MAUI ‘GROUND ZERO’ ...
 
Notifiche
Cancella tutti

MAUI ‘GROUND ZERO’ PER IL RILASCIO DI MILIARDI DI ZANZARE MANIPOLATE IN LABORATORIO CON BIOPESTICIDI


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14470
Topic starter  
Fino a 775.992.000 zanzare infettate da batteri potrebbero essere rilasciate a Maui ogni settimana per i prossimi 20 anni, secondo Hawaii Unites, un’organizzazione no-profit che il mese scorso ha perso la sua richiesta di pretendere dallo Stato una dichiarazione di impatto ambientale prima di dare il via al controverso progetto.
 
Hawaii Unites nel maggio 2023 ha fatto causa allo Stato presso la Corte del Primo Circuito delle Hawaii. La presidente e fondatrice del gruppo, Tina Lia, ha dichiarato al Defender:
 
“Queste zanzare modificate in laboratorio con biopesticidi sono già state rilasciate a East Maui. Hawaii Unites ha portato lo Stato in tribunale chiedendo una disposizione che imponga una dichiarazione di impatto ambientale relativa al progetto e studi comprensivi dei rischi”.
 
Hawaii Unites si descrive come “un’organizzazione 501(c)(3) senza scopo di lucro dedicata alla conservazione e alla protezione del nostro ambiente e delle nostre risorse naturali”, con l’obiettivo di “proteggere la salute della popolazione delle Hawaii, della fauna selvatica e della ‘āina dall’esperimento dello Stato delle Hawaii sulle zanzare infettate da batteri biopesticidi”.
Secondo l’azione legale del gruppo, lo Stato non ha eseguito uno studio d’impatto ambientale sufficiente prima del lancio del progetto. L’anno scorso, i residenti dello Stato hanno presentato 291 pagine di contributi pubblici, sia a favore che contro il progetto.
“La valutazione ambientale finale di questo progetto è insufficiente ai sensi dell’Hawai’i Environmental Policy Act”, ha dichiarato Lia. “Non descrive le misure di mitigazione o i protocolli di biosicurezza per le zanzare e la discussione delle alternative è inadeguata”.
Secondo Lia, la partnership Birds, Not Mosquitoes sostiene di voler sopprimere le zanzare domestiche meridionali che trasmettono la malaria aviaria agli uccelli nativi rendendo le zanzare maschili – portatrici del batterio Wolbachia che causa la malaria aviaria – non in grado di riprodursi.
 
La tecnica, Wolbachia incompatible insect technique (IIT), è stata precedentemente promossa da Gates Philanthropy Partners, un ramo della Bill & Melinda Gates Foundation, anche se non sembra esserci un legame diretto tra queste organizzazioni e il progetto in corso alle Hawaii.
 
Un esperto che ha testimoniato per conto di Hawaii Unites ha avvertito che il progetto, lungi dal mitigare le malattie trasmesse dalle zanzare, potrebbe portare alla diffusione di batteri, all’invasione di zanzare modificate in laboratorio in aree non previste e ad altre conseguenze ambientali.
 
Ma la corte non è stata d’accordo, stabilendo che la valutazione ambientale finale “è stata compilata in buona fede e ha fornito informazioni sufficienti per consentire al [Board of Land and Natural Resources] di considerare appieno i fattori ambientali in gioco e di prendere una decisione ragionata dopo aver bilanciato i rischi di danno all’ambiente con i benefici derivanti dall’azione proposta”.
 
La Corte non ha riconosciuto le «serie preoccupazioni» del testimone esperto
 
Secondo l’accusa, «documentazione e studi provenienti da diverse fonti, comprese agenzie governative, confermano che l’esperimento potrebbe non funzionare nemmeno per lo scopo previsto e potrebbe avere un impatto ambientale significativo».
 
La causa ha inoltre osservato che il metodo IIT non è mai stato sperimentato alle Hawaii, mentre «la specifica tecnica sperimentale prevista per l’uso a East Maui non è mai stata provata prima in nessuna parte del mondo».
 
Secondo la causa, le regioni di Maui dove avrà luogo il rilascio includono «i fragili ecosistemi del Parco Nazionale Haleakalā di East Maui, della Riserva Forestale di Ko’olau, della Riserva Forestale di Hāna, della Riserva dell’Area Naturale di Hanawī, della Riserva Forestale di Kīpahulu, della Riserva Forestale di Makawao, e Waikamoi Preserve», oltre a terreni gestiti privatamente.
 
«Con la frequenza più alta, ciò potrebbe comportare il rilascio di oltre 807 miliardi di zanzare in uno degli ecosistemi più unici e fragili del mondo», si legge nella causa. «Contrariamente a quanto affermato nella [valutazione ambientale finale], il piano potrebbe effettivamente comportare seri rischi per gli uccelli autoctoni, la fauna selvatica, l’āina e la salute pubblica».
 
Lo Stato delle Hawaii ha confutato queste affermazioni nella sua mozione di rito abbreviato, depositata il 22 dicembre 2023.
 
Hawaii Unites il 9 gennaio ha depositato un memorandum di 70 pagine che dettagliava ulteriormente le argomentazioni del gruppo, ma il giudice della Corte di Prima Circoscrizione John M. Tonaki ha concesso un giudizio sommario a favore dello Stato.
 
Lia ha detto a The Defender che ci sono «diversi problemi» con la sentenza nel caso in cui il gruppo decidesse di appellarsi contro la decisione di Tonaki.
 
Lia ha affermato che ci sono differenze significative tra ciò che è stato proposto nella valutazione ambientale finale e ciò che è attualmente in fase di attuazione a East Maui. Ad esempio, ha affermato che il gruppo ritiene che le zanzare vengano rilasciate esclusivamente tramite elicotteri anziché droni, il che non è coerente con il sistema di rilascio descritto nella valutazione ambientale.
 
«Ciò significa che gli elicotteri volano più vicino alla chioma degli alberi rispetto al livello indicato nella FEA [valutazione ambientale finale], aumentando il potenziale di impatti negativi come i disturbi acustici; disturbi della nidificazione, della riproduzione e del riposo; lavaggio del rotore dell’elicottero; incidenti e collisioni; e incendi boschivi», ha detto.
 
Secondo Lia, Tonaki ha ignorato la testimonianza di un testimone esperto, il dottor Lorrin Pang, esperto di malattie tropicali e vettori , capo dell’ufficio sanitario distrettuale delle Hawaii per Maui, che ha testimoniato come privato cittadino per conto di Hawaii Unites «sulla mancanza di studi da parte dello stato dei rischi del progetto».
 
«La corte non ha riconosciuto le serie preoccupazioni del dottor Pang circa la trasmissione orizzontale dei batteri introdotti, la deriva del vento da parte dei biopesticidi delle zanzare alterate in laboratorio in aree non previste, la superinfezione di zanzare con ceppi batterici multipli, l’aumento dell’infezione da agenti patogeni e la capacità di diffusione della malattia nelle zanzare, e la natura sperimentale del progetto: tutte le questioni che non sono state sufficientemente affrontate o mancanti del tutto dalla FEA e i fatti rilevanti per la causa» ha detto Lia.
 
Il progetto gode di un potente sostegno
 
Secondo Lia, il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha stanziato più di 30 milioni di dollari per la fase del piano statale contro la malaria aviaria. Il progetto ha inoltre ottenuto più di 14 milioni di dollari dall’Infrastructure Investment and Jobs Act bipartisan adottato nel 2021 e altri 16 milioni di dollari attraverso l’Agenda 2023 di investimento in America del presidente Joe Biden per prevenire l’imminente estinzione degli uccelli delle foreste hawaiane.
 
«Si prevede che sovvenzioni, collaborazioni con università del continente e finanziamenti pubblici e privati ​​incentiveranno l’uso della tecnologia delle zanzare modificata in laboratorio alle Hawaii anche in futuro», ha affermato.
 
Birds, Not Mosquitoes afferma che il progetto è finanziato attraverso un mix di donatori pubblici e privati, compresi donatori anonimi, tra cui l’American Bird Conservancy, il Dipartimento del territorio e delle risorse naturali delle Hawaii, l’US Fish and Wildlife Service, il National Park Service, The Nature Conservancy e la National Fish and Wildlife Foundation.
 
I precedenti finanziatori includevano «l’Hawai’i Invasive Species Council e donatori privati ​​anonimi».
 
Un’altra organizzazione partner del progetto, il Kauai Forest Bird Recovery Project, elenca Corteva Agriscience come uno dei suoi partner. Corteva Agriscience è un conglomerato formato dalla fusione di Dow AgroSciences e DuPont/Pioneerpossiede numerosi brevetti per la tecnologia di editing genetico CRISPR.
 
In particolare, però, non è noto che le zanzare utilizzate nel progetto Hawaii siano geneticamente modificate.
 
In un’intervista del marzo 2022 con Gates Philanthropy Partners, Scott O’Neill, Ph.D., fondatore del World Mosquito Program , ha elogiato le capacità del Wolbachia, il batterio ora utilizzato nel progetto Hawaii, che secondo lui è «sicuro per gli esseri umani perché prospera nelle api, nelle farfalle, nelle falene e nei moscerini della frutta», poiché lo sono «parte della nostra catena alimentare».
 
O’Neill ha aggiunto:
 
«Ciò che rende Wolbachia un miracolo medico è il fatto che quando viene introdotto nell’Aedes Egypti [zanzare], blocca efficacemente la capacità di molti dei virus che fanno ammalare le persone di crescere nella zanzara. E se i virus non possono replicarsi, non possono essere trasmessi agli esseri umani.
 
«Il nostro team ha introdotto con successo un ceppo di Wolbachia prelevato dai moscerini della frutta nell’Aedes Egypti più di dieci anni fa e, negli ultimi 10 anni, abbiamo dimostrato che quando gli Aedes Egypti portatori di Wolbachia vengono rilasciati nell’ambiente, riducono la trasmissione della dengue in quella posizione. Siamo inoltre fiduciosi che sia efficace contro chikungunya, Zika e molti altri arbovirus in base alle nostre ricerche di laboratorio».
 
«Maui è il Ground Zero per questi rilasci di zanzare»
 
Lia ha detto che il suo gruppo è preoccupato che le zanzare attualmente rilasciate siano sperimentali.
 
«Lo Stato ha mentito sul fatto che batteri estranei vengono introdotti alle Hawaii attraverso l’infezione di queste zanzare, e le zanzare stesse sono organismi estranei che provengono dall’esterno delle isole. Lo Stato ha anche mentito sulla documentazione che mostra che fino a 3.103 zanzare femmine alterate in laboratorio che pungono, si riproducono e diffondono malattie possono essere rilasciate settimanalmente a Maui», ha aggiunto Lia.
 
«Non esistono protocolli di biosicurezza per queste zanzare importate e nessun piano di mitigazione in atto se qualcosa va storto», ha detto.
 
«Il batterio Wolbachia è una forma di vita e non c’è modo che questo progetto possa essere autonomo. I batteri possono trasmettersi orizzontalmente nell’ambiente alle zanzare selvatiche e ad altri insetti vettori di malattie».
 
«Le popolazioni di zanzare a Maui potrebbero essere superate e sostituite da queste zanzare modificate in laboratorio», ha detto Lia.
 
«E se si scoprisse che sono più capaci di diffondere malattie?» chiede Lia. «Le zanzare delle case del sud trasmettono malattie umane tra cui il virus del Nilo occidentale, l’encefalite e l’elefantiasi, e sono un potenziale vettore del virus Zika».
 
«Gli screening degli agenti patogeni per queste zanzare sono sconosciuti e tali informazioni vengono nascoste al pubblico. Le zanzare maschi infette da laboratorio possono trasmettere virus alle femmine che mordono attraverso l’accoppiamento. La deriva dei biopesticidi, la deriva delle zanzare alterate in laboratorio trasportate dal vento verso aree non previste, potrebbe influenzare non solo l’efficacia ma anche la sicurezza del progetto. Anche la superinfezione delle zanzare con ceppi multipli di batteri Wolbachia potrebbe avere un impatto sull’efficacia e sulla sicurezza».
 
«Tutti questi meccanismi possono interagire tra loro e avere cumulativamente effetti negativi sostanziali. Niente di tutto questo è stato studiato dalle agenzie Birds, Not Mosquitoes che rilasciano queste zanzare… La portata e la portata di questo piano hanno potenziali impatti significativi che potrebbero causare effetti catastrofici sulla salute delle nostre isole».
 
Secondo Lia, Hawaii Unites ha lanciato una campagna per raccogliere 30.000 dollari necessari entro la fine del mese per presentare ricorso.
 
«Se la decisione del giudice non verrà impugnata, costituirà un precedente per consentire un’inadeguata revisione ambientale dei futuri progetti sperimentali proposti che potrebbero avere impatti significativi sui nostri fragili ecosistemi», ha affermato Lia.
 
Se dovesse andare avanti un appello, Lia ha detto che il suo gruppo si aspetta «di ottenere da parte dello Stato l’ammissione che non sono stati condotti studi adeguati per valutare i rischi di questo progetto».
 
«Prevediamo inoltre che i documenti, i contratti e le comunicazioni richieste allo Stato riveleranno dettagli importanti su questo progetto che sono stati travisati al pubblico», ha aggiunto.
 
«Maui è il punto zero per questi rilasci di zanzare, e il nostro caso davanti al tribunale ambientale può costituire un forte precedente per impedire che questo programma vada avanti qui alle Hawaii e si espanda a livello globale», ha detto Lia. «Questo caso e le nostre voci come comunità hanno il diritto di essere ascoltate».
 
Michael Nevradakis
 
Ph.D.
 
Traduzione a cura di Nogeoingegneria ( ndt: grassetto aggiunto) 
 
 
Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE TELEGRAM  https://t.me/NogeoingegneriaNews
 

Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14470
Topic starter  
 
 

ESPERIMENTO DI GUERRA BIOLOGICA IN INDIA, IL CURIOSO CASO DELLE ZANZARE DELLA FEBBRE GIALLA (SOTTO EGIDIO DELL’ OMS)

 La diffusione di zanzare modificate è ormai un evento ricorrente, di recente la notizia delle Hawaii, che sono state nuovamente attaccate. Si sarebbe dovuta imparare una lezione dall’India e da una storia che ha avuto luogo in quel Paese negli anni settanta. L’articolo che segue dovrebbe farvi rizzare i capelli in testa. Alla fine dell’articolo sono stati dati suggerimenti importanti, di grande attualità.  
 
Esperimento di guerra biologica in India, il curioso caso delle zanzare della febbre gialla
 
PK RAJAGOPALAN
 
Una femmina di Aedes a Egypti, la zanzara che diffonde la febbre gialla. L’Unità per il controllo genetico delle zanzare ha perfezionato le “tecniche di produzione di massa” e ha sviluppato un modo per distribuire le zanzare con un gadget su un risciò.
 
Il 17 luglio 2020, la nota attivista per i diritti civili e avvocato della Corte Suprema Nandita Haksar, in un articolo (“Stranger than fiction: La CIA ha condotto esperimenti segreti sulle zanzare in India negli anni ’70?“), ha posto una domanda: La collaborazione scientifica è una “battaglia tra la politica per i profitti e la politica per il popolo?”. Figlia del defunto P.N. Haksar, illustre burocrate, membro della Commissione per la pianificazione e Segretario principale del Primo Ministro Indira Gandhi, era a conoscenza della controversa chiusura dell’Unità per il controllo genetico delle zanzare (GCMU) del Consiglio indiano per la ricerca medica (ICMR).
 
Racconta: “È in quella stanza che ho sentito molte storie di operazioni segrete. Quel giorno, un giovane giornalista venne a raccontare a mio padre di uno strano esperimento con le zanzare condotto proprio vicino all’aeroporto di Palam, così si chiamava allora l’aeroporto di Delhi. L’uomo disse che si trattava di un esperimento sulla febbre gialla. Ma in India non abbiamo la febbre gialla”, aveva esclamato mio padre. Il giornalista disse che era proprio questo il punto. Sosteneva che faceva parte di un esperimento di guerra biologica. Rimanemmo tutti seduti in un silenzio scioccato”. Il giornalista, Chakravarthi Raghavan, ha poi diretto il Press Trust of India (PTI). Anche il dottor K.S. Jayaraman, che si occupò delle indagini, non era un corrispondente qualunque. Con un dottorato di ricerca in fisica nucleare conseguito in un’università degli Stati Uniti e il giornalismo come materia elettiva, si era dimesso dal suo incarico governativo come scienziato ed era entrato a far parte del PTI come capo reporter scientifico.
 
L’intera storia di come il GCMU, istituito nel 1970 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per studiare il controllo genetico delle zanzare, abbia dovuto chiudere nel 1975 è ormai dimenticata. Anche le linee guida emanate nel 1975 da un comitato di scienziati esperti come il Prof. M.S. Swaminathan e il Prof. M.G.K. Menon sulla collaborazione scientifica internazionale sono state dimenticate. Come scienziato del GCMU, e con i ricordi sbiaditi oggi a 91 anni, vorrei ricordare quello che è successo.
 
Il finanziamento del progetto GCMU proveniva interamente dai fondi PL 480 [Public Law 480 istituita per la distribuzione degli aiuti esteri da parte degli Stati Uniti] in rupie lasciati presso l’Ambasciata degli Stati Uniti; si trattava di un finanziamento interamente americano gestito dall’OMS. Si trattava di una “collaborazione” sbilanciata tra i due, con l’OMS che amministrava attraverso il suo rappresentante (il dottor R. Pal) tutti gli aspetti del progetto e l’ICMR che pagava solo gli stipendi del personale indiano assunto. Esisteva un accordo tra l’OMS e l’ICMR e un accordo separato tra l’OMS e l’United States Public Health Service (USPHS), ma l’ICMR non ne era a conoscenza. Nemmeno il Ministero della Salute indiano ne era a conoscenza. 
 
L’USPHS prendeva tutte le decisioni politiche; un rappresentante di Fort Detrick, il quartier generale della divisione statunitense per la guerra biologica, partecipava alle riunioni scientifiche e tecniche. L’obiettivo del progetto, secondo l’accordo con l’ICMR, era quello di studiare le possibilità di utilizzare metodi genetici per controllare i vettori della malaria e della filariosi. Tuttavia, contrariamente allo spirito dell’accordo, non è stato fatto alcun lavoro su Anopheles stephensi, il vettore della malaria urbana prevalente a Delhi. Sono stati invece condotti studi approfonditi sul vettore della filariosi Culex quinquifasciatus, sebbene a Delhi non vi fosse filariosi. È stata data anche un’enfasi eccessiva al lavoro su Aedes aegypti, il pericoloso vettore della febbre gialla, sebbene la malattia non fosse diffusa in India. Fin dall’inizio, quindi, la politica era sbagliata.
 
Innanzitutto, perché è stata scelta Delhi, che non era endemica né per la malaria né per la filariosi, per ubicare l’UGCM. Il defunto dottor N.G.S. Raghavan, un’autorità in materia di filariosi e direttore dell’Istituto Nazionale per le Malattie Trasmissibili (NICD), è stato citato dalla Commissione per i Conti Pubblici del Parlamento per aver messo in dubbio la logica della localizzazione di questo centro a Delhi. Era forse per la sua vicinanza agli stabilimenti della difesa? Ovviamente, il NICD non è mai stato consultato. Ciò è sorprendente, dal momento che il NICD, successore del Malaria Institute of India (MII), è un importante istituto di ricerca del governo centrale con sedi in tutta l’India. Inoltre, il rappresentante dell’OMS presso l’UGCM (il dottor Pal) e responsabile di tutte le operazioni era stato ispettore per la malaria presso l’MII per molti anni prima di entrare nell’OMS, pur mantenendo la sua posizione presso l’MII. (Si noti che il suo vincolo per più di 10 anni era contrario alle regole e fu interrotto solo nel 1975, mentre si svolgeva un’inchiesta sull’operato dell’UGCM).
 
Il lavoro del GCMU
 
Il GCMU ha condotto studi approfonditi allevando in massa, in modo automatizzato, milioni di zanzare maschili Culex quinquifasciatus (Cq) e chemosterilizzando i presunti maschi con il farmaco tiotepa (e anche con l’irradiazione). L’unità ha sviluppato un dispositivo meccanico per separare maschi e femmine allo stadio pupale. I maschi sono stati poi rilasciati in molti villaggi intorno a Delhi. I maschi rilasciati dovevano competere con i maschi indigeni e accoppiarsi con le femmine selvatiche, che a tempo debito avrebbero deposto uova sterili.
 
Ma gli ecologisti del progetto hanno dimostrato che (i) i maschi rilasciati non erano competitivi per molti aspetti con i maschi selvatici e quindi non erano in grado di indurre una sterilità del 100% nella popolazione di zanzare selvatiche. (ii) la separazione dei sessi allo stadio pupale non era molto efficace e il tasso di contaminazione femminile era di circa il 3-5%. Ciò significa che a ogni rilascio c’erano migliaia di femmine tra i maschi rilasciati, che mordevano gli esseri umani. Questo perché il dimorfismo sessuale nelle dimensioni delle pupe maschili e femminili non era molto distinto. (iii)
 
Sono stati adottati altri metodi, come l’irradiazione, e sono state rilasciate zanzare Cq citoplasmaticamente incompatibili. Quest’ultimo metodo sviluppato da uno scienziato tedesco, Hans Laven, si è poi rivelato un flop, in quanto è stato dimostrato che la cosiddetta incompatibilità era dovuta alla presenza di un’infezione rickettsiale e poteva essere curata trattando con tetraciclina gli animali di cui le zanzare si nutrivano. (iv) Sono stati condotti, invece, notevoli ed estesi studi sul campo riguardanti l’ecologia, il comportamento e la dinamica di popolazione della zanzara filaria Culex. (v) Infine, è stata data particolare enfasi e un ampio lavoro alla Aedes aegypti.
 
Studi sul vettore della febbre gialla
 
Perché sono stati intrapresi studi dettagliati sul vettore della febbre gialla, Aedes aegypti, visto che l’India non aveva la febbre gialla? Un documento non classificato del Corpo Chimico dell’Esercito degli Stati Uniti del 1960, che descrive i suoi sforzi per la guerra chimica e biologica, ha rivelato: “Nel 1953, i Laboratori di Guerra Biologica (BW) di Fort Detrick stabilirono un programma per studiare l’uso di artropodi per diffondere agenti BW antiuomo”. Il rapporto citava i vantaggi dell’uso degli insetti e sottolineava che “rimarranno vivi per un certo periodo di tempo, mantenendo un’area costantemente pericolosa”. Il programma ha studiato l’uso di Aedes aegypti e del virus della febbre gialla. Durante l’epoca della Guerra Fredda, l’obiettivo più ovvio era l’Unione Sovietica. Il rapporto osservava: “La febbre gialla non si è mai manifestata in alcune aree, compresa l’Asia, e quindi è abbastanza probabile che la popolazione di queste aree sia abbastanza suscettibile alla malattia”.
 
Tra aprile e novembre del 1956, la Corporazione ha rilasciato zanzare femmine non infette (Aedes aegypti) in un’area residenziale di Savannah, in Georgia. Si scoprì che nel giro di un giorno le zanzare avevano percorso da una a due miglia e avevano punto molte persone. Un test del 1958 nella stessa zona confermò che “le zanzare potevano essere diffuse su aree di diverse miglia per mezzo di dispositivi sganciati da aerei o installati a terra”. Sebbene questi test siano stati effettuati con zanzare non infette, è abbastanza sicuro che le zanzare infette possano essere diffuse altrettanto bene”. Era quindi significativo notare che il GCMU aveva perfezionato “tecniche di produzione di massa” e sviluppato una distribuzione automatica di zanzare Aedes attraverso un dispositivo montato su un risciò che poteva entrare in vicoli stretti di una città affollata e rilasciarle a grappoli.
 
L’articolo del National Herald
 
Ma i semi di una controversia furono gettati l’11 febbraio 1972, meno di due anni dopo l’avvio del GCMU, quando il National Herald, un quotidiano nazionale di Delhi, pubblicò un articolo “Science or Neo Imperialism” (Scienza o neo-imperialismo), scritto da “A scientific Worker”. (In seguito è stato rivelato che l’articolo era stato scritto da uno scienziato della difesa di alto livello, con il grado di direttore, che ora non c’è più). La notizia ha suscitato un certo scalpore. L’articolo evidenziava che il tiotepa, utilizzato dall’UGCM per la sterilizzazione delle zanzare, era un agente cancerogeno. In seguito, Blitz, un tabloid settimanale di Bombay, lo pubblicò in prima pagina. Sorprendentemente, più o meno nello stesso periodo, German News, una pubblicazione regolare dell’Ambasciata di Germania a Delhi, pubblicò un articolo del Prof. Hans Laven, che lavorava presso il GCMU, che sosteneva l’uso del suo ceppo di Cq con incompatibilità citoplasmatica, supportando le opinioni del National Herald.
 
È stato immediatamente premuto un pulsante per il panico ed è stato riferito che il Direttore generale dell’ICMR ha chiesto a C. Raghavan, il capo del PTI, di inviare qualcuno per indagare sulla questione. Fu così che entrò in scena K.S. Jayaraman. Egli svolse indagini approfondite per 15 mesi e il 9 luglio 1974 pubblicò sul PTI un rapporto critico nei confronti del funzionamento del GCMU. I giornali di tutta l’India lo riportarono.
 
Questo ha fatto scalpore perché ha coinvolto l’OMS. Il Mainstream ha citato Raghavan: “Ci sono voluti quasi diciannove mesi di indagini pazienti, di controlli incrociati di tutte le piste e di lettura di una grande quantità di materiale tecnico, per capire le ramificazioni di varie attività di ricerca sponsorizzate dall’estero nel Paese. Il nostro sforzo principale si è concentrato sul lavoro dell’Unità di Controllo Genetico delle Zanzare (GCMU), una struttura gestita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nell’ambito di un accordo con il Ministero della Salute presso il Consiglio Indiano di Ricerca Medica (ICMR) e finanziata dagli Stati Uniti con i fondi PL-480”. Il rapporto citava inoltre Raghavan: “Mentre noi abbiamo impiegato quindici mesi per mettere insieme la storia e pubblicarla, al Ministro sono bastate ventiquattro ore di lettura sulle zanzare per definire il rapporto ‘tendenzioso, ingiusto e fuorviante'”.
 
Il Parlamento in allarme
 
La questione è stata sollevata in Parlamento, che ha deciso di far indagare il Public Accounts Committee (PAC). Raghavan ha detto che: “Ci sono voluti altri nove mesi di paziente indagine da parte del PAC prima che il team del PTI venisse vendicato e il Ministero della Salute incriminato. Nel processo di ricerca di materiale per aiutare l’indagine del PAC e presentare un quadro di ciò che accade in questa nostra terra, ci siamo imbattuti in una tale quantità di materiale che forse avrebbe riempito un libro, e quasi si legge come un thriller…. L’ostruzione e la non collaborazione della burocrazia nei nostri tentativi di arrivare ai fatti non sono stati una sorpresa per noi, anche se il mio collega, il dott. S. Jayaraman, che ha fatto tutto il lavoro, le letture e le ricerche, è rimasto sconcertato, come scienziato, nello scoprire che nel Ministero della Salute scienziati e medici non potevano discutere liberamente di questioni anche a livello scientifico senza temere azioni dall’alto”. Anche uno dei più importanti scienziati indiani è stato perseguitato per aver collaborato all’inchiesta di Jayaraman.
 
Per la prima volta nella storia parlamentare dell’India, è stata approvata una mozione di aggiornamento su un tema di guerra biologica. Come già detto, il PAC, guidato da due brillanti parlamentari, il Prof. Hiren Mukerjee (167° rapporto) e Jyotirmay Basu (200° rapporto), ha smascherato molte cose che avvenivano sotto gli auspici dell’OMS e sotto le vesti della collaborazione internazionale in India. Hanno messo in luce la prospettiva di guerra biologica degli Stati Uniti, camuffata dall’USPHS, nel GCMU e come, contrariamente all’accordo tra l’OMS e il governo indiano, non si sia lavorato sulla malaria ma sul controllo dei vettori filari in un luogo dove la malattia non era endemica. Ma l’orrore di tutto ciò è che si è lavorato intensamente su Aedes aegypti, il vettore della febbre gialla e della dengue, ma non su un vettore della malaria umana né della filariosi.
 
È stato sviluppato un allevamento di massa della zanzara e un meccanismo perfetto per la distribuzione di Aedes aegypti in ogni strada di una città molto trafficata, Sonepat, Haryana, per la quale è stata realizzata una mappa dettagliata di ogni strada. E proprio quando le operazioni stavano per essere avviate, l’esercito indiano è entrato in azione. Sono state molte le persone e le agenzie coinvolte nell’arresto delle operazioni: Raghavan, Jayaraman e un entomologo sconosciuto erano coinvolti nell’operazione, con il sostegno attivo di P.N. Haksar, Ashok Parthasarathy, l’allora consigliere scientifico del Primo Ministro, l’ala di ricerca e analisi (RAW) e i pezzi grossi dell’esercito (compreso il Capo di Stato Maggiore). Il presidente del PAC scrisse al Primo Ministro il 31 gennaio 1975 (PAC 225), chiedendogli di mettere a disposizione i migliori servizi di intelligence per questo e altri progetti collegati. Anche le autorità della difesa si svegliarono in seguito agli articoli del National Herald.
 
Anche il governo dell’Haryana intervenne. Il 17 febbraio 1975, infatti, ha riferito di aver catturato fisicamente un funzionario del GCMU alla periferia di Sonepat, mentre si trovava lì con l’armamentario e stava per distribuire l’Aedes aegypti nelle strade. Le è stato permesso di andarsene solo dopo aver ottenuto la promessa che nessun esperimento sarebbe stato condotto a Sonepat senza la specifica approvazione del governo dell’Haryana. Sembra che il Primo Ministro sia intervenuto e abbia dato istruzioni al Ministro della Salute di abbandonare il progetto. Il GCMU fu sciolto nel giugno 1975.
 
Quasi cinque decenni dopo, come persona che ha fatto parte del GCMU, ho ritenuto necessario raccontare la storia in modo che i pianificatori politici e gli scienziati di oggi siano consapevoli di ciò che è realmente accaduto e delle insidie della collaborazione internazionale in campo scientifico e tecnologico (“Mosquito in the ointment”, Frontline, 28 gennaio 2018).
 
L’UGCC è stata utilizzata per la guerra biologica?
 
Il PAC ha svolto un lavoro esaustivo. Si è basato anche sui rapporti dell’Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma (SIPRI). Anche un ex direttore generale aggiunto dell’ICMR aveva fornito al PAC molti riferimenti sulla guerra biologica. Il PAC ha affermato che l’OMS era stata usata come copertura per alcuni progetti di ricerca statunitensi in India che avevano a che fare con la guerra biologica (rapporto PAC 167, paragrafo 7.1.4). Il PAC ha confermato la sostanza di un precedente articolo di PTI e ha affermato che questi e altri progetti collegati avevano una scarsa utilità per l’India, ma avevano un significato per la guerra biologica o di altro tipo. È noto fin dall’inizio del XX secolo che l’India è un Paese ricettivo per la febbre gialla. Il Paese è ricco di Aedes aegypti e di scimmie che sono ottimi serbatoi per il virus della febbre gialla. Le Aedes aegypti e altre specie di zanzare presenti in India possono diffondere il virus da scimmia a uomo e da uomo a uomo. Nonostante queste condizioni ideali, la febbre gialla non ha colpito l’India.
 
La vulnerabilità dell’India a un attacco di guerra biologica contro la febbre gialla era nota agli Stati Uniti e alla Germania nazista durante la Seconda Guerra Mondiale. All’inizio del 1940 il governo indiano aveva ricevuto informazioni confidenziali dagli Stati Uniti secondo cui, in caso di guerra in Estremo Oriente, esisteva la possibilità che il Giappone ricorresse alla guerra biologica con il virus della febbre gialla (C.G. Pandit, Indian Journal of Medical Research, p. 1524). Nell’autunno del 1939 Goebbels, parlando da Monaco, accusò gli inglesi di aver tentato di introdurre la febbre gialla in India trasportando zanzare infette dall’Africa occidentale e liberandole dagli aerei sulle città indiane; l’intero piano era presieduto da un alto funzionario permanente del ministero degli Esteri ( British Medical Journal, Vol.1 (1947), pp.893-895).
 
Poco prima dell’inizio della guerra, un’agenzia nemica tentò effettivamente di entrare in possesso di un ceppo virulento del virus della febbre gialla (ibidem). Considerando questo contesto e gli enormi progressi compiuti a Fort Detrick nello sviluppo di un sistema di guerra biologica, gli esperimenti degli esperti dell’USPHS in India hanno dato una nuova dimensione alle attività dell’UGC sull’Aedes aegypti. Inoltre, è noto che l’USPHS, che ha sponsorizzato il GCMU, ha mantenuto uno stretto legame con Fort Detrick e “riceve alcune centinaia di migliaia di dollari per i suoi sforzi” (Steven Ross, p. 123).
 
Il laboratorio americano per la guerra biologica di Fort Detrick aveva esaminato oltre 200 candidati, ma l’interesse maggiore per la guerra biologica era rivolto a pochi agenti che includevano il virus della febbre gialla (SIPRI Vol.II, pp.37-38). È stata prestata attenzione anche a un virus della febbre gialla aerosolizzato (Science, 13 gennaio 1967). Già nel 1960 il programma statunitense di guerra batteriologica era passato dal concetto alla fattibilità e dalla ricerca di base allo sviluppo di un sistema d’arma completamente nuovo e potenzialmente molto efficace per la guerra biologica. A quanto pare si trattava di una combinazione di virus della febbre gialla e della zanzara Aedes aegypti (SIPRI Vol. II, p. 81). Sono state sviluppate tecniche per infettare zanzare di questa specie con il virus della febbre gialla e mantenerle in vita per un mese. La ricerca sulla guerra entomologica era altamente classificata e nessuno dei briefing del Congresso americano ha mai approfondito l’entomologia (Seymour Hersh, p.88).
 
Reazioni contrastanti
 
In India il Direttore Generale dei Servizi Sanitari (DGHS) ha ammesso che le conoscenze acquisite con l’esperimento di controllo genetico potrebbero certamente essere utilizzate per inserire il virus nelle zanzare e iniziare a concentrarsi su una malattia come la febbre gialla (PAC, p. 135-137). Nei circoli scientifici internazionali le accuse di guerra biologica nei confronti del progetto OMS-ICMR produssero reazioni contrastanti. New Scientist (9 ottobre 1975, p. 102) disse che le accuse erano decisamente poco ridicole. Citava un esperto di guerra biologica che affermava che i dati del GCMU sarebbero stati utili se si fosse voluto attaccare l’India con la febbre gialla.
 
Secondo il Comitato, i dati indiani avrebbero potuto essere utili per scoprire perché la febbre gialla non si era manifestata nonostante la presenza di vettori e scimmie. Ma anche i critici ammettono che il progetto OMS-ICMR riguardava un’area in cui vi era una sovrapposizione di interessi per la salute pubblica e la guerra biologica. Ma le implicazioni della guerra biologica sono state ignorate (in India) o non sono state affatto evidenziate quando il progetto è stato proposto e molti scienziati ne sono venuti a conoscenza solo dopo il servizio giornalistico investigativo del 1974 e il successivo rapporto del PAC.
 
Tuttavia, alcuni indizi suggeriscono che il progetto sia stato concepito con l’obiettivo principale della guerra biologica. Il sito di Sonepat per il rilascio di Aedes aegypti era stato scelto dall’OMS e dall’USPHS ancora prima che il GCMU prendesse formalmente forma. Nonostante le obiezioni di carattere scientifico da parte dell’istituto di sanità locale (NICD), il sito non è stato cambiato (PAC, p. 191). Il test di ceppi stranieri di zanzare Aedes aegypti per la loro potenziale virulenza come vettori della febbre gialla è stato considerato inutile dall’USPHS e dal virologo dell’OMS (dottor Paul Bres), che (per coincidenza?) era un ex colonnello dell’esercito francese.
 
Questo è strano in un progetto scientifico come questo, soprattutto considerando che gli esperti avevano avvertito che sarebbe stato estremamente grave se la febbre gialla fosse stata introdotta in Asia o nelle isole del Pacifico, dove la malattia non si era mai manifestata (“Biological and Chemical Warfare policies of the U.S.”, p.411). A preoccupare è stata anche la riluttanza dell’unità a cambiare la priorità dalle zanzare portatrici di malaria (problema numero uno non solo in India, ma in tutto il subcontinente indiano e nelle aree limitrofe) alla sua ossessione per gli studi sull’Aedes aegypti. È noto che questa specie può svolgere un ruolo benefico ai tropici diffondendo la febbre dengue che, a sua volta, protegge la popolazione dalla febbre gialla (Max Theiler e W.G. Downs, pagg. 442-443; anche C.G. Pandit, IJMR, pag. 1541).
 
Spionaggio scientifico
 
La ricerca sulle zanzare in India faceva parte di un programma di ricerca sulla guerra biologica che era stato bandito dagli organismi mondiali ma non dalle menti degli scienziati e dei politici d’élite? È difficile dirlo. Ma quando il numero di coincidenze sfida la legge sui valori medi, non si tratta di eventi casuali e le probabilità devono andare nella direzione opposta. Lo spionaggio scientifico nei Paesi in via di sviluppo è facile perché gli scienziati e i dipartimenti scientifici di questi Paesi sono a corto di fondi. Molte delle figure scientifiche chiave sono state istruite in Paesi avanzati, il che facilita la creazione di contatti con potenziali collaboratori a livello personale. Il complesso di inferiorità e la mancanza di macchinari adeguati per valutare i progetti sponsorizzati dall’estero espongono i Paesi ai disegni malvagi degli stranieri.
 
Tale valutazione può essere fatta da Paesi scientificamente all’altezza, ma molti Paesi in via di sviluppo non sono in grado di valutare i progetti stranieri dal punto di vista della sicurezza o dell’economia, e nemmeno dal punto di vista dell’utilità per loro stessi. Il PAC, dopo aver preso in considerazione l’intera gamma di progetti di ricerca finanziati o collaborati dall’estero, ha raccomandato nel suo rapporto (PAC, 1974, nn. 167 e 200, pp. 209-210) quanto segue:
 
“Il governo dovrebbe identificare una serie di aree scientifiche o operative in cui le indagini condotte da stranieri o da programmi assistiti dall’estero dovrebbero essere sottoposte al più attento e completo controllo, caso per caso, prima di dare l’approvazione per l’avvio del progetto. Le aree scientifiche selezionate in un determinato momento dovrebbero essere definite nel contesto della situazione internazionale esistente e dei progressi della scienza e della tecnologia.
 
“Per cominciare, la commissione suggerisce le seguenti aree: (a) tutti gli aspetti dell’oceanografia e della ricerca relativa alle risorse oceaniche e alle nostre zone costiere; (b) tutti gli aspetti relativi alla meteorologia e al tempo atmosferico, in particolare i progetti di modifica del tempo atmosferico; (c) il telerilevamento tramite aerei e satelliti, in particolare per la valutazione delle risorse naturali; (d ) aree della biologia come la microbiologia, l’epidemiologia, l’ecologia e la virologia; (g) tutti gli aspetti della tossicologia di farmaci, pesticidi e altre sostanze chimiche; (f) la propagazione delle onde radio, compresi gli studi finalizzati alla raccolta di informazioni sulla ionosfera e sugli altri strati superiori dell’atmosfera sopra il nostro Paese; (g) tutte le indagini scientifiche nelle aree di confine come la “geologia himalayana”. ” (ndt enfasi aggiunta) 
 
Abbiamo imparato la lezione?
 
Il governo dovrebbe decidere che tutte le proposte di indagini scientifiche intraprese in queste aree definite con l’aiuto o in associazione con organizzazioni straniere o con fondi stranieri di qualsiasi provenienza debbano essere inviate dal Ministero, dal laboratorio dell’agenzia o dall’istituzione privata interessata a un punto nodale all’interno del governo per una revisione completa e un’autorizzazione. “Il punto nodale dovrebbe essere un comitato di scienziati di alto livello, guidato dal consigliere scientifico del Ministero della Difesa, ma che includa, e forse dovrebbe includere, altre agenzie di alta sicurezza del governo. Il comitato auspica che, una volta istituito questo meccanismo, esso riesamini anche tutti i progetti esistenti o del tipo menzionato nel paragrafo precedente”. Ma per quanto ne so, non esiste un punto nodale di questo tipo e le nostre varie istituzioni hanno, già ora, molti progetti di collaborazione con l’estero.
 
Il meccanismo suggerito dal PAC potrebbe al massimo occuparsi degli aspetti legati alla sicurezza e alla difesa. Ma non può affrontare il problema dell’emorragia interna. In ogni caso, a differenza dell’India, molti Paesi in via di sviluppo non hanno nemmeno il talento scientifico necessario per valutare questi problemi. Forse una soluzione per i Paesi del Terzo Mondo è quella di creare un proprio segretariato o centro organizzativo con personale selezionato per integrità e capacità e per finalità sociali e di utilizzare le sue risorse per esaminare e consigliare i Paesi del Terzo Mondo in progetti e proposte nei campi della S&T. Le Nazioni Unite e le sue agenzie specializzate avrebbero potuto costituire un’agenzia di controllo in collegamento con i piani di trasferimento di S&T per aiutare i Paesi sviluppati a consultare e valutare i progetti stranieri di ricerca scientifica. Tuttavia, l’ONU e le sue agenzie, come l’OMS, sono attualmente controllate dalle grandi potenze.
 
Il dottor P.K. Rajagopalan è l’ex direttore del Centro di ricerca sul controllo dei vettori, Pondicherry, Consiglio indiano di ricerca medica.
 
Riferimenti
 
Stockholm International Peace Research Institute (1973): The Problem of Chemical and Biological Warfare , Vol. I: The Rise of CB Weapons, Vol. II: CB Weapons Today, Stockholm: Almqvist and Wiksell.
 
2. , London: McGibbon and Keet Ltd.
 
3. Public Accounts Committee (1974-75) Fifth Lok Sabha, 167th report, and 200th report, “Foreign participation or collaboration in reserve projects in India”, New Delhi: the Lok Sabha Secretariat.
 
4. Cookson, John government publication, London: Sheed and Ward .
 
TRADUZIONE A CURA DI NOGEOINGEGNERIA 
 
 
Se volete essere aggiornati sulle ultime novità, iscrivetevi al CANALE TELEGRAM  https://t.me/NogeoingegneriaNews
 
 

RispondiCitazione
Condividi: