Notifiche
Cancella tutti

IL DISCORSO DEL PRESIDENTE DEL BRASILE ALL'ONU


mystes
Prominent Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 858
Topic starter  

Signore e signori,
Vi presento un nuovo Brasile, che risorge dopo essere stato sull'orlo del socialismo.
Un Brasile che viene ricostruito dalle ansie e dagli ideali della sua gente.
Nel mio governo, il Brasile sta lavorando per riconquistare la fiducia del mondo, riducendo la disoccupazione, la violenza e il rischio per le imprese, riducendo la burocrazia e deregolamentando.
Il mio paese nel recente passato ha vissuto in una situazione di corruzione diffusa, grave recessione economica, alti tassi di criminalità e attacchi ininterrotti alla famiglia e ai valori religiosi che modellano le nostre tradizioni.
Nel 2013, un accordo tra il governo di sinistra e la dittatura cubana ha permesso l’entrata in Brasile di 10.000 medici senza alcuna prova di idoneità. E’ stato loro impedito di portare coniugi e figli, il 75% dei loro salari è stato confiscato dal regime cubano ed è stato impedito loro di godere di diritti fondamentali, come i viaggi di andata e ritorno.
Un vero lavoro da schiavi, credetemi ...sostenuto da entità per i diritti umani provenienti dal Brasile e dalle Nazioni Unite!
Ancor prima che assumessi la carica, quasi il 90% di loro aveva lasciato il Brasile, attraverso un'azione unilaterale del regime cubano. Coloro che hanno deciso di rimanere saranno sottoposti a qualifica medica per esercitare la loro professione.
In questo modo, il nostro paese non contribuisce più alla dittatura cubana, non invia più 300 milioni di dollari all'Avana ogni anno.
La storia ci dice che già negli anni '60, agenti cubani furono inviati in vari paesi per collaborare al consolidamento delle dittature comuniste.
Alcuni decenni fa hanno cercato di cambiare il regime brasiliano e altri paesi dell'America Latina.
Sono stati sconfitti!
I civili e i soldati brasiliani sono stati uccisi e molti altri hanno avuto la loro reputazione distrutta, ma abbiamo vinto quella guerra e salvaguardato la nostra libertà.
In Venezuela la stessa cosa: agenti del regime cubano, guidati da Hugo Chávez e oggi ce ne sono circa 60.000 che controllano e interferiscono in tutte le aree della società locale, in particolare la sicurezza e la difesa.
Il Venezuela, un tempo paese fiorente e democratico, oggi sta vivendo la crudeltà del socialismo.
In Venezuela sono tutti poveri e senza libertà!
Anche il Brasile risente l’impatto della dittatura venezuelana. Degli oltre 4 milioni di persone che sono fuggiti dal Paese, parte è emigrato in Brasile, fuggendo dalla fame e dalla violenza. Abbiamo fatto la nostra parte per aiutarli nell'accoglienza con l’aiuto dell'esercito brasiliano e lodata in tutto il mondo.
Lavoriamo con altri paesi, compresi gli Stati Uniti, per ripristinare la democrazia in Venezuela, ma lavoriamo anche duramente per garantire che altri paesi del Sud America non sperimentino questo regime disastroso.
Il Forum dI San Paolo, un'organizzazione criminale creata nel 1990 da Fidel Castro, Lula e Hugo Chavez per diffondere e attuare il socialismo in America Latina, è ancora vivo e deve essere combattuto.
Signore e signori,
Nel perseguimento della prosperità, stiamo adottando politiche che ci avvicinano ad altri paesi che hanno sviluppato e consolidato le loro democrazie.
Non può esserci libertà politica senza libertà economica. Il libero mercato, le concessioni e le privatizzazioni sono già presenti oggi in Brasile.
L'economia sta reagendo ai vizi e alle serie di quasi due decenni di irresponsabilità fiscale e corruzione diffusa. L'apertura, la gestione competente e l'aumento della produttività sono obiettivi immediati del nostro governo.
Stiamo aprendo l'economia e integrandoci con le economie di altri paesi. In solo otto mesi, abbiamo concluso i due maggiori accordi commerciali nella storia del Brasile, quelli firmati tra il Mercosur e l'Unione europea e tra il Mercosur e l'Area europea di libero scambio, l'EFTA. Abbiamo in programma di andare avanti con diversi altri accordi nei prossimi mesi.
Siamo inoltre pronti a iniziare il nostro processo di adesione all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Siamo già avanti, adottando altre pratiche in tutti i settori, già in vigore in altri paesi, dalla regolamentazione finanziaria alla protezione ambientale.
Adesso parliamo di Amazonia.
In primo luogo, il mio governo ha un impegno solenne per la salvaguardia dell'ambiente e lo sviluppo sostenibile a beneficio del Brasile e del mondo.
Il Brasile è uno dei paesi più ricchi di biodiversità e ricchezza minerale.
La nostra Amazonia è più grande di tutta l'Europa occidentale e rimane praticamente intatta. Prova che siamo uno dei paesi che più proteggono l'ambiente.
In questo periodo dell'anno, il clima secco e i venti favoriscono gli incendi spontanei e di origine criminale. È interessante notare che ci sono anche incendi praticati dagli indigeni e dalle popolazioni locali, come parte della loro rispettiva cultura e modo di sopravvivere.
Problemi che qualsiasi paese ha. Tuttavia, gli attacchi sensazionalisti che abbiamo subito in gran parte dei media internazionali a causa degli incendi in Amazzonia hanno suscitato il nostro sentimento patriottico.
È falso affermare che l'Amazzonia è patrimonio dell’umanità ed è un equivoco, come attestato da alcuni scienziati, dire che la nostra foresta è il polmone del mondo.
Usando questi errori, alcuni paesi invece di aiutarci, hanno adottato le bugie dei media e si sono comportati irrispettosamente con uno spirito colonialista.
Hanno messo in dubbio ciò che è più sacro per noi: la nostra sovranità!
Uno di loro alla riunione del G7 ha osato suggerire di applicare sanzioni al Brasile senza nemmeno ascoltarci. Sono grato a coloro che non hanno accettato di dare seguito a questa assurda proposta.
In particolare, ringrazio il presidente Donald Trump, che ha ben sintetizzato lo spirito che deve prevalere tra i paesi delle Nazioni Unite: il rispetto per la libertà e la sovranità di ciascuno di noi.
Oggi, il 14% del territorio brasiliano è delimitato come terra indigena, ma dobbiamo capire che i nostri indigeni sono esseri umani, proprio come ognuno di noi. Vogliono e meritano di godere degli stessi diritti di tutti noi.
Voglio chiarire: il Brasile non aumenterà la sua area già delimitata come terra indigena al 20%, come vorrebbero alcuni capi di stato.
Ci sono 225 popolazioni indigene in Brasile, oltre a 70 tribù che vivono in luoghi isolati. Ogni popolo o tribù conserva la propria cultura, le proprie tradizioni, i propri costumi e soprattutto il proprio modo di vedere il mondo.
La visione di un capo-tribù non rappresenta quella di tutti gli indiani brasiliani. Spesso alcuni di questi leader, come il capo Raoni, sono usati come stratagemma dai governi stranieri nella loro guerra dell'informazione per i loro interessi in Amazzonia.
Sfortunatamente, alcune persone, dentro e fuori il Brasile, supportate da ONG straniere, insistono nel trattare e mantenere i nostri indios come veri uomini delle caverne.
Il Brasile ora ha un presidente che si prende cura delle popolazioni che erano lì prima dell'arrivo dei portoghesi. L'indio non vuole essere un povero proprietario terriero in terre ricche. Soprattutto delle terre più ricche del mondo. Questo è il caso delle riserve di Ianomâmi e Raposa Serra do Sol. In queste riserve vi è una grande abbondanza di oro, diamanti, uranio, niobio e minerali rari.
E questi territori sono enormi. La sola Ianomâmi Reserve ha circa 95.000 km2, delle dimensioni del Portogallo o dell'Ungheria, sebbene in questa zona vivano solo 15.000 indios.
Ciò dimostra che coloro che ci attaccano non si preoccupano dell'essere umano indigeno, ma della ricchezze minerali e della biodiversità in queste aree.
L’ONU ha avuto un ruolo fondamentale nel superamento del colonialismo e non può accettare un retrocesso a una mentalità neo-colonialista.
Non dobbiamo dimenticare che il mondo ha un bisogno crescente di cibo. Francia e Germania, ad esempio, utilizzano oltre il 50% dei loro territori per l'agricoltura, mentre il Brasile utilizza solo l'8% della terra per la produzione alimentare.
Il 61% del nostro territorio è preservato!
La nostra politica è di tolleranza zero per tutti i reati, compresi i reati ambientali.
Voglio ribadire la mia posizione secondo cui qualsiasi iniziativa per aiutare o sostenere la conservazione della foresta pluviale amazzonica deve essere trattata nel pieno rispetto della sovranità brasiliana.
Rifiutiamo anche i tentativi di strumentalizzare le questioni ambientali o la politica indigena a favore di interessi politici ed economici esterni, in particolare quelli mascherati da buone intenzioni.
Il Brasile ribadisce il suo impegno senza compromessi per i più alti standard di diritti umani, per la difesa della democrazia e della libertà di espressione di religione e di stampa. È un impegno che va di pari passo con la lotta alla corruzione e alla criminalità, richieste urgenti della società brasiliana.
Continueremo a contribuire, dentro e fuori le Nazioni Unite, alla costruzione di un mondo in cui non vi sia impunità, nascondiglio o rifugio per criminali e persone corrotte.
Durante il mio governo, il terrorista italiano Cesare Battisti è fuggito dal Brasile, è stato arrestato in Bolivia ed estradato in Italia. Altri tre terroristi paraguaiani e uno cileno, che vivevano in Brasile come rifugiati politici, sono stati anch'essi rimpatriati nei loro paesi.
I terroristi sotto le spoglie di politici perseguitati non troveranno più rifugio in Brasile.
In precedenza, i presidenti di sinistra hanno usato milioni di dollari per corrompere parte dei media deputati e senatori, il tutto per un progetto di potere assoluto.
Sono stati processati e puniti per il patriottismo, la perseveranza e il coraggio di un giudice che è un simbolo nel mio paese, il dottor Sergio Moro, il nostro attuale ministro della giustizia e della pubblica sicurezza. (grande estimatore dei giudici Falcone e Borsellino, ndt)
Ci sono stati presidenti che hanno anche trasferito gran parte delle nostre risorse in altri paesi allo scopo di promuovere e attuare progetti simili in tutta la regione.
Questi stessi presidenti venivano qui ogni anno e facevano discorsi senza compromessi su temi che non hanno mai aiutato i veri interessi del Brasile o contribuito alla stabilità del mondo. Anche così, sono stati da voi applauditi.
Nel mio paese, abbiamo dovuto fare qualcosa per i circa 70.000 omicidi e gli innumerevoli crimini violenti che hanno massacrato ogni anno la popolazione brasiliana. La vita è il più elementare dei diritti umani. La nostra polizia militare era l'obiettivo principale del crimine. Nel solo 2017, circa 400 poliziotti militari sono stati crudelmente assassinati. Tutto ciò adesso sta cambiando.
Sono state prese misure e siamo stati in grado di ridurre il numero di omicidi di oltre il 20% nei primi sei mesi della mia presidenza.
I sequestri di cocaina e altre droghe hanno raggiunto livelli record.
Oggi il Brasile è più sicuro e ancora più ospitale. Abbiamo appena esteso l'esenzione dal visto a paesi come Stati Uniti, Giappone, Australia e Canada e stiamo prendendo in considerazione l'adozione di misure simili per la Cina e l'India, tra gli altri.
Con più sicurezza e con queste strutture, vogliamo che tutti conoscano il Brasile, e in particolare la nostra Amazonia, con tutta la sua vastità e bellezza naturale.
La persecuzione religiosa è un flagello che dobbiamo combattere instancabilmente.
Il Brasile condanna fermamente tutti gli atti di violenza ed è pronto a collaborare con altri paesi per proteggere coloro che sono oppressi a causa della loro fede.
Di particolare preoccupazione per il governo brasiliano è la crescente persecuzione, discriminazione e violenza contro i missionari e le minoranze religiose in diverse regioni del mondo.
Sosteniamo pertanto la creazione della "Giornata internazionale in memoria delle vittime degli atti di violenza basata sulla religione o sul credo".
In questa data, ricorderemo ogni anno coloro che subiscono le conseguenze dannose della persecuzione religiosa.
Il rispetto del Brasile per la causa della pace è dimostrata dalla solida esperienza di contributi alle missioni delle Nazioni Unite.
Per 70 anni, il Brasile ha contribuito efficacemente alle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite.
Sosteniamo tutti gli sforzi per rendere più efficaci queste missioni e apportare benefici reali e tangibili ai paesi che le ricevono.
Nelle più svariate circostanze - ad Haiti, in Libano, nella Repubblica Democratica del Congo - i contingenti brasiliani sono riconosciuti per la qualità del loro lavoro e il rispetto per la popolazione, i diritti umani e i principi che guidano le operazioni di mantenimento della pace.
Ribadisco la nostra disponibilità a dare un contributo concreto alle missioni delle Nazioni Unite, anche per quanto riguarda l'addestramento e la capacità delle truppe, in cui abbiamo molta esperienza.
Nel corso di quest'anno, abbiamo stabilito un'ampia agenda internazionale volta a salvare il ruolo del Brasile sulla scena mondiale e a riprendere le relazioni con i partner chiave.
A gennaio eravamo a Davos, dove abbiamo presentato il nostro ambizioso programma di riforme per gli investitori di tutto il mondo.
A marzo, abbiamo visitato Washington, dove abbiamo avviato una collaborazione coraggiosa e completa con il governo degli Stati Uniti in tutti i settori, in particolare il coordinamento politico e la cooperazione economica e militare.
Sempre a marzo eravamo in Cile, dove è stato lanciato PROSUL, un'importante iniziativa per garantire che il Sud America si consolidi come un'area di democrazia e libertà.
Abbiamo quindi visitato Israele, dove abbiamo identificato numerose opportunità di cooperazione, in particolare nel settore della tecnologia e della sicurezza. Ringrazio Israele per il loro sostegno nella lotta alle recenti catastrofi nel mio paese.
Abbiamo anche visitato uno dei nostri grandi partner nell’America del Sud, l’Argentina. Con il presidente Mauricio Macri e i nostri partner dell'Uruguay e del Paraguay, abbiamo allontanato il pericolo dell'ideologia di sinistra dal Mercosur e ottenuto importanti vittorie commerciali concludendo negoziati in corso da decenni.
Entro la fine dell'anno visiteremo i principali partner asiatici sia in Estremo Oriente che in Medio Oriente. Queste visite rafforzeranno l'amicizia e approfondiranno le relazioni con Giappone, Cina, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Qatar. Intendiamo seguire la stessa strada con tutto il mondo arabo e l'Asia.
Non vediamo l'ora di visitare i nostri partner e amici in Africa, Oceania ed Europa.
Come si può vedere, il Brasile è un paese aperto al mondo, alla ricerca di collaborazioni con tutti coloro che sono interessati a lavorare per la prosperità, la pace e la libertà.

Signore e signori,

Il Brasile che rappresento è un paese in crescita, che rinvigorisce i partenariati e riacquista la sua fiducia politica ed economica.
Siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità nel sistema internazionale.
Negli ultimi decenni, siamo stati sedotti inconsapevolmente da sistemi di pensiero ideologico che non cercavano la verità ma il potere assoluto.
L'ideologia di sinistra si era stabilita nel campo della cultura, dell'istruzione e dei media, dominando i media, le università e le scuole.
L'ideologia di sinistra aveva invaso le nostre case per sovvertire la cellula mater di qualsiasi società sana, la famiglia.
Avevano anche tentato di distruggere l'innocenza dei nostri bambini pervertendo persino la loro identità più elementare ed elementare, quella biologica.
Il politicamente corretto era arrivato a dominare il dibattito pubblico per espellere la razionalità e sostituirla con manipolazione, ripetizione di luoghi comuni e slogan.
L'ideologia aveva invaso la stessa anima umana per espellere Dio e la dignità con cui ci ha qualificato.
E con questi metodi, questa ideologia ha sempre lasciato una scia di morte, ignoranza e miseria ovunque sia andata.
Ne sono la prova vivente. Sono stato pugnalato codardamente da un militante di sinistra e sono sopravvissuto solo per miracolo. Ancora una volta ringrazio Dio per la mia vita.
Le Nazioni Unite possono aiutare a sconfiggere l'ambiente materialista e ideologico che mina alcuni principi fondamentali della dignità umana.
Questa organizzazione è stata creata per promuovere la pace tra le nazioni sovrane e il progresso sociale con libertà, in conformità con il preambolo della sua Carta.
Su clima, democrazia, diritti umani, uguali diritti e doveri tra uomini e donne e così via, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è questo: contemplare la verità, seguendo il versetto di Giovanni:
"E tu conosci la verità e la verità ti renderà libero."
Tutti i nostri strumenti, sia nazionali che internazionali, dovrebbero in definitiva essere diretti verso questo obiettivo.
Non siamo qui per cancellare nazionalità e sovranità in nome di un "interesse globale" astratto.
Questa non è la Global Interest Organization!
Queste sono le Nazioni Unite. E così deveno rimanere!
Con umiltà e fiducia nel potere liberatorio della verità, state certi che sarete in grado di contare su questo nuovo Brasile che rappresento oggi qui.

Mille Grazie.

Per chi conosce la lingua portoghese qui il link dal sito Bolsonaro TV:

https://www.youtube.com/watch?v=cUMU8qgjX6s


Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 2720
 

Rimango dell' idea che occorra sentire cosa ne dicono gli abitanti delle favelas e dell' Amazzonia, al riguardo: così, tanto per curiosità... e per spirito di verità, naturalmente. Quello che Bolsonaro dice è la solita interpretazione della ragion di stato da parte dei vincitori occidentalisti, ovvero siamo e rimaniamo un Paese 'libero' perchè ci siamo 'noi' e facciamo quello che liberisticamente vogliamo ( con l'aiuto dello 'Zio Shmuel', ovvio... ), pregiudicata dall' odio verso i perdenti, ovvero la 'sinistra', accusata di essere un tarlo materialista malefico che ha minato la vitalità di un Paese altrimenti spiritualmente sano. Fosse così, se tutti i mali fossero Lula e Co., e non il conflitto endemico tra le diverse etnie brasileire aggravato dal residuo storico del colonialismo, ci sarebbe da chiedersi da dove sia venuto questo tarlo e come mai si sia rivelato talmente potente dall' inficiare per decenni l' attività politica del Brasile ... Apprezzo l' idea del voltar pagina, del dare una direzione innovativa all' attività quotidiana di governo e non dal lasciarsi vivere giorno per giorno, cosa che i precedenti governanti avevano fatto alla grande. Non apprezzo per niente il neotestamentarismo cristianeggiante con cui si giustifica ideologicamente il proprio potere, che, in un regime democratico dovrebbe dipendere dal consenso delle 'masse'. Almeno che nella sua vittoria elettorale Bolsonaro non voglia dire che 'qualcuno' ci abbia messo la sua 'manina'...


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 2720
 

Insomma, Lula ha emesso una cambiale in bianco: ha fatto capire che l' 'inclusione' in una società è indispensabile, la dignità e l' uguaglianza di opportunità sono il motore del cambiamento e del miglioramento collettivo. Data l' incapacità generale del suo governo a capire l'economia non ha potuto che gettare la palla, sedersi ( un po' troppo ) ed attendere ( sbagliando ). Nel frattempo è arrivato B.: vedremo come saprà rendere pagabile questo atto, realizzando le attese della stragrande maggioranza della popolazione di quel Paese, ovvero accedere alla classe media e vivere in un Paese 'civile', cioè nel benessere, senza la violenza endemica e senza le cause che la promuovono. Tra queste non c'è solo la disuguaglianza sociale 'pratica', le favelas, la droga: c'è che milioni di persone se non si 'arrangiano' come possono per campare NON mangiano. Letteralmente. Dunque un cambiamento di passo nelle scelte economiche globali, e la rimozione delle cause che impediscono lo sviluppo generalizzato, tra cui lo strapotere delle oligarchie, che però, e qui sta tutta la contraddizione politica che B. dovrà affrontare, sono i suoi grandi elettori. Dunque, o farà un peronismo in salsa carioca, ipotesi che personalmente sottoscriverei almeno tendenzialmente, o tornerà ad uno stato dittatoriale a favore della parte privilegiata, puro e duro, che laggiù quando è appunto privilegiata lo è in una dimensione che in Europa è sconosciuta. Nel frattempo la cambiale di Lula non aspetta: le manif contro l'assassinio della povera bambina sarebbero state impensabili sino a non molti anni fa, e sono l' indice di una richiesta appunto di miglioramento globale delle condizioni della parte sfavorita che oggi per l' appunto non si sente più emarginata ( di diritto verrebbe da dire ) o diversa 'ontologicamente' dalla società 'alta' ma ne vuole esser parte. Vuole in altri termini la normalità, o quello che ritiene tale. Anche qui la TV e internet l' hanno fatta da padrone, accellerando la consapevolezza globale di massa. Ripeto: saprà B. prendersi carico di questa richiesta o la eluderà facendo ammuina con i potentati ? E forse, in questo dilemma, sta una collocazione geopolitica più ampia: Europa, con i suoi diritti, o USA, con i suoi privilegi ? Qui, secondo me, l' Italia avrebbe più di una carta da giocare, cercando di non dimenticarsi, come suole, dei milioni e milioni di italiani emigrati in Sud America. Ma vedendo la caratura ... caricaturale della nostra diplomazia apicale e la politica da ridolini finora seguita, ne dubito assai...


RispondiCitazione
mystes
Prominent Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 858
Topic starter  

Le nostalgie della sinistra non mi interessano.
A proposito del "consenso delle masse" dico solo che se Falcone avesse avuto in Italia il consenso e l'appoggio delle masse, come li hanno avuti qualche domenica fa l'ex-giudice Moro (quasi 2 milioni di persone nell'Avenida Paulista di San Paolo manifestando a favore delle politiche di ordine pubblico del Ministro Moro e del Presidente Bolsonaro) Falcone non sarebbe stato ucciso dalla mafia. Questi sono fatti, "tutto il resto è noia".


RispondiCitazione
Condividi: