Notifiche
Cancella tutti

"Non conosco una storia più grande al mondo" in questo momento, di quella che riguarda l'Ivermectina: l'autore più venduto del NY Times

   RSS

2
Topic starter
Pubblicato il 25 maggio 2021 da Nick
Allora perché i giornalisti non ne parlano?
 
Michael Capuzzo, autore di best seller del New York Times, ha appena pubblicato un articolo intitolato “The Drug That Cracked Covid”. L'articolo di 15 pagine racconta la gigantesca lotta condotta dai medici in prima linea in tutti i continenti per ottenere l'approvazione dell'ivermectina come trattamento per il Covid-19, nonché gli instancabili sforzi di giornalisti, organi di stampa e società di social media per contrastarli.

 

A causa dell'ivermectina, dice Capuzzo, ci sono "centinaia di migliaia, in realtà milioni, di persone in tutto il mondo, dall'Uttar Pradesh in India al Perù al Brasile, che vivono e non muoiono".

Eppure i media hanno fatto tutto il possibile per "sfatare" l'idea che l'ivermectina possa servire come trattamento efficace, facilmente accessibile e conveniente per Covid-19. Hanno riproposto le argomentazioni avanzate dalle autorità di regolamentazione sanitaria di tutto il mondo secondo cui non ci sono prove sufficienti per giustificarne l'uso.
 
Dal canto suo, Capuzzo, come giornalista, "ha visto con i [suoi] occhi l'altro lato [della storia]" che non è stato denunciato, dei tanti pazienti negli Stati Uniti le cui vite sono state salvate dall'ivermectina e di cinque dei medici che hanno guidato la battaglia per salvare vite in tutto il mondo, Paul Marik, Umberto Meduri, José Iglesias, Pierre Kory e Joe Varon. Questi sono tutti dottori altamente decorati. Attraverso la loro guida della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC), hanno già migliorato il nostro trattamento del Covid-19 scoprendo e promuovendo l'uso degli steroidi corticosteroidi contro il virus. Ma le loro richieste di utilizzare anche l'ivermectina hanno incontrato un muro di resistenza da parte delle autorità sanitarie e un muro di silenzio da parte dei media.
 
"Vorrei davvero che il mondo potesse vedere entrambe le parti", si lamenta Capuzzo. Ma sfortunatamente la maggior parte dei giornalisti non è interessata a raccontare l'altro lato della storia. Anche se lo fossero, i loro editori probabilmente si rifiuterebbero di pubblicarlo.
 
Questo potrebbe spiegare perché Capuzzo, un giornalista sei volte candidato al Pulitzer, noto soprattutto per i suoi libri di saggistica bestseller del New York Times Close to Shore e Murder Room, abbia finito per pubblicare il suo articolo sull'ivermectina su Mountain Home, una rivista mensile locale delle zone di  montagna della Pennsylvania e la regione dei Finger Lakes di New York, di cui la moglie di Capuzzo è l'editore. È anche il motivo per cui ho deciso di dedicare il post di oggi all'articolo di Capuzzo. In parole povere, quante più persone possibile, in particolare i giornalisti, hanno bisogno di leggere la sua storia.
 
Come dice lo stesso Capuzzo, "non conosco una storia più grande al mondo".
 
Blackout totale delle notizie
 
L'8 dicembre 2020, il dottor Pierre Kory, membro dell'FLCCC, ha rilasciato nove minuti di appassionata testimonianza alla riunione del Comitato per la sicurezza interna degli Stati Uniti sui potenti benefici antivirali e antinfiammatori dell'ivermectina. Un totale di 9 milioni di persone (me compreso) hanno visto il video su YouTube prima che fosse rimosso dal proprietario di YouTube, Google. Come spiega in modo esaustivo Capuzzo, sia i media tradizionali che i social hanno fatto di tutto per mantenere le persone all'oscuro dell'ivermectina. Questo è stato così efficace che anche in alcuni dei paesi che hanno beneficiato maggiormente del suo utilizzo (come il Messico e l'Argentina) molte persone sono completamente ignare della sua esistenza. E questa non è una sorpresa, dato che poche informazioni stanno effettivamente filtrando nell'arena pubblica.
 
Un blackout di notizie da parte dei principali media mondiali è sceso sull' Ivermectina come una cortina di ferro. I giornalisti che hanno strombazzato il terrore COVID-19 in India e Brasile non hanno riferito che l' Ivermectina stava eliminando la variante P-1 nella foresta pluviale brasiliana e uccidendo il COVID-19 e tutte le varianti in India. Che Ivermectina stesse salvando decine di migliaia di vite in Sud America non era una novità, ma lo era prendere in giro i contadini del continente per aver preso la pasta di cavallo. I giornalisti hanno negato al mondo la conoscenza delle terapie salvavita più efficaci durante la pandemia, ha detto Kory, soprattutto tra gli anziani, le persone di colore e i poveri, mentre si torcevano le mani davanti alla tragedia dei loro disparati tassi di morte.
Tre giorni dopo la testimonianza di Kory, un "reporter di verifica dei fatti" dell'Associated Press ha intervistato Kory "per venti minuti in cui ho raccontato tutte le prove esistenti (oltre quindici studi randomizzati e più studi osservazionali) che mostravano tutti benefici drammatici di Ivermectin", ha detto.   Poi ha scritto: “VALUTAZIONE DI AP: Falso. Non ci sono prove che l'ivermectina si sia dimostrata un trattamento sicuro o efficace contro il COVID-19". Come molti critici, non ha esplorato in dettaglio i dati o le prove sull' Ivermectina, ma ha semplicemente respinto le sue "prove insufficienti", citando invece la mancanza di una raccomandazione da parte del NIH o dell'OMS. Descrivere le prove reali in dettaglio metterebbe l'AP e le agenzie di sanità pubblica nella difficile posizione di spiegare come le vite di migliaia di poveri nei paesi in via di sviluppo non contino in queste questioni.
 
Non solo nei media ma nei social media, l'Ivermectina ha ispirato una strana nuova forma di imperialismo occidentale e farmaceutico.
Il 12 gennaio 2021, il Ministero della Salute brasiliano ha twittato ai suoi 1,2 milioni di follower di non aspettare con COVID-19 fino a quando non fosse troppo tardi, ma di "andare in un'unità sanitaria e richiedere un trattamento precoce", solo per fare in modo che Twitter annullasse la dichiarazione ufficiale sulla salute pubblica della quinta nazione sovrana più grande del mondo per "diffusione di informazioni fuorvianti e potenzialmente dannose". (Il trattamento precoce è il codice per Ivermectina.)
 
Il 31 gennaio, il Ministero della Salute slovacco ha annunciato la sua decisione su Facebook di consentire l'uso di Ivermectina, costringendo Facebook a rimuovere quel post e rimuovere l'intera pagina in cui si trovava, l'Ivermectin for MDs Team, con 10.200 membri da più di 100 paesi .
 
In Argentina, il professor e dottore Hector Carvallo, i cui studi profilattici sono rinomati fra altri ricercatori, afferma che tutta la sua documentazione scientifica sull'ivermectina è stata rapidamente cancellata da Internet.
"Temo", ha scritto a Marik e ai suoi colleghi, "che abbiamo colpito l'organo più sensibile degli esseri umani: il portafoglio..."
 
Mentre la testimonianza di Kory stava salendo verso  nove milioni di visualizzazioni, YouTube, di proprietà di Google, ha cancellato la sua testimonianza ufficiale al Senato, dicendo che metteva in pericolo la comunità. La voce più grande di Kory è stata messa a tacere.
 
 
"L'entità più potente sulla Terra"
 
Malcom X una volta definì i media "l'entità più potente sulla terra". Hanno, ha detto, “il potere di rendere colpevoli gli innocenti e di rendere innocenti i colpevoli, e questo è potere. Perché controllano le menti delle masse”. Oggi, quel potere è ora fuso con il potere delle più grandi società di tecnologia e social media del mondo. Insieme, i social e i media tradizionali hanno il potere di far sparire dalla conversazione una medicina che ha salvato forse milioni di vite durante l'attuale pandemia. Quando i media ne parlano,  è quasi sempre in una luce negativa. Alcune organizzazioni dei media, incluso il NY Times, hanno persino anteposto alla parola "ivermectina" - un medicinale che ha fatto così tanto bene nei suoi 40 anni di vita che i suoi creatori hanno ricevuto il Premio Nobel per la medicina nel 2015 - la parola "controversa."
 
Imperterriti, molti medici in prima linea hanno cercato di persuadere i rispettivi regolatori sanitari dell'efficacia e della sicurezza senza precedenti dell'ivermectina come trattamento covid.  Essi includono la dott.ssa Tess Lawrie, un'importante ricercatrice medica indipendente che, come riferisce Capuzzo, valuta la sicurezza e l'efficacia dei farmaci per l'OMS e il Servizio sanitario nazionale per stabilire linee guida internazionali per la pratica clinica:
 
“[Lei] ha letto tutti i ventisette studi sull'Ivermectin citati da Kory. Le prove risultanti sono coerenti e inequivocabili", ha annunciato, e ha inviato una rapida meta-analisi, una revisione statistica epidemiologica multi-studio considerata la più alta forma di evidenza medica, al direttore del SSN, ai membri del parlamento e un video al primo ministro Boris Johnson con "la buona notizia... che ora abbiamo solide prove di un trattamento efficace per COVID-19..." e l'Ivermectin dovrebbe essere immediatamente "adottato a livello globale e sistematico per la prevenzione e il trattamento del COVID-19".
 
Ignorata dai leader e dai media britannici, Lawrie ha convocato la conferenza BIRD in streaming di un'intera giornata - British Ivermectin Recommendation Development - con più di sessanta ricercatori e medici provenienti da Stati Uniti, Canada, Messico, Inghilterra, Irlanda, Belgio, Argentina, Sud Africa, Botswana, Nigeria, Australia e Giappone.
Hanno valutato il farmaco utilizzando l'intero ''evidence-to-decision framework ''  quadro di prova-decisione, che è "lo strumento standard per lo sviluppo di linee guida di pratica clinica" utilizzato dall'OMS e sono giunti alla conclusione che l'uso  dell'Ivermectina dovrebbe essere globale.
 
“Più di tutto puoi fidarti di me perché sono anche un medico, prima di tutto”, ha detto Lawrie al primo ministro, “con il dovere morale di aiutare le persone, di non fare del male e di salvare vite. Per favore, possiamo iniziare a salvare vite umane ora.''
Non c'è stata alcuna risposta.
 
I benefici dell'ivermectina sono stati confermati anche dal dottor Andrew Hill, un rinomato farmacologo dell'Università di Liverpool e ricercatore medico indipendente, e ricercatore senior dell'Organizzazione Mondiale della Sanità/UNITAID di potenziali trattamenti per COVID-19.
Il team di Hill's di ventitré ricercatori in ventitré paesi ha riferito che, dopo nove mesi alla ricerca di un trattamento per il COVID-19, in cui si è imbattuto solo in fallimenti come il Remdesivir  - l'ivermectina era l'unica cosa che ha funzionato contro il COVID-19 e la sua sicurezza ed efficacia sono state sorprendenti: "estremamente positive", ha detto Hill, e "trasformative".
L'ivermectina, ha concluso il ricercatore dell'OMS, ha ridotto dell'81% la mortalità per COVID-19.
 
Perché tutta questa riluttanza?
Eppure la maggior parte dei regolatori sanitari e dei governi continuano ad opporsi. Sono necessarie ulteriori prove, dicono. Nel frattempo i medici nella maggior parte dei paesi del mondo non hanno farmaci ambulatoriali precoci a cui attingere nella loro lotta contro la peggiore pandemia del secolo. Basandosi sulla propria esperienza, Capuzzo descrive l'assenza di cure per il COVID-19 come una crisi globale:
Quando mia figlia Grace, vicepresidente di un'agenzia pubblicitaria di New York, è stata recentemente colpita dal COVID-19, è stata messa in quarantena in un "hotel COVID" a Times Square con senzatetto e viaggiatori in quarantena. Le serrature della porta della sua camera sono state rimosse. Le infermiere si aggiravano per i corridoi per tenerla nella sua stanza, non curarla, perché non esiste un trattamento approvato per COVID-19;  solo, se il livello del suo ossigeno fosse precipitato, per trasferirla in ospedale, dove esiste un solo trattamento approvato efficace per COVID-19, steroidi che potrebbero preservare i polmoni dall'indebolimento.

 
Ci sono tre possibili spiegazioni per il rifiuto delle autorità sanitarie di consentire l'uso di un medicinale off-label altamente promettente e ben tollerato come l'ivermectina:
 
Come generico, l'ivermectina è economica e ampiamente disponibile, il che significa che ci sarebbero molti meno soldi da fare da parte di Big Pharma se diventasse il trattamento precoce contro il covid.
Altre aziende farmaceutiche stanno sviluppando i propri nuovi trattamenti per Covid-19 che dovrebbero competere direttamente con l'ivermectina. Includono il produttore originale di ivermectina, Merck, che ha un composto antivirale, molnupiravir, negli studi clinici di fase 3 per COVID-19. Ciò potrebbe spiegare la recente dichiarazione dell'azienda secondo cui "non esiste alcuna base scientifica per un potenziale effetto terapeutico dell'ivermectina contro COVID-19.
Se approvato come trattamento covid-19, l'ivermectina potrebbe persino minacciare l'autorizzazione all'uso di emergenza concessa ai vaccini covid-19. Una delle condizioni fondamentali per l'autorizzazione all'uso di emergenza concessa dei vaccini attualmente in uso contro il covid è che non siano disponibili cure alternative per la malattia.
Pertanto, se l'ivermectina o qualche altro farmaco promettente come la fluvoxamina fossero approvati come trattamento precoce efficace per Covid-19, i vaccini potrebbero essere privati dell'autorizzazione.
 
Questo si può spiegare perché i farmaci a prezzi accessibili, prontamente disponibili e minimamente tossici non sono riutilizzati per l'uso contro Covid nonostante le crescenti montagne di prove a sostegno della loro efficacia?
 
L'ivermectina è già stata approvata come trattamento covid-19 in più di 20 paesi. Includono il Messico, dove il sindaco di Città del Messico, Claudia Scheinbaum, ha recentemente affermato che la medicina ha ridotto i ricoveri fino al 76%. Fino alla scorsa settimana, 135.000 residenti della città erano stati trattati con il medicinale. Il governo indiano, il secondo paese più popoloso del mondo e uno dei maggiori produttori mondiali di medicinali, ha anche raccomandato l'uso dell'ivermectina come trattamento ambulatoriale precoce contro il covid-19, in diretta violazione del consiglio dell'OMS.
 
Il dottor Vikas P. Sukhatme, preside della Emory School of Medicine, ha recentemente scritto in una colonna per il Times of India che è probabile che l'impiego di farmaci come l'ivermectina e la fluvoxamina in India "riduca rapidamente il numero di pazienti affetti da COVID-19, riduca il numero che richiede il ricovero, ossigeno supplementare e terapia intensiva e migliorare i risultati nei pazienti ospedalizzati”.
 
Quattro settimane dopo che il governo ha incluso ivermectina e budesonide tra le sue linee guida per il trattamento precoce, il paese ha registrato il numero più basso di casi in 40 giorni.
 

 

Imagen

 
In molte regioni dell'India il numero dei casi sta precipitando in modo quasi verticale. Nella capitale Delhi, come a Città del Messico, i ricoveri sono crollati. Nell'arco di 10 giorni l'occupazione in terapia intensiva è scesa dal 99% al 70%. Calano anche i decessi. Il rapporto di positività del test è crollato dal 35% al ​​5% in un solo mese.
 
Uno dei valori anomali di questa tendenza è lo stato quello del Tamil Nadu, dove i casi sono ancora in forte aumento. Ciò potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che il neoeletto governatore dello stato, MK Stalin, ha deciso di escludere l'ivermectina dal protocollo di trattamento della regione a favore di Remdesivir. Il risultato? Casi in aumento. Alla fine della scorsa settimana, Stalin ha invertito ancora una volta la rotta e ha adottato nuovamente l'ivermectina.
 

Per il momento i decessi in India restano estremamente alti. E si teme che i numeri siano sottostimati. Eppure potrebbero anche iniziare a cadere nei prossimi giorni.

In tutti i paesi che hanno utilizzato ampiamente l'ivermectina, le vittime stanno rapidamente diminuendo,  dopo un alto numero di casi e ricoveri. Naturalmente, non c'è modo di provare definitivamente che questi rapidi cali siano dovuti all'uso dell'ivermectina. La correlazione, anche coerente come questa, non è causalità. Senza dubbio anche altri fattori come i rigidi blocchi e le restrizioni di viaggio giocano un ruolo.
Ma si è formato un modello chiaro tra nazioni e territori che sostiene fortemente la presunta efficacia dell'ivermectina. E tale efficacia è stata ampiamente dimostrata in tre meta-analisi.
 
La decisione dell'India di adottare l'ivermectina, anche come profilassi in alcuni stati, è già un potenziale punto di svolta. Come ho scritto tre settimane fa, se in India il numero dei casi, i ricoveri e i decessi dovessero cadere precipitosamente come in altri paesi che hanno adottato l'ivermectina, potrebbe persino diventare un momento spartiacque. Ma perché ciò accada, la notizia deve raggiungere abbastanza occhi e orecchie. E perché ciò accada, i giornalisti devono, come dice Capuzzo, iniziare a fare il loro lavoro e riportare entrambi i lati di questa storia vitale.
Questa argomento è stata modificata 1 settimana fa 4 volte da ekain3
4 risposte
1
Topic starter
Pfefferminz : Purtroppo non ancora, l'ha fermata la GAVi di Bill Gates con una tangente di milioni di dollari, per cui resta in fase di valutazione, non promossa.  Se leggi bene, alla voce ivermectina è scritto:

''Ivermectina  

L'ivermectina è un farmaco antiparassitario in fase di valutazione per il trattamento del COVID-19.

Ivermectin

Ivermectin is an antiparasitic drug that is being evaluated to treat COVID-19.

----------

Se clicchi sulla voce invermectina, nel documento che hai postato trovi:

Ivermectina

Ultimo aggiornamento: 29 aprile 2022

L'ivermectina è un farmaco antiparassitario approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) utilizzato per il trattamento di diverse malattie tropicali trascurate, tra cui oncocercosi, elmintiasi e scabbia. 1 Per queste indicazioni, l'ivermectina è stata ampiamente utilizzata ed è generalmente ben tollerata. 1,2 Ivermectin non è approvato dalla FDA per il trattamento di qualsiasi infezione virale.

e sotto: 

 

Raccomandazione

  • Il gruppo di esperti raccomanda di non utilizzare l' ivermectina per il trattamento del COVID-19, tranne che negli studi clinici () .

---------------

E' quello lo scandalo, la mossa criminale di Big Pharma.  Non la possono approvare perché cadrebbe l'uso d'emergenza dei loro 'vaccini' mRNA.

https://flccc.substack.com/p/who-changed-the-scientific-conclusions?s=r&fbclid=IwAR3uy9Z7Nv6_4Axw6WJ6IstYhUZ3Ta0QJETdHVZWWTz4XqBhR1XfKVnm8FY

Questo post è stato modificato 1 settimana fa 6 volte da ekain3
0

https://www.covid19treatmentguidelines.nih.gov/therapies/antiviral-therapy/

Ivermectin ora nella lista dei trattamenti contro il Covid 19 del NiH. 

0

Grazie, ekain3.  Qui un breve video riassuntivo

https://thetruthaboutivermectin.com/#movie

La verità sull'Ivermectina in tre minuti, in inglese (video). 

sì, grazie, una sintesi chiara.

0

Avevo visto un anno fa su un sito francese una cartina dell'Africa che mostrava come non fossero state quasi per niente colpite dal covid le popolazioni che facevano uso dell'ivermectina  per proteggersi dalla cecità delle paludi. Quando qui nel forum avevate postato un numero della gazzetta ufficiale non ricordo più per quale motivo, avevo visto però che  c'era anche una buona notizia, l'approvazione dell'ivermectina da parte dell'Aifa, se ho ben capito, non per il covid naturalmente, ma per la scabbia. Perlo meno però c'è in compresse,quando due anni fa l'avevo chiesta al farmacista mi aveva risposto che in Italia c'era solo in pomata, bisognava farla vanire dall'estero.

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/05/20/21A02958/sg

Questo post è stato modificato 1 settimana fa 2 volte da emilyever

le hanno studiate tutte per fermarne l'uso come antivirale, io li definisco criminali; naturalmente questi sono i crimini dei potenti, di cui è disseminata la storia, e che sono i peggiori, secondo me, perché hanno la forza dalla loro parte e trovano sempre altri complici conniventi per compiacenza.

Condividi: