Notifiche
Cancella tutti

Fbi: Ecco l’hacker entrato 20 volte ai comandi dei Boeing

Pagina 2 / 2

The_Essay
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1138
 

E se fosse una teoria predisposta in anticipo per contrastare e sviare l'eventuale discussione su che cosa sia realmente successo al volo Germanwings 4U2595?

Pensare male e' un utile esercizio per raggiungere la soluzione dei misteri.

Buona sera!
Stopgun ha fatto centro!
Qualcuno di noi ha letto quello che dicono le autopsie? Vi risulta che siano state rese pubbliche?
Ricordate che in tale forum qualcuno ha sottolineato che le autopsie si facevano in un luogo segreto? Quali i risultati?
Se la storia dell'hacker potrebbe starci o meno è irrilevante;ma le biopsie, perchè in un luogo segreto?
Pensateci per un attimo:
se chi studia un cadavere ha gli attributi, può arrivare con molta
probabilità alla (o vicino) verità!
Bye,Bye The Essay


RispondiCitazione
Tonguessy
Membro
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2779
 

Tu davvero pensi che i deficienti che hanno causato la morte di quel ragazzo se avessero potuto non avrebbero dirottato un aereo di linea?

Cioè, secondo te davvero l'aereo Germanwings potrebbe essere caduto per un caso stupido o uno scherzo finito male?
Stai scherzando vero?
E non scomodare la Arendt, che disse altre cose in cui la stupidità non c'entrava nulla. Ti confondi con la banalità.

Ma perchè bisogna rispiegarti le cose decine di volte?
Tu hai tirato fuori il rasoio di Occam, associandolo alla mancanza di movente. Io ti ho fatto notare come succedano dei crimini senza apparente movente, quindi la tua teoria non sta in piedi comunque. Credo che sia tu che hai voglia di scherzare a questo punto.
Qui non si tratta di scherzi, ma di dimostrazioni di "abilità" magari all'insegna della stupidità (la lezione sulla distizione tra stupidità e banalità lasciala stare).
D'altronde è proprio lo stato dell'arte della moderna tecnologia a dimostrare quanto sia banale (cioè stupido) dare lezioni di abilità. Mi riferisco ai droni che uccidono innocenti e che sono comandati da migliaia di km di distanza. Uccidere senza motivo è fin troppo banale (cioè stupido): se lo possono fare loro lo puoi fare anche tu.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

Oxymen, la tua teoria starebbe in piedi se fosse facile hackerare un sistema di volo di un aereo di linea, ma dato che è quasi impossibile, ci vuole un movente ben più solido che una stupida sfida di abilità fra adolescenti.

Ripeto, siete troppo influenzati dai film USA, dove si vedono ragazzini o nerd che entrano in sistemi molto complessi e ne prendono il controllo (da War Games a Jurassic Park, Batman, Die Hard... varie di puntate di CSI, gli esempi sono centinaia), dove si vedono cose da far sorridere, tipo che entrando in una pagina web si può far saltare tutta la rete di distribuzione del gas di una città. Ma quella è fiction, scritta da ignoranti di informatica, mettetevelo in testa.


RispondiCitazione
xeliox
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 113
 

scusami che significa "esperto in reti"?di cosa ti occupavi in enac?
porta borse?porta lettere?pfff

Se tu ti facessi cultura delle attuali innovazioni in fatto scoperte non parleresti a vanvera come stai facendo.
E' da prima di stuxnet che gli israeliani con uno smartphone riescono a controllare un pc anche nn collegato in rete, seplicemente perche il pc è dotato di microfono e quindi con determinati impulsi sonori generati dal cell sono capaci di far tutto.

Nel caso specifico, se ti informi, il tipo in questione ha avuto scambi di info da un ex sistemista di boening mi pare o comunque un esperto di sistemi avionici, che lo aveva comunque messo in guarda che era comunque fuorilegge anche solo essere in possesso di tali info.

Quando noi altri facciam i complottisti cn le scie subito ad attaccare sei.
Quando il complottista lo fai tu parlando di depistaggi e notizie false va bene invece? Eh si Ingegnere della mia fava!


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

scusami che significa "esperto in reti"?di cosa ti occupavi in enac?
porta borse?porta lettere?pfff

Se tu ti facessi cultura delle attuali innovazioni in fatto scoperte non parleresti a vanvera come stai facendo.
E' da prima di stuxnet che gli israeliani con uno smartphone riescono a controllare un pc anche nn collegato in rete, seplicemente perche il pc è dotato di microfono e quindi con determinati impulsi sonori generati dal cell sono capaci di far tutto.

Nel caso specifico, se ti informi, il tipo in questione ha avuto scambi di info da un ex sistemista di boening mi pare o comunque un esperto di sistemi avionici, che lo aveva comunque messo in guarda che era comunque fuorilegge anche solo essere in possesso di tali info.

Quando noi altri facciam i complottisti cn le scie subito ad attaccare sei.
Quando il complottista lo fai tu parlando di depistaggi e notizie false va bene invece? Eh si Ingegnere della mia fava!

Parli di Stuxnet, ma quella è un'altra faccenda, era un virus creato apposta per bloccare sistemi basati su tecnologia Siemens, che si diffondeva attraverso una chiave USB insertita in computer che condividevano la stessa rete.

Per creare qualcosa di simile in un aeromobile, il virus dovrebbe essere presente al momento dell'installazione del sistema di volo durante la fabbricazione dell'aereo o un suo aggiornamento. Teoricamente è possibile ma, di nuovo, mancherebbe il movente per un sabotaggio del genere. Nel caso di Stuxnet l'intenzione era bloccare il sistema di controllo delle centrali nucleari iraniane (proprio stupidi questi iraniani a basare i loro sistemi su tecnologia occidentale eh?... tanta retorica sul nemico grande satana e bla bla bla poi i pc e l'elettronica li compra da lui). Nel caso Germanwings non si capisce l'intenzione, ma tanto sono abituato a notare che per voi complottisti il movente è trascurabile. Siete proprio pessimi investigatori.

Lo ripeto per l'ennesima volta, il controllo di volo è un sistema chiuso, inaccessibile dall'esterno e una traiettoria di volo non si cambia con un paio di comandi digitati da tastiera. Anche la guida remota in caso di nebbia si basa sul sistema ILS, che manda segnali di guida della traiettoria e inclinazione dell'aeromobile, ma sempre sotto controllo dei piloti.

Quindi credo che chi ha messo in guardia da intrusioni, esperto o meno che sia, ha qualche interesse in gioco o è ignorante in materia.


RispondiCitazione
Rasna
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 634
 

Io non so se il tizio lo abbia fatto o no, non ho elementi per giudicare.
Ma so per certo che la televisione fa passare per possibile ciò che possibile non è, specie a chi nella vita fa tutt'altro.

Non si entra nei siti della cia o del pentagono in 5 minuti come si vede nei film, non si hackerano siti blindati solo perchè ti chiami neo o trinity.

Ragazzi, se uno sa un po' come funzionano queste cose sa benissimo che a valle di un server riservato ci sono batterie di firewall in cluster e l'unico modo per passarle è che qualcuno apra la porta.
Il resto è fantascienza o direttamente fantasia.

Ora, magari il tizio lo ha fatto perchè conosce qualcuno da dentro che gli ha aperto una porta (questo si è possibile) ma che uno con uno smartphone possa hackerare il software di controllo di un aereo ci credo come credo che renzie ci darà benessere e giustizia.

Una cosa è entrare dentro un sito magari importante ma non militare, ben altra è craccare l'accesso a istituzioni che sanno bene come proteggersi.

Ammetto di non avere idea di come sia gestita la sicurezza informatica di un aereo ma ciò che dice il tipo mi pare davvero inverosimile.


RispondiCitazione
alecale
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 708
 

Io non so se il tizio lo abbia fatto o no, non ho elementi per giudicare.
Ma so per certo che la televisione fa passare per possibile ciò che possibile non è, specie a chi nella vita fa tutt'altro.

Non si entra nei siti della cia o del pentagono in 5 minuti come si vede nei film, non si hackerano siti blindati solo perchè ti chiami neo o trinity.

Ragazzi, se uno sa un po' come funzionano queste cose sa benissimo che a valle di un server riservato ci sono batterie di firewall in cluster e l'unico modo per passarle è che qualcuno apra la porta.
Il resto è fantascienza o direttamente fantasia.

Ora, magari il tizio lo ha fatto perchè conosce qualcuno da dentro che gli ha aperto una porta (questo si è possibile) ma che uno con uno smartphone possa hackerare il software di controllo di un aereo ci credo come credo che renzie ci darà benessere e giustizia.

Una cosa è entrare dentro un sito magari importante ma non militare, ben altra è craccare l'accesso a istituzioni che sanno bene come proteggersi.

Ammetto di non avere idea di come sia gestita la sicurezza informatica di un aereo ma ciò che dice il tipo mi pare davvero inverosimile.

forse con un smartphone ,, non so .. ma credimi non sottovalutare le menti giovani te lo dico per esperienza .


RispondiCitazione
Rasna
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 634
 

forse con un smartphone ,, non so .. ma credimi non sottovalutare le menti giovani te lo dico per esperienza .

Hai ragione, lì fuori c'è gente davvero forte e molti sono giovani cresciuti a pane e informatica... ed in questo stesso momento scommetto che c'è gente che lavora a creare nuovi modi di intrusione.

Ma se immaginiamo un ambiente ideale, composto da software senza bug, sicurezze fatte a regola d'arte e gente onesta che non fa entrare i cattivi.... beh, non c'è hacker che tenga, non si passa, nulla da fare.

E' ovvio che nessun software è perfetto, che chiunque lavori ogni tanto sbagli e che il mondo è pieno di cattivoni ma da qui a pensare che sia facile ce ne passa.
Certo non affermo che non sia tecnicamente possibile ma mentre i cattivi studiano come entrare, i buoni studiano come non farli entrare.

Se il tizio in questione ha davvero fatto ciò che afferma è probabile che lo abbia fatto per gli stessi motivi di altri in passato: dimostrare le proprie capacità per ottenere un lavoro molto ben pagato. I maggiori hacker del passato hanno fatto proprio questo ed oggi sono consulenti che combattono proprio quei giovani che tentano di emularli... e per questo ultimi diventa sempre più difficile.

Dal canto mio, che non sono un genio ma solo uno che lavora nel campo (ma solo per lo stipendio dato che sono filosoficamente contrario al lavoro per come è concepito) non credo che prendere possesso di un aereo usando un telefonino sia possibile e probabilmente neanche da un computer.
Se invece lo hanno davvero fatto, beh, allora rivedrei le competenze di quelli che hanno pensato il sistema di protezione informatica degli aerei.


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: