Notifiche
Cancella tutti

i video dell'Isis chi li realizza?

Pagina 3 / 3

xeliox
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 113
 

Ma d'andrea era quello che postava i link dell isis che poi avevano i server un israele? Devo andare a ribbeccare il post da qualche parte..


RispondiCitazione
yakoviev
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1671
 

Mah, mi sembra che le questioni sollevate siano due: la "qualità" dei video e l'autenticità degli eventi che mostrano. A me non sembra impossibile che possano realizzare dei video tecnicamente validi: tra i loro vari aderenti o simpatizzanti (magari provenienti da altri paesi Europa compresa) ci può essere realmente qualcuno in grado di maneggiare con disinvoltura la tecnologia e il linguaggio per immagini. Quanto al fatto che mostrino eventi realmente accaduti nel modo in cui ci vengono raccontati avere dei dubbi è pienamente lecito e ne ho anch'io. Possono senz'altro aver usato dei trucchi, magari discutiamo delle incongruenze, allora.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

discutiamo sul fatto che video ne fanno (e non sappiamo ancora esattamente chi siano) ma prove reali non ce ne sono che gli ostaggi vengono uccisi in quella maniera o in altre, e resta l'incognita se sono vivi.Se poi come il Giappone per sapere se l'ostaggio era veramente morto, hanno dovuto esaminare se il video era falso o meno, fa venire il sospetto che non è possibile in altra maniera saperlo e che l'isis (o chi per esso) prove reali oltre il video non ne fornisce affatto.
Se poi vogliamo anche andare a vedere perchè mai a tutti i presunti uccisi mettono le tute arancione tipo Guantanamo, qualche idea ne potrebbe scaturire sul motivo. Se non altro come abbia potuto l'isis avere quelle tute desterebbe qualche sospetto sui fornitori.

Possono senz'altro aver usato dei trucchi, magari discutiamo delle incongruenze, allora.

si potrebbe discutere anche dove mai siano andati gli ostaggi qualora i video fossero falsi.
Perchè tutti ma proprio tutti sono convinti che siano vero, ancora di più dei video di BinLaden.
La platea si è rincoglionita al punto giusto a quanto pare e non si interroga più.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_jcs&view=jcs&layout=form&Itemid=135&aid=312280
video Isis una produzione IS-Katz, genere Horror....

Il filmato porta il logo SITE di Rita Katz.
SITE ha ricevuto dal califfato l'escusiva della distribuzione dei suoi video di indubbio successo?

Sembra proprio ci sia un contratto........il video è stato postato dal NewYorkTimes senza togliere il logo!


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

il rutti come sua abitudine, sproloquia e poi si dilegua eludendo goffamente le mie provocazioni...

dai rutti, ritorna XD


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

il rutti come sua abitudine, sproloquia e poi si dilegua eludendo goffamente le mie provocazioni...

dai rutti, ritorna XD

Ho letto su internet, qualche tempo fa, che i video vengono girati amici di terroristi, ma non combattenti, e prendono circa 3000 euro ( a video ); anno a disposizione videocamere e tutto quel che serve gratis.
Cerco di rintracciare chi lo ha scritto.

Ciao


RispondiCitazione
il_navigante
Eminent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 29
 

«[…] poiché contraffazione equivale a parodia, trattandosi di due termini che sono quasi sinonimi, c’è invariabilmente in tutte le cose di questo genere un elemento grottesco, il quale può essere più o meno appariscente, ma che in ogni caso non dovrebbe sfuggire a osservatori sia pur soltanto moderatamente perspicaci, se le “suggestioni” che essi subiscono inconsciamente non ne abolissero a tal riguardo la perspicacia naturale. Si tratta dell’aspetto per il cui tramite la menzogna, per quanto abile, non può far altro che tradirsi; ed è chiaro come anche questo sia uno dei “marchi” d’origine, inseparabili dalla contraffazione, i quali normalmente devono permettere di riconoscerla come tale […]»
[René Guénon «Il Regno della Quantità e i Segni dei Tempi», cap. 29 “Deviazione e sovversione”].


RispondiCitazione
Pagina 3 / 3
Condividi: