Notifiche
Cancella tutti

La FED sa che sta arrivando la recessione ma accetta di rischiare aumentando la bolla


Tibidabo
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1331
Topic starter  

Da Bloomberg

"If weak inflation remains persistent through the second half of this year, the Fed would then be forced to rethink their 2018 plans. I anticipate that Yellen will retain this option in her press conference. But it is premature to think the Fed will make a dovish shift just yet. Remember that they still live under the specter of the last two cycles. In those instances they learned the lesson that low rates eventually lead to financial instabilities and/or greater inflationary pressures. Rather than risk a delayed and ultimately recession-inducing response, the Fed hopes to stay ahead of building pressures in the economy. That means looking for a third rate hike later this year plus action to reduce the balance sheet. They won't abandon that strategy this week."

https://www.bloomberg.com/view/articles/2017-06-13/fed-should-hold-fast-in-face-of-looser-financial-conditions

Tradotto: i risultati dell'economia sono deludenti ma non ancora negativi. Le prospettive sono di un peggioramento.
In queste condizioni la FED non dovrebbe alzare i tassi.
Però sa, dai cicli precedenti, che i tassi bassi portano a una instabilità finanziaria sempre più accentuata.
Quindi alzano i tassi secondo il programma al fine di costruirsi un margine per poterli abbassare quando arriverà l'inevitabile recessione.

Non sanno più cosa fare.

Intanto la bolla continua a gonfiarsi, l'economia non cresce a sufficienza rendendo sempre meno giustificato il valore delle azioni e il redde rationem si avvicina.


Citazione
Condividi: