Notifiche
Cancella tutti

Odessa 2 maggio 2014 - il massacro che ha dato inizio alla guerra

   RSS

1
Topic starter
 

Un omicidio di massa pianificato

Per le prime caotiche ore dopo l'inizio dell'incendio, ci sono state notizie contrastanti su ciò che era successo e chi c'era dietro. Ma il fumo si attenuò rapidamente. Ci volle molto poco tempo prima che le linee principali dell'incidente fossero chiarite. Dietro c'erano dei criminali nazisti.  I leader erano legati al  settore conservatore  e al partito fascista al governo  Svoboda. (Svoboda è guidata da Oleh Tyahnybok, che è stata attivamente supportata dal vicesegretario di Stato americano e ha  posato per delle foto con lei.: http://s1.reutersmedia.net/resources/r/?m=02&d=20140208&t=2&i=836496148&w=580&fh=&fw=&ll=&pl=&r=CDEEA17148J00      )  
È anche chiaro che erano coinvolte forze della polizia e dei vigili del fuoco. I vigili del fuoco non si sono mossi mentre accadevano i fatti, e la polizia ha aiutato gli assassini.
Il massacro è stato compiuto da persone con la stessa ideologia nazista di  Anders Behring Breivik, e il massacro era su vasta scala e il numero di morti era pari a quello di  Utøya. 
La differenza era che  a Odessa dietro c'erano i partiti politici affiliati al governo golpista di Kiev,  cioè un movimento nazista ben organizzato. 
In Ucraina è noto chi fossero gli assassini, ma non sono mai stati puniti. Questo è stato il pogrom che più di ogni altra cosa ha fatto temere giustamente per la propria vita la minoranza russa in Ucraina. Ciò ha portato alla rivolta e all'istituzione delle Repubbliche popolari del Donbass e all'operazione "antiterrorismo" di otto anni che prima Poroshenko e poi Zelensky hanno condotto contro il popolo delle repubbliche separatiste.

I semi della guerra in Ucraina possono essere trovati nel massacro pianificato a Odessa.

Ma dov'erano i media?

Si sarebbe pensato che un crimine così grave avrebbe ricevuto un'ampia copertura mediatica e che sarebbe stato condannato con parole forti. La copertura mediatica è stata sorprendentemente ridotta e le condanne sono scomparse. 

Aftenposten  ha pubblicato un articolo di notizie il 3 maggio  e un seguito è stato trasmesso da NTB lo stesso giorno, in cui il ministro degli Esteri dell'UE  Catherine Ashton ha affermato:

- Che cosa abbia effettivamente portato a questa tragica perdita di tante vite umane, deve essere chiarito in un'indagine indipendente. I responsabili di questi crimini devono essere assicurati alla giustizia.

Ma non ho trovato nessun media che abbia cercato di scoprire cosa sia successo attraverso l'indagine indipendente annunciata da Catherine Ashton. E secondo il database online di Aftenposten, non c'è mai stata alcuna condanna del massacro nello spazio editoriale. NRK  è un caso in sé. Il massacro di Odessa è stato menzionato in un paio di brevi notizie. Il primo è stato trasmesso a Kveldsnytt il 2 maggio e vale assolutamente la pena vederlo. Non lascia dubbi sul fatto che i nazisti fossero responsabili dell'incendio doloso: https://tv.nrk.no/serie/kveldsnytt/201405/NNFA23050214/avspiller  
Poi è arrivato uno strano servizio  su Dagsrevyen sabato 3 maggio con il moscovita Hans Wilhelm Steinfeld, che al meglio delle sue capacità è riuscito a disinnescare la questione della responsabilità della strage. Ma la cosa più scandalosa è stata che lo stesso giorno, la NRK ha trasmesso questa tenera intervista a Dmitro Jarosh, il leader del settore conservatore. Il giorno prima, i seguaci di quest'uomo avevano bruciato e massacrato persone indifese nell'edificio del sindacato a Odessa. Steinfeld non ha posto una domanda critica, ma ha riso e si è divertito con il nazista.
 
Che i media liberali professionisti tacciano sul terrore nazista, a rigor di termini, non è così sorprendente. È da tempo chiaro che si preoccupano solo di scrivere e parlare di diritti umani quando serve a un'agenda imperialista occidentale. Le massicce violazioni dei diritti umani da parte dell'Occidente, sia storicamente in Indocina, sia negli ultimi anni in Jugoslavia, Iraq, Libia e Siria, non li interessano. Allora perché dovrebbero preoccuparsi dell'ascesa del nazismo sotto la protezione occidentale in Ucraina? 
Quanto alla "sinistra", non abbiamo una spiegazione completa per la sua sorprendente passività. Ma vogliamo avanzare una tesi secondo cui la passività ei peccati di omissione della sinistra derivano dal fatto che gli Stati Uniti sono riusciti nella loro narrazione.
 Le "rivoluzioni colorate"  degli Stati Uniti  , di cui  Euromaidan  è un esempio da manuale, sono  "accuratamente progettato per risucchiare l' ascoltatore dodicenne nel nostro campo", come avrebbe detto Frank Zappa. Le narrazioni che si costruiscono sono studiate per colpire e convincere la classe media liberale e "progressista". Apparentemente combatti contro gli oligarchi e per la libertà, usi Internet e i social media e sei moderno e alla moda.
 
Il  «potere intelligente» di Hillary Clinton      
Questa strategia ha un nome, ovvero "potere intelligente", ed è diventata la politica americana ufficiale quando Hillary Clinton ha assunto la carica di Segretario di Stato negli Stati Uniti.
Suzanne Nossel (Dipartimento di Stato, Consiglio per le relazioni estere, ecc.) ha scritto un articolo su questa strategia in Affari esteri nel 2004 in cui ha sostenuto, tra le altre cose:
''Il ripristino di un autentico impegno a diffondere la libertà e il liberalismo unirà i progressisti nella lotta contro terroristi e banditi. Mentre l'internazionalismo liberale può superare l'isolazionismo della sinistra antimperialista (esemplificato dalla sua difesa della sovranità irachena prima della guerra), la guerra al terrorismo può superare l'avversione della destra per lo sforzo umanitario.''
Questo "internazionalismo liberale" è una riabilitazione della retorica usata sotto Bill Clinton e, come scrive Suzanne Nossel, non si oppone all'intervento militare.
D'altra parte, crede che il "soft power" e il potere militare dovrebbero sostenersi e completarsi a vicenda. L'obiettivo è lo stesso di George W. Bush, ma la retorica, alcuni metodi, e non ultimo la narrativa, sono diversi. Sotto l'"internazionalismo liberale", la CIA sostiene varie ONG che presumibilmente combattono per la democrazia, l'uguaglianza, i diritti delle donne e dei gay e qualunque cosa possa essere (Pussy Riot), per creare uno slancio sufficiente per iniziare a destabilizzare la società su cui si desidera imporre il controllo.
E in che modo ciò influisce su una sinistra liberale piccolo-borghese? Nel caso dell'Ucraina, la sinistra è stata ovviamente sedotta dalle frasi di libertà e dalle narrazioni che circondano Euromaidan, tanto da non aver reagito al colpo di stato appoggiato dagli Stati Uniti che ha portato i nazisti in un governo europeo per la prima volta dal 1945. Poi è stato sedotto dal fatto che anche il massacro di Odessa non abbia innescato tante reazioni quanto un volantino o una manifestazione in nome di vaghi diritti umani.
 
Non ci sono state nemmeno proteste contro l'uso da parte della giunta di Kiev di carri armati, bombardieri e razzi contro i civili nell'Ucraina orientale. Un tipico esempio di chi è stato sedotto da questa narrazione è Slavoj Žižek, che scrisse un omaggio panegirico agli "eroi del Maidan", dopo il colpo di stato, ma poco prima del massacro di Odessa. (Stampato in Klassekampen il 21 giugno 2014.)
D'altra parte, è abbastanza speciale che il Centro per l'Olocausto rimanga in silenzio quando i sostenitori dell'Olocausto compiono i loro omicidi sotto bandiere e simboli nazisti. Abbiamo ripetutamente rivolto richieste scritte alla direzione e ai singoli ricercatori del Centro HL sul motivo per cui non hanno mai scritto nulla sull'ascesa aggressiva del nazismo in Ucraina, ma non abbiamo mai ricevuto risposta. Non dovremmo speculare sui motivi.
La tragica guerra che vediamo ora in Ucraina sarebbe stata evitata se gli ucraini di lingua russa che sono stati oggetto di terrore razzista nel 2014 avessero ricevuto il sostegno dell'Occidente, dei liberali e della sinistra?
Si sarebbero sentiti abbastanza sotto pressione se i criminali fossero stati catturati in quel momento e le grida di "alle fiamme i coleotteri" fossero state condannate e messe a tacere?
Avrebbero osato investire in un futuro in Ucraina se l'Occidente, guidato dagli Stati Uniti, non avesse collaborato così apertamente con i nazisti ucraini?
È impossibile rispondere. Ma quello che sappiamo è che i semi della guerra odierna sono stati gettati a Odessa il 2 maggio 2014. 
 

Quello che sappiamo è che proprio in questo giorno il governo ucraino ha imposto il coprifuoco a Odessa, probabilmente per evitare che la gente ricordi di questo massacro.

Odessa 2. mai 2014 – massakren som startet krigen

 
Questa argomento è stata modificata 3 mesi fa 4 volte da ekain3
Condividi: