Notifiche
Cancella tutti

LA VISITA DI LULA A BIDEN NEGLI STATI UNITI


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1473
Topic starter  

 

Nel mio post di ieri sulla visita di Lula a Biden mi sono limitato alla notizia in se (con pochi commenti), ma la notizia deve essere sviluppata poiché quest´incontro rappresenta una svolta nella storia della sinistra radicale (socialista e comunista) latino-americana e conferma, al di la di ogni ragionevole dubbio, come io ho già dimostrato nel mio Dossier Brasile pubblicato su CdC ( https://comedonchisciotte.org/dossier-brasile-noi-prenderemo-il-potere/ )che la frode elettorale per cacciare Bolsonaro dalla presidenza del Brasile e fare eleggere Lula sia stata un´operazione voluta e con ogni probabilità promossa negli Stati Uniti.

Per chi non l´avesse ancora capito o  nutre qualche dubbio, voglio ribadire che gli unici oppositori all´attuale allineamento planetario sinistra radicale e no – finanza e politica nordamericana ed europea è la destra, l´unica forza politica in condizione di difendere la libertà e la democrazia nel mondo, seriamente minacciati da questi agenti del totalitarismo mondialista.

Il primo vero motivo del viaggio: Lula ha chiesto la creazione di un movimento per costringere gli altri Paesi, il Congresso e gli uomini d'affari a rispettare le decisioni globali sul clima. Al termine dell'incontro, Lula ha chiesto agli Stati Uniti di contribuire sostanzialmente al Fondo per l'Amazzonia.

Che cosa sia il Fondo per l´Amazzonia ce lo dice l´Agenzia ANSA di oggi: “Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, potrebbe annunciare oggi un contributo economico al Fondo Amazzonia per progetti di sviluppo sostenibile, durante l'incontro che svolgerà a Washington con il suo omologo brasiliano, Luiz Ignazio Lula da Silva.

Biden deve comunicare a Lula la sua decisione di stanziare una prima rata per il Fondo volta a promuovere progetti che non incidono sulla foresta e programmi contro la deforestazione.

Il rappresentante per il Clima statunitense, John Kerry, aveva parlato di questa possibilità durante gli incontri avuti con il ministro dell'Ambiente brasiliano, Marina Silva, e con rappresentanti delle principali ong ambientaliste.”

Nelle orecchie di Lula, noto nel mondo intero per i reati di corruzione e di furto reati per i quali era stato condannato dalla Suprema Corte del Brasile, queste parole sono suonate come una sinfonia di Beethoven.

Per quanto riguarda la conservazione dell'ambiente, Lula ha accusato il governo del suo predecessore di aver incoraggiato l'estrazione mineraria illegale e la deforestazione in Amazzonia. "Negli ultimi anni, l'Amazzonia è stata invasa dall'irrazionalità politica e umana, perché abbiamo avuto un presidente che ha ordinato la deforestazione, che ha ordinato l'ingresso delle miniere nelle terre indigene e che ha ordinato l'estrazione nelle foreste che abbiamo delimitato in Amazzonia", ha aggiunto il presidente brasiliano.

Lula ha chiesto il sostegno di Biden per una discussione che costringa i Paesi a rispettare le decisioni globali sul clima. "È necessario stabilire una nuova conversazione per costruire una governance globale più forte. Perché la questione del clima, se non abbiamo una forte governance globale (aprite bene le orecchie: GOVERNANCE GLOBALE) che prende decisioni che tutti i Paesi sono obbligati a seguire, se non l'abbiamo, non funzionerà", ha detto Lula. (Nota: in neretto le parole e le frasi tipiche di un uomo politico con idee totalitarie)

"Non so quale forum. Non so se sia l'ONU, non so se sia il G20, non so se sia il G8, ma dobbiamo fare qualcosa per obbligare i Paesi, il nostro Congresso, i nostri imprenditori, a rispettare le decisioni che prendiamo a livello globale", ha aggiunto il globalista di sinistra Lula.

Per chi non si ricordasse Il Fondo per l'Amazzonia è stato creato nel 2009 con una donazione iniziale della Norvegia per contribuire a combattere la deforestazione e stimolare lo sviluppo sostenibile in Brasile. Il fondo, tuttavia, è stato congelato da Bolsonaro nel 2019 dopo che i Paesi donatori hanno respinto le modifiche al modello di gestione delle risorse (Bolsonaro in poche parole voleva evitare che con la scusa dell´Ambiente si attentasse alla sovranità brasiliana in Amazzonia).

Il fondo è stato istituito dal governo Lula e, finora, anche altri Paesi come Norvegia, Francia e Germania hanno dato segnali di contributo. Il governo di Lula stima di poter raccogliere circa 30 miliardi di dollari da governi stranieri e fondi privati (bel colpo, si il colpo dei soliti noti, sig. Lula eh, eh, ehIIII).

Per l'analista Nelson Ricardo Fernandes Silva, della società di consulenza ARP Risk, l'espansione dei contributi finanziari al Fondo per l'Amazzonia da parte di Paesi stranieri può comportare rischi per la sovranità del Brasile sulla foresta amazzonica (meno male finora lo diceva solo Bolsonaro). Secondo l'autore, ciò potrebbe essere dovuto alla mancanza di una politica statale del governo brasiliano in materia di ambiente e conservazione.

Il secondo vero motivo del viaggio: l´arresto di Bolsonaro:

La vera spina nel fianco di Lula ha un nome: Bolsonaro. Lula sa che la fragile destra democratica brasiliana che si era strutturata intorno all´ex presidente è debole ed é stordita dalla sconfitta elettorale. Ma potrebbe riorganizzarsi in qualsiasi momento. Ecco perché Lula sogna di vedere dietro le sbarre Bolsonaro e mettere a tacere per sempre l’unica voce anticomunista in Brasile.

Riferendosi a Bolsonaro e mentendo sfacciatamente Lula ha dichiarato di fronte alla stampa americana: "Il Brasile ha passato quattro anni a emarginarsi. Avevamo un presidente che non amava avere rapporti con nessun Paese. Il suo mondo inizia e finisce con le fake news. Mi sembra che disprezzi le relazioni internazionali", ha detto Lula mentendo spudoratamente, perché le migliori relazioni col BRICS (Russia in testa) le ha stabilite proprio Bolsonaro.

Per quanto riguarda la conservazione dell'ambiente, Lula ha accusato il governo del suo predecessore di aver incoraggiato l'estrazione mineraria e la deforestazione in Amazzonia. "Negli ultimi anni, l'Amazzonia è stata invasa dall'irrazionalità politica e umana, perché abbiamo avuto un presidente che ha ordinato la deforestazione, che ha ordinato l'ingresso delle miniere nelle terre indigene e che ha ordinato l'estrazione nelle foreste che abbiamo delimitato in Amazzonia", ha aggiunto il presidente brasiliano.

Subito dopo Lula e Biden allineano i discorsi in difesa della democrazia

Sempre durante il suo discorso, Lula ha ringraziato Biden per il suo sostegno dopo il risultato delle elezioni brasiliane del 2022. (Lo ha ringraziato perché la frode elettorale contro Bolsonaro progettata negli USA e attivata in Brasile dalla Suprema Corte ha dato il risultato sperato). Il Presidente degli Stati Uniti ha affermato che la democrazia in entrambi i Paesi è stata messa alla prova negli ultimi anni.

"La democrazia è stata messa alla prova nei nostri due Paesi. I nostri programmi comuni sembrano molto simili. Affermare l'incrollabile sostegno dell'America alla democrazia", ha detto Biden.

L'americano ha ricordato che i due Paesi sono le due maggiori democrazie dell'emisfero occidentale.

"Siamo le due maggiori democrazie dell'emisfero. Il Brasile e gli Stati Uniti rifiutano insieme la violenza politica e difendono i valori delle nostre istituzioni democratiche", ha dichiarato Biden.

Parlando a tono, Lula ha affermato che i due Paesi devono lavorare insieme per evitare che si ripetano episodi come il vandalismo a Brasilia (come quelli perpetrati da bande di dubbia coloritura politica nello scorso gennaio subito dopo le elezioni).

Infine, nel corso di un’intervista, Lula ha paragonato Bolsonaro a Trump.

Nell'intervista di circa mezz'ora alla giornalista britannico-iraniana Christiane Amanpour, della CNN Lula ha affermato che Bolsonaro è una "copia fedele dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump" e non ha "alcuna possibilità" di tornare alla presidenza della Repubblica. "Il Brasile ritroverà lentamente se stesso e la democrazia prevarrà", ha dichiarato.

Nella stessa intervista, Lula ha detto riferendosi a Bolsonaro. "Un giorno dovrà tornare in Brasile e affrontare i processi a cui risponde...", ha dichiarato Lula, ben sapendo che la Suprema Corte odia Bolsonaro e non vede l´ora di mandarlo in prigione. Sempre durante la sua agenda negli Stati Uniti, Lula ha ricevuto il senatore Bernie Sanders alla Blair House. All'uscita dalla sede, il deputato democratico ha dichiarato ai giornalisti che è necessario che "le economie dell'America Latina e degli Stati Uniti funzionino per i lavoratori, non solo per i miliardari".

"Un'altra cosa molto importante è il clima; il futuro dell'Amazzonia determinerà se saremo in grado di salvare il pianeta o meno. Gli Stati Uniti devono fare tutto il possibile per fermare la deforestazione e proteggere l'Amazzonia", ha dichiarato il senatore.

Lula ha incontrato anche i membri dell'ala più radicale del Partito Democratico, come Alexandra Ocasio- Cortez, Pramila Jayapal, Sheila Jackson Lee, Brad Sherman e Ro Khanna. I parlamentari ricevuti da Lula sono critici nei confronti di Jair Bolsonaro e hanno persino invocato l'estradizione dell'ex presidente dopo gli atti di vandalismo dell'8 gennaio a Brasilia.

"Il grande problema è che il Brasile non ha una politica chiara sull'Amazzonia. Quando non si ha un obiettivo chiaro, si finisce per seguire gli obiettivi di qualcun altro. Poiché il Brasile non ha una chiara definizione di politica statale, cammina nel vento dell'opinione pubblica internazionale. Il che non è l'opzione migliore", ha sostenuto Fernandes Silva.

Lula e Biden allineano i discorsi in difesa della democrazia

Sempre durante il suo discorso, Lula ha ringraziato Biden per il suo sostegno dopo il risultato delle elezioni brasiliane del 2022. Il Presidente degli Stati Uniti ha affermato che la democrazia in entrambi i Paesi è stata messa alla prova negli ultimi anni.

"La democrazia è stata messa alla prova nei nostri due Paesi. I nostri programmi comuni sembrano molto simili. Affermare l'incrollabile sostegno dell'America alla democrazia", ha detto Biden.

L'americano ha ricordato che i due Paesi sono le due maggiori democrazie dell'emisfero occidentale.

"Siamo le due maggiori democrazie dell'emisfero. Il Brasile e gli Stati Uniti rifiutano insieme la violenza politica e difendono i valori delle nostre istituzioni democratiche", ha dichiarato Biden.

Allo stesso modo, Lula ha affermato che i due Paesi devono lavorare insieme per evitare che si ripetano episodi come il vandalismo a Brasilia e l'invasione del Campidoglio. Abbiamo alcuni problemi da risolvere insieme. La prima cosa da fare è non permettere che ci sia un nuovo capitolo in Campidoglio e che non si ripeta mai quello che è successo in Brasile.

Lula ha paragonato Bolsonaro a Trump in un'intervista agli Stati Uniti

In mattinata, Lula ha rilasciato un'intervista di circa mezz'ora alla giornalista britannico-iraniana Christiane Amanpour, della CNN. Tra gli altri punti, Lula ha detto che Bolsonaro è una "copia fedele dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump" e non ha "alcuna possibilità" di tornare alla presidenza della Repubblica. "Il Brasile ritroverà lentamente se stesso e la democrazia prevarrà", ha dichiarato.

Nella stessa intervista, Lula ha negato di voler chiedere l'estradizione di Bolsonaro nella sua conversazione con Biden. "Un giorno dovrà tornare in Brasile e affrontare i processi a cui risponde. Non parlerò con Biden dell'estradizione di Bolsonaro, che dipende dai tribunali, e voglio che sia considerato innocente fino a prova contraria, cosa che non è successa a me. Ne parlerò con Biden solo se lui parlerà", ha dichiarato il Petista. Sempre durante la sua agenda negli Stati Uniti, Lula ha ricevuto il senatore Bernie Sanders alla Blair House. All'uscita dalla sede, il deputato democratico ha dichiarato ai giornalisti che è necessario che "le economie dell'America Latina e degli Stati Uniti funzionino per i lavoratori, non solo per i miliardari dell'1% [più ricco]".

"Un'altra cosa molto importante è il clima; il futuro dell'Amazzonia determinerà se saremo in grado di salvare il pianeta o meno. Gli Stati Uniti devono fare tutto il possibile per fermare la deforestazione e proteggere l'Amazzonia", ha dichiarato il senatore.

Lula ha incontrato anche i membri dell'ala più radicale del Partito Democratico, come Alexandra Ocasio- Cortez, Pramila Jayapal, Sheila Jackson Lee, Brad Sherman e Ro Khanna. I parlamentari ricevuti da Lula sono critici nei confronti di Jair Bolsonaro e hanno persino invocato l'estradizione dell'ex presidente dopo gli atti di vandalismo dell'8 gennaio a Brasilia.

Questa argomento è stata modificata 1 anno fa 2 volte da mystes

Citazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1473
Topic starter  

Ultima sul visita di Lula a Biden

Amazzonia in vendita

Il governo degli Stati Uniti ha offerto a Lula nel corso della sua visita, 50 milioni di dollari per la cooperazione ambientale con il Brasile, una cifra che i negoziatori brasiliani hanno definito insufficiente.

Data tutta l'enfasi sull'importanza della questione ambientale e l'annuncio che gli Stati Uniti entreranno a far parte del Fondo Amazzonia, il governo brasiliano ha pensato che gli americani avrebbero offerto una cifra più significativa. Il valore non sarebbe solo per il Fondo Amazzonia, ma anche per altri tipi di partnership.

La cifra è inferiore a quella offerta dalla Germania durante la visita del primo ministro Olaf Scholz, di 200 milioni di euro, e ben al di sotto dei 2 miliardi di euro che la Norvegia ha giá pagato.

 


RispondiCitazione
Condividi: