Notifiche
Cancella tutti

Cosa sappiamo dell’attacco in Normandia

Pagina 1 / 2

helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

Cosa sappiamo dell’attacco in Normandia
Due uomini – poi uccisi dalla polizia – hanno preso degli ostaggi e ucciso un sacerdote in una chiesa: l'ISIS ha rivendicato l'attentato e uno dei due assalitori è stato identificato
normandia

La mattina del 26 luglio – verso le 9 e 25 – due uomini sono entrati in una chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, un comune francese di circa 29mila abitanti, nel dipartimento della Senna Marittima, nella regione dell’Alta Normandia. I due assalitori sono entrati in chiesa durante una messa e hanno preso cinque persone in ostaggio, sgozzandone una – Jacques Hamel, un sacerdote di 84 anni – e ferendone gravemente un’altra. In chiesa c’era una sesta persona che è riuscita a scappare e chiamare la polizia. I due assalitori sono stati uccisi dalle forze speciali della polizia francese mentre cercavano di uscire dalla chiesa e uno di loro è stato in seguito identificato: si chiamava Adel Kermiche, aveva 19 anni, nel 2015 aveva provato due volte ad andare in Siria e dal 18 marzo indossava un braccialetto elettronico di sorveglianza. Alcune ore dopo l’attacco il presidente francese François Hollande è andato a Saint-Étienne-du-Rouvray: ha definito quello che è successo «un ignobile attentato terroristico» e ha detto che i due assalitori hanno detto di essere dello Stato Islamico (o ISIS). Poco dopo lo Stato Islamico ha rivendicato l’attacco tramite la sua agenzia di stampa non ufficiale Amaq.

La procura antiterrorismo francese sta indagando sul caso di Saint-Étienne-du-Rouvray e per ora l’identità del secondo assalitore non è ancora stata confermata. Nella sera del 26 luglio si è però saputo che oltre ad avere i coltelli i due assalitori avevano anche dei finti esplosivi, e prima di essere usciti dalla chiesa e uccisi dalla polizia hanno usato gli ostaggi come scudi umani. Le Monde ha scritto che un minore è stato preso in custodia dalla sezione antiterrorismo della polizia di Parigi, in relazione all’attacco. Sembra che il minore si trovasse in una casa di Saint-Etienne-du-Rovray. Uno degli ostaggio continua invece a essere in condizioni critiche e Le Monde ha scritto che “lotta tra la vita e la morte”.

Il procuratore di Parigi Francois Molins ha spiegato che il braccialetto elettronico di Kermiche veniva disattivato – così come gli altri – per alcune ore ogni mattina ed è in quelle ore che Kermiche e l’altro assalitore ancora non identificato hanno fatto l’attacco. Kermiche era stato arrestato in Germania nel 2015 mentre tentava di raggiungere la Siria utilizzando i documenti di suo fratello. Due mesi dopo era stato arrestato in Turchia con un documento di un cugino. Erano stati i suoi genitori a segnalarlo alle autorità.

Negli ultimi giorni l’allarme terrorismo in Francia è particolarmente elevato, soprattutto a causa della strage di Nizza, in cui lo scorso 14 luglio sono state uccise 84 persone da un uomo alla guida di un camion. La mattina del 26 luglio la polizia francese ha arrestato altri due uomini sospettati di essere coinvolti nella strage a Nizza, mentre altri cinque erano già stati incriminati nei giorni scorsi.

http://www.ilpost.it/2016/07/26/ostaggi-chiesa-rouen/

riassumendo:
- si sa solo il nome di UNO degli assalitori, l'altro non è ancora noto, non si sa chi è
- avevano coltelli e un finto esplosivo
- Hollande ha detto che gli assalitori 'hanno detto' (ma se erano morti quando è arrivato Hollande chi glielo ha detto?) di essere dell'Isis
- immediatamente l'agenzia non ufficiale dell'isis Amaq (ma perchè non la Katz?) ha rivendicato l'attacco

Da l'impressione che la persona che lotta contro la vita e la morte sia stata colpita dai corpi speciali per colpire i due assalitori. Se volevano ammazzare le altre persone i due lo potevano fare solo con i coltelli,pare non avessero armi.


Citazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1816
 

Mi chiedo una cosa, perché in tutti gli attentati fatti, muoiono o suicidi o ammazzati i terroristi??
Mai una volta che ne prendano uno vivo e lo fanno "cantare".
Anche in questo caso, perché ammazzarli? Alla polizia insegnano che non si spara per uccidere a meno che non sia estremamente necessario, altrimenti, si spara alle gambe, si arrestano e si interrogano, tutto il resto è fuffa.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

Mi chiedo una cosa, perché in tutti gli attentati fatti, muoiono o suicidi o ammazzati i terroristi??
Mai una volta che ne prendano uno vivo e lo fanno "cantare".
Anche in questo caso, perché ammazzarli? Alla polizia insegnano che non si spara per uccidere a meno che non sia estremamente necessario, altrimenti, si spara alle gambe, si arrestano e si interrogano, tutto il resto è fuffa.

Sei arrivato alle mie stesse conclusioni.

Come mai devono sempre ammazzare gli assalitori.

In questo caso erano due ragazzi armati solo di coltelli e senza armi per cui potevano prenderli benissimo.
Ma se cantavano e dicevano che non erano del isis allora la stessa non poteva rivendicare l attentato.
Quindi uccidere i cosiddetti terroristi a chi giova in realtà?
A chi vuole sapere che cosa sta succedendo o all Isis?
Una terza supposizione non esiste.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3104
 

A me questo ‘attentato’ ricorda la vicenda di Padre Kolbe in Polonia: il suo assassinio servi’ di potente arma di mobilitazione contro il comunismo e ne favori’ la caduta. Era un ‘sacrificio umano’ - a mio modo di vedere - che raggiunse lo scopo. A cosa servirà il sacrificio del religioso francese ?


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1697
 

A me questo ‘attentato’ ricorda la vicenda di Padre Kolbe in Polonia: il suo assassinio servi’ di potente arma di mobilitazione contro il comunismo e ne favori’ la caduta. Era un ‘sacrificio umano’ - a mio modo di vedere - che raggiunse lo scopo. A cosa servirà il sacrificio del religioso francese ?

Effettivamente l'accostamento sembra appropriato. Un "santo" per di più "martire" fa sempre comodo per rinvigorire gli spiriti deboli. Fra l'altro in francia il sentimento religioso era in forte caduta ed i rapporti fra lo stato francese e quello vaticano piuttosto freddini dopo la vicenda dell'ambasciatore sgradito.

Penso proprio che in vaticano abbiano già "attivato" preti e monache del posto per mandarli in caccia di qualche "miracolo" del vecchio parroco (senza miracolo niente santo)

Il martirio del vecchio parroco di Rouen sarà ricordato per sempre in tutte le scuole ed addotto ad esempio per le giovani generazioni. Magari lo affiancano all'altra santa martire e patrona di francia e forse anche l'unione europea potrebbe adottarlo come sesto patrono: la quinta patrona d'europa è stato fatta santa solo 15 anni fa.

Non c'è che dire: un caso davvero da manuale.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

A me questo ‘attentato’ ricorda la vicenda di Padre Kolbe in Polonia: il suo assassinio servi’ di potente arma di mobilitazione contro il comunismo e ne favori’ la caduta. Era un ‘sacrificio umano’ - a mio modo di vedere - che raggiunse lo scopo. A cosa servirà il sacrificio del religioso francese ?

Anche a me ha tutta l aria di un sacrificio.

Non si sa a che cosa volto.

Ma se non fossero stati ammazzati gli assalitori e avessero parlato, a qualche conclusione si arrivava, forse anche ai mandanti.
O bisognava ammazzarli per non arrivare ai mandanti?


RispondiCitazione
Giancarlo54
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2622
 

Mi chiedo una cosa, perché in tutti gli attentati fatti, muoiono o suicidi o ammazzati i terroristi??
Mai una volta che ne prendano uno vivo e lo fanno "cantare".
Anche in questo caso, perché ammazzarli? Alla polizia insegnano che non si spara per uccidere a meno che non sia estremamente necessario, altrimenti, si spara alle gambe, si arrestano e si interrogano, tutto il resto è fuffa.

Quello del Bataclan lo hanno preso, mi pare, o no?


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1816
 

Mi chiedo una cosa, perché in tutti gli attentati fatti, muoiono o suicidi o ammazzati i terroristi??
Mai una volta che ne prendano uno vivo e lo fanno "cantare".
Anche in questo caso, perché ammazzarli? Alla polizia insegnano che non si spara per uccidere a meno che non sia estremamente necessario, altrimenti, si spara alle gambe, si arrestano e si interrogano, tutto il resto è fuffa.

Quello del Bataclan lo hanno preso, mi pare, o no?

quale? chi? a me non risulta, hanno beccato uno che era dentro l'organizzazione, ma poi, non se più saputo nulla di lui...

l'ultimo beccato è stato forse Breivik....il che la dice lunga..


RispondiCitazione
1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 633
 

Anche di questi due non si saprà più nulla come di tutti gli altri, e così potranno dire che erano depressi o troppo euforici. Stanno rasentando il ridicolo.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

in un mondo normale e non in una perenne recita, la priorità sarebbe quella di prendere vivi gli attentatori, ucciderli sarebbe una perdita di informazioni FONDAMENTALI


RispondiCitazione
Sven
 Sven
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 156
 

stasera La7 si e' premurata di consolidare la narrazione ufficiale.

le "teste di cuoio" (termine della neolingua che si affianca agli abusatissimi "miliziano", "attivista", ecc. Nei TG) li hanno neutralizzati "mirando alla testa" in quanto dotati di zainetto sospetto, poi risultato finto...

quanto alle rivendicazioni di questo fatti, ricordo anche il falso comunicato delle BR in occasione della "Operazione Moro". Fu fabbricato al Ministero dell Interno, dicono le risultanze delle Commissioni di inchiesta.


RispondiCitazione
greiskelly
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1268
 

Sei arrivato alle mie stesse conclusioni.

Come mai devono sempre ammazzare gli assalitori.

In questo caso erano due ragazzi armati solo di coltelli e senza armi per cui potevano prenderli benissimo.
Ma se cantavano e dicevano che non erano del isis allora la stessa non poteva rivendicare l attentato.
Quindi uccidere i cosiddetti terroristi a chi giova in realtà?
A chi vuole sapere che cosa sta succedendo o all Isis?
Una terza supposizione non esiste.

😯 questa è la cosa più assurda che abbia letto su questo forum (senza offesa)


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

Sei arrivato alle mie stesse conclusioni.

Come mai devono sempre ammazzare gli assalitori.

In questo caso erano due ragazzi armati solo di coltelli e senza armi per cui potevano prenderli benissimo.
Ma se cantavano e dicevano che non erano del isis allora la stessa non poteva rivendicare l attentato.
Quindi uccidere i cosiddetti terroristi a chi giova in realtà?
A chi vuole sapere che cosa sta succedendo o all Isis?
Una terza supposizione non esiste.

😯 questa è la cosa più assurda che abbia letto su questo forum (senza offesa)

Vedi cose assurde ma non dare risposte, mi raccomando.

Altrimenti di potrebbe capire che.....i greiskelly hanno le gambe corte


RispondiCitazione
greiskelly
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1268
 

Sei arrivato alle mie stesse conclusioni.

Come mai devono sempre ammazzare gli assalitori.

In questo caso erano due ragazzi armati solo di coltelli e senza armi per cui potevano prenderli benissimo.
Ma se cantavano e dicevano che non erano del isis allora la stessa non poteva rivendicare l attentato.
Quindi uccidere i cosiddetti terroristi a chi giova in realtà?
A chi vuole sapere che cosa sta succedendo o all Isis?
Una terza supposizione non esiste.

😯 questa è la cosa più assurda che abbia letto su questo forum (senza offesa)

Vedi cose assurde ma non dare risposte, mi raccomando.

Altrimenti di potrebbe capire che.....i greiskelly hanno le gambe corte

🙄 provo a darti delle risposte: a chi giova uccidere i terroristi? ai mandanti.
Quindi i poliziotti sarebbero dell'isis, secondo il tuo schema.
Bè se per isis intendi "invenzione servizi" allora sì, è un ragionamento che ci può stare


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

Sei arrivato alle mie stesse conclusioni.

Come mai devono sempre ammazzare gli assalitori.

In questo caso erano due ragazzi armati solo di coltelli e senza armi per cui potevano prenderli benissimo.
Ma se cantavano e dicevano che non erano del isis allora la stessa non poteva rivendicare l attentato.
Quindi uccidere i cosiddetti terroristi a chi giova in realtà?
A chi vuole sapere che cosa sta succedendo o all Isis?
Una terza supposizione non esiste.

😯 questa è la cosa più assurda che abbia letto su questo forum (senza offesa)

Vedi cose assurde ma non dare risposte, mi raccomando.

Altrimenti di potrebbe capire che.....i greiskelly hanno le gambe corte

🙄 provo a darti delle risposte: a chi giova uccidere i terroristi? ai mandanti.
Quindi i poliziotti sarebbero dell'isis, secondo il tuo schema.
Bè se per isis intendi "invenzione servizi" allora sì, è un ragionamento che ci può stare

Ma non sappiamo chi sono i mandanti se ogni volta uccidono gli esecutori.

Secondo il mio schema i poliziotti hanno ordini precisi.

Ma non sappiamo a chi fanno capo.

Non capisco che cosa intendi per...invenzione servizi.


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: