Notifiche
Cancella tutti

IL CIRCO GLOBALISTA DEL CLIMA


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1473
Topic starter  

Minacciata la sovranità brasiliana sull’Amazzonia

Quello sul clima é un discorso pieno di sofismi, che non si basa sul nulla! È puerile, infantile, ma continua a essere propagato in tutti gli angoli della Terra.

Il 26 marzo 2023 segna la data dell'anniversario del “tour condotto dall'inviato speciale della Presidenza degli Stati Uniti sul clima",

Il circo climatico di John Forbes Kerry, del Partito Democratico statunitense cominciato in Brasile, e proseguito in Panama City a partire dal 1° marzo scorso si è concluso a Houston, in Texas.

In occasione del suo passaggio in Brasile, il ministro dell'ambiente e del clima brasiliano si é incontrato con l'inviato speciale per il clima John Kerry. Nel corso della conversazione, ancora una volta la sovranità sull'Amazzonia brasiliana è stata messa in discussione per "salvare il clima della Terra" e preservare l’Amazzonia dalla deforestazione illegale.

L'ambasciatore degli Stati Uniti a Brasilia, Todd Chapman Todd aveva ragione solo quando parlava di zero deforestazione illegale, ma sbagliava copiosamente, come tutti gli altri, nel collegarla all'anidride carbonica e agli effetti delle foreste sul "clima mondiale". Così, ha finito per sbagliare praticamente tutto! Siamo d´accordo la deforestazione illegale deve essere combattuta, soprattutto quella praticata dagli stranieri che puntano poi il dito contro il Brasile.

La legislazione in vigore consente il disboscamento allo scopo di svolgere attività agricole o altre attività necessarie. Le percentuali di apertura variano, ma la più drastica, che riguarda l'area forestale, consente solo il 20% di utilizzo del suolo. Ho già visto l'azione nefasta del comunismo/ambientalismo che ha agito attraverso il legislatore brasiliano nel recente passato, formulando leggi abusive che non hanno paralleli nel resto del mondo. I proprietari terrieri devono sostenere il 100% delle spese e delle tasse sulla proprietà, ma possono goderne solo il 20%. Per fare un paragone, immaginate voi, che avete comprato un appartamento, avete pagato tutte le imposte, il condominio ecc. ma potete usare solo il bagno! Ebbene, in Brasile è così.

Tornando al consulente climatico americano che non ha mai letto un termometro meteorologico in vita sua, i suoi discorsi sono vere e proprie perle che potrebbero essere inquadrate come comiche solo se le condizioni geopolitiche fossero diverse. A cominciare dall'affermazione che l'Amazzonia sarà un vero e proprio banco di prova per tutta l'umanità, oltre a riferire che si tratta di uno "straordinario tesoro che appartiene a tutti noi", praticamente parafrasando l'ex vicepresidente nordamericano Al Gore. Forse si tratta di una sorta di feticcio degli ex candidati perdenti alla carica di presidente degli Stati Uniti, perché come Gore, anche John Kerry ha perso le elezioni nel 2004 contro George W. Bush. Queste persone vogliono sempre espropriare l'Amazzonia brasiliana nel futile tentativo di creare un bisogno pubblico mondiale per praticare questa vera e propria rapina. Così rivendicano la "stabilità climatica" come un'urgenza necessaria, facendo affermazioni basate sulla pseudoscienza secondo cui la foresta controlla il clima del pianeta. Che responsabilità ci è toccata, eh?!

La vera foresta

La foresta non fa il clima, ma è il risultato del clima. Sono le condizioni ambientali e climatiche della regione in questione che permettono a quel tipo di foresta di esistere. Si tratta di un'informazione di base, di scienza consolidata, che si trova già nei libri di testo delle scuole superiori, in cui si trovano le definizioni consolidate delle classificazioni dei vari biomi, dei climi e della vegetazione, oltre a molti altri aspetti che fanno parte della disciplina della Geografia, nell'ambito della fisica territoriale e analitica. Inoltre, non è un caso unico, poiché ne esistono altri analoghi in tutta la Terra. Ma il feticcio, insisto, riguarda sempre il Brasile.

Inoltre, abbiamo il coinvolgimento dell'area occupata dalla foresta. Questa rappresenta qualcosa di vicino all'1% della superficie terrestre, a seconda degli attributi da scegliere, come il tipo di vegetazione, il bioma, ecc. Ancora una volta, come sarebbe possibile che qualcosa come l'1% della superficie del pianeta sia responsabile di tutto il restante 99%? Tutto ció ha già superato il livello dell'assurdità, scendendo al livello della follia! Inoltre, attribuiscono l'evapotraspirazione della vegetazione come elemento climatico planetario.

La Foresta Amazzonica non è un "santuario del clima" e la temperatura media globale dell'aria, la cui predicazione è diventata un mantra, non sarà regolata dalla sua esistenza come pozzo di carbonio (depositi naturali che assorbono e catturano la CO2 dall'atmosfera, riducendone la presenza nell'aria). Le foreste tropicali mature riciclano praticamente il loro stesso carbonio. Essendo di tipo latifoglie, perdono le loro foglie larghe durante i periodi di minore piovosità, riacquistandole quando le precipitazioni tornano più intense.

Né Todd Chapman né l'"inviato speciale per il clima", John Kerry, vogliono conoscere questa verità - Kerry, in particolare, che insiste sulla "protezione" della regione amazzonica per "mantenere la temperatura mondiale". Patetico! L'unica cosa che vogliono è gettare il conto della bufala del "riscaldamento globale" sulle spalle (e sulle fatture da pagare) del continente sudamericano perché, se la CO2 controllasse davvero le temperature, cosa che non fa, dovrebbero guardare al loro stesso Paese, uno dei maggiori emettitori di questo gas, seguito dalla Cina. Ah, naturalmente! Fare i dispetti a chi ha una lampadina atomica è un'altra storia, no?!

Siamo di fronte a un discorso pieno di sofismi, che non si fonda su nulla! È puerile, persino infantile, ma continua a essere propagato in tutti gli angoli della Terra. L'obiettivo è quello di denigrare l'immagine del Brasile e del Sud America, della sua economia e di utilizzare l'argomento clima per un controllo continentale- sia dal punto di vista politico che economico. Per non parlare, in questo momento, di altre sfaccettature più pericolose. È certo che gli attuali politici il governo del Paese fingono solo una difesa della nostra sovranità per non incorrere nell'accusa diretta di tradimento e di corruzione ai quali sono adusi. Abbiamo visto che il tono dei loro discorsi pronunciati all'estero è diverso! In ogni caso, "i tesori" di cui ha parlato Kerry durante la sua visita in Brasile sono diversi. Chi ha occhi per vedere e chi ha orecchie per sentire, perché il tour del circo climatico internazionale continua.

Gli esseri umani vampirizzano l'acqua del pianeta?

L'ONU rende il suo tradizionale disservizio all'umanità creando allarmismi su problemi reali e secolari.

Ancora una volta, l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) rende il suo tradizionale disservizio all'umanità creando allarmismi su problemi reali e secolari, mescolati ai suoi rimescolamenti che combinano politica, metodi di controllo e scienza debole. Questa volta, l'oggetto della lista è l'acqua. Così, il 22 marzo 2023 è stata aperta una conferenza mondiale sul tema, secondo la vecchia formula politico-scientifica, in cui si mescolano dati e fatti storici. Si tratta di una retorica molto ben elaborata, il cui scopo sarà quello di inserire il problema all'interno dell'Agenda 2030 - L'Agenda per il controllo del mondo globalizzato.

Con l'obiettivo di seminare panico e terrore, António Guterres, attuale Segretario generale dell'ONU, ha lanciato un'altra delle sue perle. E ha dimostrato la sua totale impreparazione, visto che non è in grado di dare alcuna logico a ciò che dice.

Guterres ha affermato che l'acqua viene prosciugata da un "consumo eccessivo, vampiresco e insostenibile". Ha anche messo in guardia dai rischi di scarsità delle risorse, a fronte del fatidico "riscaldamento globale".

Ha inoltre sottolineato che "il ciclo dell'acqua è stato rotto, gli ecosistemi distrutti e le falde acquifere contaminate" - fonte sospetta delle sole Nazioni Unite.

Partiamo dalle parole dette. Il termine insostenibile è già direttamente collegato all'Agenda 2030, quindi lanciare queste parole serve solo a soddisfare i requisiti dei suoi obiettivi.

Ma il lettore attento si chiede: in cosa consiste la gestione sostenibile dell'acqua? Cosa comporta? Quali sono le sue conseguenze?

Non c'è da stupirsi che Guterres inserisca anche la questione dell'acqua nella frode del riscaldamento. Per lui, il "riscaldamento globale" provoca l'evaporazione dell'acqua. Mio Dio! Evaporare per andare dove? Sulla luna? Quando dice che l'uomo ha rotto il ciclo idrologico, mi chiedo davvero come riusciamo a fermare o a interferire con i colossali flussi di massa ed energia che coinvolgono questo ciclo. L'acqua viene scambiata tra oceani e atmosfera in modo gigantesco. Una parte di essa si sposta sui continenti attraverso l'atmosfera e precipita sotto forma di acqua liquida o di neve, contribuendo a trasportare i bacini idrografici. Ci sono cicli che circondano questo processo, in cui accelerano o rallentano il carico nel tempo. E molti di essi sono sconosciuti o poco studiati. Non possiamo ripetere un'affermazione come quella del Segretario generale delle Nazioni Unite. Anche le dighe o i serbatoi non interrompono i cicli.

Se i laghi si "prosciugano", è perché sono entrati nel periodo di maggior intervallo temporale di recupero dell'acqua. Questo era il motto dell'incontro citato nel suo discorso, tenutosi con il sostegno delle Nazioni Unite quasi 50 anni fa.

Esistono molte differenze che necessitano ancora di una discussione approfondita, ma che in questa sede verranno solo elencate. Tra queste, bisogna separare ciò che viene effettivamente utilizzato dalla risorsa idrica; i problemi igienico-sanitari; cosa si intende per acqua grezza e acqua potabile; le regioni naturali e le loro risorse idriche; la gestione dell'acqua; le forme e le tecnologie per ottenerla; le priorità; e molto altro ancora. È inaccettabile accettare che il Segretario generale riproponga il tutto nello stesso formato, dicendo semplicemente che tutto è alterato e, peggio, contaminato! Questo non ha alcun supporto scientifico.

Concludiamo dicendo che questo culto del pianeta è ben dimostrato da Guterres, quando afferma che l'umanità si sta comportando come un vampiro, alludendo al fatto che siamo un paria del pianeta, che lo succhia nelle sue vene vitali di un illusorio "pianeta vivente". Continuiamo a richiamare l'attenzione sul discorso di queste persone e su chi servono. Certamente, non è per il bene dell'umanità.

 

 

Fonte: https://revistaoeste.com/mundo/circo-climatico-internacional-continua-ricardo-felicio/

 

Questa argomento è stata modificata 1 anno fa 2 volte da mystes

Citazione
Luca VFR
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 118
 

Guarda qiuando la merda diventerà economicamente un affare allora la merda, con la M maiuscola, sarà la priorità assoluta. Siccome ormai il mondo capitalista-produttivo non sa più cosa produrre, in pratica abbiam ben più di tutto, adesso si buttano sul, se mi passi il termine, "esoterico" cioè qualcosa di assolutamente immateriale ma che fai sorgere a cosa importantissima. Insomma da produttori di cose siam diventati produttori di "aria fritta".

Questo post è stato modificato 1 anno fa da Luca VFR

RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1473
Topic starter  
Pubblicato da: @luca-vfr

Guarda qiuando la merda diventerà economicamente un affare allora la merda, con la M maiuscola, sarà la priorità assoluta. Siccome ormai il mondo capitalista-produttivo non sa più cosa produrre, in pratica abbiam ben più di tutto, adesso si buttano sul, se mi passi il termine, "esoterico" cioè qualcosa di assolutamente immateriale ma che fai sorgere a cosa importantissima. Insomma da produttori di cose siam diventati produttori di "aria fritta".

La ragione principale per cui insisto sulla necessitá di tenere gli occhi puntati sul Brasile risiede nel fatto che il Brasile é sovrano della maggiore foresta del mondo, e non é solo per ragioni climatiche, ma perché nel sottosuolo si conservano i minerali piú preziosi del pianeta. La sinistra fará carte false pur di mantenere il controllo del Brasile, come sta facendo adesso col Venezuela (una delle maggiori riserve petrolifere del mondo).

 


RispondiCitazione
Andreabras
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 90
 

Parlare di sinistra come fosse una cosa sola è molto fuorviante e non molto onesto. Cosa c'entra la sinistra dei Dem statunitensi con la sinistra di Maduro?

Questo post è stato modificato 1 anno fa da Andreabras

RispondiCitazione
Condividi: