Notifiche
Cancella tutti

SCOPERTA RIVOLUZIONARIA: UN NEUROCHIRURGO SVELA UN COLLEGAMENTO SCIOCCANTE TRA VACCINO COVID DANNO CEREBRALE E RISCHIO DI CANCRO

   RSS

0
Topic starter

Scoperta rivoluzionaria: un neurochirurgo svela un collegamento scioccante tra vaccino COVID danno cerebrale e rischio di cancro

The Exposé

 23 novembre 2023

https://expose-news.com/2023/11/23/neurosurgeon-brain-cancer-covid-vaccine/

 

Il neurochirurgo americano in pensione Russell Blaylock [1] ha recentemente tenuto una approfondita dissertazione sugli effetti avversi che le proteine ​​​​spike, indotte dalla vaccinazione Covid-19, hanno sull’organismo. Il medico ha condiviso scoperte scioccanti su danni neurologici, tassi di cancro, arresto cardiaco e altri esacerbanti problemi di salute, nonché la loro connessione con la tecnologia mRNA.

Questa iniezione [Covid] è un’inoculazione di esosomi artificiali… Il cervello è una delle cose più complesse dell’intero universo… [La professione medica] davvero non capisce questa iniezione. Non capiscono cosa fa all’apparato neurologico del cervello e del midollo spinale”,

    Dottor Russell Blaylock – Novembre 2022

La sua dissertazione dal titolo "Proteine ​​Spike e neurodegenerazione: effetto degli esosomi artificiali sul sistema nervoso sotto forma di iniezione(può essere visionata integralmente alla fine di questo articolo) copre il danno che la proteina Spike arreca al cervello in anziani e bambini non ancora nati.  

Il dottor Blaylock spiega inoltre in dettaglio i meccanismi che causano il danno e ha utilizzato diversi articoli pubblicati per dimostrarlo. Infine conclude con qualche consiglio per chi è rimasto lesionato dal vaccino.

 

Microglia, citochine, chemochine ed eccitotossine

Con tutti i vaccini, e questa iniezione in particolare, se si stimola il sistema immunitario periferico in pochi minuti si verifica l'attivazione della microglia nel cervello, la cellula immunitaria primaria del cervello. Questo è ciò che il dottor Blaylock descrive come “comportamento da malattia”. 

Quando si verifica un'infiammazione sistemica o qualsiasi tipo di trauma nel corpo, si produce una infiammazione e l’attivazione del sistema immunitario. Questo invia un segnale al cervello in pochi minuti e inizia ad attivare la microglia che è la cellula infiammatoria e citotossica nel cervello.

Video: "Comportamento della malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, [2]

L'immagine qui sotto illustra le diverse fasi della microglia. Nella parte superiore dell'immagine c'è una microglia ramificata "normale", che non è stata stimolata. Una volta veniva chiamata “microglia a riposo”, ma non è un termine accurato. Gli pseudopodi si estendono e si ritraggono costantemente per analizzare lo spazio extracellulare alla ricerca di invasori, cambiamenti nel contenuto chimico ecc., ha spiegato il dottor Blaylock.

Video: "Comportamento della malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, (minuto 4.42]

Quando c'è una stimolazione del sistema immunitario, le microglia ramificate passano allo stadio di microglia innescata. Gli pseudopodi vengono retratti e diventa una cellula dall'aspetto più arrotondato. All'interno delle microglia innescate, c'è un'intensa sovraregolazione della produzione di citochine, chemochine ed eccitotossine, ma non vengono rilasciate dalla cellula, quindi potrebbe esserci qualche reazione immunitaria minore, ma per il resto non ci sono molti segni di reazione. "Questo è ciò che accadrebbe con la prima iniezione di questa sostanza iniettabile che chiamano 'vaccino'", ha detto il dottor Blaylock. È importante notare che le chemochine attirano i macrofagi, o globuli bianchi, nel cervello. Un macrofago nel cervello assomiglia esattamente alla microglia e può anche essere sottoposto a priming.

“Con la seconda stimolazione immunitaria, [ovvero la seconda iniezione/dose] che può avvenire mesi dopo, le microglia innescate si attivano completamente. E quando ciò accade, rilascia tutti questi componenti tossici... si ottiene una microglia attivata cronicamente, [uno] stato iperattivato e c'è una reazione infiammatoria 3 volte più elevata rispetto a quella che si otterrebbe normalmente con l'attivazione microgliale."

Quando le microglia ricevono la seconda stimolazione immunitaria, ad esempio dopo la seconda iniezione o ulteriori potenziamenti, rilasciano alti livelli di elementi distruttivi, danneggiano, ad esempio, i dendriti, le membrane cellulari, i mitocondri e il DNA. "E quindi, può produrre molti danni a quel neurone", ha detto il dottor Blaylock.

Video: "Comportamento della malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, (minuto 7.15]

Video: "Comportamento della malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, (minuto 7.40]

Quando si contrae un'infezione e si guarisce da questa, la microglia passa dallo stato attivato allo stato ramificato. Nello stato ramificato, invece di rilasciare sostanze chimiche dannose, le microglia rilasciano neurotrofine che riparano il danno causato durante lo stato attivato. 

Video: "Comportamento della malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, (minuto 9.33]

 

 

Immunosenescenza negli anziani

È importante essere consapevoli dell'immunosenescenza, o imflammaging [una infiammazione cronica di basso grado, ndt], negli anziani in cui le cellule immunitarie iniziano a invecchiare e cambiare e le cellule immunitarie non si riproducono e diventano altamente infiammatorie. Ciò accade anche alle microglia e agli astrociti [3], cellule gliali a forma di stella nel cervello e nel midollo spinale. Le microglia senescenti hanno una ridotta capacità di combattere i virus producendo alti livelli di mediatori infiammatori ed eccitotossine. "Quindi, nella persona anziana questa reazione è infinitamente amplificata", ha detto il dottor Blaylock, "gli astrociti senescenti... perdono eccitotossine e ciò si aggiunge al problema".

"Tutta questa senescenza si verifica nei maschi più che nelle femmine, il che spiega perché si vedono più problemi nei maschi come nei disturbi dello spettro autistico e nei disturbi neurodegenerativi."

Non solo le cellule immunitarie di una persona anziana producono livelli più elevati di citochine infiammatorie, ma secernono anche livelli molto più bassi di composti neurotrofici riparativi. “Quindi, la persona anziana ha una reazione molto peggiore e una minore capacità di riparare i neuroni dopo un attacco rispetto a un giovane. Ecco perché l'invecchiamento è il fattore di rischio numero uno per i disturbi neurodegenerativi”, ha affermato il dottor Blaylock.

"Le proteine ​​​​spike, poiché stimolano costantemente queste cellule nel cervello e a livello sistemico, stanno producendo un aumento dei livelli di [o accelerano] la senescenza immunitaria".

Il dottor Blaylock ha poi illustrato alcune immagini di vetrini istologici delle autopsie eseguite dal dottor Sucharit Bhakdi e dal dottor Arne Burkhardt che mostravano la proteina spike nel cervello e il danno che aveva causato. Vale la pena ascoltare la sua spiegazione piuttosto che trascriverla qui (guarda il video all'inizio di questo articolo, da minuto 17:49 a 19:19).

 

 

Effetti delle proteine ​​Spike sul sistema nervoso centrale

Secondo gli studi, la proteina Spike, da sola, altera la funzione neurologica. 

In uno studio, quando i ricercatori hanno inserito la proteina Spike in una cellula, si sono formati abbondanti esosomi che contenevano non solo la proteina Spike ma anche due microRNA, ha spiegato il dottor Blaylock.

"È stato dimostrato che la proteina spike contenuta nell'esosoma causa un forte calo di [un sistema autocontrollato e di regolazione dell'interferone] IRE9 nelle microglia, rendendole infinitamente più distruttive."

Il dottor Blaylock non chiarisce a quale studio si riferisse sopra. Tuttavia, abbiamo trovato QUESTO [4] studio che potrebbe essere rilevante.

Un altro studio ha scoperto [5] che gli anticorpi inducono neuroinfiammazione e compromettono la memoria episodica nei topi solo verso un frammento, e non l’intero, della proteina spike. "Questo è ciò che stiamo vedendo anche negli esseri umani che hanno avuto questa iniezione, hanno problemi di memoria", ha detto il dottor Blaylock.

“Il cervello ha uno speciale sistema antinfiammatorio integrato, chiamato recettore nicotinico dell’acetilcolina alfa-7, e ciò che fa è sottoregolare tutte le risposte infiammatorie. È anche responsabile della memoria e dell'apprendimento. E così, quello che hanno scoperto, è che dopo l'immunizzazione con la proteina Spike si sviluppano queste reazioni immunitarie alla proteina Spike, proprio di quel frammento, e in quegli animali si è verificata una perdita di memoria episodica. La seconda iniezione fu ancora peggio. Il che dimostra l'effetto priming di cui abbiamo discusso. La seconda iniezione è sempre peggiore”.

Uno studio sugli effetti mitocondriali ha mostrato [6] che la proteina spike, da sola, aumenta l’attività mitocondriale della microglia producendo livelli estremamente elevati di specie reattive dell’ossigeno e dell’azoto. Ciò rende le microglia più distruttive di quanto lo sarebbero normalmente, ha spiegato il dottor Blaylock. Lo studio ha rilevato ampi cambiamenti nelle sostanze chimiche dei mitocondri esposti alle proteine ​​​​spike. Hanno notato un aumento delle chemochine e delle citochine. La proteina Spike ha anche aumentato del 50% il sito di legame del recettore ACE2 sulle microglia, il che significa che molte più microglia sarebbero influenzate dalla proteina Spike. Nel complesso, lo studio ha rilevato che in una cellula si è verificato un aumento del 64% del principale componente infiammatorio, l’inflammasoma. Ha inoltre dimostrato che la proteina “spike” compromette la capacità del cervello di tollerare l’infiammazione e aumenta notevolmente la tempesta di citochine cerebrali.

Un secondo studio [7] sugli effetti della proteina Spike sui mitocondri ha scoperto che la proteina Spike ha causato il passaggio delle microglia alla glicolisi: questo è ciò che fa il cancro. La glicolisi aumenta l’infiammazione e l’eccitotossicità.

 Uno studio pubblicato a marzo [8] ha iniettato un frammento della proteina spike, la subunità S1, nell’ippocampo dei topi. L’ippocampo è una regione del cervello associata principalmente alla memoria. "Hanno trovato un profondo deficit cognitivo", ha detto il dottor Blaylock. Lo studio ha rilevato una notevole diminuzione dei neuroni e un aumento del 59%-63% nell'attivazione degli astrociti nelle due zone correlate all'apprendimento, alla memoria e alla funzione affettiva del cervello. Gli autori dello studio hanno stabilito che la morte dei neuroni era secondaria all’attivazione della microglia causata dalla proteina spike. "Quindi, solo il frammento S1 da solo può causare un grave deficit cognitivo", ha detto il dottor Blaylock.

È stato dimostrato che la proteina Spike riduce la sensibilità dei barocettori nel tronco encefalico, ha affermato il dottor Blaylock. Il tronco cerebrale controlla la frequenza cardiaca. "Stiamo assistendo a molti casi di sindrome POTS con questa iniezione, il che ha senso perché la proteina spike influenzerà i barocettori", ha detto il dottor Blaylock. POTS è l’acronimo di sindrome da tachicardia ortostatica posturale.

È stato anche dimostrato [9] che la proteina spike entra nelle cellule endoteliali ed entra rapidamente nel nucleo. Danneggia anche i mitocondri delle cellule endoteliali. Entrambi hanno l’effetto di ridurre la funzione delle cellule endoteliali, che è essenziale per la funzione dei vasi sanguigni. La cellula endoteliale è particolarmente importante per la barriera ematoencefalica. La ridotta funzione delle cellule endoteliali provoca danni alle arterie, alle arteriole e ai capillari nel cervello. I danni a questi vasi portano a ictus e, ha detto il dottor Blaylock, "col tempo, sospetto, anche se non è stato ancora segnalato, avremo molti aneurismi - e questo perché sta danneggiando l'integrità dei vasi". parete del vaso e questo è ciò che è un aneurisma.

In uno studio pubblicato nel 2011 [10] è stato anche dimostrato che la mutazione della proteina Spike provoca eccitotossicità . Questo studio riguardava la proteina spike di un coronavirus diverso da SARS-CoV-2 ma mostra il danno causato dalla proteina spike.

In uno studio su sei pazienti [11] con effetti neurologici noti ma le cui scansioni MRI erano normali, è stata eseguita una scansione con tensore di diffusione (“DTI”). Un DTI mostra danni agli assioni all'interno della sostanza bianca e consente al ricercatore di osservare le singole fibre della sostanza bianca. La materia bianca [12] è il tessuto del cervello composto da fibre nervose. Le fibre, chiamate assoni, collegano le cellule nervose e sono ricoperte dalla mielina, un tipo di grasso. La mielina è ciò che dà alla sostanza bianca il suo colore bianco. Tutti e sei i partecipanti allo studio avevano scansioni DTI anormali che indicavano infiammazione. Uno dei partecipanti è morto ed è stata eseguita un'autopsia: è stata riscontrata un'ampia attivazione microgliale, soprattutto nel tronco encefalico. Altri studi hanno confermato che l’attività microgliale è più intensa nella sostanza bianca e non nella sostanza grigia.

 Le fibre della sostanza bianca collegano tutte le aree del cervello. Quindi, quando si danneggia la fibra, la materia grigia non può funzionare poiché non può comunicare. Questo è ciò che accade nell'autismo e le anomalie della sostanza bianca si osservano nelle persone con autismo.

 

Effetti su bambini non ancora nati

Le conseguenze sullo sviluppo del feto sono sorprendenti.

“L’intero processo del trasportatore di nano lipidi che trasporta la proteina Spike ovunque, avviene anche nella donna incinta – il trasportatore di nano lipidi attraversa la placenta, entra nella circolazione del bambino e ovviamente, come abbiamo detto all’inizio, il bambino forma 250.000 cellule cerebrali ogni minuto [quindi] ciò compromette [lo sviluppo del cervello]. Inoltre, si verificano anche tutta l’eccitotossicità e l’infiammazione”, ha affermato il dott. Blaylock.

Nel bambino avviene lo stesso processo che avviene negli adulti, il priming e l’attivazione e un’attivazione microgliale a lungo termine – ad esempio, durante l’esame dell’autismo adulto, dopo 40 anni le microglia erano ancora attivate. Il dottor Blaylock ha avvertito:

“Penso che vedremo tutto [come conseguenza delle iniezioni di Covid]. Vedremo un enorme aumento dei disturbi dello spettro autistico. L’altro disturbo di cui non si parla mai è la schizofrenia. Quello che vediamo è che se stimoliamo il sistema immunitario durante il terzo trimestre, l'incidenza della schizofrenia aumenta di circa 6 volte. Ma non arriva fino all'adolescenza quindi passerà molto tempo prima di vederlo. “Ma penso che tutto – le malformazioni stanno già aumentando del 300-400%, gli aborti – vedremo cose mai viste prima. Questa è la tragedia di tutto questo”.

Che le organizzazioni pediatriche sostengano le iniezioni per il Covid è mostruoso.

 

Meccanismi che causano il cancro

Il dottor Ryan Cole tiene dei registri meticolosi e ha notato che c’è stato un enorme aumento di tumori aggressivi dopo il lancio dell’iniezione di Covid. Ha notato anche che le persone che avevano tumori ben controllati stavano sviluppando tumori incontrollabili e morivano molto rapidamente.

I linfociti, che aiutano a combattere i tumori, sono diminuiti dopo l’iniezione Covid ed è questa la causa di cui si parla spesso. Ma altri due meccanismi causano questi tumori che devono essere esaminati, ha detto il dottor Blaylock. Uno è l’attivazione dei virus oncogeni e l’altro sono i livelli di glutammato.

Virus oncogeni -

È stato menzionato in numerose occasioni che le iniezioni per il Covid stanno attivando virus latenti. "Ci sono molti virus oncogeni", ha detto il dottor Blaylock.

Video: "Comportamento della malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, (minuto 34.52]

 

Una volta che uno di questi virus viene attivato, diventa un potente oncomodulatore. Uno dei meccanismi per l’induzione e il potenziamento del cancro è l’infiammazione. È noto che l'infiammazione è la causa principale di praticamente tutti i tumori e aumenta i tumori in ogni fase, ha affermato il dottor Blaylock.

“Non esiste un vaccino noto che produca un'infiammazione dell'entità e della natura prolungata come queste iniezioni. E il processo è in corso, aumentano costantemente la quantità di proteine ​​​​spike”.

 

Glutammato

Tutte le cellule immunitarie secernono glutammato. Quindi, quando il sistema immunitario viene attivato e si infiltra nei tessuti, aumenta considerevolmente i livelli di glutammato in quel tessuto. È noto che diversi tumori sono stimolati dal glutammato. È stato dimostrato che i bloccanti del glutammato riducono la divisione cellulare, aumentano la morte cellulare e inibiscono la migrazione cellulare.

I recettori del glutammato si trovano in tutto il corpo.

Video: "Comportamento della malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, (minuto 37.33]

L’infiltrazione della microglia nel cervello aumenta la crescita del tumore al cervello così come l’infiltrazione da parte delle cellule che secernono glutammato. "I tumori cerebrali primari sono particolarmente inclini a questo", ha spiegato il dottor Blaylock. Nel caso del glioblastoma multiforme, le persone che hanno un livello di glutammato molto elevato nel tumore hanno una prognosi molto sfavorevole. Coloro che hanno livelli molto bassi di glutammato vivono molto più a lungo, ha detto.

 

Morte cardiaca improvvisa

"Quelli che stanno cercando di nascondere che [la morte cardiaca improvvisa è] causata dalle iniezioni [per il Covid] la chiamano sindrome della morte improvvisa - un termine senza senso", ha detto il dottor Blaylock.

Ogni tessuto del cuore ha recettori del glutammato. L'intero sistema di conduzione elettrica del cuore è controllato dai recettori del glutammato. "E sappiamo che le persone che hanno bassi livelli di magnesio nei tessuti hanno livelli elevati di eccitotossine e sono inclini alla morte cardiaca improvvisa", ha spiegato.

Il cuore è anche controllato da sistemi neurologici centrali nel tronco cerebrale che regolano la contrazione e il ritmo del cuore. Se il glutammato è eccessivo nel tronco cerebrale, può causare aritmia o battito cardiaco irregolare, morte cardiaca improvvisa o infarto.

In uno studio sugli animali [13], ai criceti sono stati somministrati composti che bloccano il glutammato per cinque giorni. I criceti erano geneticamente predisposti alla morte cardiaca improvvisa se esposti a stress. Dopo la somministrazione del composto di glutammato si è constatato che vi era una significativa riduzione della morte indotta dallo stress. Tuttavia, tutti gli animali nutriti con una dieta a basso contenuto di magnesio e poi esposti allo stress sono morti. Per quegli animali i cui livelli di magnesio erano aumentati, nessuno di loro è morto. "Quindi, un basso contenuto di magnesio... aumenta notevolmente l'eccitotossicità", ha affermato il dott. Blaylock.

Molte persone seguono una dieta ricca di glutammato, presente negli alimenti trasformati, e di aspartame, pur avendo scarse riserve di magnesio: ciò può precipitare la morte cardiaca improvvisa. "Quindi, puoi vedere se sei in questa categoria e ti viene fatta questa iniezione [per il Covid], probabilmente morirai", ha spiegato il dottor Blaylock.

 

Cosa possono fare le persone che hanno subito iniezioni di Covid?

Il dottor Blaylock ha concluso la sua dissertazione con alcuni consigli, in particolare per coloro che hanno subito danni da vaccino, dicendo:

È necessario calmare le microglia. Bisogna aiutare a stabilire questo sistema protettivo. E questo può essere fatto con una serie di composti, come la curcumina. Quercetina, vicetina, esperidina, vitamina D3, vitamina C, l'elenco potrebbe continuare all'infinito. Ci sono molti flavonoidi noti per calmare le microglia. La silimarina lo fa in pochissima concentrazione. 

“Il problema è farlo assorbire nel tratto gastrointestinale [gastrointestinale]. Esistono nanoforme di questi composti che sono altamente assorbiti ed entrano nel cervello in alte concentrazioni, quindi in un certo qual modo abbiamo sconfitto questo problema. E consiglio alle persone di provare la nano curcumina.

Bisogna anche aumentare la funzione mitocondriale. C'è tutta una serie di composti che si può utilizzare per potenziare la funzione mitocondriale.

"È anche necessario che tutti i vostri antiossidanti riducano il danno causato dall'eccitotossicità".

 

Cosa possono fare le persone contro i tumori causati dalle iniezioni? 

Il dottor Blaylock ha scritto un libro sui trattamenti naturali contro il cancro intitolato ‘Natural Strategies for Cancer Patients’s [13] [Strategie naturali per malati di cancro], dopo aver svolto ricerche approfondite sull'argomento.

“Ci sono molti composti naturali che sono inibitori del cancro molto potenti. Quello che bisogna fare è aumentare i vostri linfociti. L'astragalo aumenta notevolmente i linfociti nei pazienti affetti da cancro. E ho avuto un certo numero di pazienti con cancro in cui l’ho usato, i loro linfociti sono tornati alla normalità e il loro cancro era sotto controllo. Ho avuto un certo numero di donne con cancro al seno allo stadio 4, e l’abbiamo usato, ottenendo una lunga sopravvivenza e la maggior parte di loro è ancora viva. Quindi funziona. Ma è come tutto quello che vediamo oggi, lo nascondono. Non vogliono che si sappia perché le aziende farmaceutiche stanno facendo fortune grazie alle persone malate”.  

 

 

Video: Difesa della Salute dei Bambini, Medici e Scienziati Ep. 34: "Comportamento di malattia" + l'effetto delle proteine ​​Spike sul corpo, 17 novembre 2022 (53 minuti) [per questo video si vada sull'articolo originario in lingua inglese]

 

Ulteriori risorse: ricerca di Russell L. Blaylock mentre era affiliato al Belhaven College e altri luoghi [14], ResearchGate

Ulteriori risorse:

 

  1. https://wikispooks.com/wiki/Russell_Blaylock
  2. Video: https://rumble.com/v1v7udi-sickness-behavior-the-effect-of-spike-proteins-on-the-body.html
  3. Gli astrociti sono cellule particolari costituenti della microglia, si trovano nel sistema nervoso centrale; Wikipedia
  4. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fimmu.2021.656700/full
  5. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0006291X22009779
  6. https://link.springer.com/article/10.1007/s11481-021-10015-6
  7. https://pubs.acs.org/doi/10.1021/acschemneuro.1c00675
  8. https://www.nature.com/articles/s41598-022-09410-7
  9. https://www.mdpi.com/1999-4915/13/10/2021
  10. https://journals.asm.org/doi/10.1128/jvi.05576-11
  11. https://link.springer.com/article/10.1007/s00134-020-06241-w
  12. https://www.verywellhealth.com/what-is-white-matter-in-the-brain-98119
  13. https://www.amazon.co.uk/Natural-Strategies-Patients-Russell-Blaylock/dp/0806539224
  14. https://www.researchgate.net/scientific-contributions/Russell-L-Blaylock-58885645
Questa argomento è stata modificata 2 mesi fa da oldhunter
Condividi: