Notifiche
Cancella tutti

Scott Ritter sull'Ucraina: "Perché ho cambiato radicalmente la mia valutazione generale"

   RSS

0
Topic starter

https://libya360.wordpress.com/2022/05/16/scott-ritter-on-ukraine-why-i-radically-changed-my-overall-assessment/

di Mike Whitney

Domenica, i blog di politica estera erano in fermento per la notizia che Scott Ritter aveva compiuto "un voltafaccia nella sua valutazione della guerra". Sembra che l'ex marine abbia esaminato i recenti sviluppi in Ucraina e abbia concluso che sarà molto più difficile per la Russia vincere di quanto avesse inizialmente pensato.

Naturalmente, la notizia dell'inversione di tendenza di Ritter ha suscitato un'onda d'urto su Internet, soprattutto tra le persone che seguono da vicino gli eventi in Ucraina, e che ammirano molto la sua analisi imparziale. Alcune di queste persone si sono chiaramente sentite tradite dai commenti di Ritter e lo hanno definito un "troll preoccupato",  una persona che finge compassione mentre in realtà prova il contrario. Questo è un modo terribile di trattare qualcuno che ha dedicato così tanto del suo tempo a informare le persone su un problema di cui potrebbero sapere molto poco senza la sua ricerca. Inoltre, Ritter non è un ipocrita. Al contrario.

È giusto dire, tuttavia, che Ritter è stato probabilmente il sostenitore più schietto della teoria "La Russia sta vincendo", un'ipotesi che va contro tutto ciò che leggiamo nei media tradizionali o vediamo sui canali di notizie via cavo. Sfortunatamente, le opinioni di Ritter sulla questione sono cambiate radicalmente, e ciò è dovuto quasi interamente agli sviluppi sul campo. Come ammette candidamente Ritter,  "Gli aiuti militari che l'Occidente sta fornendo all'Ucraina stanno cambiando la dinamica, e se la Russia non trova un modo per affrontare questo problema in modo significativo... il conflitto non finirà mai".

Questa è una bella svolta rispetto alla dichiarazione che ha fatto poche settimane prima, secondo cui "La Russia sta vincendo la guerra e la sta vincendo in modo decisivo".

Allora, cosa è cambiato? Quali sono i cosiddetti sviluppi che hanno portato al voltafaccia di Ritter?

Ecco alcuni estratti dell'intervista che ha scatenato la rissa. Ritter è stato raggiunto da Ray McGovern e dal presentatore Garland Nixon al  Saturday Morning Live . (Le citazioni sono copiate dal video. Accetto la colpa per eventuali errori.)

Scott Ritter  (inizio al minuto 47:50) — "La cosa che mi frustra... è che,  secondo me, sarebbe stato molto difficile per l'Ucraina assorbire questo nuovo equipaggiamento e materiale  (Materiale: le armi letali aggiuntive che è stato recentemente spedito in Ucraina)  ma gli obici stanno già operando contro la Russia.  (E) Stanno avendo un effetto nella regione di Kharkov.  Non tutti e 90, ma hanno diverse batterie in atto che vengono utilizzate.

Come è successo?

 

Ed  è per questo che ho cambiato radicalmente la mia valutazione complessiva, perché prima partivo dal presupposto che la Russia sarebbe stata in grado di interdire la stragrande maggioranza di queste apparecchiature, ma la Russia si è mostrata incapace o riluttante a farlo e, di conseguenza gli ucraini stanno avendo un impatto significativo sul campo di battaglia. Non nelle aree di principale contesa, come il Donbass, ma alla periferia. Questo è il motivo per cui la Russia ha effettuato ritiri tattici a nord di Kharkov, perché per eguagliare le migliori capacità dell'Ucraina, la Russia dovrebbe dirottare risorse dallo sforzo principale, cosa che la Russia ha deciso di non fare. Quindi, stanno riconfigurando il campo di battaglia. (terreni commerciali in diverse aree)…(“ Saturday Morning Live con Scott Ritter e Ray McGovern,  You Tube)
 

In sostanza, mentre le simpatie di Ritter non sono minimamente cambiate, è chiaro che la sua analisi è cambiata. All'inizio, non pensava che il diluvio di armi letali avrebbe influenzato l'esito della guerra. Ora non è così sicuro. È un errore onesto, ma che, comunque, aveva bisogno di 'rendere chiaro' e spiegare i fattori che hanno contribuito alla sua inversione di marcia. Ecco di più dalla stessa intervista:

Scott Ritter– Questo è un momento di trasformazione della guerra, perché significa che la smilitarizzazione non sta avvenendo.  Nonostante tutte le forze che la Russia sta distruggendo a est, l' Ucraina sta ricostruendo capacità significative  (a ovest).   Lo paragono a Mosca nel dicembre 1941, quando i tedeschi si stavano dirigendo verso Mosca, e i russi iniziarono a 'lanciargli contro cose', sacrificando tutto per rallentare l'offensiva tedesca. fino a quando il generale Winter e la combinazione delle divisioni siberiane non diede loro la possibilità di contrattaccare. I tedeschi furono dissanguati e furono fermati e respinti. Se la Russia non cambia il calcolo, allora questa è la traiettoria su cui ci stiamo dirigendo., perché 200.000 soldati, per quanto capaci possano essere, sono in grado di fare solo tanto così. E i combattimenti in corso in questo momento, anche se stanno massacrando gli ucraini, non sono gratuiti per i russi. Stanno perdendo attrezzature, uomini, materiale e, a meno che Putin non mobiliti o trasferisca le forze, queste non vengono sostituite. Quindi, invece di avere all'attivo 200.000 uomini, la Russia potrebbe averne 180.000. E se pensi che la rimozione di 20.000 uomini non cambi le opzioni a disposizione della leadership russa, allora non sai nulla di guerra".

Quindi, credo che la Russia vincerà a est, li stanno schiacciando mentre parliamo, li stanno massacrando; la quantità di morte e distruzione che viene inflitta agli ucraini è inimmaginabile, ma credo che gli ucraini siano disposti a sopportare queste perdite per guadagnare tempo per ricostituire un esercito che sfiderà la Russia  Perché  a meno che la Russia non sia disposta ad attraversare il fiume Dnepr e dirigersi nell'Ucraina occidentale, dove può eliminare la profondità strategica che gli ucraini stanno offrendo ai russi,  la smilitarizzazione dell'Ucraina non avrà luogo. Non può aver luogo, quando arrivano decine di miliardi di dollari di attrezzature e la Russia non è in grado di interdirle. Il fatto che questi obici avanzati stiano operando in prima linea in questo momento, mostra che c'è qualcosa di sbagliato nella metodologia russa. E, a meno che non modifichino quella metodologia, penso che ci aspetta un'estate molto lunga. ” (“ Saturday Morning Live con Scott Ritter e Ray McGovern,  You Tube)

È difficile capire cosa sta dicendo Ritter qui. Sta davvero suggerendo che Putin espanda l'attuale "operazione speciale" in una guerra mondiale in piena regola? A un certo punto, afferma casualmente che la Russia dovrà mobilitare 1 milione e mezzo di uomini (Nota: la Russia attualmente ne ha solo 200.000 in Ucraina), se vogliono prevalere in Ucraina e poi passare alla Finlandia. È impossibile dire dal tono di Ritter se sta semplicemente facendo un'osservazione obiettiva di "ciò che è necessario" per avere successo, o se sta facendo una raccomandazione esplicita che secondo lui l'Alto Comando russo dovrebbe prendere in considerazione. Non posso rispondere. Ecco di più dall'intervista:

Scott Ritter (5:20 mark) –  “L'idea che l'esercito ucraino sia stato eliminato come forza combattente efficace è un concetto imperfetto e se la Russia non amplierà la sua operazione militare speciale, probabilmente al punto da trasformarla da un'operazione militare speciale a una guerra che include la totalità dello spazio di battaglia ucraino –  questo è un conflitto che è pericolosamente vicino a diventare impossibile da vincere per la Russia, il che significa che mentre possono completare i loro obiettivi a est con 200.000 soldati, non sono in grado di impedire all'Ucraina di riarmarsi e riequipaggiarsi, dal momento che l'Ucraina riceve decine di miliardi di dollari di equipaggiamento dalla NATO — Ogni volta che fornisci al tuo nemico "spazio sicuro" per ricostruire la sua capacità militare, non vincerai mai . …
Sì, la Russia sta vincendo a est, ed è quello che hanno detto che il loro obiettivo era da sempre. E lo stanno realizzando. Questa è l'operazione militare speciale. Ma  ora stiamo parlando di “guerra”, e non credo che la Russia abbia ancora compiuto quella transizione. Questa è di fatto una guerra per procura tra l'Occidente e la Russia, che usa le forze ucraine come spada della NATO. L'obiettivo di questo è "dissanguare la Russia". E se la Russia non cambia la dinamica, la Russia sarà dissanguata. Zelensky ha indicato di essere disposto a mobilitare un milione di persone, in un momento in cui l'Occidente è pronto a fornire i finanziamenti e le attrezzature per trasformare quel milione di uomini in una vera minaccia militare.

Quindi, vedo ciò che è successo nelle ultime settimane come decisivo.

L'aiuto militare che l'Occidente sta fornendo sta cambiando la dinamica, e se la Russia non trova un modo per affrontare questo problema in modo significativo ed eliminarlo come capacità militare... allora il conflitto non finirà mai". (" Saturday Morning Live con Scott Ritter e Ray McGovern,  You Tube)

 

Eccolo dalla fonte più affidabile. I lettori dovranno trarre le proprie conclusioni.

IMHO, Scott Ritter si sta gradualmente adattando all'idea che il conflitto in Ucraina non è solo una scaramuccia regionale tra due vicini litigiosi, né è una guerra per procura tra NATO e Russia. No. L'Ucraina è la prima fase di un piano più ampio per schiacciare la Russia, far crollare la sua economia, rimuovere i suoi leader, impossessarsi delle sue risorse naturali, frantumare il suo territorio e proiettare la potenza degli Stati Uniti attraverso l'Asia centrale fino all'orlo del Pacifico. L'Ucraina parla di egemonia, impero e potere puro e incondizionato. Ancora più importante, l'Ucraina è la prima battaglia di una terza guerra mondiale, una guerra che è stata inventata e lanciata da Washington per garantire un altro secolo incontrastato di primato americano.

 

Questa argomento è stata modificata 2 mesi fa 2 volte da ekain3
1 risposta
0

Anche questo autore vede solo lo scacchiere ucraino, cioe' non al di la' del proprio naso. L'impantanamento e' puramente voluto da entrambi contendenti, l'occidente e la russia-cina. Ognuno cerca di logorare l'altro. La Russia , anche oggi o ieri, dal'ultimo rapporto del ministero difesa, ha tirato una gragnuola di missili ipersonici ad alta precisione . La Russia, la mia modesta  interpretazione e' che non ha voluto appositamente dare il colpo di maglio  e risolvere subito la questione. Spalleggiata dalla Cina, ritiene tranquillamente di poter vincere logorando le truppe inviate ed addestrate dalla nato . Si pensa forse che la russia perdera' perche' finisce i missili e la cina non la aiuta? Se riesce in cio', basta bloccare le controffensive, il re sara' nudo e nulla potra' trattenere  l'implosione della bolla di derivati, delle banche marce occidentali. Quello che mi ha colpito e' stata la razzia di grano in giro per il mondo che ha compiuto la cina prima dell'operazione militare, segno di una precisa strategia Russia-Cina che, a me pare, detengono piu' materie prime e piu' risorse in uomini dell'occidente. Che comunque ci prova.

@Cachafaz  più che altro, secondo me, si era esposto troppo nella sua valutazione iniziale, adesso sta solo correggendo il tiro, sembra si sia reso conto che l'Ucraina è solo la prima tappa di una guerra per distruggere la Russia, '' la prima battaglia di una terza guerra mondiale.''

Condividi: