Notifiche
Cancella tutti

Marte sarà a misura d'uomo - la terra sar&agrave

Pagina 2 / 2

vic
 vic
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 6373
 

1) puntualizzazione per lo spadaccino: ora come ora non sono nemmeno in grado di andare o tornare dalla stazione spaziale, che sta appena sopra la loro e nostra testa.

2) secondo me questo tipo di notizie e' rivolto ai congressisti statunitensi ed ai consiglieri del presidente su cose spaziali. La NASA sta tirando la cintura da anni. Percio' immaginano progetti che tocchino l'immaginario per sganciare qualche ghello.

3) Prima di andare su Marte gli conviene modificare geneticamente gli astronauti, magari con DNA di scorpione e di batterio radiodurans, affinche' il loro corpo resista alle radiazioni notevoli.

4) Questi qua vanno contro la storia. Secondo un mito sumero, su Marte si trastullavano gli Ogigi. Per via del tremendo cambiamento climatico molti di loro abbandonarono il pianeta. Alcuni arrivarono sulla Terra. Quelli rimasti su Marte si interrarono lassu' per sopravvivere. Cosi' scrivevano i Sumeri.

5) Comunque c'e' chi ha gia' svolazzato attorno a Giove, che sta ben oltre Marte. Il famoso e compianto psichico Ingo Swann in alcune sedute di visione a distanza disse che Giove era circondato da tenui anelli. Cosa che venne confermata dalla Nasa solo in seguito.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 3 anni fa
Post: 10314
 

grazie per la puntualizzazione vic

e per i viaggioni interstellari

8)


RispondiCitazione
sandrez
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 426
 

Bellino, fantascientifico, più fanta che scientifico...sognare un po' non nuoce comunque, tra mille proiezioni anche troppo veritiere o almeno possibili nella loro jattura, godiamoci questa sorta di script alla Total Recall/Atto di forza, bel film tratto dal grande Ph.K. Dick con Schwartzy e una godibile Sharon Stone.

sarà più così:
https://www.youtube.com/watch?v=3V_dFw4mxeI

il buon John Carpenter ci vede molto lungo in queste cose.

PS
Essi Vivono è del 1988 ma in realtà molto molto attuale direi.

~certevolteilsolebatteanchesulculodiuncane~


RispondiCitazione
Eshin
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3620
Topic starter  

QUOTO - è molto attuale e Carpenter bravissimo.

ESSI VIVONO (NOI DORMIAMO)
http://www.nogeoingegneria.com/librifilms/essi-vivono-noi-dormiamo/

Fantasmi da Marte

Anno 2176. Il pianeta Marte è stato quasi totalmente terraformato, permettendo agli umani di camminare sulla superficie senza dover indossare tute pressurizzate. Un agente di polizia, Melanie Ballard è il comandante in seconda di una piccola squadra inviata per recuperare e trasportare un prigioniero chiamato Desolation Williams. Giunta alla vecchia miniera dove Williams viene tenuto, Ballard scopre che gli abitanti sono quasi tutti scomparsi, eccezion fatta per alcuni cadaveri senza testa e i detenuti. Investigando, scopre che gli occupanti di un'altra miniera avevano trovato una porta sotterranea che era stata creata da un'antica civiltà marziana. Quando la porta è stata aperta hanno fatto uscire degli spettri, spiriti rimasti per anni sottoterra e risvegliati dai minatori, i quali vengono impossessati da queste presenze e iniziano a dare la caccia agli invasori umani di Marte per ucciderli....


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 30947
 

I militari sono oltre le nostre conoscenze come minimo 50 anni.

che i militari sono decenni avanti a noi non c'è ombra di dubbio

Quest'idea che i militari detengano una conoscenza avanzatissima ed una tecnologia superiore super segreta è davvero la più comica di tutte quelle da cui muove il complottismo.
La verità sta esattamente all'opposto, datemi retta.

Le ipotesi di "terraformazione" di Marte citate nel post, invece, sono puro wishful thinking. E non è una questione di soldi, ma di energia. Chi mai riuscirebbe a produrre l'energia necessaria per dotare Marte di un'atmosfera e una temperatura adatte all'uomo? Senza contare il probema della magnetizzazione, o dei gas che fanno da scudo alle radiazioni, o i gas serra. Tutte cose che la Terra ci ha messo 3 miliardi di anni a creare. Chi pensa che l'uomo possa sostituirsi alla Natura o è un pazzo megalomane o ha letto troppi libri di fantascienza.


RispondiCitazione
Eshin
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3620
Topic starter  

" che i militari detengano una conoscenza avanzatissima ed una tecnologia superiore super segreta è davvero la più comica di tutte quelle da cui muove il complottismo"

🙄

Le idee di terraforming stanno adoperando per ora sulla terra.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 30947
 

Le idee di terraforming stanno adoperando per ora sulla terra.

prove ne hai? o le prove sono le scie cOmiche che dici di vedere in cielo?

ripeto: hai idea dell'energia necessaria per produrre un cambio climatico? da più di un secolo l'umanità immette CO2 a ciclo continuo (equivalente ala dissipazione di una energia enorme) e non siamo neanche sicuri che questa sia la causa del cambio climatico che osserviamo in varie zone della terra...


RispondiCitazione
Rasna
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 634
 

Stavolta sono parzialmente daccordo col durruti.
La terraformazione (scienza che non esiste al momento) a parte il discorso energetico che mi sembra valido, presupporrebbe una conoscenza perfetta del clima, della meteorologia e di ogni implicazione correlata... a me pare che neanche sulla terra abbiamo certezze, tanto che a volte mi chiedo se gli "esperti" che fanno le previsioni aprano la finestra per guardare il cielo.
E ci sarebbero altre innumerevoli obiezioni più che sensate da fare.
In ogni caso, 50 anni è una previsione ridicola, che rasenta l'ilarità.

Invece non sono daccordo su quanto la scienza disponibile sia più avanti rispetto a quella in uso adesso. Per me lo è, eccome e non solo per i militari. Basti pensare alle case automobilistiche: le "innovazioni" che vedremo fra 10 o 15 anni sono già disponibili, motori che consumano pochissimo, auto elettriche per non parlare di altre fonti energetiche disponibili che non vengono neanche pubblicizzate (idrogeno tanto per dirne una). Solo che le centellinano per poter vendere cose nuove ogni tot anni.
Se le auto di google potessero contare sui satelliti gps militari, con precisione ben diversa di quelli per uso civile forse quelle macchina potrebbero già circolare su strada (parliamo di 3 metri contro pochi centimetri che per un'auto a giuda automatica è un'infinità).
Certo 50 anni mi pare troppo in questo senso ma sicuramente oggi sono già esistenti (e in probabilmente anche funzionanti) le novità del 2025.

In campo militare è difficile quantificare: mi viene da pensare a tutta la documentazione rubata a Tesla e segretata all'istante. Ci rimane la bobina o la corrente alternata certo, ma il grande genio serbo aveva trasmesso energia a 40 km senza l'ausilio di cavi già 100 anni e più fa, per non parlare degli studi sulla trasmissione di segnali elettrici nella ionosfera, a qualsiasi cosa questa tecnologia servisse (haarp?). Nei documenti a noi pervenuti sono presenti riferimenti ad una fonte di energia illimitata e gratuita del quale non sappiano nulla, almeno ufficialmente. Sarà davvero esistita? Difficile dirlo ora, certo se anche esistesse se la terrebbero ben stretta prima di darla a noi, almeno finchè posso spremere soldi e ottenere potere dal petrolio.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 3 anni fa
Post: 10314
 

cito dal durruti

Quest'idea che i militari detengano una conoscenza avanzatissima ed una tecnologia superiore super segreta è davvero la più comica di tutte quelle da cui muove il complottismo.
La verità sta esattamente all'opposto, datemi retta.

ma se non hai nemmeno fatto il militare cosa ne puoi sapere?

sono avanti a noi almeno vent'anni ma tu da mero denigratore/sedicente anarchico dipingi loro come flinstones incapaci...

bravo

😉


RispondiCitazione
ballam
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 114
 

i militari sono avanti si o no ? dipende, ci sono settori molto avanzati e tecnologie non ancora commercializzate. Ma il 90% dell'ambiente militare non è ovviamente così.
I settori militari di nicchia sono più avanti e la prova è che moltissime scoperte scientifiche degli ultimi 40 anni provengono dai settori della difesa usa.
sarà possibile terraformare Marte ? tecnicamente sì, ci sono già esperimenti in corso (non su marte) e grazie alle stampanti 3d biologiche è possibile in futuro prevedere questa capacità tecnica
Quindi sarà possibile terraformare Marte... Ni, ovvero boh ? non tanto dal punto di vista tecnologico, ma da quello biologico, conosciamo ancora pochissimo delle condizioni del suolo marziano come per esempio la presenza o meno di fosforo; trovo questo scoglio più difficile rispetto a quello tecnologico.
Come faremo ad avere energia e materie prime a sufficienza per terraformare Mare ? Nel sistema solare interno ci sono infinite (infinite considerando la scala terrestre) risorse di ogni tipo, ci sono diverse missioni in fase finale di progettazione per lo sfruttamento minerario ed energetico nel sistema solare interno.
A cosa serve ? ecco, questo è il punto. Se pensate che possa servire alla Terra, scordatevelo! il pozzo gravitazionale impone che il viaggio colonizzatore sia sola andata con un numero ristretto di persone, cioè non risolve la sovrappopolazione terrestre. Chi lascia casa lo farà per sempre e la colonizzazione avverrà solo tramite marziani nati là.
50 anni è un termine corretto nel quale aspettarci questa colonizzazione ? mmm sono scettico, sono pochi e mi sembra una boutade attira soldi, ad ogni modo se pensiamo a com'era il mondo nel 1965 ed a quali tecnologie c'erano e sapendo che la curva della crescita tecnologica e scientifica cresce, beh, non so se sarà tra 50anni, ma non credo tra 100. Sempre che non ci autodistruggiamo prima.

Penso che prima di Marte ci sarà la colonizzazione di Luna e asteroidi, le stazioni spaziali orbitanti abitate sono una figata pazzesca, ma non avere un pezzo di sasso sotto al culo è un problema non da poco, penso che prima arriveremo su marte con le stampanti 3d per fare le prime colonie.

Credo che il momento critico siano i prossimi 25 anni, non sono sicuro che l'umanità possa reggere alle sfide interne nei prossimi quarto di secolo, se ce la farà (non so come), allora forse arriverà il tanto atteso salto nelle stelle della nostra specie (stelle... pezzi di roccia va, che prima di abbandonare il nostro sistema solare, se sarà mai possibile, penso che passeranno diversi secoli)


RispondiCitazione
Eshin
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3620
Topic starter  

Che ci vadano o meno, riescano o meno, fatto sta che si spende in tante direzioni, pensieri e denaro. Bdurruti hai la fissa con le scie?
I militari sono avanti sì.
Quante invenzioni sono stata soppresse,
ma qualcuno ha ci ha lavorato sopra,
basti pensare a Tesla.
Le idee che nascono finiscono in quel ambiente. Molte.
Piano piano rientrano nel civile.

Terraforming

1. Adelman, Saul, "Can Venus Be Transformed into an Earth-Like
Planet?", Journal of the British Interplanetary Society, 35,
3-8, 1982.
2. Adelman, Benjamin and Adelman, Saul J., "Some Research
Requirments of Planetary Engineering", Journal of the British
Interplanetary Society, 42, 555-557, 1989.
3. Balasubramanian, D., "Should Mars be Made Habitable?" Current
Science, 61(11), 712-714 (1991).
4. Birch, Paul, "Terraforming Venus Quickly", Journal of the
British Interplanetary Society, 44, 157-167, 1991.
5. Birch Paul, "Terraforming Mars Quickly", Journal of the British
Interplanetary Society, 45, 331-340, 1992.
6. Birch, Paul, "How to Spin a Planet", Journal of the British
Interplanetary Society, 46, 311-313, 1993.
7. Birch, Paul, "How to Move a Planet", Journal of the British
Interplanetary Society, 46, 314-316, 1993.
8. "Bringing Worlds to Life: Terraforming, the New Science of
Planetary Environmental Engineering", Abstracts of London
University Conference, Journal of the British Interplanetary
Society, 46, 327-328, 1993.
9. Burns, Joseph and Harwit, Martin, "Towards a More Habitable
Mars -or- the Coming Martian Spring", Icarus, 19, 126-130,
1973.
10. Fogg, M. J., "Terraforming Mars: Conceptual Solutions to the
Problem of Plant Growth in Low Concentrations of
Oxygen,"Journal of the British Interplanetary Society, 48(10),
427-434, 1995.
11. Dyson, Freeman, "Terraforming Venus", Correspondence in Journal
of the British Interplanetary Society, 42, 593, 1989.
12. Fogg, Martyn J., "The Terraforming of Venus", Journal of the
British Interplanetary Society, 40, 551-564, 1987.
13. Fogg, Martyn J., "The Creation of an Artificial, Dense Martian
Atmosphere: A Major Obstacle to the Terraforming of Mars",
Journal of the British Interplanetary Society, 42, 577-582,
1989.
14. Fogg, Martyn J., "Terraforming, as Part of a Strategy for
Interstellar Colonisation", Journal of the British
Interplanetary Society, 44, 183-192, 1991.
15. Fogg, Martyn J., "Terraforming and the Future Offspring of
Gaia", Gaian Science, 2(3), 8-9, 1991.
16. Fogg, Martyn J., "A Synergic Approach to Terraforming Mars",
Journal of the British Interplanetary Society, 45, 315-329,
1992.
17. Fogg, Martyn J., "Terraforming: A Review for
Environmentalists", The Environmentalist 13, 7-17, 1993.
18. Fogg, Martyn J., "Dynamics of a Terraformed Martian Biosphere",
Journal of the British Interplanetary Society, 46, 293-304,
1993.
19. Freitas, Robert A., Jr., "Terraforming Mars and Venus Using
Machine Self-Replicating Systems", Journal of the British
Interplanetary Society, 36, 139-142, March 1983.
20. Friedmann, E. Imre, Hua, M. and Ocampo-Friedmann, R.,
"Terraforming Mars: Dissolution of Carbonate Rocks by
Cyanobacteria", Journal of the British Interplanetary Society,
46, 291-292, 1993.
21. Friedmann, E. Imre and Ocampo-Friedmann, R., "A Primitive
Cyanobacterium as Pioneer Microorganism for Terraforming Mars",
Adv. Space Res, in press, 1993.
22. Gillett, Stephen L., "Establishment and Stabilization of
Earthlike Conditions on Venus", Journal of the British
Interplanetary Society, 44, 151-156, 1991.
23. Hansson, Anders, "A Fresh Start on Mars," Chapter 10 in Mars
and the Development of Life, Ellis Horwood, Chichester, 1991.
24. Haynes, Robert H., "Prospects for Establishing a Microbial
Ecosystem on Mars," in Biotechnology on the Threshold of the
XXI Century, Conference Proceedings, pp. 85-88, Moscow, 1989.
25. Haynes, Robert H., "Ecce Ecopoiesis: Playing God on Mars", in
MacNiven, D., (ed), Moral Expertise, pp. 161-183, Routledge,
New York, 1990.
26. Haynes, Robert H., "Etablierung von Lieben auf dem Mars durch
gerichtete Panspermie: Technische und ethische Probleme der
Okopoese," Biol. Zent. bl, 109, 193-205, 1990. (In German.)
27. Haynes, Robert H., "Una Nova Ecopoesi: Possibilitats de
Transmetre Vida a Mart," Treballs de la SCB., 43, 11-23 (1992).
(In Catalan.)
28. Haynes, Robert H. and McKay, Christopher, P., "The Implantation
of Life on Mars: Feasibility and Motivation", Adv. Space Res.,
12, (4)133-(4)140, 1992.
29. Heath, Martin, "Terraforming: Plate Tectonics and Long-Term
Habitability," Journal of the British Interplanetary Society,
44, 147-150, 1991.
30. Hope-Jones, E.F., "Planetary Engineering," Journal of the
British Interplanetary Society, 12, 155-159, 1953.
31. Jukes, Thomas, H., "Mars as a New Abode for Microbial Life," J.
Molec. Evol., 32, 355-357, 1991.
32. Kuhn, W.R., Rogers, S.R., MacElroy, R.D., "The Response of
Selected Terrestrial Organisms to the Martian Environment: A
Modeling Study," Icarus, 37, 336-346, 1979.
33. Levine, Joel S., "The Making of the Atmosphere", in Advances in
Engineering Science, Vol 3, NASA CP-2001, 1191-1202 (1976).
34. Levine, Joel S., "Mars: Past, Present and Future", in E.B.
Pritchard (Ed), Progress in Astronautics and Aeronautics, 145,
17-26, (1993).
35. Lovelock, James E., "Geophysiology: A New Look at Earth
Science", Bulletin of the American Meteorological Society,
67(4), 392-397, 1986.
36. Lovelock, James E., "The Ecopoiesis of Daisy World", Journal of
the British Interplanetary Society, 42, 583-586, 1989.
37. MacElroy, R.D and Averner, M.M, "Atmospheric Engineering of
Mars", in Advances in Engineering Science, Vol 3, NASA CP-2001,
1203-1214, 1976.
38. Marchal, C., "The Venus-New-World Project", Acta Astronautica,
10(5-6), 269-275, 1983.
39. Margulis, Lynn and West, Oona, "Gaia and the Colonization of
Mars", GSA Today, 3,(11), 277-291, 1993.
40. McKay, Christopher P., "On Terraforming Mars", Extrapolation,
23(4), Kent State University Press, 1982.
41. McKay, Christopher P., "Terraforming Mars", Journal of the
British Interplanetary Society, vol. 35, pp. 427-433, 1982.
42. McKay, Christopher P., "Using Microorganisms to Make an Earth
of Mars," in Biotechnology on the Threshold of the XXI Century,
Conference Proceedings, pp. 89-91, Moscow, 1989.
43. McKay, Christopher P., "Does Mars Have Rights? An Approach to
the Environmental Ethics of Planetary Engineering", in

MacNiven, D., (ed), Moral Expertise, pp. 184-197, Routledge,
New York, 1990.
44. McKay, Christopher P. and Haynes, Robert, H., "Should we
Implant Life on Mars?" Scientific American, 263(6), 144, 1990.
45. McKay, Christopher P., Toon, Owen.B. and Kasting, James, F.,
"Making Mars Habitable", Nature, 352, 489-496, 1991.
46. McKay, Christopher P., and Stoker, Carol R., "Gaia and Life on
Mars," in Schneider, S.H. and Boston, P.J. (eds), Scientists on
Gaia, pp. 375-381, M.I.T. Press, 1991.
47. McKay, Christopher P., "Restoring Mars to Habitable Conditions:
Can we? Should we? Will we?" Journal of the Irish Colleges of
Physicians and Surgeons, 22(1), 17-19, 1993.
48. Mole, R. A., "Terraforming Mars with Four War Surplus Bombs,"
Journal of the British Interplanetary Society, 48(7), 321-324,
1995.
49. Morgan, Charles R., "Terraforming with Nanotechnology," Journal
of the British Interplanetary Society, 47, 311-318, 1994.
50. Nussinov, M.D., Zemlya i Vselennaya, 6, 57-61, 1981. (In
Russian.)
51. Nussinov, M.D., Lysenko, S.V. and Patrikeev, V.V.,
"Terraforming of Mars Through Terrestrial Microorganisms and
Nanotechnological Devices," Journal of the British
Interplanetary Society, 47, 319-320, 1994.
52. Oberg, James E., "Terraforming", in Hart, M.H. and Zuckerman,
B., Extraterrestrials: Where Are They?, pp. 62-65, Pergamon
Press, New York, 1982.
53. Pollack, James B. and Sagan, Carl, "Planetary Engineering", in
Lewis, J. and Matthews, M. (eds), Resources of Near-Earth
Space, University of Arizona Press, in press.
54. Sagan, Carl, "The Planet Venus", Science, 133, 849-858, 1961.
55. Sagan, Carl, "Planetary Engineering on Mars", Icarus, 20, 513,
514 1973.
56. Semenov, N.N., Changes in the Martian atmosphere, in B.P.
Konstantinov, V.D. Pekelis, eds., Inhabited Space, Part I, p.
192, NASA TT-F-819, Feb. 1975.
57. Smith, Alexander G, "Transforming Venus by Induced Overturn",
Journal of the British Interplanetary Society, 42, 571-576,
1989.
58. Smith, Alexander G, "Time, Ice and Terraforming", Journal of
the British Interplanetary Society, 46, 305-310, 1993.
59. Taylor, Richard L.S., "Paraterraforming: The Worldhouse
Concept," Journal of the British Interplanetary Society, 45,
341-352, 1992.
60. Thomas, D. J., "Biological Aspects of the Ecopoeisis and
Terraformation of Mars: Current Perspectives and
Research,"Journal of the British Interplanetary Society,
48(10), 427-434, 1995.
61. Vondrak, Richard, "Creation of an Artificial Lunar Atmosphere",
Nature, 248, 657-659, 1974.
62. R.R. Vondrak, "Creation of an Artificial Atmosphere on the
Moon", in Advances in Engineering Science, Vol 3, NASA CP-2001,
1215-1224 (1976).
63. Zubrin, R., "The Economic Viability of Mars
Colonization,"Journal of the British Interplanetary Society,
48(10), 407-414, 1995.
64. Zubrin, Robert and McKay, Christopher P., "Technological
Requirements for Terraforming Mars", Journal of the British
Interplanetary Society, in press.


RispondiCitazione
Cataldo
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 269
 

I militari non hanno conoscenze tecnologiche esclusive, anzi, ad esempio il pentagono ha iniziato alla fine del secolo scorso una penetrazione ancora più pervasiva delle università proprio per sopperire alla scarsa capacità dei fornitori storici del complesso militare industriale di fornire nuove tecnologie in una serie di settori, dalle comunicazioni ai nuovi materiali. Inoltre non è detto che in guerra nuovo sia sempre meglio, basta pensare ai radar degli anni 40 e 50 che sono oggi ricostruiti con la stessa impostazione di allora per poter individuare i famosi aerei "invisibili".


RispondiCitazione
Eshin
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3620
Topic starter  

" il pentagono ha iniziato alla fine del secolo scorso una penetrazione ancora più pervasiva delle università"

THE UNIVERSITY & THE SECURITY STATE: PENTAGON AND CIA ON CAMPUS

http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/the-university-the-security-state-pentagon-and-cia-on-campus/


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: