Notifiche
Cancella tutti

I vaccini COVID possono disturbare il sistema endocrino e innescare una cascata di problemi di salute cronic


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14517
Topic starter  

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

In un’intervista con The Defender, la dottoressa Margaret Christensen ha affermato che le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche nei vaccini COVID-19, insieme alla salute già precaria di molti americani, «incidono gravemente sulla capacità del nostro sistema immunitario di autoregolarsi correttamente».

I vaccini contro il COVID-19 interrompono il sistema ormonale e una serie di condizioni ad esso associate, secondo la dottoressa Margaret Christensen, co-fondatrice del Carpathia Collaborative e membro della facoltà dell’Institute for Functional Medicine.

In un’intervista con The Defender, Christensen ha collegato alcuni degli eventi avversi e dei problemi di salute cronici sperimentati da coloro che hanno ricevuto i vaccini COVID-19 con le interruzioni ormonali causate dai loro ingredienti.

Christensen ha detto a The Defender di aver osservato questi effetti nei suoi pazienti. 

«Per me, sono stati gli squilibri ormonali ad attirare davvero la mia attenzione», ha detto, citando le donne in postmenopausa che improvvisamente «hanno iniziato a sanguinare dal nulla» e le donne con «cicli molto irregolari, con cisti ovariche, dolore pelvico, problemi di infertilità e aborti spontanei».

«Ciò che mi ha davvero disturbato è che ci sono state tre morti fetali nel nostro studio» ha aggiunto Christensen. «C’è stata una morte fetale a 35 settimane, una a 37 settimane e una ragazza che ha avuto un distacco di placenta durante il parto. Non l’ho mai avuto prima».

Christensen ha affermato che il contenuto delle iniezioni di COVID-19, comprese le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche , insieme alla già precaria salute di molti americani – obesità, resistenza all’insulina ed esposizione a sostanze chimiche nell’aria, nel cibo e nell’acqua – «hanno un impatto grave sul nostro sistema immunitario”. la capacità del sistema di autoregolarsi correttamente».

Christensen ha delineato questi fattori nel suo rapporto «Hormonal Havoc: The Covid Fallout and How to Fix It» («Caos ormonale: le conseguenze del COVID e come aggiustarle), per il quale ha intervistato oltre 60 medici specializzati in un’ampia gamma di condizioni di salute.

Il rapporto sarà anche oggetto di un prossimo vertice online a cui parteciperanno diverse dozzine di esperti medici e sanitari. Tra i partecipanti figurano il dottor David Brownstein, il dottor Peter McCullough, la dottoressa Michelle Perro, il dottor James Thorp, Stephanie Seneff, Ph.D. e Zen Honeycutt, direttore esecutivo di Moms Across America.

I vaccini innescano «disfunzioni del sistema immunitario» e squilibri ormonali
Christensen ha affermato che la proteina spike nei vaccini COVID-19 ha molteplici mezzi per causare lesioni.

«Se si comprendono i meccanismi delle proteine ​​​​spike… e si capisce che abbiamo un’alterazione dei mitocondri, una disregolazione del sistema immunitario e infezioni persistenti o ricorrenti di altro tipo, allora si può capire perché vedremmo così tante diverse aree patologiche manifestarsi», ha detto.

Christensen ha affermato che i mitocondri «alimentano tutto» nel corpo, con alti livelli riscontrati nelle ovaie, nei testicoli, nel cervello e nel cuore. «I mitocondri sono la centrale elettrica delle nostre cellule e si trovano in quantità elevate in quegli organi, che richiedono molta energia».

Il danno ai mitocondri «innesca la disfunzione del sistema immunitario», ha affermato, portando a una bassa produzione di energia, che ha collegato a eventi avversi spesso subiti dai destinatari del vaccino COVID-19.

«Se non produci energia nel tuo cervello, il cervello si annebbia. Se non produci energia adeguata nel cuore, inizierai ad avere aritmie e il muscolo cardiaco non funzionerà correttamente. Quando si danneggiano i mitocondri nelle ovaie e nei testicoli, ciò avrà un impatto sulla produzione di ovuli e spermatozoi».

Le proteine ​​​​spike possono portare a «sintomi di tipo neurodegenerativo», inclusa la sindrome da tachicardia ortostatica posturale o POTS, ha detto. La tossicità delle proteine ​​Spike e il conseguente danno mitocondriale possono anche innescare malattie autoimmuni, ha detto Christensen.

«La proteina Spike sta innescando la produzione di enormi quantità di anticorpi e citochine, e alcuni di questi anticorpi sono anticorpi contro noi stessi e anche anticorpi che sono coinvolti nel non consentire alle cellule tumorali di tenersi sotto controllo», ha detto.

«Stiamo trovando proteine ​​​​spike nei testicoli e nelle ovaie. Non solo riceviamo segnali interrotti dall’ipotalamo alle ovaie e ai testicoli, ma stiamo anche ricevendo colpi infiammatori diretti dalla proteina Spike stessa, che viene trovata a causa delle nanoparticelle lipidiche nelle ovaie dei testicoli, che innescano l’infiammazione», ha aggiunto Christensen.

«E così, stiamo interrompendo il normale metabolismo e l’escrezione degli ormoni. Quindi, si ottiene il ricircolo di vecchi ormoni, sbilanciando tutto», ha aggiunto Christensen.

Secondo Christensen, anche altre forme di contaminazione del vaccino hanno avuto un ruolo nel causare effetti avversi sulla salute, inclusi tumori aggressivi.

«Ci sono molte sequenze insolite nel vaccino che sappiamo non si trovano in natura. Questi includono un segmento SV40, che sappiamo essere coinvolto nei tumori e nelle escrescenze cancerose».

Di conseguenza, Christensen ha detto:

«Stiamo assistendo alla soppressione del sistema immunitario e all’iperattivazione di una parte diversa del sistema immunitario, alla soppressione di quello innato e all’iperattivazione di quello adattivo. Quindi… stiamo assistendo a una rapida crescita dell’insorgenza di tumori al quarto stadio senza alcun sintomo precedente».

«Sappiamo anche che ci sono altri insoliti segmenti immunosoppressori all’interno della proteina spike che stanno disregolando in modo significativo il nostro sistema immunitario. Stanno sopprimendo la parte del sistema immunitario chiamata “innata”, che insegue virus, batteri, parassiti e cellule tumorali nel nostro corpo».

Secondo Christensen, anche la composizione stessa del virus COVID-19 è responsabile di alcuni effetti negativi sulla salute.

«Sappiamo che il COVID non era una normale polmonite virale», ha detto. «Era una vasculite. Si trattava di un’infiammazione, in particolare dei vasi sanguigni molto piccoli, e il trattamento di quell’infiammazione è ciò che ha aiutato a guarire le persone».

«L’infiammazione nei vasi sanguigni ha causato la formazione di molti coaguli e micro coaguli. I microcoaguli si riuniscono e formano dei coaguli molto grandi. E questi coaguli hanno anche un’architettura molto insolita. Non sono i normali coaguli di sangue che vediamo. Stiamo osservando moltissimi microcoaguli, molto simili alla tossicità delle muffe» ha aggiunto.

Christensen, che ha 23 anni di esperienza nella diagnosi e nel trattamento delle esposizioni a muffe tossiche, ha affermato che portano alla soppressione del «sistema immunitario innato».

«Non puoi dare la caccia alle cellule tumorali, non puoi dare la caccia ai virus e ai batteri che sono nel tuo corpo, quindi ottieni infezioni ricorrenti e quindi infiammi eccessivamente il sistema immunitario adattativo».

I vaccini possono causare una costante modalità di «lotta o fuga»
Christensen ha affermato che la tossicità del vaccino prende di mira l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), che secondo lei «controlla l’intero sistema ormonale nel corpo». 

«L’ipotalamo è il centro regolatore principale del cervello, che riceve input da tutto il resto del corpo» e quindi invia segnali alla ghiandola pituitaria per produrre ormoni che guidano varie funzioni, dall’ovulazione al rapporto sessuale, ha detto.

 «Se siamo in condizioni di stress cronico o cronicamente infiammati o [abbiamo un] microbioma intestinale cronicamente compromesso… allora stiamo inviando segnali al nostro cervello che dicono: “Sono ansioso”. “Sono angosciato, non riesco a dormire. Sono molto confuso”. L’ipotalamo invia segnali contrastanti al resto del corpo e quindi possiamo osservare un’interruzione dei normali cicli ormonali».

Ciò può stimolare la produzione eccessiva di adrenalina, portando a uno «stato cronico» in cui «sei costantemente in modalità lotta o fuga», ha detto Christensen. Di conseguenza, si verifica un’interruzione ormonale e «non puoi guarire».

Anche le proteine ​​spike e la contaminazione da vaccino possono avere un impatto sulla salute gastrointestinale, ha affermato Christensen.

«Sappiamo che il COVID e la proteina Spike hanno danneggiato gran parte del microbioma intestinale, eliminando i batteri che dovrebbero essere utili e [causando] una crescita eccessiva di alcuni batteri cattivi che finiscono per rimettere in circolo alcuni di questi ormoni usati e creando enormi squilibri e livelli elevati, ad esempio, di estrogeni. Chiamiamo questa dominanza degli estrogeni», ha detto.

Ciò porta a quantità eccessive di estrogeni, che possono far «crescere il rivestimento dell’utero», portando a «gravi problemi di sanguinamento, crescita di fibromi uterini… perdita dell’intero rivestimento dell’utero, persino sanguinamento postmenopausale», ha aggiunto Christensen.

Le proteine ​​spike causano «danni e infiammazioni nel cervello stesso»
Le conseguenze sulla salute mentale dei vaccini contro il COVID-19, dei lockdown e di altre restrizioni legate alla pandemia hanno attirato meno attenzione, ha affermato Christensen, anche se «la connessione con la salute mentale è multifattoriale».

Secondo Christensen, le restrizioni legate al COVID «hanno messo tutta la nostra popolazione in uno stato di “lotta o fuga per mesi e mesi”. Ciò, insieme all’”uso della vergogna e del senso di colpa per le persone che non si adeguavano”, ha contribuito “gravemente all’ansia e alla depressione”».

Ansia e depressione innescano altri effetti nel cervello umano, ha detto Christensen. «Quindi si ha di nuovo l’impatto sulle ghiandole surrenali, sull’asse HPA e sul cervello in costante sovraccarico, costante neuroinfiammazione, [essendo] costantemente confuso. Ciò contribuirà all’ansia, alla depressione, all’insonnia, ai comportamenti OCD [disturbo ossessivo-compulsivo] e agli attacchi di panico».

Da ciò consegue la disfunzione del sistema limbico, in cui «il nostro sistema limbico ha preso il sopravvento in una sorta di meccanismo di sopravvivenza», ha detto Christensen, sottolineando che ciò ha contribuito a contribuire a «un massiccio aumento del suicidio e dell’impotenza e della disperazione».

Christensen ha affermato che i vaccini contribuiscono anche al dumping di istamina nel cervello. L’istamina è una sostanza chimica rilasciata dal sistema immunitario.

«Ora stai distruggendo i neurotrasmettitori e stai rilasciando tutti i tipi di istamina. E l’istamina è ciò che è coinvolto in molti comportamenti psicotici, nella schizofrenia e nella semplice vecchia ansia, insonnia ed emicrania».

La lesione cerebrale è un altro risultato dei vaccini COVID-19, ha affermato Christensen.

«Stiamo assistendo a danni e infiammazioni nel cervello stesso causati dalla proteina spike e dalla disfunzione mitocondriale, dagli anticorpi autoimmuni ora prodotti contro varie parti del cervello», ha detto. «Molte persone hanno avuto una neuropatia periferica : sensazioni nervose molto gravi e dolorose nelle mani e nei piedi o in altre aree del corpo».

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo»
Christensen ha avvertito che nei prossimi anni vedremo un numero crescente di persone sviluppare patologie croniche e lesioni a causa dei vaccini COVID-19.

«Abbiamo avuto 5 miliardi di persone che hanno ricevuto questa iniezione sperimentale di mRNA», ha detto. «Abbiamo avuto un numero enorme di eventi avversi, ma quasi il 15% delle persone ha avuto eventi avversi significativi, abbastanza gravi da essere ricoverati in ospedale. Questa è stata solo la conseguenza immediata. Ora stiamo vedendo le ricadute un paio di anni dopo».

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo», ha detto Christensen. Christensen ha affermato che molti medici, funzionari della sanità pubblica e media mainstream stanno nascondendo l’aumento delle condizioni croniche e degli infortuni, attribuendoli invece al «Long COVID» e ad altri fattori.

«I media mainstream e la medicina sono stati, involontariamente o volontariamente, complici nell’imporre questa narrazione “sicuro ed efficace”» ha detto Christensen. «È molto difficile adesso per loro dire “mea culpa, ho sbagliato”… È meglio dire “oh, sì, è normale”».

Christensen ha detto che le persone hanno una forte capacità di guarigione a cui possono attingere.

«Dobbiamo semplicemente unire i punti: cibo pulito, acqua pulita, aria pulita e una mente pulita. Il nostro corpo ha incredibili capacità di guarigione, capacità di guarigione intrinseche e dobbiamo solo capire come possiamo supportarle», ha detto.

Anche la costruzione di una comunità può aiutare nel processo di guarigione, ha affermato Christensen.

«Abbiamo bisogno di riunirci nella comunità e parlare tra noi di cosa sta succedendo e di cosa è successo, perché la guarigione avviene quando raccontiamo le nostre storie e quando lavoriamo insieme. C’è sempre speranza per la salute e la guarigione».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 10 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

https://www.renovatio21.com/i-vaccini-covid-possono-disturbare-il-sistema-endocrino-e-innescare-una-cascata-di-problemi-di-salute-cronici/


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14517
Topic starter  

La proteina spike porta a «cinque meccanismi di danno» nel corpo umano

18 Giugno 2024

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

Affrontando l’aumento dei tumori turbo, dei disturbi autoimmuni, delle condizioni cardiovascolari e dei problemi riproduttivi nelle persone che hanno ricevuto vaccini contro il COVID-19, l’educatrice clinica Dott.ssa Margaret Christensen si è unita a «The Defender In-Depth» questa settimana per discuterne le cause e le possibili soluzioni.

Christensen ha affermato che la ragione di molte di queste condizioni di salute nei vaccinati si riduce a disturbi ormonali causati dagli ingredienti dei vaccini COVID-19 – comprese le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche – che possono avere effetti ad ampio raggio su più organi e sistemi all’interno. il corpo umano.

Christensen ha parlato dei modi per aiutare a ripristinare l’equilibrio ormonale. Ha anche discusso di un summit online, «Hormonal Havoc: The COVID Fallout and How to Fix It» («disastro ormonale: le conseguenze del COVID e come ripararle»), che sta co-organizzando. Il vertice online si svolgerà dal 17 al 23 giugno.

Lo squilibrio ormonale ha prodotto condizioni «molto bizzarre»
Christensen ha detto che gli ormoni – «estrogeni, progesterone, testosterone, cortisolo, insulina, ormone tiroideo, e poi possiamo parlare anche dei nostri neurotrasmettitori» – aiutano a regolare il nostro umore e la nostra concentrazione.

«Comprendere che sono tutti imparentati tra loro e interagiscono tra loro è davvero di fondamentale importanza», ha detto Christensen. «Non solo interagiscono tra loro… l’equilibrio ormonale è fondamentale per la salute dell’intestino, per i nostri percorsi di disintossicazione del fegato e per ciò che possiamo fare per questi». Christensen ha affermato che il cervello, in particolare l’ipotalamo e l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), «la parte del nostro cervello che regola tutto… deve funzionare anch’essa correttamente».

Questi sistemi dipendono dall’equilibrio ormonale, ha detto Christensen, sottolineando che «le cose che abbiamo visto sono state davvero molto bizzarre» a causa degli squilibri causati dai vaccini COVID-19.

«Donne con tutti i tipi di sanguinamento anomalo, che creano cisti ovariche, che hanno episodi di sanguinamento massicci e molto pesanti fino al punto dell’isterectomia – con una delle mie clienti dai suoi fibromi uterini. Abbiamo visto enormi quantità di infertilità. Abbiamo avuto tre morti fetali nella nostra pratica», ha detto Christensen.

«E poi il sanguinamento postmenopausale è stato semplicemente bizzarro. Ho un certo numero di clienti, almeno da 10 a 15, che erano carine e stabili… e hanno appena iniziato a sanguinare spontaneamente dopo la menopausa, tra cui due donne ottantenni» ha aggiunto.

I sintomi hanno a che fare con l’infiammazione del rivestimento dell’utero e delle ovaie che vengono stimolate a produrre estrogeni extra, ha detto Christensen.

Anche gli uomini ne sono colpiti. Christensen ha notato di aver notato «livelli di testosterone incredibilmente bassi, cambiamenti significativi nella morfologia dello sperma… problemi di libido e depressione».

Ha anche osservato «enormi quantità di problemi autoimmuni» e «cambiamenti nella salute mentale» che «sono stati assolutamente orrendi per tutte le fasce d’età», in particolare adolescenti e giovani adulti, che hanno sperimentato «cambiamenti neurodegenerativi, grave confusione mentale, demenza a rapida insorgenza».
La proteina Spike «crea enormi quantità di disregolazione nel sistema immunitario»
Per Christensen, una delle cause principali dello squilibrio ormonale è la proteina Spike, insieme ad altri ingredienti presenti nelle iniezioni di COVID-19.

«Sappiamo che la proteina Spike sta creando enormi quantità di disregolazione nel sistema immunitario», ha affermato. Questo può eliminare gli ormoni e causare una disregolazione del sistema immunitario, sopprimendo la parte del sistema immunitario che «insegue i cattivi», ha detto.

 

«Quello che stiamo ricevendo è questo segnale di costante infiammazione, costante paura e ansia… che si alimenta nel cervello che sta cercando di regolare i nostri ormoni».

Ciò può avere effetti a cascata in tutto il corpo perché «tutto è connesso» e «non possiamo trattare nulla in modo isolato», ha detto Christensen. Questi effetti iniziano nell’ipotalamo.

«L’ipotalamo regola tutti i segnali che arrivano alla ghiandola pituitaria, che arrivano alla tiroide, alle ghiandole surrenali, alle ovaie, ai testicoli e tutto il resto. Quindi, se questo è infiammato e interrotto, è problematico», ha detto.

Christensen ha affermato che la connessione intestino-cervello è un fattore importante in questo processo:

«Tutto ciò che accade nel tratto gastrointestinale viene alimentato attraverso il nervo vago, questo lungo nervo del nostro corpo che collega il nostro cervello, il nostro cuore, i nostri polmoni e il nostro intestino».

«Ma se hai un tratto gastrointestinale disregolato, batteri, infiammazioni, cattiva alimentazione e picchi di proteine, sta inviando un segnale al nervo vago, all’asse HPA e all’ipotalamo, che fa anche parte di qualcosa chiamato sistema limbico, il tuo cervello rettile. Quindi, ancora una volta, ricevi segnali interrotti provenienti dal nervo vago».

Ciò ha contribuito all’aumento di condizioni meno comuni prima dell’introduzione dei vaccini COVID-19. «È stato solo dopo l’uscita della proteina Spike che abbiamo visto tutta la miocardite e la pericardite e, ancora, quell’infiammazione».

«Quello che sappiamo è che questa infiammazione causata dalla proteina Spike nel cuore… crea una piccola cicatrice».

«Così, mesi o un paio d’anni dopo, all’improvviso hai una scarica di adrenalina perché ti svegli la mattina o perché stai per uscire a correre e boom, quella è l’adrenalina, che è il tuo ormone di lotta o fuga, [e] sta innescando un’aritmia e un battito cardiaco irregolare».

Di conseguenza, «stiamo assistendo ad alcune di queste morti improvvise, morte cardiaca improvvisa, frequenze cardiache molto bizzarre», ha detto Christensen.

La proteina spike «influenza direttamente le ovaie e i testicoli», ha aggiunto Christensen. «Sappiamo che a causa di queste nanoparticelle lipidiche che teoricamente avrebbero dovuto rimanere solo nel braccio [ma che si trovano] in tutti i tessuti adiposi intorno al corpo, nel nostro cervello, nel nostro cuore, nei nostri testicoli e nelle ovaie, creando enormi infiammazioni e interrompendo i segnali provenienti da quello e anche dalle ghiandole surrenali».

Christensen ha spiegato che i vaccini avrebbero dovuto indurre il corpo a produrre proteine ​​​​spike all’interno delle cellule del corpo, per innescare una risposta immunitaria. Ma ciò che in realtà sta accadendo è «la produzione persistente della proteina spike nel tempo», che porta a molteplici tipi di infiammazione cronica.

L’infiammazione è uno dei «cinque meccanismi di danno provocati dalla proteina spike», ha detto Christensen. Gli altri sono «infezioni persistenti, disregolazione autoimmune, disbiosi intestinale – batteri malsani – e poi disfunzione mitocondriale».

Christensen ha definito i mitocondri la «centrale elettrica della cellula» che «genera energia». Ha notato che gli organi che contengono più mitocondri sono quelli che «sono sempre attivi e non si spengono [e] richiedono molta energia», compresi il cervello e il cuore.

Di conseguenza, «stiamo assistendo alla soppressione, semplicemente a una massiccia disregolazione del sistema immunitario, alla soppressione del sistema immunitario innato che insegue virus, batteri e cellule tumorali, quindi quella parte del sistema immunitario viene soppressa».

Uno degli esiti sempre più comuni, ha detto, sono i tumori turbo. «Stiamo assistendo a una formazione anomala di cancro e a un’insorgenza molto rapida di tumori… persone che si ammalano di cancro cervicale allo stadio 4 o linfomi allo stadio 4», ha detto.

«Il nostro corpo ha meccanismi di guarigione sorprendenti e potenti»
Christensen ha affermato che mentre la medicina tradizionale, le agenzie sanitarie governative e i media hanno «agito molto in stile “niente da vedere qui” per tanto tempo”, ora stiamo “iniziando a vedere alcune crepe nella diga” perché ce ne sono troppe, molti corpi e troppi medici che sono rimasti danneggiati».

Il vertice «Hormonal Havoc» consentirà al pubblico di ascoltare diverse dozzine di esperti che descrivono «cosa stiamo vedendo e quali sono i meccanismi dietro ad esso, e solo alcune semplici cose che possiamo fare per cambiarlo» ha detto, Christensen.

Christensen ha suggerito alle persone di lavorare con «qualcuno esperto nella medicina dell’intero sistema», sull’uso di ivermectina e idrossiclorochina per le loro proprietà che «aiutano a reprimere tutte quelle citochine e quelle produzioni di anticorpi», cambiamenti nello stile di vita – inclusi «cibo pulito, aria pulita, acqua pulita e una mente chiara» – e costruzione di comunità.

 

«Quello che dobbiamo sapere è che il nostro corpo ha meccanismi di guarigione sorprendenti e potenti… Queste sono le cose che possiamo fare».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

https://www.renovatio21.com/la-proteina-spike-porta-a-cinque-meccanismi-di-danno-nel-corpo-umano/


RispondiCitazione
Condividi: