Notifiche
Cancella tutti

INTERVISTA DI TUCKER CARLSON AD ALEXANDER DUGIN


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1465
Topic starter  

Il celebre giornalista americano Tucker Carlson, autore dell’intervista a Vladimir Putin del 9 febbraio 2024, diffusa in tutto il mondo e con milioni di visualizzazioni, è tornato in Russia per intervistare il più importante filosofo politico russo, Aleksandr Dugin, fondatore della Quarta Teoria Politica, intellettuale dell’euro-asia, fedele ortodosso, grande conoscitore del pensiero tradizionale europeo. L’intervista è stata pubblicata sulla pagina di Carlson nella rete sociale X. Per l’importanza dell’evento e il rilievo delle tesi esposte da Dugin a un interlocutore occidentale, offriamo ai lettori la traduzione annotata del dialogo, tratto dalla versione testuale pubblicata dal sito

www.noticiasholisticas.com.ar.

TUCKER CARLSON: Alexander Dugin è un filosofo accademico russo di 62 anni. Ha passato la sua vita a Mosca. Da giovane era un dissidente antisovietico, e ora è conosciuto in tutto il mondo, almeno nella stampa anglosassone, come “il cervello di Putin”. Ma non è una figura politica qui in Russia. È un filosofo, e le sue idee sono considerate profondamente offensive per alcune persone. Nell'agosto del 2022, la sua unica figlia è stata uccisa a Mosca da un'autobomba. L'intelligence americana dice che è stata uccisa dal governo ucraino. E l'abbiamo preso alla lettera. Ma la cosa interessante è che, ancora una volta, Alexander Dugin non è un leader militare. Non è un consigliere quotidiano vicino a Vladimir Putin. È uno scrittore che scrive di grandi idee. E per questo motivo, i suoi libri sono stati vietati dall'amministrazione Biden negli Stati Uniti. Non si possono comprare su Amazon. Proibizione dei libri negli Stati Uniti perché le idee in essi contenute sono troppo pericolose. La stampa inglese lo descrive spesso come un “estremista di destra”. Lasceremo che sia lui a valutare ma volevamo parlargli di alcune delle sue idee, idee talmente pericolose da sacrificare la sua unica figlia, e dei suoi libri proibiti negli Stati Uniti. Quindi siamo lieti che si unisca a noi ora. Signor Dugin, grazie mille.

ALEXANDER DUGIN: Grazie. Grazie a voi per avermi invitato. E benvenuto a Mosca.

TUCKER CARLSON: Grazie a lei. Stavamo parlando fuori campo. In realtà, stavamo avendo una conversazione che non avremmo filmato. Ero solo interessato a conoscerla. Ma quello che ha detto era così interessante che abbiamo preso un paio di telecamere e abbiamo organizzato questa intervista. La domanda che le ho posto è stata: cosa pensa che stia succedendo nei Paesi di lingua inglese? E io ho aggiunto: in tutti: America, Canada, Gran Bretagna, Nuova Zelanda, Australia, tutti nello stesso momento hanno deciso di girare - sembravano - su se stessi in un grande sconvolgimento. E alcuni comportamenti sembrano molto autodistruttivi. E secondo lei, come osservatore, da dove deriva tutto questo?

ALEXANDER DUGIN: Potrei esprimere la mia lettura di tutto questo. Ci vuole un po' di pazienza. Credo che tutto sia iniziato con l'individualismo. L'individualismo era un'errata comprensione della natura umana, della natura dell'uomo. Quando identifichi l'individualismo con l'uomo, con la natura umana, tagli tutti i suoi rapporti con tutto il resto. Quindi hai un'idea molto particolare del soggetto, il soggetto filosofico come individuo, e tutto è iniziato nel mondo anglosassone con la riforma protestante e prima ancora con il nominalismo, l'atteggiamento nominalista secondo cui non ci sono idee, solo cose, solo cose individuali.

L'individuo era la chiave e rimane il concetto chiave che si è posto al centro di un'ideologia liberale e il liberalismo, nella mia lettura, è una sorta di processo storico, culturale, politico e filosofico della liberazione dell'individuo da qualsiasi tipo di identificazione collettiva, collettiva o trascendente. ma il liberalismo ha vinto ancora una volta, e dopo la caduta dell'Unione Sovietica c'era solo il liberalismo, e Francis Fukuyama ha giustamente sottolineato che non ci sono altre ideologie tranne il liberalismo, e il liberalismo è stato la liberazione di questi individui da qualsiasi tipo di identificazione collettiva.

Ci sono solo due identità collettive da cui liberarsi: l'Identità di Genere, perché è un'identificazione collettiva, sei un uomo o una donna collettivamente. Non potevi stare da solo, quindi una liberazione di genere, e questo ha portato ai transgender, alle persone LGBT e ad una nuova forma di individualismo sessuale, quindi il sesso è qualcosa di opzionale, e non era solo una deviazione dal liberalismo, erano elementi necessari per l'implementazione e il vettore dell’ ideologia liberale, e l'ultimo passo che ancora non è stato fatto è la liberazione dell'identità umana, l'umanità opzionale, e ora voi in Occidente state scegliendo il sesso che volete, come volete, e l'ultimo passo in questo senso del liberalismo, dell'attuazione del liberalismo significherà proprio l'umano opzionale, che può scegliere la propria identità individuale per essere umano o non essere umano.

Tutto ciò ha un nome: transumanesimo, post-umanesimo, singolarità, intelligenza artificiale. Klaus Schwab o Kurzweil o Harati, dichiarano apertamente che è l'inevitabile futuro dell'umanità, a cui siamo finalmente giunti alla storica stazione terminale cinque secoli fa. Siamo saliti su questo treno e ora stiamo raggiungendo l'ultima stazione. Questa è la mia lettura, e con tutti gli elementi, tutte le fasi, si chiude definitivamente con il passato.

Di conseguenza, non sei più protestante, sei un materialista ateo laico, non sei più uno Stato-nazione, che serviva il movimento liberale per liberarsi dall'Impero, e ora lo Stato-nazione diventa a sua volta un ostacolo. Ti stai liberando dallo Stato nazionale e alla fine, anche la famiglia si distrugge a favore di questo individualismo, il sesso ormai quasi superato, il sesso opzionale e nella politica di genere c'è solo un passo per raggiungere gli scopi di questo processo, di liberalismo, che è l'identificazione umana abbandonata come qualcosa di prescritto. Quindi essere liberi dall'essere umani, avere la possibilità di scegliere se essere o meno umani, e questa è l'agenda politica ideologica del futuro. Quindi, ecco come vedo il mondo anglosassone di domani, e penso che sia solo l’inizio, in una parola questo processo perché è iniziato con gli anglosassoni: empirismo, nominalismo, protestantesimo e adesso con gli anglosassoni più aperti al liberalismo di qualsiasi altro europeo.

TUCKER CARLSON: Quello che stai descrivendo sta accadendo chiaramente ed è orribile. Ma non è la definizione di liberalismo che ho in mente quando lo descrivo, come diciamo negli Stati Uniti, un liberale classico. Quindi, pensa al liberalismo come alla libertà individuale e dalla schiavitù. Non è così? Quindi le opzioni così come le abbiamo concepite, mentre crescevo, erano l'individuo che può seguire la propria coscienza, dire quello che pensa, difendersi dallo Stato e dallo statalismo, il totalitarismo incarnato nel governo contro cui avete combattuto: il governo sovietico. E credo che la maggior parte degli americani la veda in questo modo. Qual è la differenza?

ALEXANDER DUGIN: Una domanda molto interessante. Credo che il problema risieda in due definizioni di liberalismo. C'è il vecchio liberalismo, il liberalismo classico. E il nuovo liberalismo. Il liberalismo classico era a favore della democrazia. Democrazia intesa come potere della maggioranza del consenso, della libertà individuale. Che deve essere in qualche modo combinata con la libertà degli altri. E ora siamo già alla fase successiva. La fase successiva: il nuovo liberalismo. Ora non si tratta di regola di maggioranza, ma di regola di minoranza. Non si tratta di libertà individuale, ma di wokismo (presunta giustizia sociale e razziale).

Si deve essere così individualisti da criticare non solo lo Stato, ma anche l'individuo, la vecchia concezione dell'individuo. Ora ne avete bisogno - siete invitati a liberarvi dall'individualità per andare più avanti in quella direzione. Ho parlato con Fukuyama, Francis Fukuyama, in televisione. E ha detto che la democrazia è stata sinonimo di governo della maggioranza. Ora si tratta di governare la minoranza contro la maggioranza, perché la maggioranza potrebbe eleggere Hitler o Putin. Quindi dobbiamo stare molto attenti alla maggioranza, che deve essere tenuta sotto controllo e le minoranze devono governare la maggioranza. Non è democrazia, è già totalitarismo. E ora non si tratta della difesa della libertà individuale, ma della prescrizione di essere svegli, moderni, progressisti. Non è un vostro diritto essere progressisti o non esserlo. È vostro dovere essere progressisti, seguire questo programma. Quindi siete liberi di essere liberali di sinistra. Non sei più così libero di essere un liberale di destra. Devi essere un liberale di sinistra. E questo è una sorta di dovere. È una prescrizione. Il liberalismo ha combattuto per tutta la sua storia contro qualsiasi tipo di prescrizione. Ma ora, a sua volta, è diventato totalitario, prescrittivo, non più libero come un tempo.

TUCKER CARLSON: E lei pensa che questo processo fosse inevitabile, che sarebbe in ogni caso accaduto?

ALEXANDER DUGIN: Credo... percepisco una sorta di logica. Una logica che non è solo un'inversione o una deviazione. Si parte da una cosa. Si vuole liberare l'individuo quando si arriva al punto in cui è possibile, si realizza. Poi bisogna andare oltre. Da questo punto in poi si inizia a liberarsi dalla vecchia concezione dell'individuo a favore di concetti più progressisti. Non ci si può fermare qui. Questa è la mia visione. Se dici: "Oh, preferisco il vecchio liberalismo", i progressisti diranno: "Non si tratta del vecchio liberalismo, si tratta di fascismo". Lei è un difensore del tradizionalismo, del conservatorismo, del fascismo. Quindi si fermi qui. O sei un liberale progressista o sei finito, o ti cancelleremo. Questo è ciò che osserviamo.

TUCKER CARLSON: Beh, è certamente quello che stiamo vivendo. E vedere il suo libro vietato da sedicenti liberali, che non è un manuale per costruire bombe o invadere l'Ucraina. È un'opera filosofica. Ti dice che non è, ovviamente, liberale in nessun senso. Mi chiedo, però, quando si arriva al punto in cui l'individuo non può più liberarsi da nulla, quando non è più nemmeno umano. Qual è il passo successivo a questo?

ALEXANDER DUGIN: Lo vediamo nei film, nei film americani, in molti modi. Credo che tutta la fantascienza, quasi tutta la fantascienza del XIX secolo, si sia realizzata negli anni Venti. Quindi non c'è niente di più realistico della fantascienza. E se prendiamo in considerazione Matrix o Terminator, abbiamo molte versioni più o meno sovrapposte del futuro, il futuro con la situazione post-umana o umana opzionale o con l'intelligenza artificiale. Hollywood ha fatto molti, molti, molti film. Credo che ritraggano correttamente la realtà del futuro prossimo. Quindi, per esempio, se consideriamo l'uomo, la natura umana come una sorta di animali razionali, ora con la nostra tecnologia si possono produrre, quindi si possono creare, animali razionali o combinarli o costruirli con l'intelligenza artificiale, una forte intelligenza artificiale, una rete di database più grande. È una specie di re del mondo, direi, che potrebbe non solo manipolare, ma creare realtà, perché le realtà sono solo immagini, solo sensazioni. Quindi penso che il futuro post-umanista non sia solo una descrizione realistica di un futuro molto possibile e probabile, ma anche una sorta di manifesto politico. È una sorta di illusione. E il fatto che nei film non c'è un futuro brillante e tradizionale. Non conosco nessun film sul futuro e sull'Occidente in cui la vita tradizionale, la prosperità, le famiglie con molti figli e tutto il resto non siano stati messi in ombra. Quindi, se si è abituati a dipingere tutto di nero nel futuro, questo futuro nero una volta che arriva e penso che sia, che sia arrivato. O Matrix o l'Intelligenza Artificiale o Terminator. La scelta è già off limits per l'umanità. E questa non è solo fantasia, credo. È una sorta di progetto politico. Ed è facile da immaginare, perché abbiamo visto i film, che seguono più o meno fedelmente questa agenda progressista, direi.

TUCKER CARLSON: Non le ho chiesto nulla sulla Russia o sulla politica russa e non ho intenzione di farlo perché credo sia molto interessante vedere il suo punto di vista su Paesi in cui non vive perché, sa, credo che ci facciamo un'idea dall'esterno. La mia ultima domanda è: come spiega questo fenomeno che ho osservato, in cui per oltre 70 anni un gruppo di persone in Occidente e negli Stati Uniti, liberali, ha difeso efficacemente il sistema sovietico e lo stalinismo, e molti hanno partecipato, personalmente allo stalinismo, hanno fatto la spia per Stalin, lo hanno sostenuto nei nostri media? E amavano Boris Eltsin perché era ubriaco. Ma nel 2000 la leadership di questo Paese è cambiata e la Russia è diventata il loro principale nemico. Così, dopo 80 anni di difesa della Russia, hanno odiato la Russia. Perché questo cambiamento?

ALEXANDER DUGIN: Penso che, prima di tutto, Putin sia un leader tradizionalista. Quindi Putin, quando è salito al potere fin dall'inizio, ha iniziato a spingere il nostro Paese, la Russia, lontano dall'influenza globalista. Quindi ha iniziato a contraddire l'agenda progressista globale. E queste persone che hanno sostenuto l'Unione Sovietica, erano progressisti e sono progressisti. Hanno capito di avere a che fare con qualcuno che non condivideva questa agenda progressista e che ha cercato con successo di ripristinare i valori tradizionali, la sovranità dello Stato, la religione, la famiglia tradizionale. Questo non era evidente fin dall'inizio, dall'esterno. Ma Putin ha insistito sempre di più su questa agenda tradizionale, direi, sulla particolarità e sulla spiritualità della civiltà russa come una sorta di regione speciale del mondo che aveva e ha ora pochissime affinità con i progressisti, con gli ideali progressisti.

Penso che abbiano visto, identificato, in Putin, proprio ciò che Putin è. È un leader politico che difende i valori tradizionali. Solo di recente, un anno fa, Putin ha fatto un decreto di difesa politica dei valori tradizionali. Questo è stato un punto di svolta, direi. Ma gli osservatori del campo progressista in Occidente, credo, lo avevano già capito fin dall'inizio del suo governo. Quindi, questo odio non è casuale, qualcosa di casuale o uno stato d'animo. Ma questo non lo è.

TUCKER CARLSON: Non è casuale. È molto serio.

ALEXANDER DUGIN: È metafisico. Se il vostro compito principale e il vostro obiettivo principale sono distruggere i valori tradizionali, la famiglia tradizionale, gli Stati tradizionali, le relazioni tradizionali, le credenze tradizionali e appare qualcuno dotato di arma nucleare - che non è l'ultimo, ma non meno importante, argomento - qualcuno con l'arma nucleare per difendere i valori tradizionali che state per demolire, penso che abbiate qualche motivo per questa russofobia e l'odio verso Putin. Quindi, non è un caso. Questa è la mia ipotesi.

TUCKER CARLSON: È chiaramente qualcosa di più profondo. Abbiamo pensato che fosse importante far conoscere le sue idee negli Stati Uniti, semplicemente perché crediamo nella diffusione aperta delle idee. In questo senso siamo liberali. Le siamo quindi grati per il tempo che ci ha dedicato, signor Dugin. Grazie, signor Dugin.

ALEXANDER DUGIN: Grazie mille.

https://twitter.com/i/status/1785066534995714067

(Il video è in lingua inglese)

Fonte: https://noticiasholisticas.com.ar/alexander-dugin-con-tucker-carlson-texto-de-la-entrevista-completa/

Traduzione a cura di mystes

 

 

Questa argomento è stata modificata 1 settimana fa 5 volte da mystes

Citazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 448
 

Dugin ha pienamente ragione: la lotta è metafisica. E l'odio dei globalisti per ogni forma di tradizionalismo, e per coloro che lo incarnano, è un odio metafisico. Che è la peggiore forma di odio, la più implacabile, la più crudele, poiché non prevede nessun'altra soluzione tranne l'annientamento degli uni o degli altri. Del resto, basta starli a sentire per capire che provano un odio viscerale non solo per i suoi nemici, ma per la famiglia in quanto tale, per i bambini, per la natura, per il mondo contadino ecc. E del resto, i più sensibili tra noi li ripagano di un odio altrettanto viscerale. Una situazione che non promette nulla di buono, in un futuro prevedibile.

Mi piacerebbe molto credere che Putin sia veramente un leader tradizionalista che possiede armi nucleari: forse lo è davvero, non ho la verità in tasca. Purtroppo, a meno di non supporre l'esistenza dietro le quinte di forze ignote, nemiche dei poteri occulti globalisti, rimane un'eventualità poco probabile, almeno nel senso in cui la presenta Dugin. Ammetto che non sappiamo nulla, quindi tutto è possibile: ma da quel poco che si sa, Putin è un'ex agente del KGB con amicizie e contatti piuttosto loschi, in ogni caso ben poco "tradizionali".

Questo post è stato modificato 1 settimana fa da BrunoWald

RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1465
Topic starter  

Sono d'accordo con te, resta il fatto che a quanto si è visto finora, sembra che Putin sia l'unico che è in condizione di rispondere all'arroganza yankee. Naturalmente il russo è a capo di una grande potenza nucleare ed una mossa sbagliata comporterebbe un rischio molto elevato ... Non è un caso che Dugin nell'intervista abbia fatto un accenno molto chiaro a questa situazione. Di certo il futuro è denso di funeste ombre! 


RispondiCitazione
Condividi: