Notifiche
Cancella tutti

Pubblicati quasi 400.000 commenti oscurati dal Vaers sugli effetti avversi. Ed è solo la prima trance di dati


dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14271
Topic starter  
Effetti avversi di ogni tipo. Nella prima trance dei documenti rilasciati ne sono emersi quasi 400mila.  Potete scaricare il documento qui. Il mese scorso, un giudice federale ha ordinato al CDC di rilasciare tutti i 7,8 milioni di dati dettagliati di “testo libero” nei prossimi 12 mesi. La sezione “testo libero” è l’unico posto in V-Safe in cui i partecipanti possono segnalare potenzialmente eventi avversi gravi. Il CDC ha rilasciato la serie iniziale di dati contenenti i sintomi segnalati dopo l’iniezione. Le voci che aprono gli occhi lo dicono.
 
“Il CDC ha rilasciato la prima goccia dei commenti a testo libero di V-safe in modo che tutti possano verificare da soli che il vaccino COVID presenta problemi di sicurezza estremamente gravi”, commenta Steven Kirsch.
 
“Ci sono quasi 400.000 commenti in questa versione.
 
L’unica domanda è: perché hanno aspettato così tanto tempo per farlo?
 
A mio parere, queste “testimonianze dei clienti” sono l’unico strumento più venduto di cui dispongono per convincere le persone a prendere il vaccino COVID.
 
Il CDC dovrebbe pubblicare annunci televisivi e sui giornali! Qualcosa del tipo “Non sei sicuro che il vaccino COVID sia adatto a te? Ecco cosa hanno da dire i nostri utenti soddisfatti su questo fantastico prodotto che cambierà la tua vita, a volte per sempre!”
 
“Le voci di testo libero sono fondamentali perché, sorprendentemente, nonostante abbia un indice di “eventi avversi di particolare interesse” elencati nel suo protocollo, V-Safe ha omesso completamente di tenere traccia di quegli stessi eventi avversi”, commentano Tracy Beanz & Michelle Edwards. “Come spiegato dall’ICAN, invece di chiedere ai partecipanti al V-safe se, ad esempio, hanno sperimentato cose come anafilassi, miocardite o coagulopatia dopo aver assunto un “vaccino” interamente sperimentale basato su una tecnologia mai utilizzata prima, il CDC ha sconsideratamente chiesto solo reazioni minori e generalizzate, come “brividi”, “mal di testa”, “affaticamento o stanchezza” e “vomito”. Pertanto, gli utenti che desiderano segnalare eventi avversi più gravi devono utilizzare il campo “testo libero”, che consente fino a 250 caratteri. Questi dati sono cruciali per comprendere il profilo di sicurezza dei “vaccini” COVID-19. Il fatto che finora il CDC non abbia rilasciato volontariamente questi dati critici è indicativo del fallimento generale della responsabilità del governo federale di proteggere la salute degli americani.
 
Gli utenti hanno segnalato “anafilassi” – una reazione allergica grave, potenzialmente pericolosa per la vita – numerose volte, descrivendo in dettaglio esperienze come: “Visita al pronto soccorso per anafilassi… sono andato al pronto soccorso… ho avuto un ripetuto gonfiore del viso”. Un utente ha scritto: “Anafilassi entro 10 minuti. di essere vaccinato. Gola gonfia quasi chiusa. Un altro utente ha scritto:
“Dopo aver ricevuto l’iniezione (entro 15 minuti) ho avuto una reazione allergica (stringimento della gola, vertigini, confusione, battito cardiaco elevato) e sono stato portato al pronto soccorso. Ho ricevuto un’iniezione di steroidi, un’iniezione di Benadryl e un’iniezione di efefrina. È stato rilasciato per tornare a casa. L’utente in seguito scrisse: “Sensazione di lieve reazione allergica alla gola. Frequenza cardiaca elevata.”
È interessante notare che migliaia di utenti hanno segnalato uno strano “sapore metallico” in bocca, spesso accompagnato da una sensazione di formicolio nella lingua, della durata che può variare da pochi minuti a ore o più. Altrettante persone, a migliaia, hanno sperimentato battiti cardiaci rapidi e preoccupanti. Allo stesso modo, oltre ai continui sentimenti di intensa ansia, intorpidimento, vertigini, rigidità, stanchezza e diarrea, migliaia di persone si sono recate al pronto soccorso entro 24-48 ore dalla ricezione del “vaccino”. Un utente ha descritto la propria esperienza al pronto soccorso, affermando: “Da 3 a 5 giorni dopo l’iniezione, ho avvertito un’eruzione cutanea intorno agli occhi che era dolorosa e bruciante. Mi sono presentato al pronto soccorso giovedì 24/12, con la diagnosi di herpes zoster/herpes zoster, che non avevo mai avuto prima, quindi ho solo il sospetto che ciò possa essere stato il risultato della mia prima dose di vaccino COVID. ” Purtroppo, oltre 600 utenti hanno notato espressamente di essere incinte quando hanno ricevuto l’iniezione. Il CDC li ha monitorati più da vicino? Dovrebbero avere. Ventidue utilizzatrici hanno riferito di aver avuto un aborto spontaneo in coincidenza con la ricezione del “vaccino”. Uno di questi utenti ha scritto:
“Ho avuto un aborto spontaneo. Avrei dovuto essere incinta di 8 settimane, ma il bambino ha smesso di crescere alla 6a settimana, ovvero molto vicino a quando ho ricevuto il vaccino.
Ci vorranno settimane per vagliare le inquietanti voci di “testo libero” che descrivono in dettaglio la miriade di sintomi preoccupanti sperimentati dagli utenti nei primi due giorni dopo aver ricevuto il “vaccino”. Le 390.000 voci iniziali sottolineano il potenziale di sintomi di eventi avversi più gravi come la miocardite che potrebbero essere rivelati man mano che verranno rilasciati più file di dati con “testo libero”. Nonostante le voci inquietanti, dato il disastro che è stata la campagna del “vaccino” contro il COVID-19, la revisione dei dati è un enorme passo nella giusta direzione. L’ICAN ha osservato: “Questa sentenza invia un messaggio chiaro alle nostre agenzie federali: non andremo avanti dimenticandoci della pandemia o delle azioni che hanno intrapreso. L’ICAN non si fermerà finché TUTTI i dati non saranno resi pubblici e finché non ci sarà vera trasparenza e responsabilità riguardo al COVID-19”.
In effetti, quando si valuta la catastrofe pandemica, la responsabilità per la sua palese e oppressiva cattiva gestione è fondamentale. Gli americani meritano di meglio. In una delle tante voci strazianti, un utente ferito da vaccino, senza dubbio terrorizzato, ha condiviso voci riguardanti dopo aver ricevuto la sua prima iniezione di COVID-19, che si sentiva chiaramente obbligato a farsi. Facendo numerose voci, l’utente ha scritto:
“Ho avuto una lieve tachicardia 10 minuti dopo l’iniezione, difficoltà a respirare profondamente, sudavo e sono diventato rosso vivo. Il mio lavoro mi ha fatto prendere un Benadryl.
Ho perso l’uso del braccio destro e non riuscivo a sollevarlo. Ho avuto il COVID due volte e la notte in cui mi è venuta voglia di COVID-19. Non sono sicuro di poterlo ripetere per un secondo scatto. Voglio fare la mia parte, ma questo era irreale. Qualcuno intorno a me in realtà mi ha detto di non fare il secondo colpo. Era come se la morte fosse entrata nelle mie ossa, come se venissero martellate. Continuavo a svegliarmi piangendo con una frequenza respiratoria negli anni ’60. Non potevo fare respiri profondi perché mi facevano male le costole. Ho una tolleranza molto elevata al dolore e questo mi ha fatto piangere”.
“E il vantaggio collaterale è che hai maggiori probabilità di morire di COVID, come indicato in questo articolo. Quindi non aspettare! Ottieni subito la tua dose, così potrai iniziare a godere di tutti i vantaggi! Alcuni di questi benefici dureranno tutta la vita!”, conclude Steven Kirsch.
 

Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14271
Topic starter  

I soldati americani hanno posto domande sui vaccini contro il Covid-19

Alla domanda se conoscessero qualcuno che fosse stato danneggiato dai vaccini COVID-19, cinque persone su cinque hanno alzato la mano. Quando è stato chiesto se fossero a conoscenza dei decessi dovuti a questi vaccini, due su cinque hanno sollevato la questione.
Inoltre, secondo loro, il personale militare lascia il servizio per motivi di salute, ma lo Stato non offre loro alcun beneficio speciale relativo alla guarigione.‼️

video al link
https://t.me/JosefSternInformazioniLibere https://t.me/guerrieriperlaliberta/29279


RispondiCitazione
Condividi: