Notifiche
Cancella tutti

“Ora siamo a un punto molto critico”

   RSS

0
Topic starter
 
“Ora siamo a un punto molto critico”
Geo-politica
di Elze van Hamelen
"Il complesso digitale-finanziario guida i governi globali attraverso organizzazioni cooptate come l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il World Economic Forum (WEF), Gavi (alleanza dei produttori di vaccini) e la Bill and Melinda Gates Foundation", afferma Ernst Wolff in un'intervista a De Andere Krant.
 
 Wolff è un noto giornalista e autore tedesco, che ha scritto diversi libri sul sistema finanziario e sulla struttura di potere che vi sta dietro, come The Financial Tsunami, The Wolff of Wall Street e The World Power of the FMI. È stato il primo a pubblicizzare a livello globale il programma Young Global Leaders del World Economic Forum, che è stato gestito da molti (successivi) leader politici come Merkel, Macron e Trudeau e uomini d'affari come Mark Zuckerberg e Richard Branson. Secondo Wolff, le istituzioni finanziarie e le società di dati determinano la politica dei governi e delle banche centrali. “È la loro agenda che viene portata avanti”.
 
D.: Nel tuo lavoro spieghi che non è stato un caso che dopo la dichiarazione della crisi del coronavirus, quasi 200 paesi abbiano fatto praticamente le stesse scelte politiche e che il "complesso digitale-finanziario" abbia svolto un ruolo importante in questo. Puoi spiegarlo?
 
W.: Guarda, per centinaia, se non migliaia di anni, il mondo è stato gestito dal potere del denaro. Negli ultimi 50 anni è emerso un nuovo potere: i dati. Negli anni '70 sono state fondate aziende come Apple e Microsoft, e successivamente Amazon, Google e Facebook, e hanno acquisito un potere enorme, come si può vedere dalle loro capitalizzazioni di mercato di centinaia di miliardi di dollari. Queste società di dati si sono fuse con le principali istituzioni finanziarie, come i gestori patrimoniali Blackrock, Vanguard e State Street e Fidelity. In effetti, questo complesso digitale-finanziario ha preso il sopravvento negli ultimi due anni. Si sono assicurati che i governi seguissero le loro politiche ed è la loro agenda che viene portata avanti.
 
Puoi approfondire questo, come hanno preso il potere?
 
W.: Sono state create diverse organizzazioni che rappresentano il complesso digitale-finanziario. Alcune le hanno fondate loro stessi e altre sono state rilevate da loro. Ad esempio, le banche centrali sono state rilevate da loro, ora sono completamente controllate dai gestori patrimoniali.
Nel 2007-2008, le banche centrali hanno salvato il sistema finanziario stampando enormi quantità di denaro a tassi di interesse molto bassi. Era chiaro che questa non è una soluzione sostenibile, non puoi stampare denaro all'infinito senza causare inflazione. Quindi, tra il 2015 e il 2018, le banche centrali hanno cercato di adeguare le loro politiche alzando lentamente i tassi di interesse, provocando un crollo intorno al Natale 2018. Da quel momento in poi, è stato effettivamente chiaro che il sistema finanziario non è più sicuro. I grandi gestori patrimoniali hanno poi costretto le banche centrali a stampare nuovamente moneta, proprio come hanno fatto nel 2007 e nel 2008.
 
In che modo gestori patrimoniali come Blackrock potrebbero costringere le banche centrali ad adottare questa politica?
 
W.: Dominano tutti i settori, in tutto il mondo, come i maggiori azionisti, e hanno solo bisogno di vendere una grande quantità di azioni per causare uno shock sui prezzi. Le banche centrali non possono ignorarlo. Ciò si riflette, ad esempio, nel fatto che la BCE, la banca centrale europea e la Federal Reserve (banca centrale americana, ndr) hanno assunto Blackrock come consulente. Quindi Blackrock consiglia dove investire il denaro appena stampato.
Oltre alle banche centrali, il complesso dei dati finanziari ha anche altri collegamenti, come le ONG da loro fondate. Per illustrare, in termini monetari, Microsoft è la più grande azienda al mondo, Apple è la numero due. Il fondatore di Microsoft, Bill Gates, dopo che la sua reputazione è stata intaccata in diverse cause legali alla fine degli anni '90, ha ripulito tutto fondando la Bill and Melinda Gates Foundation.
Ha usato queste ONG – che è ciò per cui le ONG di solito sono istituite – in due modi: in primo luogo per evasione fiscale e in secondo luogo per influenza politica. Ed è quello che ha fatto negli ultimi 20 anni.
La Bill and Melinda Gates Foundation è una delle ONG più importanti al mondo, al servizio delle grandi aziende IT e dei grandi asset manager. Il loro ruolo è molto importante, ad esempio hanno fondato Gavi, l'alleanza globale per le vaccinazioni, e poi Gavi ha fondato ID2020, che a sua volta svolge un ruolo importante nell'identificazione digitale e nei dati biometrici. Il complesso finanziario-digitale esercita potere attraverso queste organizzazioni.
Esercitano anche un'influenza attraverso il World Economic Forum (WEF), una delle più grandi ONG e la più importante dal punto di vista politico. Il Wef è stato fondato nel 1971 da Klaus Schwab.
Nei due anni prima di fondare il Wef, Schwab era uno studente di Harvard sotto Henry Kissinger (uno dei politici più influenti negli Stati Uniti dalla seconda guerra mondiale, ndr). Schwab aveva solo 33 anni ed è riuscito a riunire 400 top manager europei per un incontro. Non aveva il tempo, i soldi o la leva per organizzarlo da solo. Probabilmente è stato sostenuto da Kissinger e dall'Università di Harvard.   Questo progetto va avanti da 50 anni e l'annuale Wef meeting di Davos è il luogo in cui si incontrano i super ricchi del mondo.
Nel 1992, il Wef ha avviato un programma di leadership per le persone nel mondo degli affari e della politica, il forum Young Global Leaders. È interessante vedere chi si è diplomato lì nel 1993, ad esempio José Aznar, che in seguito divenne Primo Ministro della Spagna, Tony Blair, che in seguito divenne Primo Ministro della Gran Bretagna, e Boutros-Ghali, che divenne Segretario Generale dell'ONU. Anche Angela Merkel, l'uomo d'affari Richard Branson e Bill Gates si sono diplomati in questa istituto. Grandi nomi dell'elite economica e politica sono stati quindi formati da questo istituto. È abbastanza straordinario che tutte quelle persone della stessa scuola diventino presidenti o leader negli affari.
Schwab è in contatto con le persone più influenti da oltre 30 anni. Se vuole parlare alla Casa Bianca, al Cremlino o al presidente cinese Xi Jinping, trovano subito il tempo per lui. È stato uno dei primi a riconoscere l'importanza degli sviluppi digitali e lo ha registrato in un libro, La quarta rivoluzione industriale.
 
Alcuni vedono il Wef solo come un forum di networking, perché pensi che la sua influenza si estenda ulteriormente?
 
W.: Ad esempio, hanno "partner strategici", ovvero circa 1000 aziende più importanti del mondo. Pagano tra $ 7.000 e $ 700.000 all'anno per questa adesione. Una rete del genere non si è mai verificata prima nella storia. Si tratta di 1000 amministratori delegati che hanno i numeri di cellulare l'uno dell'altro, proprio come i politici dei leader di Young Global, che poi parlano con la stessa retorica e attuano le stesse misure con lo stesso passo. Lo abbiamo visto negli ultimi due anni.
 
Che ruolo gioca il complesso digitale in questa storia?
 
W.:Molte persone non ne sono consapevoli, ma gli sviluppi nell'IA (intelligenza artificiale) sono già molto avanzati. Questo capovolgerà il mercato del lavoro entro 10 anni. Ad esempio, stiamo assistendo ai primi passi verso la guida automatizzata. Se questa tendenza continua, milioni di automobilisti perderanno il lavoro. Lo stesso vale per gli educatori. Se tutto è predisposto per l'istruzione a casa, tramite computer, non hai più bisogno di un insegnante. Metti i bambini davanti a uno schermo e invece di 100.000 insegnanti in un grande paese come la Germania, te ne servono solo 800. Le grandi aziende tecnologiche si stanno preparando per questo futuro, hanno creato gran parte del mondo attuale e controllano molte altre aziende, attraverso dati e software. Possono abilitare o disabilitare l'accesso a tali servizi. Tutte le aziende dipendono completamente da questo.
 
Sì, l'abbiamo visto in Canada, dove le persone non potevano più accedere al proprio conto bancario..
 
W.:In effetti, ecco perché l'introduzione delle valute digitali è così pericolosa. Quindi hai una situazione in cui il governo determina se puoi accedere ai tuoi soldi o meno. Quello che stiamo vedendo ora è che il vecchio sistema viene scomposto in modo da poter introdurre una CBDC (valuta digitale della banca centrale). Il sistema ha superato la data di scadenza e non può essere rinnovato.
Quindi ora stanno derubando il posto, tutto viene acquistato dalle banche centrali. La ricetta per il futuro è fornire a tutti la moneta digitale emessa direttamente dalla banca centrale. Allora dipendiamo tutti al 100% dalla banca centrale. Possono negarti l'accesso ai tuoi soldi se non ti comporti bene, possono mettere una data di scadenza sul denaro o puoi spenderli solo in una determinata area geografica. Quando milioni di persone perdono il lavoro, fornisci loro un reddito di base che devono spendere entro un mese. Questa è la soluzione per mantenere l'economia, ancora dipendente dai consumi, con così tanti disoccupati. Tutto questo viene svolto dalle aziende digitali (big tech, ndr), insieme alle banche centrali.
 
 
Come si relazionano i governi con le banche centrali?
 
W.:Le banche centrali fanno parte del governo. Entrambi implementano i requisiti del complesso digitale-finanziario. Basta guardare agli ultimi due anni, non c'è un politico ancora al potere che sia andato contro queste richieste. Ci sono state alcune eccezioni da paesi che sono usciti dall'agenda sanitaria globale. La Tanzania, per esempio, ma quel presidente ora è morto. L'altra è la Bielorussia, che ha causato grossi problemi a questo presidente. Coloro che non hanno collaborato, sono stati espulsi dal sistema.
 
 
Se le banche centrali si stanno muovendo verso una valuta digitale, come si collega all'ID digitale e ai passaporti vaccinali?
 
W.: È stato il sogno delle aziende IT sin dagli anni '90,  quello di poter identificare le persone in modo biometrico. Ci sono cose che puoi indossare, come un orologio Apple. Con quell'Apple Watch puoi essere identificato, ma puoi anche toglierlo. Nel mondo delle banche centrali si parla da molto tempo della possibilità di tatuaggi digitali o di qualcos'altro che si impianta nel proprio corpo in modo da poter essere identificati. Non devi più portare con te un portafoglio con le carte, rende tutto molto più semplice. D'altra parte, dà a pochissime persone un controllo improbabile su tutti gli altri. Questo è in realtà il grande problema del mondo in questo momento, che una piccolissima minoranza agisce nel proprio interesse, non nell'interesse della gente.
 
 
Ipoteticamente, se avessimo una società più umana, la digitalizzazione potrebbe contribuire alla società liberando tempo per l'istruzione o la cultura. Ora viene utilizzato per sviluppare una prigione digitale a cielo aperto.
 
W.: Sì, Internet avrebbe potuto essere utilizzato per educare tutti nel mondo, per imparare a leggere e scrivere. Invece, è stato utilizzato principalmente per l'intrattenimento nelle società industrializzate. Non è stato distribuito a beneficio della maggior parte delle persone. È stato distribuito a beneficio di coloro che controllano il sistema.
 
 
Come vedi il futuro? Cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro?
 
W.: Ora siamo a un punto molto critico. L'intelligenza artificiale e la digitalizzazione causeranno gravi perdite di posti di lavoro. L'Università di Oxford, ad esempio, prevede una perdita di 800 milioni di posti di lavoro nei prossimi otto anni. Non funzionerà fornire a queste persone un reddito universale. L'inflazione aumenterà e questa non è una situazione sostenibile. Al momento siamo in una sorta di fase di transizione. Gli americani stanno testando una valuta digitale in vari luoghi. I cinesi hanno fatto molta strada, testando le valute digitali nelle loro principali città.
Siamo in una fase di transizione con molti pericoli. La crisi in Ucraina sta esplodendo (l'intervista è stata registrata prima della guerra - ndr). Ho la sensazione che venga fatto saltare in aria per distrarre le persone. Perché in questo momento c'è un problema: le persone non credono più alla narrativa del virus mega-pericoloso. Non so esattamente cosa aspettarmi. Una cosa è certa, siamo di fronte a tempi tumultuosi. Stanno certamente cercando di mettere i civili l'uno contro l'altro. Stanno cercando di fomentare una guerra civile? In ogni caso, l'obiettivo principale è l'introduzione di una valuta digitale della banca centrale.
 
 
Hai consigli pratici? Quali passi concreti possono fare le persone per riconquistare la propria libertà?
 
W.: Devi proteggerti preparandoti bene. Assicurati di avere un po' di contanti, o argento, in modo da poter acquistare generi alimentari, anche quando le banche falliscono. Ma soprattutto, connettiti con gli altri che stanno anche loro vedendo cosa sta succedendo. E spiega a quante più persone possibile cosa succede dietro le quinte. Può sembrare un po' pessimista, ma siamo anche in una situazione molto pericolosa. Tuttavia, c'è anche motivo di essere ottimisti, perché l'agenda che stanno cercando di attuare va contro la natura umana.
A breve prevedo molti problemi, ma a lungo termine sono convinto che ce la faremo.
 
 
 
 
Questa argomento è stata modificata 8 mesi fa 5 volte da ekain3
1 risposta
0

Questa intervista deve essere scaricata e diffusa il più possibile,   da tutti le persone libere.

 

Arian.

Condividi: