Notifiche
Cancella tutti

Mucche infettate dall’influenza aviaria sono morte in cinque stati americani


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14464
Topic starter  
C’è una crisi economico/sanitaria potenzialmente dirompente che può colpire il settore alimentare e di cui nessuno parla.
 
Le mucche da latte infettate dall’influenza aviaria in cinque stati americani sono morte o sono state abbattute dagli allevatori perché non si sono riprese, hanno dichiarato a Reuters funzionari statali e studiosi.
La notizia dei decessi suggerisce che l’epidemia di influenza aviaria nelle mucche potrebbe avere un impatto economico maggiore di quanto si pensasse. Gli allevatori da tempo abbattono il pollame infettato dal virus, ma le mucche costano molto di più di polli e tacchini.
Un portavoce del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha dichiarato che l’agenzia è a conoscenza di alcuni decessi, ma che la maggior parte delle mucche si riprende bene. Non è stato possibile determinare il numero totale di mucche affette da influenza aviaria che sono morte o sono state uccise in South Dakota, Michigan, Texas, Ohio e Colorado.
Secondo l’USDA, dalla fine di marzo l’influenza aviaria ha infettato le vacche da latte di oltre 80 allevamenti in 10 Stati.
Alcuni degli animali sono morti a causa di infezioni secondarie contratte dopo che l’influenza aviaria ha indebolito il loro sistema immunitario, hanno dichiarato veterinari statali, funzionari dell’agricoltura e accademici che assistono le risposte statali all’influenza aviaria. Altre mucche sono state uccise dagli allevatori perché non sono riuscite a riprendersi dal virus.
 
Secondo gli allevatori e i veterinari, i bovini infettati dall’influenza aviaria soffrono di una ridotta produzione di latte, problemi digestivi, febbre e diminuzione dell’appetito.
Nel South Dakota, un caseificio di 1.700 vacche ha mandato al macello una dozzina di animali che non si erano ripresi dal virus e ne ha abbattuti un’altra dozzina che avevano contratto infezioni secondarie, ha dichiarato Russ Daly, professore della South Dakota State University e veterinario dell’ufficio di divulgazione dello Stato che ha parlato con l’azienda.
“Se le mucche si ammalano per una malattia, si crea un effetto domino per altre cose, come la polmonite di routine e i problemi digestivi”, ha detto Daly.
 
Un’azienda agricola del Michigan ha ucciso circa il 10% delle sue 200 mucche infette dopo che anch’esse non si sono riprese dal virus, ha dichiarato Phil Durst, un educatore della Michigan State University Extension che ha parlato con l’azienda.
 
Il Michigan ha il maggior numero di infezioni confermate nel bestiame rispetto a qualsiasi altro stato e due dei tre casi confermati di lavoratori del settore lattiero-caseario degli Stati Uniti che hanno contratto l’influenza aviaria.
 
In Colorado, alcuni caseifici hanno riferito di aver abbattuto le vacche affette da influenza aviaria perché non sono tornate a produrre latte, ha dichiarato Olga Robak, portavoce del Dipartimento dell’Agricoltura dello Stato.
 
Meghan Harshbarger, portavoce del Dipartimento dell’Agricoltura dell’Ohio, ha dichiarato che le mucche infette sono morte in Ohio e in altri Stati colpiti, soprattutto a causa di infezioni secondarie.
 
Anche la Commissione per la salute animale del Texas ha confermato che le mucche sono morte per infezioni secondarie in alcune aziende lattiero-casearie con focolai di influenza aviaria.
 
I funzionari non sono stati in grado di fornire cifre sul numero di decessi di vacche in tutto lo stato. Il veterinario di Stato del Nuovo Messico, Samantha Uhrig, ha dichiarato che gli allevatori hanno abbattuto sempre più vacche a causa della diminuzione della produzione di latte all’inizio dell’epidemia, prima ancora che gli Stati Uniti confermassero che l’influenza aviaria stava infettando i bovini. Gli abbattimenti sono diminuiti quando gli allevatori hanno capito che la maggior parte delle mucche si riprendeva gradualmente.
 
I funzionari della Carolina del Nord e del Kansas hanno dichiarato che nei loro Stati ci sono stati pochi o nessun decesso di vacche associato all’influenza aviaria. I funzionari dell’Idaho non hanno risposto alle richieste di informazioni.
 
Il mese scorso l’USDA ha dichiarato che particelle del virus dell’influenza aviaria sono state rinvenute nel tessuto bovino prelevato da una mucca da latte destinata alla macellazione per la produzione di carne e che la carne dell’animale non è entrata nell’approvvigionamento alimentare.
 
L’agenzia ha riferito che non sono state trovate particelle virali in campioni di carne macinata raccolti nei negozi al dettaglio e che non è stato trovato alcun virus dell’influenza aviaria dopo aver cucinato la carne macinata a cottura media o ben cotta, dopo che era stata iniettata con un surrogato del virus come parte di un esperimento.
 
La diffusione di un patogeno influenzale con una mortalità sensibile nel settore dell’allevamento e caseario può avere delle conseguenze devastanti sull’economia USA.
 
 
 

Il Paese e il maggior produttore mondiale di carne bovina. Questa malattia, se dovesse  diffondersi maggiormente, potrebbe portare a una scarsità di fornitura a livello globale con un aumento dei prezzi devastante.
7 Giugno 2024 di SummerSimo
 
stabilimenti di allevamenti di pollame in fiamme, suini abbattuti con qualsiasi pretesto, anche in Italia. Non bastava controllarli che stavano bene? No. Si uccide.
 
 

Citazione
Condividi: