Notifiche
Cancella tutti

Germania, exit poll


Eshin
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3620
Topic starter  

Secondo gli exit poll - il partito populista di destra Afd, con il 21% dei voti, ha superato la Cdu della cancelliera Angela Merkel, ferma al 19% nelle elezioni regionali a Meclemburgo

di Redazione Online
Tempi di crisi, tempi di ribaltoni politici. Succede alle elezioni regionali tedesche dove il partito populista dei estrema destra AFD (Alternative fur Deutchland) sfonda in Meclemburgo-Pomerania: Alternativa per la Germania- piccolo partito nato nel 2013- avrebbe infatti ottenuto il 21% dei voti mentre l'Unione cristiano-democratica si fermerebbe al 19%, il suo peggiore risultato nel Land ex-Ddr.

Un risultato strabiliante che ne farebbe la seconda forza politica davanti alla Cdu, per altro, nel collegio elettorale di Angela Markel. Alcuni sondaggi lo avevano previsto come pure avrebbero previsto un partito socialista, il Partito Socialdemocratico, che ha governato nella Grosse Koalition degli ultimi dieci anni, in testa con il 28% dei voti.

Se, dalle urne, il dato verrrà confermato, per la Cdu sarebbe il peggior risultato da quando si vota in Meclemburgo dopo la caduta del Muro.

Sotto accusa la politica di immigrazione di Angela Merkel. La leader di Afd Frauke Petry lo dice chiaramente: "la Merkel è stata catastrofica sui migranti. Per lei è un tonfo non solo a Berlino ma anche nel suo collegio elettorale del Meclemburgo.

Frauke Petry ha messo subito le mani avanti: il suo partito, ha affermato, farà 'un buon lavoro di opposizione' e non 'un'opposizione di tipo fondamentalista' ha dichiarato.

Il voto, nonostante le amministrative vadano quasi sempre diversamente dalle politiche, è considerato un test per la cancelliera ad un anno dalle elezioni politiche del 2017. I seggi si sono aperti alle otto stamani.

http://tg.la7.it/esteri/germania-boom-ultradestra-alle-regionali-tedesche-merkel-sorpassata-04-09-2016-107537

La signora Petry, 40 anni, è una chimica ex imprenditrice nata nel Brandeburgo, la regione attorno a Berlino, quando questa era ancora terra del socialismo reale. In questo, ha un punto di contatto con Angela Merkel, anche lei cresciuta a Est del Muro. Ha quattro figli, e qui differisce dalla cancelliera che non ne ha. Ed era sposata a un pastore protestante (Frau Merkel ne era figlia): si sono separati di recente, il marito non condivide le sue idee e si è iscritto alla Cdu, il partito della cancelliera; lei si è messa con un membro di AfD. Percorso di normalità tedesca del Ventunesimo secolo. La signora non è un mostro.
La domanda è: cos’è davvero politicamente? La AfD non nasce xenofoba. Viene fondata a inizio 2013 da Bernd Lucke, un macroeconomista dell’Università di Amburgo. Con l’obiettivo di mettere in discussione l’euro e l’adesione della Germania alla moneta unica. Da posizioni tendenzialmente liberali. E all’inizio raccoglie l’adesione di intellettuali, manager ed ex manager, imprenditori, oltre a gente comune. Alle elezioni del settembre 2013 sfiora il 5%, la soglia per entrare al Parlamento nazionale. Alle elezioni europee del maggio 2014 arriva a oltre il 7%. Nell’estate dell’anno scorso, però, la svolta che porta Lucke e parecchi altri «professori» ad abbandonare il partito: Frau Petry viene eletta leader su una piattaforma che considerano illiberale e populista.
Oggi, la signora dice che il partito è rimasto liberale e anti euro, in economia, posizione alla quale ha aggiunto un forte tratto di chiusura per quel che riguarda la politica sociale e la questione dell’immigrazione. Il fatto certo è che, da quando ha una nuova leadership, la AfD ha giocato tutto sulla protesta contro la politica di Frau Merkel sui profughi, spesso con toni xenofobi. Nel frattempo ha attratto figure che liberali di sicuro non sono. Il Dna originale del partito consiglierebbe di non escluderlo dal dibattito democratico. Dall’altra parte, Frau Petry non è affatto detto che voglia farsi ingabbiare nella politica ufficiale: l’essere outsider le ha fatto prendere molti voti. Alcuni politici vorrebbero non parlare nemmeno. http://www.huffingtonpost.it/2016/03/15/frauke-petry-anti-merkel_n_9466630.html


Citazione
Condividi: