Notifiche
Cancella tutti

EgyptAir:missili USA...contro aerei di linea


Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 30947
Topic starter  

EgyptAir: missili USA consegnati ai terroristi utilizzati contro aerei di linea

Mondo
12:36 19.05.2016(aggiornato 14:36 19.05.2016) URL abbreviato
Punti di Vista
4112721
I moderni lanciamissili di fabbricazione USA, consegnati dai sauditi ai terroristi in Siria, vengono utilizzati contro aerei di linea: colpito aereo egiziano con 66 persone in volo da Parigi al Cairo.

Ci sono pochi dubbi fra gli esperti: si tratterebbe del secondo aereo colpito, dopo quello russo abbattuto mentre volava sul Sinai. Si aspettano le conferme una volta trovato il relitto e la scatola nera ma possiamo scommettre che i media occidentali occulteranno la notizia.

Esistono abbondanti prove e documentazione video fatte dai russi e dai siriani circa le ultime consegne effettuate tramite l'Arabia Saudita dei lanciamissili portatili forniti ai gruppi terroristi che operano in Siria, patrocinati dai servizi di intelligence USA e Arabia Saudita. Vedi: ll New York Times: "Dagli Stati Uniti massiccia fornitura di missili ai ribelli anti Assad"

I giornalisti preparano i loro reportage dall`aeroporto di Charles s de Gaulle a Parigi
© REUTERS/ Christian Hartmann
Scomparso aereo della Egyptair. Probabilmente è caduto in mare
L'obiettivo degli USA e dell'Arabia Saudita è sempre lo stesso: rovesciare il governo di Assad e favorire lo smembramento del paese arabo. In più gli USA stanno cercando di mettere in difficoltà il corpo di spedizione russo intervenuto in Siria a sostegno del paese contro i gruppi mercenari inviati dall'estero. La tecnica è la stessa che fu adoperata in Afghanistan: far logorare sul terreno le forze russe in modo da provocare un ritiro dalla Siria ed una sconfitta di Putin.

Questo spiega il motivo del doppio gioco degli USA: grandi proclami di lotta al terrorismo mentre sottobanco la CIA favorisce i miliziani di Al Nusra e degli altri gruppi che vengono armati e finanziati da Arabia Saudita ed appoggiati dalla Turchia.

Erano suonati gli allarmi circa i rischi che sarebbero derivati dal consegnare nelle mani dei terroristi armi sofisticate che avrebbero potuto essere utilizzate contro obiettivi civili. L'aereo abbattuto sul Sinai e gli attacchi di Parigi e di Bruxelles avevano confermato questi allarmi ma il Pentagono, la CIA e l'Arabia Saudita, ciascuno per i propri obiettivi, hanno continuato con la loro politica di sostegno ai terroristi.

La zona del medio Oriente e del Mediterraneo rappresenta ormai un'area altamente a rischio per il sorvolo delle linee aeree civili, considerando che i servizi di intelligence dei paesi coinvolti nella guerra in Siria hanno abbondantemente rifornito di armi antiaeree questi gruppi che diventano di fatto incontrollabili e che si spostano a loro piacimento tra Siria Iraq, Libia e, grazie al flusso dei migranti, inviano loro elementi anche in Europa, mescolati tra i migranti e profughi.

Pentagono
© Sputnik. David B. Gleason
Installazioni di missili USA in Asia minacciano Russia e Cina e sicurezza globale
Tuttavia l'Unione Europea non sente le voci di allarme che si sono più volte sollevate da parte dei servizi di intelligence austriaci, tedeschi ed ungheresi e si piega ai ricatti della Turchia che vuole ingresso libero per i suoi cittadini e l'Italia in particolare dispone l' accoglienza indiscriminata per tutti i migranti che varcano il Mediterraneo dalla Libia, incoraggiando di fatto il traffico e gli sbarchi.

Risulta ben noto che il traffico dei migranti dalla Libia viene gestito dai gruppi dell'ISIS che sono in quel paese e che si finanziano con quel traffico di carne umana che fornisce loro svariati miliardi ogni anno, utili anche per acquistare armi e per infiltrare i loro elementi in Europa.

Nonostante tutto questo, Renzi, Alfano e la Boldrini e gli altri non sentono ragioni: vogliono una politica delle porte aperte e sono sempre pronti in ogni occasione ad auto lodarsi per aver salvato vite umane (nonostante che il numero degli affogati sia enormemente aumentato) e lesti ad esaltare il loro modello utopistico di società aperta e multiculturale che assicurerà a tutti "benessere ed integrazione".

Fonte: controinformazione.info

Leggi tutto: http://it.sputniknews.com/mondo/20160519/2712716/egyptair-missili-usa.html#ixzz496fYDSNC


Citazione
SeveroMagiusto
Estimable Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 241
 

Piano con le cazzate.

I moderni lanciamissili di fabbricazione USA, consegnati dai sauditi ai terroristi in Siria, vengono utilizzati contro aerei di linea: colpito aereo egiziano con 66 persone in volo da Parigi al Cairo.

Ci sono pochi dubbi fra gli esperti: si tratterebbe del secondo aereo colpito, dopo quello russo abbattuto mentre volava sul Sinai. Si aspettano le conferme una volta trovato il relitto e la scatola nera ma possiamo scommettre che i media occidentali occulteranno la notizia.

Io capisco essere partigiani, ma chi scrive cose del genere fa un danno alla credibilità della controinformazione. Premesso che non mi stupirei che ci fosse sotto lo zampino di qualche servizio segreto, come si fa ad affermare categoricamente che l’aereo dell’Egyptair è stato abbattuto da terroristi con missili antiaerei forniti dagli Americani?
Perché gli esperti (quelli veri, eh!) dopo due ore dall’accaduto hanno già risolto il caso? O perché addirittura il New York Times rivela il segreto di Pulcinella, cioè che gli Americani forniscono armi ai terroristi?
Si era già paventato che i sistemi “Stinger” a suo tempo forniti dalla CIA ai talebani per contrastare le forze russe durante l’invasione dell’Afghanistan negli anni ’80, potessero essere usati anche per abbattere aerei di linea. Quindi la cosa non è una novità. Riporto da https://it.wikipedia.org/wiki/FIM-92_Stinger:
La CIA aiutò a fornire circa 500 Stinger (alcune fonti sostengono 1500) ai militanti mujahideen che combattevano le forze sovietiche in Afghanistan. Si dice che gli Stinger abbiano abbattuto quasi 300 velivoli russi, inclusi molti Mil Mi-24 Hind, prima che le truppe sovietiche si ritirassero dall'Afghanistan nel 1989.
Inoltre, come parte del suo sforzo per rovesciare il governo in Angola, l'amministrazione Reagan fornì gli Stinger ai combattenti anticomunisti dell'UNITA nei tardi anni ottanta. In entrambi i casi, gli sforzi per recuperare i missili dopo la fine delle ostilità risultarono incompleti. Secondo alcune speculazioni la ragione per cui gli Stinger non furono usati in attacchi successivi è che le batterie necessarie per far funzionare i lanciatori erano esaurite. Dopo il ritiro dell'Unione Sovietica il governo USA recuperò la maggior parte degli Stinger che erano stati consegnati, ma 16 di questi finirono nelle mani dell'Iran che ne acquisì quindi la tecnologia.

Ma sia allora che oggi stiamo parlando di sistemi spalleggiabili, con una portata estremamente limitata (poche miglia), mentre l’aereo dell’Egyptair è scomparso in mezzo al Mediterraneo. Forse quelli dell’ISIS si erano appostati su una barca: come ho fatto a non pensarci…?


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 30947
Topic starter  

Piano con le cazzate.

I moderni lanciamissili di fabbricazione USA, consegnati dai sauditi ai terroristi in Siria, vengono utilizzati contro aerei di linea: colpito aereo egiziano con 66 persone in volo da Parigi al Cairo.

Ci sono pochi dubbi fra gli esperti: si tratterebbe del secondo aereo colpito, dopo quello russo abbattuto mentre volava sul Sinai. Si aspettano le conferme una volta trovato il relitto e la scatola nera ma possiamo scommettre che i media occidentali occulteranno la notizia.

Io capisco essere partigiani, ma chi scrive cose del genere fa un danno alla credibilità della controinformazione. Premesso che non mi stupirei che ci fosse sotto lo zampino di qualche servizio segreto, come si fa ad affermare categoricamente che l’aereo dell’Egyptair è stato abbattuto da terroristi con missili antiaerei forniti dagli Americani?
Perché gli esperti (quelli veri, eh!) dopo due ore dall’accaduto hanno già risolto il caso? O perché addirittura il New York Times rivela il segreto di Pulcinella, cioè che gli Americani forniscono armi ai terroristi?
Si era già paventato che i sistemi “Stinger” a suo tempo forniti dalla CIA ai talebani per contrastare le forze russe durante l’invasione dell’Afghanistan negli anni ’80, potessero essere usati anche per abbattere aerei di linea. Quindi la cosa non è una novità. Riporto da https://it.wikipedia.org/wiki/FIM-92_Stinger:
La CIA aiutò a fornire circa 500 Stinger (alcune fonti sostengono 1500) ai militanti mujahideen che combattevano le forze sovietiche in Afghanistan. Si dice che gli Stinger abbiano abbattuto quasi 300 velivoli russi, inclusi molti Mil Mi-24 Hind, prima che le truppe sovietiche si ritirassero dall'Afghanistan nel 1989.
Inoltre, come parte del suo sforzo per rovesciare il governo in Angola, l'amministrazione Reagan fornì gli Stinger ai combattenti anticomunisti dell'UNITA nei tardi anni ottanta. In entrambi i casi, gli sforzi per recuperare i missili dopo la fine delle ostilità risultarono incompleti. Secondo alcune speculazioni la ragione per cui gli Stinger non furono usati in attacchi successivi è che le batterie necessarie per far funzionare i lanciatori erano esaurite. Dopo il ritiro dell'Unione Sovietica il governo USA recuperò la maggior parte degli Stinger che erano stati consegnati, ma 16 di questi finirono nelle mani dell'Iran che ne acquisì quindi la tecnologia.

Ma sia allora che oggi stiamo parlando di sistemi spalleggiabili, con una portata estremamente limitata (poche miglia), mentre l’aereo dell’Egyptair è scomparso in mezzo al Mediterraneo. Forse quelli dell’ISIS si erano appostati su una barca: come ho fatto a non pensarci…?

E tu continua con " wikipedia "...

😉


RispondiCitazione
lanzo
Honorable Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 744
 

Ancora una volta, vi prego di leggere AIRFRAME...basta googlare...
E tante certezze, come fa famosa scatola nera, verrebbero rideimensionate.


RispondiCitazione
yago
 yago
Honorable Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 658
 

EgyptAir : detriti ritrovati a sud dell'isola Karpath.

Forse Savero ha ragione. Non so se i missili citati possono colpire li.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 16537
 

Al momento dell'aereo egiziano non è stato trovato nulla. Nè rottami nè l'aereo.

Del volo MS804 non si sa ancora nulla. Non si sa nemmeno dove possa esser caduto. La sola certezza rimane quella che non è atterrato in nessun aereoporto. Che sia caduto in mare è solo una ipotesi.

Perché gli esperti (quelli veri, eh!) dopo due ore dall’accaduto hanno già risolto il caso?

gli esperti invece di risolvere il caso dovrebbero prima tirar fuori i rottami dell'aereo.

Finchè non si trovano i rottami dell'aereo egiziano volo MS804 non si è risolto un fico secco, altro che caso risolto.


RispondiCitazione
yago
 yago
Honorable Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 658
 

Posso togliere il forse.


RispondiCitazione
and1977
Active Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 13
 

Il paradosso è che l'sos sia arrivato 2 ore dopo dalla scomparsa dei radar.... in queste due ore dove stava l'aereo? A fare un giro a sharm?? 🙄


RispondiCitazione
Condividi: