gigantesca perdita di fiducia nello stesso sistema monetario internazionale. E, anche come previsto, ha fornito il "Problema" e la "Reazione" necessari ai tecnocrati per presentare la loro "Soluzione" predeterminata di Central Bank Digital Currencies (CBDC). Basta chiedere a Larry Fink, CEO di BlackRock:

La guerra spingerà i paesi a rivalutare le loro dipendenze valutarie. Anche prima della guerra, diversi governi cercavano di svolgere un ruolo più attivo nelle valute digitali e di definire i quadri normativi in ​​base ai quali operano.

Questa non è semplicemente una battaglia tra stati-nazione o anche tra blocchi di potere in competizione. Questa è una battaglia condotta da ogni struttura di potere autoritario e da ogni governo (ma mi ripeto) contro i propri cittadini per il controllo della risorsa più importante di tutte: i loro portafogli. Sì, stiamo assistendo all'inizio di un vero momento storico mondiale: il crollo della Pax Americana, la morte del sistema di riserva del dollaro e l'inizio di un paradigma monetario completamente nuovo, il sistema di moneta programmabile "Central Bank Digital Currency". che sarà in grado di controllare algoritmicamente quando, come e se è consentito effettuare transazioni nell'economia. Dobbiamo solo guardare ai recenti eventi in Canada  per capire come sarà. Questo perfetto controllo dell'umanità fino al livello di essere in grado di assistere e, in ultima analisi, consentire o impedire qualsiasi transazione tra qualsiasi individuo in qualsiasi momento, rappresenta l'apoteosi della tecnocrazia e uno degli obiettivi chiave della stessa guerra di quinta generazione. Mentre questo incubo si avvicina sempre di più alla realtà, tutto sembra senza speranza. Ma poi di nuovo, questo è  esattamente il punto

 

LA VERA GUERRA

Potrei  andare avanti. E ancora e ancora e ancora. Ma spero che ormai tu abbia capito il punto: c'è una guerra mondiale in corso proprio ora. È una guerra di quinta generazione (o come vuoi chiamarla). Viene condotta simultaneamente in tutti i domini. È una guerra per il dominio a tutto campo di ogni campo di battaglia e di ogni terra, dai confini più remoti del globo (e oltre ) agli spazi interni del tuo corpo e persino ai tuoi pensieri più intimi. Ed è una guerra contro di te. Riconoscendo questo, il compito che dobbiamo affrontare sembra quasi insormontabile. Come possiamo contrattaccare in una guerra che la maggior parte delle persone non riconosce nemmeno che sta avvenendo? Come contrattaccare contro un nemico che ha passato decenni a perfezionare le sue armi di controllo economico e militare, tecnologico e biologico? Come possiamo reagire in una guerra che non si svolge su due fronti o addirittura su tre fronti, ma in ogni dominio e campo di battaglia contemporaneamente? Inquadrate in questo modo, le nostre prospettive sembrano davvero senza speranza. Ma qui sta la chiave: la nostra percezione che sia nostro dovere "contrattaccare" contro il nemico nella sua  guerra sul suo campo di battaglia secondo i suoi termini di impegno è essa stessa una cornice narrativa. E quella stessa narrazione è un'arma che viene brandita contro di noi nella battaglia per le nostre menti. Mi lascerai lo spazio qui per citarmi a lungo perché questo è un punto che ho già sottolineato molte volte, forse in particolare nella mia conversazione su "The Anatomy of the New World Order" che ho avuto con Julian Charles su The Mind Renewed podcast dieci anni fa:

Sono incuriosito dall'idea che ci siano stati dati falsi modelli da seguire in termini di risoluzione dei nostri problemi - uno dei quali è "combattere i nostri nemici" - modelli che ci hanno fornito attraverso così tanto condizionamento sociale e media. Qui, l'idea è che dobbiamo trovare il cuore o il capo dell'organizzazione e in qualche modo uccidere quella persona o quel gruppo, o qualunque cosa sia; eliminalo e tutto andrà magicamente per il meglio! Pensando in termini generali, quel falso modello appare praticamente in ogni distopia fantascientifica che tu abbia mai visto: se alla fine va bene, è solo perché sono riusciti a decapitare la Testa della Bestia, che sia Il Signore di the Rings o Tron, o qualsiasi altro film del genere. Penso che sia fondamentalmente e completamente il modo sbagliato di vederlo, perché alla fine i particolari individui che possono o meno detenere l'"Anello del Potere" sono sostituibili. In effetti, ci sono moltissime persone che farebbero fatica a entrare in quella posizione di potere se quella vecchia guardia venisse spazzata via per qualsiasi motivo. Penso che sia necessaria una rivoluzione più radicale: non di rovesciare una specifica istanza di questa idea, ma di rovesciare l'idea del tutto. E questo può venire solo, credo, dalla costruzione di un sistema alternativo a cui le persone vogliano davvero applicarsi. Penso che dobbiamo distaccarci da questo sistema in cui siamo stati incastrati. Sfortunatamente è probabilmente difficile da fare come farebbe sembrare l'analogia, perché siamo così incastrati nel tessuto della società che è difficile immaginare di districarci da tutti questi processi. Facciamo affidamento per così tante delle nostre necessità quotidiane su questo vasto e ingombrante sistema aziendale che si collega a queste stesse organizzazioni che tirano i fili delle istituzioni governative, che può sembrare piuttosto opprimente. Come può un singolo individuo influenzare tutto questo? Ma penso che dobbiamo cercare ogni possibile punto in cui possiamo iniziare a staccarci da quei sistemi di controllo e iniziare a riaffermare una sorta di indipendenza. Può essere una cosa estremamente piccola come, solo per esempio: invece di comprare generi alimentari al supermercato, forse comprali in un mercato contadino, o farlo almeno per alcuni dei tuoi generi alimentari. O forse potresti coltivarli tu stesso in un orto. Qualcosa del genere è una cosa minuscola a livello individuale, ma penso che sia l'unica cosa a lungo termine che può portare al tipo di società che vogliamo creare. Ancora una volta, penso che siano piccole cose come queste, se iniziamo ad applicarci con diligenza e perseveranza, che alla fine saranno in grado di rovesciare tutto questo. Ma, sfortunatamente, come ho detto, siamo all'apice di questa rivoluzione scientifica che la rende possibile, quindi sfortunatamente non abbiamo necessariamente generazioni di tempo. Questo dà una prospettiva temporale a tutto questo - non dirò che è una bomba a orologeria - ma tu hai capito l'idea. Non abbiamo molto tempo da perdere. Abbiamo una scelta. O continuiamo a entrare in questa matrice tecnologica e aziendale, che comporta anche cose come l'acquisto della prossima generazione di iPhone, che stanno già dicendo avrà la propria tecnologia di scansione delle impronte digitali, e tutti questi elementi aziendali, militari, da Grande Fratello a cui ci iscriviamo volentieri ogni giorno della nostra vita, e per cui effettivamente paghiamo denaro, oppure iniziamo a creare strutture alternative che non si basano su quel sistema. È una scelta che dobbiamo fare nelle nostre vite, direi più rapidamente di quanto sia stato evidente in qualsiasi altro momento della storia umana.

I miei spettatori abituali capiranno cosa sto proponendo qui: la creazione di una società parallela. Non raggiungeremo questo obiettivo chiedendo più avanzi dalla tavola del padrone, o acconsentendo gentilmente mentre veniamo ammassati in recinti tecnologici sempre più costrittivi, o pensando che possiamo vincere questa guerra coinvolgendo il nemico nel suo dominio controllato. Possiamo raggiungere questo obiettivo solo creando il nostro tavolo, la nostra economia e le nostre comunità di interesse. Ciò richiederà il lungo e difficile compito di aumentare la nostra indipendenza dai sistemi autoritari in ogni dominio: il dominio dell'informazione, il dominio del cibo, il dominio della salute, il dominio monetario, il dominio mentale e ogni altro campo di battaglia conteso in questo a tutto campo, guerra di quinta generazione.

Più facile a dirsi che a farsi, ovviamente. Ma non c'è alternativa.

Alcuni diranno "Ma non verranno dopo quella società parallela?" come se questa fosse una confutazione a quanto ho esposto qui. Il punto è che sei già l'obiettivo del nemico in una guerra che la maggior parte delle persone capisce solo vagamente che sta accadendo. Sì, il nemico verrà dopo di te. Ma ti stanno già dominando in più modi di quanto chiunque possa comprendere appieno. Questo non si ferma solo perché tu soddisfi le loro richieste o prendi parte al loro sistema.

Dobbiamo smetterla di fare il loro gioco. Dobbiamo smettere di combattere la loro guerra. Dobbiamo smetterla di cedere il nostro potere, la nostra autorità, il nostro tempo, la nostra attenzione, la nostra energia e le nostre risorse per ingaggiare il nemico nei suoi termini sul suo campo di battaglia.

Dobbiamo creare la nostra società parallela alle nostre condizioni.

E così riscopriamo  un vecchio pezzo di saggezza. Per parafrasare: "La guerra di quinta generazione è un gioco strano. L'unica mossa vincente è non giocare".

La guerra è finita … se lo vogliamo.

2 risposte
0

oldhunter ho votato questo pezzo, -1, ma il mio voto non compare.  Non ti eri accorto che l'avevo già messo io?  Toglilo per favore, o così annulli il mio lavoro precedente, e mi fai un torto.  Si chiama  Netiquette.  https://forum.comedonchisciotte.org/articolo-segnalato-per-pubblicazione/la-tua-guida-alla-guerra-di-quinta-generazione/#post-363172

 

.

Questo post è stato modificato 4 mesi fa 2 volte da ekain3

Gentile ekain3, il Suo voto non compare perché io ho votato e quindi il contatore da - 1 è tornato a 0. Sapevo di aver già letto l'articolo, ma non mi ricordavo più dove.

bene, adesso lo sa.

0
Topic starter

Gentile ekain3

non avevo contezza alcuna della sua precedente traduzione. Oltretutto la mia è  diversa dalla sua. Mi spiace dell'accaduto e visto che si è offeso le chiedo scusa. A volte, inavvertitamente si pestano i piedi ad altri... ma non per questo si scatenano guerre in cui, peraltro, la direzione di CDC non c'entra affatto.

Perciò, la invito a continuare la sua proficua opera che sia lei che, con modestia io, svolgiamo a favore di una informazione rivolta alla consapevolezza altrui. 

 

Condividi: