Notifiche
Cancella tutti

La Camera statunitense dichiara che “l’anti-sionismo è antisemitismo”


GioCo
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2212
Topic starter  

 

La Camera statunitense dichiara che “l’anti-sionismo è antisemitismo” in una risoluzione fortemente contestata

Pochi giorni fa abbiamo toccato uno dei punti più bassi della morale atlantista. Moloch si è praticamente suicidato (simbolicamente). Ma per il Mondo (e per l'America e i suoi valori) è un triste giorno, non solo e non tanto perché ora è reato penale l'impensabile, in un paese che si picca di eseguire arbitrariamente le extraordinary rendition, cioè sequestri legalizzati (unilateralmente) di persone cittadine non statunitensi, ma anche perché questo accade in un momento storico difficile ed estremamente simile a quello che precedette la seconda guerra.

Un momento storico che avrebbe bisogno dell'esatto contrario di ciò che sta avvenendo...

Anche in quel periodo il sionismo ne aveva combinate così tante da attrarre su di se l'attenzione globale in senso critico. Anche in quel periodo la coscienza collettiva pareva risvegliarsi e vedere i catto~aschenazi per ciò che erano, denudati come il Re della fiaba. Poi questi per deviare l'attenzione hanno fatto quello che hanno fatto e da quella vicenda che tanta sofferenza ha portato nel Mondo è derivata l'industria del martirio, oggi in crisi.

Certamente dovremmo aspettarci una recrudescenza della violenza e in specie in area medio-orientale perché a costoro occorre una nuova guerra globale per distrarci dai pasticci che hanno combinato. Ma gli assetti e gli equilibri geopolitici attuali non sono quelli del '39 e non sono affatto a "favore" sionista (che pure conta un influenza generale superiore) come invece quel periodo. Ricordiamo (QUI) come le banche americane sotto controllo del tavolo, finanziarono il Reich e di come i cattolici ne facevano parte, come hanno reso evidente operazioni post-belliche tipo Odessa. Oggi Schwab dichiara con orgoglio che anche Putin è un suo prodotto, ma lo scontro ideologico non è tra comunisti e atlantisti, quanto tra interessi (economici e geopolitici) multipolari Vs unilaterali (di Schwab). Anche Gheddafi era un "prodotto" di questi signori. Non mi pare però abbia seguito sempre i loro desiderata.

Il Mondo non ne può più di queste presenze troppo avide e fuori controllo. Se anche dovessero uscirne con le modalità che è loro consuetudine usare, la possibilità che ne escano a pezzi stavolta è molto più concreta. Da qui le titubanze a lanciarsi in questa terza guerra "classica" a babbo morto. Tuttavia date le premesse deliranti di questo "Svarione dei Monelli" che è la fantapolitica catto~aschenazi attuale, direi anche la possiamo sdoganare come inevitabile... Se mai ci fossero rimasti dubbi in proposito.


Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3195
 

Inevitabile lo è: come ho già scritto, i talmudisti vogliono 'consegnare' al loro 'dio' una Terra priva di oppositori ai loro disegni, di modo che tale 'entità' si possa assidere come 'gran dio' sia della Terra che del Creato, spodestando evidentemente En Sof ed ogni altra possibile religione: il 'loro' 'dio' e solo loro, il popolo 'eletto' e solo loro, il loro 'messiach' e solo il loro.

Questo piano, di lunga data, si serve di versioni raffazzonate ed unilaterali di bibbia e vangeli, di presunti divini corani come di ridicole 'alte' leggi umane, si nutre del dolore disumano degli spodestati di tutto come della stupidità coatta dei consumatori alla 'barbie world', delle lacrime dei familiari dei soldati mandati a crepare per nulla come delle oscene e felici malversazioni del danaro pubblico degli oligarchi.

Di tutto e di più, nei media come nei talk show delle squinzie con le cosce all'aria, sfidando principi della logica come dell'economia e della verità, della decenza e del riserbo sulle vicende intime: e sempre a danno di chi si oppone, come può, seguendo l' imperativo categorico della ragione e della morale umana, patrimonio oggi di pochissimi ma bandiera elevata anche per chi non lo può fare.

Siamo vicini all' ultimo atto. Altro è inutile dire, tranne forse che l' imbuto delle 'crisi' cui assistiamo è pronto a riversare su tutti noi infiiniti dolori e lutti e tragedie, per ora esorcizzate a danno altrui. 

Sono pensieri che non avrei mai voluto avere. Per rispetto a Gaza come all' Ucraina e alla Siria ed altrove lo devo.


BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: