Notifiche
Cancella tutti

Gheddafi sull'1 Maggio festa dei lavoratori


Ryuzakero
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 521
Topic starter  

“We celebrate today the first of May, the international workers day; but the real workers’ day is the one on which all workers of the world are liberated from slavery and when they become partners instead of wage workers…

This should be the Workers International Day of Liberation throughout the world which deserves the true celebration.

What meaning does this celebration of world workers have so long as in every part of the world they are succumbed under servitude of the pay which controls their living and their freedom? Is there any freedom for the person who lives enslaved by another? Is there any meaning for the life of a person when all his material and necessary needs, his daily or monthly income and his children’s living are all possessed by another person?

One’s freedom is not complete until he is totally emancipated from all forms of pressure and oppression from whatever source they are practised. That is to say when one is in complete control of all his needs, because he can never be free if any of his needs is possessed by others.

The genuine revolution eliminates all forms of exploitation on which the exploiting society is based including the Libyan society up to this moment. The bases of exploitation which deny the Libyan his freedom should be all destroyed.

Brothers, the revolution is not a military coup, nor the taking of seats from one group to hand them to another; but the revolution exposes the bases of oppression in society and destroys them. It attacks the fortresses of exploitation and is capable of destroying them. This is the revolution.

The revolution exposes the suppressing relations in the field of production as well as the unjust relations between people, and destroys these relations. This is what the revolution is about.

Any movement for change that does not go beyond depriving some of the seats [of power] or exchanging slogans and leaves the roots of exploitation in a society unchanged, then it is a fascist coup, a movement with a limited purpose and no historical impact on man’s life.

In every place, man seeks liberty and is ready to die to achieve it. He has been struggling all through history in order to live happily, because for man to be happy he has to be free. He must be emancipated from those who enslave him in order to be free in his life, in what he eats, in what he dresses and in his house. This is the free man who ought to live with happiness.

All over the world, there are reformative and superficial attempts to satisfy the workers by allowing them to participate in the management or to have some of the shares of profit or by raising the minimum wage rate. Such attempts are illusive and merely aim at deceiving the workers.

Workers as Participants in Management

The conscious person does not accept such falsifications since these reformative attempts cannot be but a failure. The labourer should not participate in the management, he must be the manager. So the labourers, from their positions of production ought to take over the management.

If the best position for the labourers in the world now is to participate in the management… then let us first define who is the manager. He is the one who exploits the labourers and he exploits them by allowing them to participate in the management. So they should be the real managers, for the labourers ought to be free.

They are the majority in the world. Therefore, they should enjoy freedom and happiness. Who said that the labourers should live under exploitation all the time? They should be the managers with no other partners. The fake regimes which pretend progressiveness try to give labourers a share of the profit, but from where do these profits come? The labourers should have the full right in the profit share because it is the result of their hard work in the production process.

The aim of the centres of production in giving away any form of social benefits to the workers, directly or indirectly, is to make them forget about their full right in the profit to which they are fully entitled.

The worker is the producer and the right principle is that the one who produces is the one who consumes his production… but the workers produce and the other exploiting people consume their production, while they try to give the workers some of the profit share and the leftovers.

If the labourers do not manage all the centres of production, and consume their own production, they will remain exploited.

This call for the liberation of the labourers comes from Libya, the first Jamahiriya in the world. This would be a true liberation day, brothers, when the thousands in Libya become partners instead of wage workers. This would be the real day for celebration of the historical labour day.

No Delegation in Defending Freedom

The resolutions of the people’s conference to the effect of raising the minimum wage rate are to be implemented. Although the people’s conferences have resolved in compliance with reality and in spite of the executive measures taken by the general people’s committee and other committees, I hereby tell you not to rejoice for the rise in the minimum wage rate nor be satisfied with it or with sharing the profits or participating in the management; but the revolution should be carried on and your march should continue until the workers take over the management completely in all the institutes in which they work.

Any benefits that you acquire through a resolution or a legislation are considered as a favour by others given to you. A free man cannot live on a favour of another, because he will be the inferior.

However, the benefits you achieve by completely possessing the management where you are working or by obtaining your full share in the production, these can only be achieved by the popular revolution and not by a resolution or legislation, because both are subject to change or cancellation by the same body that has laid them or by a new body that replaces the old one.

In the Arab countries that used to be progressive one day or any other countries in the world, the workers lost all the benefits they gained in management and profit by a legislation or revolutionary resolution, when the revolutionary administration was over or replaced. No one can achieve freedom on behalf of someone else. One should struggle for his own freedom for which he may also die.

Therefore, all the benefits that I have just mentioned have to be in a workers movement and by popular revolution. However, this revolution movement should be fully aware and well organised because otherwise it would be anarchic. In anarchism one loses his freedom or allows others to deprive him of his freedom.

The movement of society is the movement of the Libyan people towards achieving the historical objectives of laying down the foundation of a new civilisation.

The revolution should be launched from practical and political frameworks in order to achieve its objectives. The movement of the popular forces, like the workers, should also be well organised to get their own rights which they have been longing to achieve. It is high time for the oppressed and exploited to be liberated and to take their rights by means of a popular revolution.

Destroying the Oppressing Bases, For Man to be Liberated

Who condemned you to backwardness and poverty? Who condemned you to be an inferior class and others to be a superior class? Who decided to possess your needs? Of course, not God…God is Just. He can never condemn you to any of these miseries. It is the society of oppression and exploitation, the bases of which would be revealed by the revolution so that man can be free. It is time now for you to get consciousl
y ready and well organised to have your full share of the production which you, yourself produce.

These new slogans are laid down before you to think about now. This call for freedom, freedom of the labourers should come out very loudly from the Jamahiriya so that the workers of the world can hear it. When the historical mission of the revolution is successfully accomplished, when you take the lead in getting your full rights, then the oppressed workers around us will do the same and take their positions in managing the production.

Then all the poor and oppressed labourers of the Arab Nation will be free. When the Arab human being, the Arab workers are liberated, they will be the master of the country… They will also constitute a force that is capable of confronting the enemy and defeating him, once they become free and have achievements to defend.

Therefore, as of today the labour day will have a different meaning. When the workers get their full share, consume what they produce, and manage all the stages in the production process, then they can celebrate their day.

The workers of the Libyan Jamahiriya have to accomplish this objective so that Libya can achieve its self-sufficiency and bridle the tongues which spread rumours and anti-propaganda against the Libyan workers to hinder the process of self achievements. You should not leave a gap in your revolution or give an excuse for the enemies of the workers.

I am sure you will never give them the chance if you start organising yourself, as of today, in presenting a magnificent example for the oppressed workers of the Arab world. Then the exploiting, reactionary and imperialist forces and the enemies of the workers in the Arab world will realise the unique experience of Libya.

I have presented what I have said before you so that you shoulder the responsibility. I assure you that my duty and the duty of my colleagues who have led the revolution are only to participate with the people in order to liberate themselves and live a happy life.”
- Muammar Qaddafi.

On September 1, 1978, responding to calls by the Revolutionary Leadership, workers throughout Libya seized factories and production sites removing government bureaucracy and private exploitationist administration, and set up popular administrations. The Libyan workers thus ended ages of slavery and became partners in production instead of wage earners.

On September 1, 1978, the struggle of the world’s workers was crowned by a world accomplishment that has been the product of the struggle of the oppressed. This accomplishment is the true challenge to the forces of exploitation, and spells the end of all those who practised cruelty and persecution since the middle ages by sapping the efforts of workers throughout the world.

On May 1st, 1982, Col. Qadhafi made a historic call to the workers of the world. The Libyan leader called on workers internationally to escalate their struggle. He declared:

“On this day we call on the workers of the world who are suffering from deceit, exploitation, oppression and slavery, to rebel against cruel social relations by seizing factories and production units to control their rights over production and form their people’s congresses and committees. (‘No democracy without popular congresses…Committees everywhere!’) The outbreak of the workers revolution shall sweep the world, destroying forces of exploitation and oppression and raising the banner of the dictum “Partners in production not wage-earners“, guided by the second chapter of the Green Book.”

* Partners Not Wage-earners.
* Solidarity with Libyan Workers
* Smash the System with the Third Universal Theory.
* Forward to the Era of the Masses.

http://libyanfreepress.wordpress.com/2012/04/29/international-workers-day-muammar-qaddafi-on-democracy-in-industry/


Citazione
Mariano6734
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 56
 

tutti girederanno ancora al dittatore, al carnefice.
Ma certo che lui era una voce al di fuori del coro.

P.S.E poi...possiamo forse dire cone certezza che il colonnello é stato la cause di piu morti del signor Obama?


RispondiCitazione
antiUsrael
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1519
 

tutti girederanno ancora al dittatore, al carnefice.
Ma certo che lui era una voce al di fuori del coro.

P.S.E poi...possiamo forse dire cone certezza che il colonnello é stato la cause di piu morti del signor Obama?

ovvio che ha ucciso più Obomba in 2 anni che Gheddafi in 42(solo nell'ultimo anno per difendere la propria terra e il popolo libico dalle legioni salafite di $ion).
Per sapere la verità su questo grande leader(mai abbastanza conosciuto e troppo diffamato come ogni grande che si è opposto ai veri assassini del genere umano), sulle sue lotte politiche e umaniste, sul suo sistema sociale e cosa ha fatto DI TANTO GIUSTO E BENEVOLO per inimicarsi i padroni del mondo, consiglio tre libri:
Il libretto verde - di Moammar El Gaddafi
Libia 2011 - di Paolo Sensini
Gheddafi: storia di una dittatura rivoluzionaria - di Alessandro Aruffo


RispondiCitazione
Ryuzakero
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 521
Topic starter  

Libia 2011 - di Paolo Sensini

Intervista a Paolo Sensini di Libia 2011:

http://libyanfreepress.wordpress.com/2011/11/23/eurasia-intervista-paolo-sensini-sulla-libia/


RispondiCitazione
antiUsrael
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1519
 

Eurasia intervista Paolo Sensini sulla Libia

Giacomo Guarini intervista Paolo Sensini
- Abbiamo intervistato Paolo Sensini, autore dell’opera “Libia 2011”[1]. Un saggio molto interessante che offre nella prima parte un’agile narrazione di cento anni di storia libica incastonati fra due eventi luttuosi per il paese: la guerra coloniale italiana del 1911 e l’intervento umanitario (rectius neocoloniale) del 2011. La seconda parte è invece una disamina ben documentata degli eventi legati proprio all’intervento militare scaturito dalla Risoluzione ONU 1973, corredata anche dalla testimonianza diretta dell’autore, giunto in Aprile nei luoghi del conflitto e partecipe dei lavori della commissione d’inchiesta sui fatti di Libia (Fact Finding Commission on the Current Events in Lybia).Giacomo Guarini: Abbiamo visto con piacere che la sua opera viene citata e accolta con giudizio complessivamente positivo anche in un servizio video del Corriere della Sera[2]. Dispiace però che l’autore del servizio faccia riferimento a presunti “eccessi” che lei avrebbe compiuto nel dipingere la Libia pre-bellica come “prospera” e “teatro di riforme realizzate”. Eppure anche i riferimenti che lei fa a notevoli aspetti dello sviluppo economico-sociale del paese sono ben corredati da fonti, spesso anche ‘insospettabili’ (vedi ad esempio l’Indice di Sviluppo Umano ed altri dati riportati dalla Banca Mondiale in riferimento alla Libia). Può dare ai lettori un’idea dei progressi raggiunti dal paese in questi decenni di governo Gheddafi?

Paolo Sensini: In effetti l’unico modo per esprimere un giudizio obiettivo e ponderato sulla Libia, è quello di guardare alle realizzazioni concrete della Jamahiriyya. Partiamo dunque dal tasso di alfabetizzazione dei libici, che si attesta oggi intorno all’88%, mentre quando Gheddafi salì al potere nel settembre 1969 era circa del 6%. Già un dato di questo genere ci fornisce uno spaccato piccolo ma indicativo delle condizioni del paese. Se consideriamo poi anche gli indici sulle aspettative di vita e il reddito pro capite dei suoi abitanti, che combinati insieme al tasso d’istruzione costituiscono gli elementi chiave per il computo dell’Indice di Sviluppo Umano (HDI), vediamo che la Libia è l’unico paese dell’Africa rappresentato con il colore verde (livello HDI alto), trovando collocazione prima di ben nove nazioni europee. Bisogna anche considerare l’assistenza medica gratuita e di qualità largita a tutti i suoi cittadini, così come il livello d’istruzione primaria, secondaria e universitaria (nazionale ma anche in sedi estere) e la promozione familiare: in pratica a ogni neolaureato le istituzioni libiche erogavano, prima del colpo di Stato NATO-ribelli, una somma pari a cinquantamila dollari per potersi pagare una casa senza dover sostenere alcun interesse e senza data di scadenza. Ecco perché l’emigrazione dei libici verso l’Europa era quasi nulla (1.517 persone, in gran parte uomini d’affari e operatori commerciali), se rapportata all’esodo di dimensioni bibliche dagli altri paesi africani e arabi. Non va dimenticata, inoltre, la distribuzione quotidiana di cinque milioni di mq di acqua dolce che arrivavano gratuitamente nelle case dei tutti i libici attraverso le condutture del Great Made-Man River, il più grande acquedotto del mondo fatto costruire da Gheddafi a partire dagli anni Ottanta. Il che, per un paese quasi interamente desertico come la Libia, rappresenta una risorsa di straordinaria importanza. Insomma, se consideriamo tutto questo e molto altro di cui ho dato conto in dettaglio nel mio libro, vediamo che la Jamahiriyya è riuscita a ottenere risultati, sia pure con aspetti socioeconomici e politici che andavano certamente migliorati, di cui è difficile trovare riscontro a livello mondiale.

Giacomo Guarini: Viene a questo punto spontaneo domandarsi cosa potranno aspettarsi i libici dal regime change e se sarà per loro possibile continuare a godere di certi standard di vita.

Paolo Sensini: Ciò che finora i libici hanno “guadagnato”, è di essere passati bruscamente dal paese con le migliori condizioni di vita dell’Africa e non solo, a un paese sull’orlo di una crisi umanitaria. Allo stato attuale, il risultato che la Libia può mettere sul piatto della bilancia dopo circa otto mesi di guerra NATO-ribelli è il seguente: infrastrutture urbanistiche e industriali ridotte all’età della pietra, cinquantamila tonnellate di bombe ad alto contenuto esplosivo (gran parte delle quali all’uranio impoverito) lanciate sul suolo libico, oltre centomila morti e decine di migliaia di mutilati. Se questo è il prezzo della prima fase di “esportazione della democrazia”, è difficile immaginare, o forse è fin troppo facile, quale sarà il conto finale…

Giacomo Guarini: La percezione comune dalle nostre parti parrebbe considerare la questione libica un capitolo ormai chiuso; a suo parere, quanto può considerarsi stabile il nuovo assetto istituzionale del paese? Quanto è concreto invece il rischio di ‘somalizzazione’ della Libia paventato sin dall’inizio del conflitto da numerosi analisti e politici?

Paolo Sensini: Al momento attuale non esiste nessun “nuovo assetto istituzionale” in Libia, nel senso che il caos regna sovrano. Esiste, come sappiamo, un organismo geneticamente modificato chiamato CNT (Consiglio nazionale di transizione), il quale benché sia stato subito indicato dalla coalizione dei paesi NATO che hanno aggredito la Jamahiriyya come “unico rappresentante del popolo libico”, non viene ancora riconosciuto in via ufficiale perché ciò comporterebbe lo “scongelamento” immediato dei fondi sovrani libici detenuti illegalmente nelle grandi banche occidentali. Naturalmente l’”esportazione della democrazia”, al netto delle grandi declamazioni propagandistiche buone per le plebi mediatiche, ha dei costi assai elevati che vanno detratti dai circa duecento miliardi di dollari di proprietà della Libyan Investment Authority (LIA), a cui devono essere poi sommati gravosi interessi. Quindi, da creditrice che era, ciò che rimane della Libia si troverà ora debitrice dei grandi cartelli della finanza predatrice internazionale che già si accingono al consueto banchetto delle iene. Per quanto riguarda invece ciò che lei definisce “somalizzazione” della Libia, direi che più che un incidente di percorso quello che vediamo profilarsi sotto i nostri occhi è esattamente ciò che l’aggressione NATO si proponeva di ottenere fin dall’inizio del suo intervento militare. Si tratta di una vera e propria strategia chiamata Low Intensity Conflict, in ottemperanza con la dottrina elaborata a suo tempo dal generale Frank Kitson. Ne abbiamo già visti svariati esempi all’opera nella ex-Jugoslavia, in Iraq, in Afghanistan e in Somalia. Ora, a Mission Accomplished, la vediamo dispiegarsi anche in Libia, ma i suoi tratti inconfondibili erano già evidenti fin dalla fase iniziale del conflitto. Da questo punto di vista la partecipazioni di numerosi effettivi di Al-Qa‘ida (in inglese: Database) in Cirenaica era già una “garanzia” in tal senso. Garanzia che tra l’altro si è inverata con l’introduzione della Shar’ia, che con la “democrazia”, come la s’intende in Occidente, non ha molto a che fare. Così, una volta crollate le istituzioni libiche e morto Gheddafi, il paese è spaccato in numerose enclave tribali contrapposte militarmente l’una all’altra. Il posto della NATO è stato rilevato sul terreno dalla monarchia feudale del Qatar, la quale con il suo network Al Jazeera e con tutti gli equipaggiamenti forniti ai “ribelli” si prodiga affinché lo scontro inter-tribale rimanga conficcato nel corpo martoriato di ciò che rimane della Libia. E mentre il paese si dilania in una sanguinosa guerra civile, lo si può depredare delle sue ricchezze naturali. Se poi le cose dovessero prendere una piega
diversa rispetto a quanto si era pianificato in alto loco, beh allora vi è sempre la “risorsa” Al-Qa‘ida per ritornare alla carica ed “esportare” un altro po’ di “democrazia”…

Giacomo Guarini: Nella sua opera lei denuncia con grande acutezza e dovizia di riferimenti la disinformazione attuata dai media nostrani e da famose emittenti panarabe sui fatti di Libia. Ritiene che questa sua opera di demistificazione possa risultare ‘metodologicamente’ utile al lettore, alla luce di altre situazioni di grave crisi che vanno profilandosi, a partire da quella siriana?

Paolo Sensini: Certamente. In fondo il medesimo schema è all’opera ormai da tempo. Lo si poteva vedere già mesi fa con la feroce repressione delle popolazioni del Golfo da parte dei feudatari teocratici del Bahrain, Oman, Yemen, Arabia Saudita ed Emirati Arabi, quando le “famose emittenti” di cui lei parlava hanno spudoratamente taciuto. Ma ora, grazie anche alla velocità informativa della rete, i veli si sono squarciati e le cose risultano chiare a chiunque abbia il coraggio di guardare i fatti. Per quanto riguarda Al Jazeera, che si avvale da anni dell’attività di “formazione quadri” di una società chiamata JTrack, società riconducibile a Mahmoud Jibril, già responsabile dello sviluppo e della pianificazione economica nella Libia di Gheddafi, costui aveva stabilito per suo tramite rapporti personali con quasi tutti i leader arabi e del sud-est asiatico. Jibril, inoltre, aveva creato delle società commerciali, tra cui una incaricata del commercio del legname della Malesia e dell’Australia, assieme al suo sodale e partner in crime “francese” Bernard-Henri Levy. Dalla fine del 2010 la rete Tv del Qatar è diventata il canale preferenziale della disinformacija filo-occidentale: ha negato il più possibile l’aspetto anti-imperialista e anti-sionista delle rivoluzioni arabe, e ha scelto in ogni paese gli attori da sostenere e quelli da denigrare. Il gruppo ha inoltre giocato un ruolo centrale nell’accreditamento del mito della “primavera araba”: i popoli desiderosi di emulare lo stile vita occidentale, secondo questa versione, si sarebbero sollevati per rovesciare i “tiranni” e adottare le democrazie parlamentari. Nulla distingueva, in quest’ottica, gli eventi in Tunisia, Egitto, Libia e Siria. Sulle altre rivolte, invece, silenzio totale. E così, pochi giorni dopo lo scoppio dei disordini a Bengasi e in Cirenaica, ecco che Jibril viene subito nominato primo ministro del “governo ribelle”. Il resto della vicenda è ampiamente descritto in un capitolo del libro dedicato alla gestione mediatica della guerra in Libia che ho definito come un connubio di “religione dei diritti umani” e “umanitarismo bombardatore”. Ora il circo mediatico, nonostante siano già emerse pubblicamente svariate falsificazioni montate ad arte contro la Siria, sta ricalcando il medesimo schema seguito contro la Jamahiriyya. L’auspicio è di non ritrovarsi di fronte a un ennesimo e tragico déjà-vu, ma nella situazione attuale, considerato ciò che sta avvenendo anche nel nostro paese dove si è da poco insediato un esecutivo con caratteristiche non molto dissimili da quello che può essere descritto come un CNT in salsa italiana, sembra molto difficile rianimare quell’ectoplasma chiamato “opinione pubblica”. Mala tempora currunt.

[1] Scheda del libro sul sito di Eurasia: http://www.eurasia-rivista.org/paolo-sensini-libia-2011/11500/

[2] Antonio Ferrari, “Se la Libia quasi rimpiange il Colonnello”, CorriereTv, 14 Novembre 2011.

Link originale intervista: http://www.eurasia-rivista.org/12310/12310/

http://libyanfreepress.wordpress.com/2011/11/23/eurasia-intervista-paolo-sensini-sulla-libia/

Recensione a Libia 2011 di Paolo Sensini
Posted on December 9, 2011 by libyanfreepress | Leave a comment

a cura di Giacomo Guarini – Eurasia-rivista -
Il saggio di Paolo Sensini Libia 2011(Milano 2011) rappresenta un’opera fondamentale per chi volesse ripercorrere le vicende belliche che hanno insanguinato l’altra sponda del Mediterraneo nell’anno in corso. L’opera è divisa in due parti: la prima è dedicata ad un secolo di storia libica, chiuso fra i due tragici eventi bellici della guerra coloniale del 1911 e dell’intervento ‘umanitario’ del 2011. La seconda, invece, affronta con rigore i fatti bellici dell’anno in corso su più piani: inquadramento della Libia nell’attualità dell’area, l’intervento armato secondo il diritto internazionale, ricostruzione cronologica dei fatti bellici, testimonianza personale dell’autore in visita nei territori del conflitto, etc.Il saggio affronta con grande serietà la problematica oggetto di studio e così facendo smaschera inesorabilmente e sistematicamente il castello di falsità costruite sulla guerra di Libia, partendo dalle grandi menzogne iniziali, che costituirono la legittimazione dell’intervento militare agli occhi dell’opinione pubblica (fosse comuni, 10.000 vittime, bombardamenti sulla folla, etc.) e continuando con le invenzioni mediatiche che hanno dato – a conflitto in corso – nuovo mordente alle preoccupazioni ‘umanitarie’ del pubblico occidentale (stupri di massa catalizzati dall’uso di afrodisiaci, crimini sulla popolazioni attribuiti ai lealisti invece che alla NATO, etc.). E non solo le urla della propaganda hanno tanto influito nel capovolgere la percezione dei fatti, ma anche i suoi silenzi. Quanto si è seriamente trattato sui media occidentali e panarabi degli alti livelli di sviluppo umano e sociale della Libia di Gheddafi (1)? Quanto, invece, dell’alta concentrazione di jihadisti ‘di professione’ fra gli insorti, anche nei quadri alti delle milizie? Quanto, ancora, dei crimini commessi dagli stessi ribelli spesso falsamente attribuiti ai lealisti in altri contesti (2)?A questi riguardi, l’opera di decostruzione del castello mediatico operata da Sensini è tanto radicale quanto rigorosa. L’autore non lascia spazio a mirabolanti dietrologie: le sua denunce sono ampiamente documentate nel testo con fonti autorevoli, il cui ampio spettro per origine geografica e collocazione politico-ideologica sta ad indicare la serietà di una ricerca intellettuale non condizionata da confini materiali o ideologici, questi ultimi ovviamente ben più insidiosi.Oramai, dopo 20 anni di guerre ‘umanitarie’ e/o ‘securitarie’ dell’era post-bipolare, è possibile individuare con criteri – oseremmo dire – scientifici gli aspetti fondamentali della fenomenologia di simili conflitti sui più svariati piani (preparazione mediatica, stravolgimento e politicizzazione del diritto internazionale, operazioni di soft power ed intelligence preliminari e successive allo scoppio dei conflitti, etc.) e sicuramente un’opera come quella di Sensini rappresenta un tassello fondamentale per avere una visione d’insieme non solo – come accennato – sulla specifica questione libica, ma anche sui meccanismi che accomunano questa tragica avventura bellico-umanitaria alle analoghe precedenti e alle possibili future. Mentre si scrive, ad esempio, foschi segnali giungono dalla Siria, ove non può escludersi un’aggravarsi drastico della crisi e in ogni caso – quali che saranno gli sviluppi futuri – assistiamo al riguardo già da mesi ad un canovaccio politico-mediatico oramai ben noto a chi cerca di guardare oltre l’immagine di facciata dell’ “intervento umanitario”. Il quale, oltretutto, non è più nemmeno chiamato col suo vero nome, noto ed elementare: guerra. Si tratta di un espediente di neolingua orwelliana ricordato dallo stesso autore nel testo e già lucidamente intuito e rappresentato da Carl Schmitt nel secolo scorso.

Per concludere, ci si augura che un saggio come “Libia 2011” venga apprezzato e soprattutto non cada nell’oblio negli anni a venire, come parrebbe essere già avvenuto con la guerra di cui l’opera tratta. Vi è infatti bisogno di questi esempi di onestà intellettuale
che fungano anche per il futuro da testimonianza di certi eventi rovinosi e delle menzogne che li hanno legittimati.

Già all’incirca un secolo fa si denunciava che
“Lo storico, il quale in avvenire vorrà ricostruire questo torbido periodo della nostra vita nazionale, dovrà giudicare che la cultura italiana nel primo decennio del secolo XX doveva essere caduta assai in basso, se fu possibile ai grandi giornali quotidiani e a giornalisti, che pur andavano per la maggiore, far credere all’intero paese tutte le grossolane sciocchezze, con cui l’impresa libica è stata giustificata e provocata. Non esistevano, dunque, in Italia studiosi seri e coscienziosi? Che cosa facevano gli insegnanti universitari di geografia, di storia, di letterature classiche, di diritto internazionale, di cose orientali? Credettero anch’essi alle frottole dei giornali? E se non ci credettero, perché lasciarono che il paese fosse ingannato? Oppure considerarono la faccenda come del tutto indifferente per la loro olimpica serenità? La risposta a queste domande non potrà essere molto lusinghiera per la nostra generazione.” (3)
A distanza di cent’anni possiamo affermare che Libia 2011 rappresenterà un piccolo segnale di discontinuità, assieme a poche altre felici eccezioni, per lo storico che un domani “vorrà ricostruire questo torbido periodo della nostra vita nazionale”.
Approfondimenti

Eurasia intervista Paolo Sensini sulla Libia
Quello che ho visto in Libia

Si invita a far riferimento anche all’intervista rilasciata dall’autore per Eurasia: http://www.eurasia-rivista.org/12310/12310/

NOTE
1) Dati e statistiche, diffusi anche dalle Nazioni Unite ed istituzioni ad esse legate, lasciano poco spazio alla contestazione. Vedi – ad esempio – i dati della Banca Mondiale relativi all’Indice di Sviluppo Umano del paese.
2) Si pensi alle immagini di vere fosse comuni, diffuse infine dalla Reuters, che mostrano i cadaveri giustiziati di fedeli a Gheddafi e – per contro – a due emblematici casi di presunte fosse comuni, rivelatesi poi rispettivamente loculi di cimitero e cumuli di ossa animali. Senza contare i casi in cui su fosse comuni inizialmente attribuite ad azioni criminose dei lealisti, sono poi maturati forti sospetti sulla matrice ‘ribelle’ delle stesse; vedi – ad esempio – le perplessità dell’inviato di guerra Gian Micalessin.
3) Gaetano Salvemini e altri, “Come siamo andati in Libia” La Voce, Firenze 1914.


RispondiCitazione
Condividi: