Notifiche
Cancella tutti

L'ingegneria climatica per controllare le popolazioni

Pagina 2 / 2

1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 633
 

Dopo anni di osservazioni, studi e approfondimenti, sono convinto che sia possibile controllare il clima, se non ancora globalmente, almeno limitatamente a certe aree.

Si può far piovere in certe zone (qualche ettaro) se le condizioni lo permettono, quello si. Si può oscurare (sempre qualche ettaro) per diminuire l'albedo del sole, certo.

Ma influire su un fronte ciclonico di decine o centinaia di kilometri? Sui venti, che soffiano a diverse altezze e cambiano imprevedibilmente, spesso frequentemente? Non scherziamo, chi lo pensa non ha nessuna idea delle energie in gioco e della complessità del tema. No perchè qui si parla di provocare siccità o alluvioni a comando, mica di pizza e fichi... e di farlo con gli spruzzi di qualche tonnellata di sostanza emessa da qualche aereo. Dai, siamo seri...

Prima avevo dimenticato un particolare, proprio all'insorgere del nuovo "fenomeno" nel 2004, avevo spedito via email un mio piccolo dossier composto da foto e appunti al signor Mazzucco. Tornando al clima, finora abbiamo parlato solo di scie. Per cambiare il clima, anche solo localmente serve ben altro. Ciò presupporrebbe un controllo elettromagnetico dell'atmosfera di determinate zone, in eventuale associazione con le scie. Immagino tu ritenga una bufala anche questa possibilità. Sarà una bufala, forse. Ma sempre restando in tema di armi segrete, escluderlo a priori sarebbe un errore di valutazione. Non abbiamo prove a sostegno, ma nemmeno conosciamo tutte le ricerche militari, che proprio per questo devono restare segrete. Diciamo che abbiamo degli indizi evidenti di qualche cambiamento climatico localizzato, le scie, più impianti tipo Haarp, da mettere eventualmente in diabolica connessione tra loro. Questo sempre a pensar male...


RispondiCitazione
brumbrum
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1643
 

mi sorge una domanda
come si presentano i cieli sulla Russia, Cina, India, sud America e via discorrendo ?


RispondiCitazione
Eshin
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3620
Topic starter  

I russi sono molto impegnati e da molto tempo nelle modificazioni atmosferiche e climatiche - su vari piani.

Sulla possibilità di rilasciare aerosol per modifcare il clima, Edward Teller fu ispirato da un ricercatore russo

Mikhail Budyko_

Mikhail I. Budyko's article, "The effect of solar radiation variation on the climate of the Earth," published in 1969 was one of the first theoretical investigation of the ice-albedo feedback mechanism; i.e., the more snow and ice, the more solar radiation is reflected back into space and hence the colder Earth grows and the more it snows. Budyko notes that over the last 200 million years the temperature difference between the poles and the equator was comparatively small compared what it is today. He says that during that time there were no "zones of cold climate."

http://www.applet-magic.com/budyko.htm

Le scie persistenti si vedono anche in Russia e altri paesi, ma fino a poco fa erano rare e perfino assenti. In questi ultimi anni si è visto un graduale aumento e diffusione praticamente globale con il passare del tempo (inizio USA/Canada). Questo fa pensare che l'annuvolamento artificiale abbia una motivazione aldilà di piogge indotte etc. Manipolazioni meteorologiche sono partite negli anni quaranta e in molti paesi del globo. Le scie di aerei che mostrano di quel periodo rappresentano foto di aeri militari con smokescreen-chaff per quello che vedo.

Quindi cappa-velature-copertura artificiale OGGI per quale scopo?


RispondiCitazione
Eshin
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3620
Topic starter  

Un bel filmato del 1959 Scie - fulmini artificiali....

DISNEY’S TOMORROWLAND 1959 : COME POSSEDERE IL TEMPO

http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/spazio/walt-disney-pictures-1959-come-possedere-il-tempo/


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

Le scie di condensa persistenti sono una "novità" degli ultimi due tre lustri e lo sai bene anche tu.

20 anni fa le scie di condensa svanivano dopo pochi istanti senza lasciar traccia oggi le scie che tu chiami di condensa permangono in cielo. Non puoi negare questa evidenza.

20anni fa non c ' era poi tanto traffico in meno nei cieli

quindi perché posti sempre le stesse menzogne per negare ciò che tutti vedono? Si vedono quindi sono concrete e siete rimasti tu e pochi utili idioti a negarlo....... ma ce lo dici o no quanto ti pagano? Scommetto che quando ti sputtaniamo al punto da impedirti la risposta per te è un danno economico vero trollone fallito?

Scusa iVi, non so se lo sai ma oggi c'è una interessante tecnologia che si chiama Internet. Attraverso quella riuscirai a vedere foto che dimostrano come le scie di condensa semipermanenti si formassero già negli anni 60, perchè è naturale che sia così, visto che il motore a reazione non è cambiato molto dall'epoca e le condizioni atmosferiche che favoriscono la loro comparsa sono le stesse.
Se poi cerchi meglio troverai i dati dell'aumento del traffico aereo nei cieli, a partire dalla data che vuoi.
Buona ricerca.

Facciamo che me le posti tu queste foto con scie di condensa persistenti. Ovviamente da aviogetti civili. Magari a formare le griglie che vediamo nei cieli oggi....... dai fammi vedere una foto di 30 anni fa con griglie in cielo formate da scie di condensa persistenti rilasciate da aviogetti civili (tipo le foto postare da 1Al).

Lo so bene che i motori a getto nn son cambiati....... ma il carburante? E bada come scrivi giacche ho studiato costruzioni aeronautiche e a me le minchiate nn le puoi raccontare trollone fallito.


RispondiCitazione
Iside
Eminent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 45
 

mi sorge una domanda
come si presentano i cieli sulla Russia, Cina, India, sud America e via discorrendo ?

a sanpietroburgo, cosí come gran parte della russia il cielo é quasi sempre grigio, quindi é difficile stabilire. Comunque a s.pietroburgo le ho viste raramente.
Mi interessa molto l´argomento, e qualche settimana fa ho trovato altro materiale interessante su youtube in lingua franecese, ma anche in italiano, dove a parlare é gente esperta. Comunque é da tener presente che anche alcuni aerei di linea possano lasciare queste scie, o almeno cosí si sospetta.


RispondiCitazione
brumbrum
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1643
 

mi sorge una domanda
come si presentano i cieli sulla Russia, Cina, India, sud America e via discorrendo ?

Comunque é da tener presente che anche alcuni aerei di linea possano lasciare queste scie, o almeno cosí si sospetta.

pensavo giusto a quelli
visto che le varie compagnie aeree svolazzano più o meno liberamente sui cieli di tutte le nazioni, come la si potrebbe interpretare la cosa ?

se la teoria degli scopi militari fosse vera, le presunte irrorazioni farebbero comodo a tutti, o no ?


RispondiCitazione
1Al
 1Al
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 633
 

Leggendo e cercando nella rete, mi pare che la faccenda delle scie sia transnazionale, è un fenomeno ormai globalizzato, presente in quasi tutto il mondo. Per quello merita attenzione, anche per capire quale scopo ci sia realmente dietro. Lo scopo climatico/militare sembrerebbe la pista più credibile, ma per ora rimane un'ipotesi.


RispondiCitazione
xeliox
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 113
 

Io sn veramente curioso di avere una risposta da bdurruti.

Come mai ci sono alcuni giorni, rari ma ci sono, che in cielo nn se ne vede nemmeno una di scia?
Eppure se uno va a prendere I dati delle radiosonde nn sono compatibili col fatto che non se formino?

Giorni che martellano pesantemente e poi il nulla improviso, sentiamo un po come lo giustifichi?

Come mai nn hai risposto all'altro utente esperto in avioniche?


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1816
 

mi sorge una domanda
come si presentano i cieli sulla Russia, Cina, India, sud America e via discorrendo ?

Questo te lo posso dire io che ci vivo da anni, qui, queste scie, non si vedono, o quantomeno solo quelle di altissima quota e comunque, limitate e di durata breve, concordo con ciò che scrive 1Al


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1816
 

In ogni caso, in Cina, soprattutto nel nord dove vivo, piove raramente, ed è un problema serio per le colture, e continua a non piovere, viceversa nel Sud, spesso e volentieri piove e parecchio, posso affermare che qui il clima non è cambiato in maniera significativa come in italia, eppure ci sono fabbriche, inquinamento (CO2 che è stato ridotta in un anno del 8%) e quant'altro. Io non so dare spiegazioni sulle scie chimiche, ma certo qui, confermo nuovamente, il cielo è "normale", sarà un caso?


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: