Notifiche
Cancella tutti

Il blocco continua limitando la cultura cubana


cubainforma
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1957
Topic starter  

www.cubainformazione.it

Amelia Duarte de la Rosa

Mancano pochi giorni all'inizio dell'anno scolastico. Le condizioni sono create a tutti i livelli di insegnamento: uniformi, materiali scolastici, arredi scolastici, forniture per pulizia ... Tuttavia, per gli oltre 8000 studenti che entrano nella rete di istituzioni del Centro Nazionale di Scuole d'Arte ( CNEART), la situazione è diversa. Anche se già sono garantite le voci principali di questa fase, le aule riapriranno sotto l'impatto negativo del blocco economico, commerciale e finanziario imposto dal governo di Washington contro il nostro paese.

Secondo un rapporto del Ministero della Cultura (Mincult), la politica ostile di blocco limita l'acquisto di attrezzature e materiali necessari per lo studio delle varie discipline nell'insegnamento artistico.

Se gli strumenti per musica; oli e pennelli per le arti plastiche; scarpette e vestiario per gli studenti di danza, potessero essere acquisiti nel mercato USA, il paese avrebbe un notevole risparmio.

Solo nelle iscrizioni di sassofono il risparmi sarebbe di 35000 USD; a piano di 133000; acquisto e nell'acquisto di vestiti d'allenamento (body) di balletto si risparmierebbe 2000. Esempi, naturalmente, che costituiscono una infima parte, perché ci sono situazioni simili nelle altre manifestazioni che integrano il sottosistema di educazione artistica.

Secondo il documento del Mincult, tra i principali danni economici ci sono le esibizioni dal vivo di musicisti cubani negli USA, che devono essere una questione di scambi culturali, senza che intervengano contratti commerciali tra le parti. Di modo che le imprese cubane non ottengono benefici economici, e si danneggiano al non poter commercializzare, in altri mercati, durante il periodo di scambio.

Il blocco, in espressione della sua extraterritorialità, impedisce la promozione, diffusione e commercializzazione di artisti nazionali e deprime a valori infimi i prezzi di vendita. In questo periodo, l'Istituto Cubano della Musica (ICM) ha tenuto 15 interscambi culturali in territori USA con 122 presentazioni artistiche.

Si stima che il potenziale di esportazione dei gruppi musicali dell'ICM nel mercato USA potrebbe raggiungere i cinque milioni di dollari l'anno, se non ci fossero le restrizioni del blocco.

Sulla questione del diritto d'autore musicale tra Cuba e gli USA, rimane l'impossibilità di stipulare contratti di rappresentanza reciproca (CRR) tra le società di gestione collettiva per la protezione dei repertori sfruttati in entrambi i territori.

Il danno si estende anche alle arti plastiche, la letteratura, la commercializzazione online di prodotti culturali e dell'industria cinematografica.

L'ICAIC per le limitazioni del blocco non ha accesso ad utilizzare la tecnologia sviluppata dalla società USA Dolby.

"I processi di sonorizzazione della nostra produzione si vedono costretti ad usare detta tecnologia senza il cui credito è praticamente impossibile entrare nel mercato internazionale del cinema. Questo ci costringe ad associarci a co-produttori stranieri solo per acquisire le licenze appropriate, a cui in cambio dobbiamo cedere una parte del mercato potenziale dei nostri film. Questa sessione rappresenta una perdita annuale di non meno di 200000 dollari" rivela il documento.


Citazione
Condividi: