Notifiche
Cancella tutti

Gilad Atzmon : « Brexit ed oligarchia ebrea »


Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
Topic starter  

Gilad Atzmon : « Brexit ed oligarchia ebrea »

Di: Gilad Atzmon

Inglese
http://www.gilad.co.uk/writings/2016/6/24/brexit-and-jewish-oligarchy

Francese
http://french.almanar.com.lb/adetails.php?eid=311452&cid=19&fromval=1&frid=19&seccatid=27&s1=1


Citazione
tamerlano
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 198
 

Ho provato a tradurlo, mi scuso per eventuali errori.

Brexit ed oligarchia europea

Ieri la Gran Bretagna ha votato per lasciare l'UE. Le cause di questo risultato sono note da tempo. Più della metà dei britannici sono costernati dal livello di immigrazione, dal multiculturalismo, dalla mancanza di opportunità di lavoro, dal capitalismo globale, dall'evaporazione della produzione e da una bolla immobiliare che lascia la maggior parte dei giovani inglesi senza la prospettiva di un futuro dignitoso.

Il Brexit era uno sbocco per queste legittime frustrazioni. Eppure i problematici sintomi sopra elencati hanno poco a che fare con l'Unione europea o Bruxelles. La loro causa principale risiede altrove.

L'immigrazione e il multiculturalismo (cioè, l'ideologia progettata per sopprimere l'espressione dello sciovinismo) sono parte integrante della cultura ideologica marxista. La Gran Bretagna, come il resto dell'Occidente, è stata oggetto di un paradigma invasivo e brutale progettato per inficiare la classe operaia. L’inondazione della Gran Bretagna con l'immigrazione era un atto politico consapevole spinto dalla sinistra ebraica e dalla lobby ebraica. Questo è spiegabile. Gli ebrei hanno buone ragioni per avere paura delle classi lavoratrici. Storicamente, sono state le classi lavoratrici che si sono rivoltate contro gli ebrei. Rompere la società in segmenti frammentati e diversificati è chiaramente un interesse della sinistra ebraica. Quando una società è frammentata in un coacervo di tribù e di identità, gli ebrei diventano semplicemente una tribù fra le tante.

Sono un immigrato io stesso e non sono un attivista anti immigrazione. Tuttavia, a un certo punto nei primi anni 2000 il mio complesso di otto elementi “Orient House Ensemble” era composto da sette immigrati e un Brit nativo. Eravamo israeliani, più un palestinese, un rumeno e un moldavo. A oggi il nostro complesso ha vinto ogni premio musicale britannico. Siamo stati uno dei preferiti della BBC e album dell'anno del Guardian. Eravamo eroi del multiculturalismo e il simbolo di una nuova società 'tollerante' britannica. Il British Council ci inviò in tutto il mondo per promuovere questi ideali. Questo non durò a lungo. Compresi subito l'agenda sottostante. E come chi mi conosce si può aspettare, non tenni la bocca chiusa.

Ieri gli inglesi hanno votato contro l'immigrazione. Ma lasciare l'UE può non essere la risposta alla loro situazione. Però guardando gli elementi e le ideologie che hanno fondato le politiche pro-immigrazione e il multiculturalismo può essere il modo migliore per cominciare a darla.

La demografia del referendum suggerisce è in primo luogo che i britannici che volevano lasciare l'UE sono persone che lavorano. Negli ultimi quattro decenni hanno visto l’estinzione della produzione. Hanno visto una bolla economica che ha lasciato molti di loro impoveriti e privati delle loro proprietà. Ma non fu davvero l'Unione europea che causò tutto questo e lasciando l'UE non possono migliorare le cose. Milton Friedman, che insegnò la filosofia del 'libero mercato' a Margaret Thatcher, non ha mai vissuto a Bruxelles. Friedman credeva nella economia dei servizi. Credeva anche che il capitalismo non era solo una grande idea, ma che era anche molto buono per gli ebrei. Goldman Sachs, George Soros e altri che distruggono irresponsabilmente un paese dopo l'altro, non fanno parte del governo di Bruxelles. Il voto britannico era in realtà un voto contro Goldman Sachs, Soros, Friedman e il marxismo culturale, ma la maggior parte di loro non lo sa ancora.

Ieri gli inglesi hanno dimostrato, ancora una volta, che sono un popolo coraggioso. Hanno preso una decisione che hanno capito potrebbe infliggere alcune serie difficoltà alla loro società. Sapendo che hanno marciato nel Brexit con orgoglio ammiro il loro coraggio. Gli inglesi hanno votato contro l'immigrazione, i bankster, l'economia globale, la City e i due partiti che hanno facilitato questo disastro per decenni. Tuttavia, gli inglesi non sono riusciti ad attaccare la causa principale del problema. Lasciare l'Unione europea non li farà emancipare. Per l’oligarchia ebraica, il Brexit è un allarme rosso. La strategia più intelligente sarebbe quella del 'giù le mani'. Possono seguire questo consiglio umile? Ne dubito.

La maggior parte degli ebrei britannici hanno poco a che fare con esso. Liam Fox e Michael Gove, che erano tra i leader del “leave”, sono noti per essere servi fedeli delle lobby ebraiche. La stampa ebraica era abbastanza tranquilla sul Brexit. E soprattutto, se gli ebrei britannici avessero capito che il “leave” era in qualche modo legato al potere ebraico, al Banking ebraico o alla sinistra giudaica pro immigrazione avremmo visto la rapida formazione di una "Campagna degli ebrei per il Brexit." Questo è ciò che fanno gli ebrei quando rilevano il dissenso contro il loro potere politico, immediatamente formano gli organi che controllano l'opposizione.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
Topic starter  

[quote="tamerlano"]Ho provato a tradurlo, mi se lcuso per eventuali errori.

Brexit ed oligarchia europea

" orore " 😉

Brexit e l'oligarchia ebrea

ripeto ebrea o giudia


RispondiCitazione
lanzo
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 744
 

Magari agli ebrei britannici, avere l'UK, invaso da milioni di islamisti li ha resi nervosi - pensate solo ad una Turchia nella UE e passaporti turchi in vendita al miglior offerente.
Bene hanno fatto. Sono sempre uno dei centri finanziari piu' importanti del mondo.


RispondiCitazione
tamerlano
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 198
 

Magari agli ebrei britannici, avere l'UK, invaso da milioni di islamisti li ha resi nervosi - pensate solo ad una Turchia nella UE e passaporti turchi in vendita al miglior offerente.
Bene hanno fatto. Sono sempre uno dei centri finanziari piu' importanti del mondo.

Forse meno di quanto si creda, non più di quanto li renda nervosi l'ISIS. Gli islamici che vengono in Europa sono orientati in senso whabita alleato di Israele.


RispondiCitazione
grillone
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 880
 

il perche ha vinto la brexit è molto semplice; gli inglesi non sopportavano piu la prepotenza e l'ingerenza dell'europa. io sono per l'europa, e tutto sommato anche per l'euro. però queste due istituzioni devono cambiare radicalmente se vogliono sopravvivere


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
 

La ringrazio per la sua onestà, grillone, lei è una di quelle rarissime persone che dimostrano coerenza.


RispondiCitazione
Ossimoro
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 211
 

il perche ha vinto la brexit è molto semplice; gli inglesi non sopportavano piu la prepotenza e l'ingerenza dell'europa. io sono per l'europa, e tutto sommato anche per l'euro. però queste due istituzioni devono cambiare radicalmente se vogliono sopravvivere

grillone le chiederei cortesemente un chiarimento.
Dal suo intervento deduco che:
L'Europa è stata prepotente e praticava ingerenza nei confronti degli inglesi; queste le motivazioni per il brexit.
Fin qui è chiaro.

Poi dice che lei è per l'Europa (immagino UE dato che Europa è un'espressione geografica), cioè lei è per l'ingerenza e la prepotenza?

Poi è anche a favore dell'euro.
Però precisa che queste due istituzioni, per le quali ha espresso un parere favorevole, devono essere cambiare radicalmente.
Da qui però si deduce che allora non le piacciano... Altrimenti che senso avrebbe cambiarle?

In attesa di un gentile chiarimento (naturalmente senza alcun obbligo da parte sua), La ringrazio anticipatamente.


RispondiCitazione
Condividi: