Notifiche
Cancella tutti

Monsanto e Ucraina

   RSS

0
Topic starter

https://www.counterpunch.org/2014/08/22/monsanto-and-ukraine/

di JOYCE NELSON,    22 agosto 2014

Un aspetto poco noto della crisi in Ucraina sta ricevendo una certa attenzione internazionale. Il 28 luglio, l'Oakland Institute con sede in California ha pubblicato un rapporto in cui rivelava che la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale (FMI), in base al loro prestito di 17 miliardi di dollari all'Ucraina, avrebbero aperto quel paese alle colture geneticamente modificate (GM) e organismi geneticamente modificati (OGM) in agricoltura. Il rapporto è intitolato "Walking on the West Side: the World Bank and the FMI in the Ukraine Conflict". (purtroppo il collegamento al link è stato tolto)
Alla fine del 2013, l'allora presidente dell'Ucraina, Viktor Yanukovich, ha respinto un accordo di associazione dell'Unione Europea legato al prestito di 17 miliardi di dollari del FMI, i cui termini sono stati rivelati solo ora. Invece, Yanukovich ha scelto un pacchetto di aiuti russo del valore di 15 miliardi di dollari, più uno sconto sul gas naturale russo. La sua decisione è stata un fattore importante nelle successive proteste mortali che hanno portato alla sua estromissione dall'incarico nel febbraio 2014 e alla crisi in corso.
Secondo l'Oakland Institute, “Mentre l'Ucraina non consente l'uso di organismi geneticamente modificati (OGM) in agricoltura, l'articolo 404 dell'accordo Ue, che riguarda l'agricoltura, contiene una clausola che generalmente è passata inosservata: indica, tra l'altro cose, che entrambe le parti coopereranno per estendere l'uso delle biotecnologie. Non c'è dubbio che questa disposizione soddisfi le aspettative del settore agroalimentare. Come osserva Michael Cox, direttore della ricerca presso la banca di investimento Piper Jaffray, "l'Ucraina e, in misura più ampia, l'Europa orientale, sono tra i mercati in crescita più promettenti per il colosso delle attrezzature agricole Deere, così come per i produttori di sementi Monsanto e DuPont" .” 

La legge ucraina vieta agli agricoltori di coltivare colture GM. Considerato a lungo "il paniere d'Europa", il ricco suolo nero dell'Ucraina è l'ideale per la coltivazione di cereali e nel 2012 gli agricoltori ucraini hanno raccolto oltre 20 milioni di tonnellate di mais.

L'investimento della Monsanto

Nel maggio 2013, la Monsanto ha annunciato l'intenzione di investire 140 milioni di dollari in una pianta di semi di mais non OGM in Ucraina, con il portavoce della Monsanto Ucraina Vitally Fechuk che ha confermato che "lavoreremo solo con semi convenzionali" perché "in Ucraina sono consentiti solo semi convenzionali per produzione e importazione”.
Ma a novembre 2013, sei grandi associazioni agricole ucraine avevano preparato bozze di emendamento alla legge, spingendo per "la creazione, la sperimentazione, il trasporto e l'uso di OGM per quanto riguarda la legalizzazione dei semi OGM".  
 
 
Il presidente dell'Associazione ucraina del grano, Volodymyr Klymenko, ha dichiarato in una conferenza stampa del 5 novembre a Kiev che "Potremmo rimuginare a lungo su questo problema, ma noi, insieme alle associazioni [agricole], abbiamo firmato due lettere per cambiare la legge sulla biosicurezza, in cui proponevamo la legalizzazione dell'uso di semi OGM, da tempo sperimentati negli Stati Uniti, per i nostri produttori”. (In realtà, i semi GM e gli OGM non sono mai stati sottoposti a test indipendenti a lungo termine negli Stati Uniti)

Il progetto di modifica delle associazioni agricole ha coinciso con i termini dell'accordo di associazione dell'UE e del prestito FMI/Banca mondiale.

Il sito web Sustainablepulse.com – che tiene traccia delle notizie sugli OGM in tutto il mondo – ha immediatamente criticato la proposta delle associazioni agricole, con il direttore Henry Rowlands che ha affermato: “L'agricoltura ucraina sarà seriamente danneggiata se il governo ucraino consentirà legalmente sementi OGM nel paese. I loro agricoltori troveranno i loro mercati di esportazione ridotti a causa dei sentimenti anti-OGM dei consumatori sia in Russia che nell'UE". Rowlands ha affermato che l'investimento della Monsanto in Ucraina “potrebbe salire a 300 milioni di dollari entro pochi anni. L'agricoltura ucraina vuole fare totale affidamento sul successo o sul fallimento di un'azienda con sede negli Stati Uniti?"
Il 13 dicembre 2013, Jesus Madrazo della Monsanto, Vice President of Corporate Engagement, ha dichiarato alla conferenza USA-Ucraina a Washington DC,  che l'azienda vede "l'importanza di creare un ambiente favorevole [in Ucraina] che incoraggi l'innovazione e promuova il continuo sviluppo dell'agricoltura. L'Ucraina ha l'opportunità di sviluppare ulteriormente il potenziale delle colture convenzionali, su cui stiamo attualmente concentrando i nostri sforzi.  Speriamo anche che a un certo punto la biotecnologia sia uno strumento che sarà disponibile per gli agricoltori ucraini in futuro". 
Solo pochi giorni prima delle dichiarazioni di Madrazo a Washington, la Monsanto Ucraina aveva lanciato il suo programma di “sviluppo sociale” per il Paese, chiamato “Grain Basket of the Future”. [7:  manca il collegamento al link, cancellato]      Fornisce sovvenzioni agli abitanti dei villaggi rurali in modo che possano (secondo le parole della Monsanto) "iniziare a sentire che possono migliorare la loro situazione da soli invece di aspettare un sussidio".
In realtà, la vera “dispensa” è quella che andrà alla Big US Agribusiness attraverso i termini del prestito FMI/Banca Mondiale, che oltre ad aprire il Paese alle colture GM, eliminerà ulteriormente il divieto di vendita dei ricchi terreni agricoli ucraini al settore privato. 
Come ha detto a marzo all'International Business Times Morgan Williams, presidente e CEO del US-Ukraine Business Council, "l'agricoltura ucraina potrebbe essere una vera miniera d'oro".  Ma ha aggiunto che ci sono “molti aspetti del clima imprenditoriale [in Ucraina] che devono essere cambiati. L'obiettivo principale sarebbe quello di far fallire il governo…”  (i link sono purtroppo irraggiungibili).
 
I Cables di Wikileaks
Nell'agosto 2011, WikiLeaks ha rilasciato cablogrammi diplomatici statunitensi che mostrano che il Dipartimento di Stato americano ha esercitato pressioni in tutto il mondo per la Monsanto e altre società di biotecnologia come DuPont, Syngenta, Bayer e Dow. Il 14 maggio 2013 l'organizzazione no profit statunitense Food & Water Watch, dopo aver esaminato cinque anni di questi cavi (2005-2009), ha pubblicato il suo rapporto intitolato "Ambasciatori biotecnologici: come il Dipartimento di Stato americano promuove l'agenda globale dell'industria dei semi". [10]   (manca il collegamento al link...)
Il rapporto ha mostrato che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha "fatto pressioni sui governi stranieri affinché adottassero politiche e leggi pro-agricole in materia di biotecnologia, condotto una rigorosa campagna di pubbliche relazioni per migliorare l'immagine della biotecnologia e sfidato le salvaguardie e le regole della biotecnologia del buon senso, comprese leggi contrarie che richiedono l'etichettatura degli alimenti geneticamente modificati (GE)".
Secondo consortiumnews.com (16 marzo 2014), Morgan Williams è al centro dell'alleanza di Big Ag con la politica estera statunitense". [11]  (anche qui è stato cancellato il collegamento al link...)     Oltre ad essere presidente e CEO del US-Ukraine Business Council, Williams è Direttore degli affari governativi presso la società di private equity SigmaBleyzer, che promuove il lavoro di Williams con "varie agenzie del governo degli Stati Uniti, membri del Congresso, comitati congressuali, Ambasciata dell'Ucraina negli Stati Uniti, istituzioni finanziarie internazionali, gruppi di riflessione e altre organizzazioni su questioni di affari, commercio, investimenti e sviluppo economico USA-Ucraina".
Il Comitato Esecutivo di 16 membri del US-Ukraine Business Council è gremito di aziende agroalimentari statunitensi, inclusi rappresentanti di Monsanto, John Deere, DuPont Pioneer, Eli Lilly e Cargill.[12]U.S.-Ukraine Business Council (USUBC)
 
 
 
I venti "consulenti senior" del Consiglio includono James Greene (ex capo dell'Ufficio di collegamento della NATO in Ucraina); Ariel Cohen (Senior Research Fellow per The Heritage Foundation); Leonid Kozachenko (Presidente della Confederazione Agraria Ucraina); sei ex ambasciatori degli Stati Uniti in Ucraina e l'ex ambasciatore dell'Ucraina negli Stati Uniti, Oleh Shamshur.
 
Shamshur è ora un consulente senior di PBN Hill + Knowlton Strategies, un'unità del gigante delle pubbliche relazioni Hill + Knowlton Strategies (H+K). H + K è una sussidiaria del gigantesco WPP Group con sede a Londra, che possiede una dozzina di grandi società di pubbliche relazioni, tra cui Burson-Marsteller (un consulente Monsanto di lunga data).
 
Hill + Knowlton Strategies   https://www.hkstrategies.com/en/
Il 15 aprile 2014 il quotidiano The Globe & Mail di Toronto ha pubblicato un editoriale dell'assistente consulente di H+K Olga Radchenko.  Il pezzo inveiva contro il presidente russo Vladimir Putin e “La macchina delle pubbliche relazioni di Mr. Putin”, e ha affermato che "il mese scorso [marzo 2014 - un mese dopo il colpo di stato], un gruppo di professionisti delle pubbliche relazioni con sede a Kiev ha formato l'Ucraina Crisis Media Center, un'operazione volontaria volta ad aiutare a comunicare l'immagine dell'Ucraina e a gestirne i messaggi sulla scena globale .”
Il sito Web di PBN Hill + Knowlton Strategies afferma che il CEO dell'azienda Myron Wasylyk è "un membro del consiglio di amministrazione del US-Ukraine Business Council" e l'amministratore delegato dell'azienda/Ucraina, Oksana Monastyrska, "guida il lavoro dell'azienda per la Monsanto". Monastyrska ha anche lavorato in precedenza per la International Finance Corporation della Banca Mondiale.
 
Secondo l'Oakland Institute, i termini del prestito Banca Mondiale/FMI all'Ucraina hanno già portato a "un aumento degli investimenti esteri, che probabilmente si tradurrà in un'ulteriore espansione di acquisizioni su larga scala di terreni agricoli da parte di società straniere e in ulteriori corporation dell'agricoltura nel paese”.  (anche qui manca il collegamento al link)
 
Nel frattempo, il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha dichiarato ad aprile: "Non abbiamo l'obiettivo di sviluppare prodotti GM qui o di importarli. Possiamo nutrirci con prodotti normali, comuni, non geneticamente modificati. Se agli americani piace mangiare questi prodotti, lascia che li mangino. Non abbiamo bisogno di farlo; abbiamo abbastanza spazio e opportunità per produrre cibo biologico”. (link irraggiungibile...)
Hill + Knowlton, con la sua falsità sulle "atrocità dei bambini tolti dalle incubatrici e lasciati morire sul pavimento in Kuwait''   http://911review.com/precedent/decade/incubators.html , è stato determinante nel convincere il pubblico americano a sostenere la prima Guerra del Golfo in Iraq all'inizio degli anni '90. Ora la società è coinvolta nel fomentare una Guerra Fredda 2 o peggio e, per conto della Monsanto, è stata recentemente votata come la società "più malvagia" del pianeta. È qualcosa da ricordare nel mezzo della vasta demonizzazione dei media mainstream di Putin.
 
 
 
 
Joyce Nelson è una pluripremiata scrittrice/ricercatrice canadese freelance e autrice di cinque libri, tra cui Sultans of Sleaze: PR & the Media.
 
Questa argomento è stata modificata 6 mesi fa da ekain3
Condividi: