Notifiche
Cancella tutti

Capolavoro di Putin - Accordo tra Cina e Siria


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 7667
Topic starter  

http://www.difesaonline.it/mondo-militare/siria-accordo-militare-con-la-cina-il-capolavoro-di-putin-quellasse-sostegno-di-assad

SIRIA, ACCORDO MILITARE CON LA CINA: IL CAPOLAVORO DI PUTIN PER QUELL'ASSE A SOSTEGNO DI ASSAD

(di Franco Iacch) 17/08/16

L’esercito cinese fornirà aiuti umanitari alla Siria. È questo l’accordo siglato poche ore fa tra Pechino e Damasco. La Cina potrebbe anche inviare istruttori per la formazione dell’esercito siriano.

Secondo l’agenzia di stampa Xinhua, il direttore per la Cooperazione Internazionale della Commissione Militare Centrale, Guan Youfei, è arrivato a Damasco ieri per una serie di colloqui con il ministro della Difesa siriano Fahad Jassim al-Freij. Ha detto Youfei durante l’incontro: "I militari cinesi e siriani sono legati da un profondo legame di amicizia. Il nostro esercito è disposto a rafforzare la cooperazione con quello siriano”. Le due delegazioni hanno discusso il potenziamento della formazione, annunciando, a margine dell’incontro, il raggiungimento di un accordo per la “fornitura, ad opera dell’esercito cinese, di aiuti umanitari alla Siria”. Secondo l'agenzia Xinhua, Youfei avrebbe incontrato anche una delegazione russa prima di ripartire dalla capitale siriana.

La posizione della Cina, sebbene un loro discreto coinvolgimento sia in atto fin dalle prime fasi del conflitto, è ormai chiara. Schierandosi apertamente dichiarando guerra al terrorismo, la Cina riconosce politicamente il regime di Damasco e si allinea alla linea diplomatica degli altri due paesi già presenti sul terreno a sostegno di Assad: Russia ed Iran.

Nelle prossime settimane, dietro la voce “aiuti umanitari”, il coinvolgimento della Cina in Siria sarà crescente. All’angolo gli Stati Uniti che, ormai, non possono non tenere conto dell’asse Russia-Iran-Cina venutosi a creare a sostegno di Assad. È ancora presto per determinare il reale impatto che il coinvolgimento cinese avrà in Siria, ma rappresenta la prima presa di posizione di Pechino.

I media cinesi, nel commentare l’incontro avvenuto in Siria tra le due delegazioni, rilevano che l’opinione pubblica in patria è per la maggior parte schierata con il governo del presidente Bashar Assad ed il coinvolgimento militare russo. Semplice mossa, quella dei media di Stato, che iniziano a preparare il campo a quello che sarà un coinvolgimento militare sul terreno.

La decisione di rendere noto l’incontro assume un valore fondamentale nelle strategia della Cina in Medio Oriente. Messe di lato (temporaneamente, ma riprenderanno a settembre) le pretese nel Mar Cinese Meridionale, la Cina si riscopre potenza internazionale e così come Russia e Stati Uniti, intende avere voce in capitolo per mantenere la pace e la stabilità nel Medio Oriente (anche per quegli accordi miliardari siglati sull’approvvigionamento energetico).

Infine, non si può non rilevare quel “semplice” riferimento, all’incontro in Siria tra le delegazioni russe e cinesi. Sebbene i media cinesi (seguiti da quelli russi) stiano dando risalto all’accordo con tra Pechino e Damasco, quel riferimento è presente. Leggendo sopra le righe, invece, la valenza è enorme al di là del semplice riferimento letterale. Putin è riuscito ad incastonare i principali attori, in disputa con gli Usa per diversi aspetti ed interessi, in un unico contesto.

Oggi nemmeno gli Usa, sempre più assorbiti dalla corsa alle prossime elezioni con candidati ancora incerti “sulla futura responsabilità in Siria”, sembrano dare più linfa a quella strategia di “uscita” più volte menzionata da un sempre più assente Kerry.

Resta da capire, infine, il reale significate dell’accordo dietro le parole “aiuti umanitari forniti dai militari cinesi”. Damasco ha già ceduto ai russi, a titolo definitivo, la base aerea di Khmeimim oltre quella navale di Tartus, conferendo due basi strategiche con accesso diretto nel Mediterraneo.

(foto: SANA)


Citazione
1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 633
 

Putin maestro di diplomazia, forse l'unico rimasto in questo mondo di stupidi fantocci guerrafondai.


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 7667
Topic starter  

Putin non è solo, e Lavrov non è Gentiloni.....


RispondiCitazione
1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 633
 

Putin non è solo, e Lavrov non è Gentiloni.....

Certo, Putin però ha una personalità maggiore di Lavrov, comunque grande diplomatico anche lui. E probabilmente ce ne saranno altri in gamba, nello staff diplomatico russo.


RispondiCitazione
sandman972
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 502
 

Godo nel pensare a quanti negli iu-ess-ei staranno sbavando impotenti di fronte a queste evoluzioni della situazione. Qualche calcio nei denti gli sta bene applicato. 🙄


RispondiCitazione
1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 633
 

Godo nel pensare a quanti negli iu-ess-ei staranno sbavando impotenti di fronte a queste evoluzioni della situazione. Qualche calcio nei denti gli sta bene applicato. 🙄

Beh certo, sono ormai abituati ad essere i teppisti del mondo, si vedono sfuggire il controllo della situazione dalle mani. Non dev'essere piacevole.
Ma ho l'impressione che Putin dopo tutte le aggressioni, anche militari che ha subito la Russia negli ultimi tempi, agli americani glielo stia mettendo lentamente nel di dietro, ma con dolcezza e diplomazia, tanto che alla fine i poverini non capiranno nemmeno cosa gli sia successo


RispondiCitazione
sandman972
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 502
 

Beh certo, sono ormai abituati ad essere i teppisti del mondo, si vedono sfuggire il controllo della situazione dalle mani. Non dev'essere piacevole.
Ma ho l'impressione che Putin dopo tutte le aggressioni, anche militari che ha subito la Russia negli ultimi tempi, agli americani glielo stia mettendo lentamente nel di dietro, ma con dolcezza e diplomazia, tanto che alla fine i poverini non capiranno nemmeno cosa gli sia successo

Concordo...la mia sola fifa deriva dal fatto che gli americani non sono dei pragmatici. Speriamo che non ne escano sparando all'impazzata, magari mandando avanti noi europei che siamo lontani dai loro confini. 🙄 Per questo mi fa cosi fifa Killary, ben più di Trump


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 7667
Topic starter  

L' alleanza dei paesi occidentali e' in grossa crisi, ma questo blocco di paesi le crisi vuole scaricarle sugli altri, e finora ci e' riuscito quasi sempre.

Piu' in crisi degli USA e l' Unione Europea, non dimentichiamo la Brexit e le difficolta' francesi, tedesche e italiane.

Ma anche gli USA senza l' Europa occidentale forte e con i suoi problemi interni non e' messa bene.


RispondiCitazione
makkia
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 755
 

Godo nel pensare a quanti negli iu-ess-ei staranno sbavando impotenti di fronte a queste evoluzioni della situazione.

Se poi pensi alla velocità con cui si accavallano queste evoluzioni... il 9 agosto la potevano vedere così:
Aleppo è persa, Assad finito, Putin fallimentare e con gatte da pelare in Crimea, curdi e "moderati" si spartiranno la Siria in regioni etnico-settarie eternamente in faida, l'ISIS schiacciato "grazie alla coalizione" (ma non troppo: la regione petolifera la controlla ancora)... e adesso con Netanyhau ci occupiamo di Hezbollah e dell'Iran.

E invece, in 5 giorni... 8)

Quello che mi fa paura è che, a 'sto punto, dovranno farne una grossa PRIMA delle elezioni, perché al momento Hitlery Clinton è a rischio di apparire solo come una vecchia ciabatta che minaccia a vanvera...
Ci vorrebbe una guerra contro qualcuno (che possibilmente la perda in fretta, per una volta) per far vedere che "gli USA sono ancora temibili" e che gli serve un guerrafondaio D.O.C.
Tempi duri per i civili libici, mi sa.

Certo, se gli spin doctor di Trump fossero più svegli, di mosse ce ne sarebbero da fare.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

http://www.difesaonline.it/mondo-militare/siria-accordo-militare-con-la-cina-il-capolavoro-di-putin-quellasse-sostegno-di-assad

SIRIA, ACCORDO MILITARE CON LA CINA: IL CAPOLAVORO DI PUTIN PER QUELL'ASSE A SOSTEGNO DI ASSAD

(di Franco Iacch) 17/08/16

L’esercito cinese fornirà aiuti umanitari alla Siria. È questo l’accordo siglato poche ore fa tra Pechino e Damasco. La Cina potrebbe anche inviare istruttori per la formazione dell’esercito siriano.

Secondo l’agenzia di stampa Xinhua, il direttore per la Cooperazione Internazionale della Commissione Militare Centrale, Guan Youfei, è arrivato a Damasco ieri per una serie di colloqui con il ministro della Difesa siriano Fahad Jassim al-Freij. Ha detto Youfei durante l’incontro: "I militari cinesi e siriani sono legati da un profondo legame di amicizia. Il nostro esercito è disposto a rafforzare la cooperazione con quello siriano”. Le due delegazioni hanno discusso il potenziamento della formazione, annunciando, a margine dell’incontro, il raggiungimento di un accordo per la “fornitura, ad opera dell’esercito cinese, di aiuti umanitari alla Siria”. Secondo l'agenzia Xinhua, Youfei avrebbe incontrato anche una delegazione russa prima di ripartire dalla capitale siriana.

La posizione della Cina, sebbene un loro discreto coinvolgimento sia in atto fin dalle prime fasi del conflitto, è ormai chiara. Schierandosi apertamente dichiarando guerra al terrorismo, la Cina riconosce politicamente il regime di Damasco e si allinea alla linea diplomatica degli altri due paesi già presenti sul terreno a sostegno di Assad: Russia ed Iran.

Nelle prossime settimane, dietro la voce “aiuti umanitari”, il coinvolgimento della Cina in Siria sarà crescente. All’angolo gli Stati Uniti che, ormai, non possono non tenere conto dell’asse Russia-Iran-Cina venutosi a creare a sostegno di Assad. È ancora presto per determinare il reale impatto che il coinvolgimento cinese avrà in Siria, ma rappresenta la prima presa di posizione di Pechino.

I media cinesi, nel commentare l’incontro avvenuto in Siria tra le due delegazioni, rilevano che l’opinione pubblica in patria è per la maggior parte schierata con il governo del presidente Bashar Assad ed il coinvolgimento militare russo. Semplice mossa, quella dei media di Stato, che iniziano a preparare il campo a quello che sarà un coinvolgimento militare sul terreno.

La decisione di rendere noto l’incontro assume un valore fondamentale nelle strategia della Cina in Medio Oriente. Messe di lato (temporaneamente, ma riprenderanno a settembre) le pretese nel Mar Cinese Meridionale, la Cina si riscopre potenza internazionale e così come Russia e Stati Uniti, intende avere voce in capitolo per mantenere la pace e la stabilità nel Medio Oriente (anche per quegli accordi miliardari siglati sull’approvvigionamento energetico).

Infine, non si può non rilevare quel “semplice” riferimento, all’incontro in Siria tra le delegazioni russe e cinesi. Sebbene i media cinesi (seguiti da quelli russi) stiano dando risalto all’accordo con tra Pechino e Damasco, quel riferimento è presente. Leggendo sopra le righe, invece, la valenza è enorme al di là del semplice riferimento letterale. Putin è riuscito ad incastonare i principali attori, in disputa con gli Usa per diversi aspetti ed interessi, in un unico contesto.

Oggi nemmeno gli Usa, sempre più assorbiti dalla corsa alle prossime elezioni con candidati ancora incerti “sulla futura responsabilità in Siria”, sembrano dare più linfa a quella strategia di “uscita” più volte menzionata da un sempre più assente Kerry.

Resta da capire, infine, il reale significate dell’accordo dietro le parole “aiuti umanitari forniti dai militari cinesi”. Damasco ha già ceduto ai russi, a titolo definitivo, la base aerea di Khmeimim oltre quella navale di Tartus, conferendo due basi strategiche con accesso diretto nel Mediterraneo.

(foto: SANA)

Marco ?
Dimenticato...

Asse Mosca-Damasco-Teheran-Beijing..."Assad must go? "

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=97475

😉


RispondiCitazione
1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 633
 

Beh certo, sono ormai abituati ad essere i teppisti del mondo, si vedono sfuggire il controllo della situazione dalle mani. Non dev'essere piacevole.
Ma ho l'impressione che Putin dopo tutte le aggressioni, anche militari che ha subito la Russia negli ultimi tempi, agli americani glielo stia mettendo lentamente nel di dietro, ma con dolcezza e diplomazia, tanto che alla fine i poverini non capiranno nemmeno cosa gli sia successo

Concordo...la mia sola fifa deriva dal fatto che gli americani non sono dei pragmatici. Speriamo che non ne escano sparando all'impazzata, magari mandando avanti noi europei che siamo lontani dai loro confini. 🙄 Per questo mi fa cosi fifa Killary, ben più di Trump

Loro mandano sempre avanti gli altri, perché sono dei ben noti cowards. Arrivano solo alla fine per prendersi i meriti, ove ve ne siano, altrimenti non li vedi. Anche in Iraq, Libia ecc. erano sempre accompagnati dai loro fidi compagni di merende. L'unica volta che ci hanno provato da soli in Vietnam, gli hanno fatto tanta di quella bua, che stanno ancora frignando
Se al soldato americano gli togli la tecnologia, di combattente gli resta ben poco, i veri combattenti. quelli tosti e duri a morire sono i russi. Gli americani naturalmente lo sanno e per questo finora li hanno sempre temuti ed evitati.


RispondiCitazione
sandman972
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 502
 

[quote="1Al"]

Loro mandano sempre avanti gli altri, perché sono dei ben noti cowards. Arrivano solo alla fine per prendersi i meriti, ove ve ne siano, altrimenti non li vedi. Anche in Iraq, Libia ecc. erano sempre accompagnati dai loro fidi compagni di merende. L'unica volta che ci hanno provato da soli in Vietnam, gli hanno fatto tanta di quella bua, che stanno ancora frignando
Se al soldato americano gli togli la tecnologia, di combattente gli resta ben poco, i veri combattenti. quelli tosti e duri a morire sono i russi. Gli americani naturalmente lo sanno e per questo finora li hanno sempre temuti ed evitati.

Parole sante. 🙄


RispondiCitazione
fuffolo
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 683
 

i veri combattenti. quelli tosti e duri a morire sono i russi. Gli americani naturalmente lo sanno e per questo finora li hanno sempre temuti ed evitati.

Non conoscevo la storia e sono rimasto stupito dal valore dei soldati russi.

La rivolta di Badaber e la vendetta del KGB
https://aurorasito.wordpress.com/2015/05/07/la-rivolta-di-badaber-e-la-vendetta-del-kgb/


RispondiCitazione
sandman972
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 502
 

La rivolta di Badaber e la vendetta del KGB
https://aurorasito.wordpress.com/2015/05/07/la-rivolta-di-badaber-e-la-vendetta-del-kgb/

Non la conoscevo neppure io. Grazie della condivisione.


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 7667
Topic starter  

Kefos aveva anticipato la notizia, io non sapevo...ma comunque

"repetita iuvant",

le cose ripetute aiutano,

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=97475


RispondiCitazione
Condividi: