Notifiche
Cancella tutti

Khodorkovsky: abbiamo perso la guerra


BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 493
Topic starter  

L'oligarca Michail Khodorkovsky, oppositore di Putin in esilio a Londra, ha ammesso pubblicamente la sconfitta dell'Ucraina e dei suoi mandanti:

https://x.com/khodorkovsky_en/status/1791156058641006733

"Chiedo ai nostri amici ucraini di tapparsi le orecchie, ma mi permetterò di dirlo, se mi scusate.

Avete praticamente perso la guerra in Ucraina. Noi l'abbiamo persa. 

Prima della guerra il PIL dell'Ucraina era di 160 miliardi di dollari, quello della Russia di 2.200 miliardi. Quello della Germania era di 4.100 miliardi e quello della UE di 17.000 miliardi. Putin spende 120 miliardi di dollari all'anno per la guerra, e il costo del proiettile di artiglieria più comunemente usato, quello da 152mm, è di circa 500 dollari, il ché significa che spende per la guerra circa il 5,4% del PIL.

Gli aiuti europei all'Ucraina in due anni ammontano a 88 miliardi di dollari, circa lo 0,25% del PIL della UE, con bombe che costano tra i 5.000 e gli 8.000 dollari. Ciò significa che, se includiamo il contributo americano, Putin sta superando l'occidente in termini di produzione almeno di 2,5:1. Quest'anno, senza il sostegno degli Stati Uniti, il rapporto balza a 4:1.

Non sorprende che, all'inizio della guerra, la popolazione della Russia fosse di 142 milioni contro i 40 milioni dell'Ucraina, con un rapporto di circa 3,5:1, mentre ora, dopo due anni, il rapporto sia di 7:1. Eppure chiediamo che l'Ucraina continui a combattere - ma con cosa?

Con una simile proporzione di aprovvigionamenti e di forze, Kharkiv cadrà entro l'anno e Odessa l'anno prossimo. Tale proporzione sarà di 10 o 12 a uno verso la fine del 2025. Entro il 2026, l'Ucraina sarà in grado di mantenere solo una resistenza partigiana su piccola scala, e Lvov si potrà difendere solo se truppe della NATO, rappresentate dalla Polonia, saranno schierate in sua difesa. E questo nella migliore delle ipotesi, se le forze armate ucraine continueranno eroicamente a resistere malgrado la situazione sia disperata. In caso contrario, tutto avverrà molto più rapidamente. Non sarà necessario attaccare le grandi città: senza rifornimenti, esse non rappresenteranno una minaccia. 

Okay, perché non dovremmo tradire l'Ucraina? Forse Putin se la prenderà e si calmerà? Forse potremmo negoziare con lui per alcune regioni o addirittura per Kyiv? Può darsi. Ma allora dovremmo dire onestamente agli ucraini: "vi abbiamo traditi, cessate l'inutile resistenza. Ma allora, dopo due anni, un esercito unito russo-ucraino si troverà ai confini della Polonia. Perchè? Perchè la gente sarà piena di rancore, avrà bisogno di qualcosa da mangiare, e l'esercito paga. Lo abbiamo visto nel Donbass. Vedremo tutto questo.

Putin visita Xi, e Xi ha dichiarato che non ci saranno ambiti esclusi dalla cooperazione. Se le democrazie non vogliono unirsi e mostrare un deciso rifiuto, le dittature non avranno più timore. E vi prego di notare: Putin non ha bisogno di territorio; Putin ha bisogno della guerra per motivi interni, e un Occidente debole è un obiettivo perfetto a a tale fine. Tuttavia, se l'Occidente vuole attirare astutamente le autocrazie tutte insieme in una guerra mondiale, questo obiettivo è sul punto di realizzarsi. Oppure possiamo arrenderci: forse la libertà non vale nulla. Questo è il mio punto di vista sulla politica tedesca, espresso direttamente e con franchezza.

Grazie."

*****************

Vi prego di leggere con attenzione la parte evidenziata in grassetto: se sostituite Putin e Xi con Hitler e Mussolini, o Hirohito, potrebbe benissimo essere un discorso pronunciato nel 1939 o 1940 da qualche galoppino di Churchill o di Roosevelt. Esattamente la stessa retorica, quasi con le stesse identiche parole: le "democrazie" - ovvero l'impero della City e delle massonerie anglosassoni - sono troppo deboli, non sufficientemente determinate a trascinare il mondo in una guerra catastrofica per fermare i "dittatori" che, oggi come ieri, vorrebbero "conquistare il mondo", e "toglierci la libertà".

Oggi come ieri, le stesse menzogne, la stessa propaganda al servizio di una guerra in cui i popoli dovranno morire per salvaguardare gli interessi di un pugno di "eletti" che li disprezzano. Resta da vedere se la faranno franca anche stavolta.

Questa argomento è stata modificata 1 mese fa da BrunoWald

danone, oldhunter, 3CENT0 e 2 persone hanno apprezzato
Citazione
IlContadino
Eminent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 27
 

Ma certo che la faranno franca, perché mai non dovrebbero farla franca?! La fanno franca e poi si fanno pure la Franca.
Non ci si vuole affrancare da questa retorica, noi non ci affranchiamo e loro la fanno franca.
La menzogna è a monte, molto a monte. Chi ci arriva lassù in cima al monte?! È uno sbatti che non ti dico!
Notare le analogie tra oggi e ieri è già qualcosa di meritevole, sono passi fatti in salita, su per il monte. Continuiamo a salire, piano piano, più sali più ti affranchi, è un trovare se stessi, quando ti trovi loro che la fanno franca non ci sono più, spariti, questa, quanto meno, è la speranza;-)


danone e oldhunter hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 493
Topic starter  

Dici bene. Notare le analogie è già qualcosa, un piccolo passo per l'umanità, ma enorme per l'uomo che riesce a compierlo (capovolgendo la celebre frase di Armstrong, nell'apprestarsi alla sua passeggiata sul finto suolo lunare). Mi riferisco al fatto che sono davvero pochi quelli che vedono la menzogna, o anche solo la intuiscono, al confronto della moltitudine di coloro che continuano piacevolmente a lasciarsi turlupinare. Ma se il quadro generale è sconsolante, il singolo che qualcosa ha capito, per quanto poco, ha perlomeno la soddisfazione di sapere che questa sua incarnazione non è stata tempo completamente sprecato.

Poi, sai, ognuno ha la sua velocità; immagino che un rocciatore come te questo lo sappia bene. Per esempio, sono riuscito a dribblare varie trappole tesemi dagli altri, ma in quelle che mi tendo io da solo ci casco quasi sempre. La più tipica è l'odio: li osservo, li ascolto, studio le loro imprese, e li odio. So che è stupido, che mi faccio del male da solo, per cui cerco di dedicarmi a cose e persone che invece mi fanno sentire bene, e di solito ci riesco pure. Ma non è facile, il sentiero è in salita, come hai detto, e anche bello ripido: per dire, ascoltare il canto degli uccelli mi fa sentire da dio, la controinformazione invece mi fa girare le palle, o me le fa cadere. Eppure, si insiste...

Buona domenica.


danone, Darkman, IlContadino e 2 persone hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3234
 

Cito Khodorkovsky, noto jewish ucraino a dirette dipendenze della cupola internazionale sionista, che non si è fatta scrupolo prima di eccitare il nazionalismo più esacerbato per poi servirsene per mandare gli uomini di 'seconda scelta', centinaia di migliaia di goy ucraini, al massacro: 

''..Perchè la gente sarà piena di rancore, avrà bisogno di qualcosa da mangiare, e l'esercito paga..''

Noto il solito materialismo 'volgare' la cui origine è sempre la stessa. Come usare e abusare degli esseri umani motivandoli attraverso il ricatto di presunti insaziabili appetiti una volta stimolati apposta, rendendo loro difficile se non impossibile una vita 'normale'. Una psicologia spicciola che riducendo tutto alla più nuda materialità e servendosene, rende schiavi gli uomini perchè all' origine li considera già così: mera materia 'semivocalis' utile al Piano.

Il talmud in azione. L' operazione speciale sta cambiando il mondo e questi rimangono alla mentalità di secoli, anzi millenni addietro, mentalità a due componenti 'noi' e gli 'altri'. Putin non ha affatto 'bisogno' della guerra. Se ne serve egregiamente, questo sì, anche se con 'bavures' notevoli. E gli attori in gioco sono molteplici, cosa che la piramide non riesce neppure a rappresentarselo.

Alla piramide serve il pensiero 'magico' non quello razionale e serve l'azione priva di un sostrato morale, senza scrupoli se non quelli lontanissimi stile 'protocolli'.

Non finirà bene per costoro.


3CENT0 e oldhunter hanno apprezzato
RispondiCitazione
IlContadino
Eminent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 27
 

@ BrunoWald
Anche a me piace tanto ascoltare il canto degli uccelli, non lo dico mai, che poi mi prendono per un fricchettone, piacevole leggere che non sono il solo.
Al mattino sveglio i ragazzi, apro la finestra, giochiamo a cercare di capire quanti uccellini stanno cantando, sai, c'è silenzio, solo uccellini. Impossibile capire quanti diversi canti ascolti, ma è un bellissimo modo di cominciare la giornata. Molto più veri gli uccellini di molte minchiate che trovi nella controinformazione. Quando navighi nella controinformazione cerchi di capire quante minchiate ci sono, anche qui, impossibile capirlo, però, ogni tanto, trovi persone vere, un bel modo di affrontare la giornata.


danone e BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: