Notifiche
Cancella tutti

Pakistan: blackout dei cellulari mentre si svolgono le votazioni. Visti i risultati si temono brogli


dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14168
Topic starter  
In Pakistan si stanno tenendo le elezioni generali, in mezzo a attentaati che sono costati, fra ieri e oggi, oltre una trentina di morti. Eppure, nonostante tutto, l’esercizio democratico sta avendo luogo, anche se i timori di brogli sono notevoli sia per l’interruzione dei servizi di telefonia mobile, sia perchè i risultati parziali non sono sicuramente graditi a molte parti al governo.
 
Alle otto dis era, al termine delle votazioni, il servizio di telefonia mobile era stato interrotto a livello nazionale per “Motivi di sicurezza”. Quindi il governo ha annunciato cia X che questo sistema di comunicazioni era stato riattivato in buona parte del paese, ma sicuramente questo blackout nelle comunicazioni fa creare dei dubbi che il le autorità vogliano manivrare il risultato elettorale.
 
I risultati non sono stati ancora annunciati, ma, secondo quanto comunicati da risultati pazriali di Asia Elects, il partito dell’ex primo ministro, ora incarcerato, Imarn Khan, il PTI, sarebbe abbondatemente in testa:
 
 
 
Il PTI non solo avrebbe vinto, avrebbe addirittura stravinto, mentre dei nove partiti che attualmente sono al governo, dopo quello che è stato praticamente un colpo di stato, quattro sono spariti, uno è quasi scomparso, due sono fortemente calati e solo uno è aumentato, mentre uno è “Personale”.
 
In questa situazione tutti i partiti tranne il PMLN stanno gridnado ai brogli elettorali, e penso che pochi se la sentano di dargli torto. Ci sono notizie di movimenti di soldati di fronte a vari uffici istituzionali, ufficialmente per motivi di sicurezza. Il PTI voleva una modernizzazione del paese, maggiori diritti alle donne e alle minoranze, una gestione dello stato meno corrotta, rapporti internazionali equilibrati fra le varie potenze e la fine della crisi del Kashmir con l’India.
 
Domani sapremo se ci sarà un golpe militare o un momento di democrazia.
8 Febbraio 2024 Di Guido da Landriano
 
 
un passetto indietro
 
marzo 2023
 
"... In Pakistan, a meno che non si combatta il sistema, la morsa di un'élite corrotta, che sta distruggendo questo Paese ...
Se non combattiamo, questo Paese diventerà invivibile.
... se persone come me, che sono privilegiate, che hanno più rispetto e amore in questo Paese di chiunque altro, se non combatto io per il mio Paese, chi lo farà?
Quindi, prigione, possibilità di essere assassinato? ...
Quando sono entrato in politica, 26 anni fa, ho capito che sarei andato contro delle mafie, e poi ho capito che se non avessi vinto la mia paura di morire, che è la paura più grande, non sarei stato in grado di combattere queste mafie.
... Sono decisi a farmi finire in prigione. Perché? Perché hanno paura di me... che possa contendere le elezioni."
Imran Khan,
marzo 2023
 
Clip originale da IROP ( https://t.me/IR_Pakistan/7111)🇵🇰
 
Imran Khan ha subito un attentato ( https://t.me/c/1671553909/4259) alla vita nel novembre 2022, e ricordo anche questa clip da una vecchia intervista ( https://t.me/c/1671553909/7785) con Julian Assange.
 
🇮🇹 Sottotitoli 🦅JC17🕊
🔗 Link d'accesso ( https://t.me/+D-F_b7EbYWYxN2Q0) al
canale 🦅🇺🇸 HOPE 🇮🇹🕊 https://t.me/guerrieriperlaliberta/28773

Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14168
Topic starter  

a proposito  di interferenze....per non aprire topic metto qui

🟩❗️Il disegno di legge che prevede aiuti finanziari a Israele, Ucraina e Taiwan riceve sufficiente sostegno al Senato degli Stati Uniti.

Il pacchetto vale complessivamente 95 miliardi di dollari.

L'emendamento è stato approvato con 67 voti favorevoli e 27 contrari e costituisce un altro passo verso l'approvazione definitiva.

🇷🇺 🇷🇺incenzo Lorusso ✈️

https://t.me/donbassitalia/20304


RispondiCitazione
Condividi: