Notifiche
Cancella tutti

IL GRANDE IDILLIO


mystes
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1474
Topic starter  

 

 

L'ambasciatore degli Stati Uniti d'America in Brasile, Elizabeth Frawley Bagley, ha dichiarato  che il Congresso degli Stati Uniti definirà nelle prossime settimane con la Casa Bianca l'importo che sarà donato (???) al Fondo Amazzonia. Il contributo finanziario è stato oggetto dell'incontro della scorsa settimana tra il Presidente Luiz Ignazio Lula da Silva e il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

"Il Presidente Biden ha sottolineato la sua intenzione di lavorare con il Congresso per dare un significativo contributo iniziale al Fondo per l'Amazzonia e ad altre importanti iniziative volte ad affrontare la crisi climatica, nonché a mobilitare ulteriori risorse dal settore privato e dalle istituzioni filantropiche statunitensi e internazionali"..

Il Fondo Amazon è stato istituito dal Presidente Lula a gennaio e ha già ricevuto donazioni da diversi Paesi europei ansiosi di partecipare con gli Stati Uniti alla divisione della lauta torta amazzonica, messa sul piatto da Lula con la buona motivazione della difesa del clima (fa tanto tendenza con greta thunberg!!!).

Lula e Biden insieme per difendere la democrazia

Secondo l'ambasciatore, Biden e Lula hanno dato un chiaro segno della sinergia tra i due. Oltre al Fondo per l'Amazzonia, durante l'incontro alla Casa Bianca i presidenti di Brasile e Stati Uniti hanno discusso di questioni come gli accordi commerciali e la democrazia. "Hanno visioni molto coraggiose delle loro priorità politiche, il che è stato notevole e mostra una chiara indicazione delle molte questioni importanti nella nostra agenda bilaterale", ha aggiunto l’ambasciatore.

Alla domanda se ci sono misure già definite per rafforzare la democrazia nei due Paesi, ha risposto che "non c'è ancora nulla di specifico". "I due [Biden e Lula] hanno parlato [nel loro incontro] dell'effetto della disinformazione e dell'informazione scorretta non solo nella campagna elettorale (condotta dalla sinistra brasiliana con l´appoggio americano e la condotta fraudolenta della Suprema Corte Elettorale, ndc), ma delle successive ripercussioni di tutto ciò, come è accaduto il 6 gennaio [2021] negli Stati Uniti e l'8 gennaio [2023] in Brasile, nonché delle difficoltà che sorgono quando la democrazia viene sfidata in tutto il mondo", ha detto l'ambasciatrice (sfidata e minacciata certamente in Ucraina dai gruppi neo-nazisti finanziati e addestrati dagli Stati Uniti, ndc).

Secondo Bagley, il Presidente degli Stati Uniti vede Lula come un leader regionale e globale (globale e globalista, ndc) e quindi lavoreranno insieme per rafforzare le relazioni tra i due Paesi. "Hanno concordato di lavorare insieme. Non c'è ancora nulla di specifico, ma stiamo discutendo i risultati degli incontri", ha dichiarato.

Nelle prossime settimane alcuni membri della Casa Bianca si recheranno in Brasile per organizzare una visita di Joe Biden. Il presidente nordamericano ha accettato l'invito di Lula, ma non ha fissato una data.

"Forniremo maggiori dettagli su queste visite non appena saranno annunciate ufficialmente. Ognuna di esse porterà avanti le priorità politiche discusse durante gli incontri dei presidenti e getterà le basi per una futura visita del presidente Biden in Brasile, invito che ha accettato dal presidente Lula", ha dichiarato l'ambasciatore.

Fonte: https://www.gazetadopovo.com.br/republica/congresso-norte-americano-vai-definir-o-valor-da-doacao-dos-eua-para-o-fundo-amazonia/

(il neretto tra parentesi dell´autore del post)

Questa argomento è stata modificata 1 anno fa da mystes

Citazione
mystes
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1474
Topic starter  

 

Gli Stati Uniti hanno alzato il tono contro il governo brasiliano e chiedono una condanna più incisiva della Russia per l'invasione dell'Ucraina.
Una settimana dopo che il presidente Joe Biden ha ricevuto Luiz Inácio Lula da Silva, il sottosegretario agli Affari politici del Dipartimento di Stato americano, Victoria Nuland, ha inviato un messaggio al Paese: "Indossate i panni dell'Ucraina", ha detto.
"Se il Brasile avesse un grande vicino che prende pezzi del suo territorio e lo invade militarmente, aspetterebbe il sostegno della comunità democratica per resistere e respingerlo?", ha chiesto in una conversazione con i giornalisti il sottosegretario americano. "Si tratta di difendere la Carta delle Nazioni Unite e le regole del mondo che hanno permesso ai nostri figli di crescere in un ambiente internazionale relativamente civile", ha concluso.
Il discorso rappresenta un innalzamento dei toni del governo statunitense nei confronti della posizione del Brasile. Recentemente, Lula ha negato la richiesta della Germania di fornire munizioni ai carri armati della parte ucraina e la settimana scorsa ha dichiarato che "il Brasile non parteciperà" alla guerra.
Finora, gli Stati Uniti hanno trattato la posizione di Lula in pubblico come parte del gioco diplomatico in corso, ma da ora in poi si dimostreranno piú esigenti.

 


RispondiCitazione
Condividi: