Notifiche
Cancella tutti

L'inferno dei lavoratori

Pagina 1 / 2

ancona_pietro
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 564
Topic starter  

Sud est asiatico

paradiso terrestre del capitalismo e dei predatori di lavori umano. Inferno per i lavoratori e la popolazione.

Bangladesh e Cambogia crescono al 7 per cento annuo. Ma i lavoratori dell'industria tessile che traina lo "sviluppo" guadagnano in media meno di 2 dollari al giorno. Una studiosa del Bangladesh insegnante alla università di Torino denunzia l'uccisione di molti ragazzi del bangladesh ad opera di organizzazioni criminali che garantiscono "l'ordine" agli industrialotti locali o stranieri.

Il modello istituzionale gandhiano scaturito dalla rivoluzione indiana della creazione di una grande democrazia senza riforme sociali influisce sull'India e su tutta la regione limitrofa riproducendo le condizioni di arricchimento della Inghilterra all'alba della rivoluzione industriale. Ricordate la parola d'ordine " arricchitevi"! Anche a Londra ragazzi che avevano il compito di fare dai garzoni nelle imprese se disertavano il lavoro venivano impiccati.

Come ha insegnato GB V Vico la storia si ripete nelle diverse circostanze del pianeta senza comunque essere mai la stessa-.

Segnalo la uccisione dei sindacalisti cambogiani e del bangladesch.- Anche questa è storia ripetuta. I sindacalisti venivano uccisi dalla Pinkerton e dagli sceriffi negli Usa dopo la guerra civile.

Solo un grande movimento comunista può dare dignità agli esseri umani di questa regione. Ilmovimento sindacale non basta perchè i politici che fanno le leggi e governano il paese sono tutti dalla parte degli squali predatori umani.


Citazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 544
 

senza offesa. Hanno messo in ginocchio il NOSTRO mondo,le NOSTRE industrie e spedito parecchia gente a casa.
Posso non preoccuparmi? Posso cambiare canale?


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 679
 

Si Acona,
condivido. Spasso Gandhi è troppo sopravvalutato.


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 679
 

senza offesa. Hanno messo in ginocchio il NOSTRO mondo,le NOSTRE industrie e spedito parecchia gente a casa.
Posso non preoccuparmi? Posso cambiare canale?

Bravo non hai capito NIENTE.
Non affermo che serve il comunismo, che è un'utopia irrealizzabile, ma dare la colpa ai sindacati della crisi è una CAGATA spaziale.

Ti dicono nulla la parole GLOBALIZZAZIONEe DECOLALIZZAZIONE.

In questo contesto i sndacati anzi hanno perso ogni loro potere e tu dai la colpa ai sindacati?

STUDIA!


RispondiCitazione
1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 633
 

I sindacati sono solo uno specchietto per le allodole. Un'emanazione dei poteri forti, per controllare le masse di lavoratoti sfruttati e sottopagati. Che altrimenti si incazzerebbero e farebbero saltare tutto il sistemino capitalistico, evidentemente fallimentare. Con la globalizzazione e il NWO, il sindacato ha perso anche il senso di esistere, ove masse di schiavi immigrati a un euro all'ora, hanno sostituito la classe operaia, ma anche contadina, di una volta.
Solo uno stato realmente comunista può servire i lavoratori, garantendogli una giustizia sociale e un sostegno adeguato a cui tutti i cittadini avrebbero diritto.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 544
 

senza offesa. Hanno messo in ginocchio il NOSTRO mondo,le NOSTRE industrie e spedito parecchia gente a casa.
Posso non preoccuparmi? Posso cambiare canale?

Bravo non hai capito NIENTE.
Non affermo che serve il comunismo, che è un'utopia irrealizzabile, ma dare la colpa ai sindacati della crisi è una CAGATA spaziale.

Ti dicono nulla la parole GLOBALIZZAZIONEe DECOLALIZZAZIONE.

In questo contesto i sndacati anzi hanno perso ogni loro potere e tu dai la colpa ai sindacati?

STUDIA!

TU non hai capito niente. A me non frega un fico secco secco dei sindacati,lavoro in una fabbrichetta con 5 persone. E non ho affatto detto che è colpa dei sindacati.
Io me la prendo direttamente con i paesi sopra citati,lavorano per la madonna? Si tengano le loro condizioni.

Quando vado a comprare un prodotto io guardo dove è fatto,e se non lo trovo fatto da gente che ha almeno il mio colore non lo compro. esercitando un mio diritto

Ti dice niente il termine fai da te?


RispondiCitazione
annibale51
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 845
 

La colpa dei sindacalisti è stata di mettere i lavoratori contro i padroni, geniale per disfare il tutto. Guadagni poco? Colpa del padrone che non ti paga, mica colpa dello Stato che costa loro più del 50 % di quello che prendono in busta paga. La ciliegina sulla torta: il padrone che opera come sostituto d' imposta...cornuto e mazziato mi verrebbe da dire. Nessun sindacalista e tanto meno il PC in questi ultimi 70 anni ha mai detto che tutta la busta paga deve finire nelle tasche dell' operaio, (in media 3.000 euro/mese) tutta al 100%, poi la PERSONA decide se pagare le tasse o meno. E qui arriva il bello: l' operaio non deve crescere e guardare all' efficienza dello Stato, del sindacato o del pc, deve rimanere un bambino immaturo e litigare con il padrone se prende poco mentre il sindacato, la "classe dirigente" pensa a lui?!....povero Marx, povero Lenin. Trosky poi lo scriveva 90 anni fa come sarebbe andata a finire...


RispondiCitazione
sotis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 715
 

I sindacati sono scomparsi dai radar all'inizio degli anni ottanta quando la CGIL ha sposato il concetto di Democrazia Centralizzata perdendo un sacco di adesioni. Qualcuno se ne ricorda?


RispondiCitazione
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 4902
 

...Quando vado a comprare un prodotto io guardo dove è fatto,e se non lo trovo fatto da gente che ha almeno il mio colore non lo compro. esercitando un mio diritto...

Mi incuriosisci, e cosa trovi?

Ricordo che questa "globalizzazione" é stata preceduta ed introdotta dall'importazione in grande stile, di mercanzie concepite da noi, ad assecondare i nostri gusti, prodotte in Paesi sottosviluppati, ad opera di gruppi nostrani, fin dagli anni '70 (chiamiamolo fenomeno Benetton).

Con conseguente accumulo di colossali capitali.

E l'invasione, sempre in quegli anni, di prodotti "giapponesi", fabbricati nei Paesi sottosviluppati dell'Estremo Oriente per conto di gruppi finanziari basati nel Paese del Sol Levante.

Ancora prima, alcune illuminate signore dell'alta borghesia milanese facevano avanti e indietro con l'Oriente, per rifornire La Rinascente, mecca del consumismo di quegli anni, di curiose novità, sul prezzo delle quali incidevano solo le spese di viaggio delle su citate missionarie snob, o quasi.

In questa pratica, il Nostro Paese é stato l'avanguardia.

Poi, una volta aperta la strada...


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

senza offesa. Hanno messo in ginocchio il NOSTRO mondo,le NOSTRE industrie e spedito parecchia gente a casa.
Posso non preoccuparmi? Posso cambiare canale?

Bravo non hai capito NIENTE.
Non affermo che serve il comunismo, che è un'utopia irrealizzabile, ma dare la colpa ai sindacati della crisi è una CAGATA spaziale.

Ti dicono nulla la parole GLOBALIZZAZIONEe DECOLALIZZAZIONE.

In questo contesto i sndacati anzi hanno perso ogni loro potere e tu dai la colpa ai sindacati?

STUDIA!

quando decenni fa le nostre industrie andavano all'estero i sindacati pensavano come al solito alle vacche viola e a dire cose tipo (sentite con le mie stesse orecchie) "la globalizzazione esporterà i diritti, con l'eu unita faremo la lotta di classe internazionale ecc ecc"

i sindacati hanno non grandi bensì ENORMI responsabilità in tutto questo...

oggi ad esempio non osano aprir bocca sulle centinaia di migliaia di persone nonché potenziali disoccupati che approdano sulle nostre coste...

più complici di così non si può


RispondiCitazione
Capra
Trusted Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 71
 

Che tavolata 😆 se non son brutti e viscidi non li vogliamo!
I sindacati sono ridotti a rompere i coglioni ai piccoli imprenditori spesso portando avanti cause di lavoratori disonesti. Contro gli sfruttatori non perdono tempo, li non c'è niente da mangiare.
Per non parlare delle grandi industrie di cui sono complici, chissà perché non sono mai i lavoratori ad uscirne vittoriosi dopo le grandi trattative.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2738
 

Prova ne è che NON hanno fatto un'ora di scioero per la questione delle pensioni MA sono corsi ad inginocchiarsi davanti a Monti ed alla Fornero. In base a quale comunanza di interessi e di idee ? COSA hanno promesso loro oppure di quali conseguenze li hanno minacciati ?
E poi basta con sto' 'comunismo': basta vedere oggi in quale abisso di pochezza mentale e spirituale sono i popoli delll'Est dopo settant'anni di 'comunismo': sono piu' capitalisti di noi. Ed è tutto dire. A parte che i 'diritti dei lavoratori' nell'economia centralizzata semplicemente NON esistono: esiste il 'piano' quinquennale ed il suo raggiungimento e basta. I 'lavoratori' sono tenuti ad eseguirlo, con le buone o con le cattive. I 'sindacati' sono semplicemente proibiti o tenuti ad essere la cinghia di trasmissione del Partito. Toh, che somiglianza con i nostri ...!


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

quoto Capra e Oriundo...


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 544
 

Per prima delle sabbie:
Scarpe? da montagna alte...salomon....romania
Vestiario? alcune cose decaltlon

Basta guardare l'etichetta


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3053
 

Per prima delle sabbie:
Scarpe? da montagna alte...salomon....romania
Vestiario? alcune cose decaltlon

Dopo le sabbie invece, fra il limo e gli acquitrini:
Scarpe? Stivali di gomma alti... alla pescatora
Vestiario? alcuni articoli Beretta


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: