LA VERA STORIA DI D...
 
Notifiche
Cancella tutti

LA VERA STORIA DI DRACULA IL VAMPIRO


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1427
Topic starter  

 

 

Bram Stoker, creatore del Conte Dracula

 

Vlad III, l´Impalatore

 

Forse non sapevate che alcune parti del romanzo "Dracula" di Bram Stoker erano basate su eventi veri. Recentemente, Dacre Stoker e J.D. Barker, pronipote di Bram Stoker e responsabile dell'eredità dell'autore, hanno rivelato informazioni affascinanti sulla storia che si cela dietro il famoso romanzo.

Ciò che è ancora più spaventoso è che le prime pagine del testo originale di Dracula furono considerate terrificanti al punto di far decidere gli editori ad ometterle.

In un'intervista, Bram Stocker diede un inquietante avvertimento sul male che aveva ispirato "Dracula". Egli riteneva che la leggenda del vampiro avesse radici profonde in eventi storici e che questi eventi potessero essere più terrificanti della finzione da lui creata.

L'influenza delle paure e delle convinzioni di Stoker nella creazione di "Dracula" è chiaramente visibile in tutto il racconto, rendendo il libro una lettura ancora più affascinante e spaventosa.

Qual è la storia del romanzo "Dracula"?

Bram Stoker era uno scrittore irlandese che scrisse il classico romanzo "Dracula" nel 1897. Recentemente, gli scrittori Dacre Stoker e J.D. Barker hanno rivelato alcuni fatti affascinanti sulla vita di Stoker e sulla storia del suo famoso romanzo.

Nell´estate 1890, il quarantacinquenne Bram Stoker entrò nella Biblioteca di Whitby, in Inghilterra, e chiese un titolo specifico: The Accounts of the Principalities of Wallachia and Moldavia di William Wilkinson. Non si trattava di un libro facilmente reperibile sugli scaffali o normalmente disponibile al pubblico. La biblioteca non sapeva nemmeno di possedere questo libro raro. L'accesso era consentito solo a chi ne faceva richiesta. Gli utenti potevano sfogliare il libro solo sotto l'occhio vigile del bibliotecario, e veniva rimesso al suo posto non appena terminata la lettura. Quando ricevette il libro, Stoker non lo lesse da cima a fondo: aprì le pagine fino a una sezione specifica, prese appunti sul suo diario e restituì il libro al bibliotecario.

Si fermò quindi al museo di Whitby, dove esaminò una serie di mappe e stabilì un percorso che partiva dal cuore di Londra e terminava in cima a una montagna all’interno della Romania.

Dal museo, Bram seguí in direzione del porto di Whitby dove avrebbe parlato con alcuni membri della Royal Coastguard. Questi gli fornirono dettagli su un veliero, il Dmitri, che alcuni anni prima si era arenato sulla spiaggia all'interno del porto e di cui erano sopravvissuti solo alcuni membri dell'equipaggio. La nave, proveniente da Varna, un porto dell'Europa orientale, trasportava un carico misterioso. - casse di terra provenienti dalla Transilvania. Mentre indagavano sulla nave danneggiata, i soccorritori riferirono di aver visto un grosso cane nero, conforme a un mito dello Yorkshire di una bestia nota come Barghest, uscire dallo scafo della nave e salire i 199 gradini che dalla spiaggia di Tate Sands portano al cimitero della chiesa di St Mary.

Stocker guardò la chiesa e l'abbazia di Whitby che si ergeva accanto ad essa sulla scogliera. Nella sua mente, immaginò una camera buia nella parte alta della torre centrale.

Aprendo il suo diario, si soffermò sulle informazioni che aveva annotato in biblioteca: durante le sue ricerche nella città di Whitby aveva trovato l'ispirazione per uno dei suoi personaggi più famosi, il conte Dracula. Stoker credeva che le leggende e le storie sui vampiri fossero basate su eventi e personaggi storici reali.

Stoker combinò questa storia con le leggende popolari della regione, come quella dello strigoi, un vampiro che si risveglia dalla morte per perseguitare i suoi nemici. Si ispirò anche a fatti realmente accaduti, come la storia della nave Dmitri che si arenò a Whitby, in Inghilterra, trasportando le casse di terra dalla Transilvania.

Tuttavia, Stoker non intendeva che "Dracula" fosse solo una finzione, ma un avvertimento di un male molto reale, un incubo infantile ricorrente. Egli riteneva che molti dei personaggi e degli eventi descritti nel suo libro fossero reali, anche se forse incomprensibili per la mente umana. In un'intervista, dichiaró di essere "convinto che non ci siano dubbi sul fatto che gli eventi descritti siano realmente accaduti".

Preoccupato per l'impatto che avrebbe avuto il presentare questa storia come vera, il suo editore, Otto Kyllman, restituì il manoscritto con una sola parola scritta da lui stesso: No.

Kyllman spiegò che Londra si stava ancora riprendendo da un'ondata di orribili omicidi a Whitechapel e, con l'assassino ancora a piede libero, non potevano pubblicare una storia come questa senza rischiare di generare panico di massa. Si sarebbero dovuti apportare dei cambiamenti. Alcuni fatti avrebbero dovuto essere modificati e il libro sarebbe stato pubblicato come fiction o non sarebbe stato pubblicato affatto.

Quando il romanzo fu finalmente pubblicato il 26 maggio 1897, le prime 101 pagine erano state tagliate, erano state apportate numerose modifiche al testo e l'epilogo era stato accorciato, cambiando il destino finale di Dracula e del suo castello. Decine di migliaia di parole erano scomparse. Il messaggio chiaro e conciso di Stoker era stato totalmente alterato.

Cosa c´era nelle prime 101 pagine del famoso romanzo Dracula che furono tagliate e modificate prima della sua pubblicazione nel 1897?

Bram Stoker ha lasciato delle tracce: basta saper guardare. Alcuni di questi indizi sono stati scoperti in una prima edizione di Dracula recentemente tradotta in Islanda e intitolata Makt Myrkranna, o Potere delle tenebre.

In questa prima edizione, Bram ha lasciato intatta non solo la sua prefazione originale, ma anche alcune parti del suo racconto originale – rifiutate suo editore nel Regno Unito.

Ulteriori informazioni si trovano nel racconto "L'ospite di Dracula", ora noto per essere stato tratto dal testo originale.

Poi c'erano i suoi appunti, i suoi diari, altre prime edizioni in giro per il mondo. Non potendo raccontare la sua storia nella sua interezza, Bram Stoker l'ha disseminata, proprio come il suo famoso vampiro, che non è mai morto, ma ha solo dormito, ha solo aspettato.

Tuttavia, il manoscritto originale completo è stato scoperto solo negli anni '80 in un fienile della Pennsylvania. Il manoscritto, ora di proprietà del cofondatore di Microsoft Paul Allen, inizia a pagina 102, informando che le prime 101 pagine non furono mai pubblicate.

Gli autori J.D. Barker e Dacre Stoker hanno utilizzato questa ricerca come base per il romanzo Dracul, che esplora la storia originale non raccontata.

 

https://www.amazon.it/Dracul-Dacre-Stoker/dp/8842931365/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=3MFGXEU963H06&keywords=Dracul&qid=1682426430&sprefix=dracul+%2Caps%2C275&sr=8-1

Vlad III, detto l'Impalatore

Vlad III, detto l'Impalatore, nacque nel 1431 e governò su gran parte del territorio che corrisponde all'attuale Romania. La sua crudeltà e la mancanza di pietà nei confronti dei nemici lo resero temuto e odiato da molti. Vlad regnava in un periodo in cui il mondo cristiano e quello musulmano erano in guerra ed era disposto a fare qualsiasi cosa per proteggere il suo territorio.

Fin da giovane, Vlad era noto per la sua abilità nel condurre battaglie e per la sua mancanza di pietà nei confronti di chi gli si opponeva. Fu allevato dal padre, Vlad II, che era un membro dell'Ordine del Drago, una società segreta creata dai nobili della regione per difendere il territorio dall'invasione dei turchi ottomani. Per questo motivo, Vlad II era conosciuto come Dracul, il drago, e suo figlio, Vlad III, era conosciuto come Draculea, il figlio del drago.

Il regno sanguinario: un leader crudele e spietato

Vlad III crebbe all'ombra del padre, imparando da lui le arti della guerra e della politica. Ma apprese anche a essere crudele, a usare la violenza per risolvere i conflitti e a imporre la sua volontà agli altri. Non mostrava pietà per i suoi nemici e spesso si compiaceva delle sofferenze che provocava.

La leggenda narra che un giorno Vlad III vide un abitante del villaggio con una camicia sporca e gli chiese se sua moglie fosse sana di salute. L'abitante rispose di sì e Vlad fece tagliare le mani alla moglie dell'abitante. Poi cercò la moglie di un altro abitante del villaggio e gli mostrò quello che era successo alla prima, in modo che servisse da esempio. Vlad provava piacere nel mangiare davanti alle sue vittime con i loro corpi impalati, ascoltando le loro urla di agonia.

Dalla vittoria in battaglia alla leggenda del Conte Dracula

Ma Vlad non era solo crudele. Era anche un condottiero forte e coraggioso, capace di condurre il suo esercito alla vittoria in molte battaglie. Si racconta che in una delle sue numerose battaglie, Vlad fu colpito alla testa da un potente colpo che lo lasciò in coma. I suoi uomini, credendolo morto, fuggirono con il suo corpo. Ma prima che la fuga fosse conclusa, Vlad si risvegliò dal coma come se nulla fosse accaduto e, subito dopo aver riacquistato i sensi, tornò a combattere, guidando il suo esercito fino alla vittoria.

La storia che Vlad III fosse tornato dalla morte come un non-morto si ampliò nel corso degli anni e finì per diventare parte del folklore locale. La gente cominciò a credere che fosse un vampiro, un essere mitico che si nutriva del sangue dei vivi. Nacque così la leggenda del Conte Dracula.

Pur non essendo un vampiro, Vlad III, l'Impalatore, è ancora ricordato come uno dei personaggi più crudeli e temuti della storia. La sua fama di uomo spietato e sanguinario si diffuse in tutta Europa e ancora oggi è ricordato come uno dei principali ispiratori della leggenda del Conte Dracula.

Questa argomento è stata modificata 10 mesi fa da mystes

Citazione
Rama
 Rama
New Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2
 

Un racconto con piccoli spunti di verità!


RispondiCitazione
Condividi: