Notifiche
Cancella tutti

SOROS GUADAGNA 172 MILIONI DI DOLLARI SUPPORTANDO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14517
Topic starter  

Dovete sapere che George #Soros, collegato al Vera Institute of Justice, ha appena vinto un contratto da 172 milioni di dollari dai contribuenti statunitensi per aiutare gli immigrati illegali a evitare la deportazione.
Le tasse dei cittadini americani stanno aiutando a finanziare i trafficanti di droga, i trafficanti di esseri umani e Soros per giocare con le leggi sull'asilo.
https://t.me/truthsocialitalia

sul tema....non oso pensare che verrebbe fuori in Italia, ci fosse una magistratura degna

Germania: amministratori comunali sospettati di aver preso tangenti per concedere permessi di soggiorno
Neanche i tedeschi resistono alla bustarella. A pagarla soprattutto ricchi arabi e cinesi

Pare che la corruzione sia diffusa anche nell’onesta Germania e riguardi la concessione dei permessi di soggiorno. La magistratura sta conducendo indagini in diversi comuni, a partire dalla città di Düren, accusando i personaggi chiave dell’amministrazione distrettuale di aver preso tangenti per approvare permessi di soggiorno fasulli per ricchi cittadini cinesi.

Claus B., un avvocato sospettato di essere a capo di un’impresa criminale che pubblicizzava i suoi servizi a cittadini stranieri e registrava false società in Germania per fornire assistenza con i permessi di lavoro, afferma che i politici locali erano complici dello schema e ricevevano incentivi per guardare dall’altra parte.

Le città e i partiti coinvolti sono più di uno. L’ex amministratore distrettuale della CDU Werner Stump è stato accusato di essere a conoscenza del racket e ha mantenuto una relazione di lunga data con Claus B., ospitando le feste del suo studio legale in un hotel da lui gestito e incontrandosi regolarmente con il sospettato per discutere di affari immobiliari. Stump ha negato di aver violato qualsiasi legge relativa alla concessione dei permessi di soggiorno e insiste di aver fatto tutto il necessario per collaborare con le autorità investigative.

Un altro politico, Jens Bröker, ex candidato amministratore distrettuale dell’SPD e ora responsabile del dipartimento per il cambiamento e lo sviluppo nel distretto di Düren, è stato accusato di essere uno dei principali partner dello schema, in quanto avrebbe ricevuto fino a 300.000 euro per usare la sua influenza e garantire l’approvazione senza problemi delle richieste di permesso di soggiorno quando arrivavano sulla sua scrivania.

Düren

Anche Bröker è in carcere ed è stato licenziato dai suoi incarichi. Il suo avvocato difensore non ha risposto alle richieste di commento dei media tedeschi.

Altri politici citati nello scandalo includono l’ex capo del dipartimento di immigrazione e attuale tesoriere Dirk Hürtgen (CDU) e il suo successore Sybille Haußmann (Verdi), che avrebbero facilitato le approvazioni dei permessi, e l’amministratore distrettuale Wolfgang Spelthahn (CDU), presidente della squadra di calcio locale FC Düren, che ha ricevuto sponsorizzazioni e finanziamenti sostanziali da aziende di proprietà di Claus B.

Spelthahn ha negato di aver “ricevuto pagamenti monetari o altri benefici” e insiste sul fatto che i contratti di sponsorizzazione con l’FC Düren sono stati “documentati in modo trasparente, adeguatamente tassati e trattati e sostenuti dall’intero consiglio”, secondo l’organo di stampa Junge Freiheit.

Però Düren non è un caso unico: anche il sindaco di Solingen, Kurzbach, del partito socialdemocratico SPD, è sospettato di aver aiutato i ricchi richiedenti asilo, soprattutto cinesi e arabi, ad ottenere il permesso di soggiorno con false certificazioni di attività. L’accusato si proclama innocente da tutte le accuse. Quindi l’amore per i soldi supera qualsiasi colore di carattere politico

In totale pa procura sta indagando 58 persone e sono coinvolti 147 casi di concessione di permesso di soggiorno.

16 Giugno 2024 Di Guido da Landriano

https://scenarieconomici.it/germania-amministratori-comunali-sospettati-di-aver-preso-tangenti-per-concedere-permessi-di-soggiorno/


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14517
Topic starter  

non c'entra con quanto sopra, credo ma ho già aperto tanti topic e questo proprio penso sia interessante....proprio come fanno gli Usa, pure la Ue crea i tentacoli sotto forma di programmi di collaborazione per succhiare linfa sia ai contribuenti che ad altri paesi

La UE investe della rotta transcaspica, per collegare Cina ed Europa evitando la Russia e aiutando il Kazakistan

 

la UE investe nella rotta trans caucasica, per migliorare i rapporti con l’asia centrale, Kazakistan in primis

L’Unione Europea e il Kazakistan sono partner dall’implosione dell’Unione Sovietica nel 1991. Le due parti hanno firmato un Accordo di Partenariato e Cooperazione (EPCA) nel 2015, che ha consolidato le loro relazioni bilaterali.

  • L’accordo consente al Kazakistan di ricevere assistenza finanziaria e tecnica dall’UE attraverso lo Strumento europeo per la democrazia e i diritti umani (EIDHR), lo Strumento che contribuisce alla stabilità e alla pace (IcSP), lo Strumento per la sicurezza nucleare, lo Strumento di partenariato e il sostegno e lo scambio di istruzione attraverso il Programma ERASMUS +.

Nel 2023, l’UE e il Kazakistan hanno firmato un accordo di finanziamento bilaterale di circa 9 milioni di euro per sostenere l’attuazione dell’Accordo di partenariato e cooperazione rafforzata UE-Kazakistan. Quindi possiamo dire che il Kazakistan è al centro degli interessi della UE, ma ora, a questi programmi generici, se ne è aggiunto uno logistico e molto preciso e importante, il TTIR.

Rotta trans caucasica

Via di trasporto internazionale transcaspica
L’Iniziativa B&R (BRI) della Cina, volta a migliorare il commercio tra Asia ed Europa, è stata annunciata dal Presidente cinese Xi Jinping durante una delle sue visite in Kazakistan. È considerata una pietra miliare nell’apertura di nuove prospettive di commercio e connettività nella vasta regione eurasiatica.

Tuttavia, il commercio globale ha dovuto affrontare diverse sfide. L’anno scorso, il trend generale ha mostrato un rallentamento rispetto alla robusta crescita del 2022. Il commercio di beni, in particolare, ha subito un forte calo lo scorso anno.

Mentre le interruzioni fanno lievitare i costi di spedizione e i volumi di commercio rallentano, la rotta di trasporto internazionale transcaspica via terra offre un’opzione più economica e sostenibile.

Il 12 giugno, la Commissione Europea e il Kazakistan hanno lanciato ad Astana la Piattaforma di Coordinamento per il Corridoio di Trasporto Transcaspico, noto anche come Via di Trasporto Internazionale Transcaspico (TITR) o Corridoio di Mezzo.

Secondo il Ministero dei Trasporti del Kazakistan, la nuova Piattaforma di Coordinamento migliorerà la sicurezza e la sostenibilità del Corridoio di Trasporto Transcaspico e lo trasformerà in una rotta multimodale e competitiva che collegherà l’Europa e l’Asia in 15 giorni o meno.

All’evento hanno partecipato i rappresentanti dei Paesi dell’Asia Centrale e di altri Stati situati lungo il corridoio, nonché le istituzioni finanziarie internazionali e i Paesi del G7 non appartenenti all’UE. Intanto i volumi di trasporto sono in crescita, nonostante la situazione non eccellente dei commerci internazionali

Sottolineando l’importanza dello sviluppo delle infrastrutture di trasporto e del rafforzamento dei collegamenti per la crescita economica e la prosperità della regione, Marat Karabayev, Ministro dei Trasporti del Kazakistan, ha dichiarato: “L’istituzione della Piattaforma di coordinamento ci offre un’opportunità unica di unire le forze, scambiare esperienze e prospettive per raggiungere obiettivi comuni. Vorrei sottolineare che i nostri partner di Armenia, Azerbaigian, Georgia e Turchia sono stati invitati a partecipare a questo sforzo, che svolge un ruolo importante in termini di raggiungimento di obiettivi importanti e sostenibili per lo sviluppo della Via di Trasporto Internazionale Transcaspica”.

Gli obiettivi del Corridoio

Parlando all’evento, Henrik Hololei, Consigliere presso la Direzione Generale per i Partenariati Internazionali della Commissione Europea, ha dichiarato: “La Piattaforma di coordinamento creata per il Corridoio di trasporto transcaspico segna un significativo passo avanti nella nostra cooperazione per avvicinare l’Asia centrale e l’Europa. Collegamenti di trasporto sostenibili sono fondamentali per consolidare la crescita economica della regione e la connettività con l’Europa”.

I rappresentanti di entrambe le parti concordano in generale sul fatto che la Piattaforma di Coordinamento sarà fondamentale per rendere il Corridoio di Trasporto Transcaspico un percorso multimodale, moderno, competitivo, sostenibile, intelligente e veloce che collega l’Europa, il Caucaso e l’Asia Centrale.

Maja Bakran, Vice Direttore Generale per la Mobilità e i Trasporti presso la Commissione Europea, ha poi aggiunto: “La Piattaforma di Coordinamento sarà fondamentale per rendere il Corridoio di Trasporto Transcaspico un percorso multimodale, moderno, competitivo, sostenibile, prevedibile, intelligente e veloce che collega l’Europa, il Caucaso e l’Asia Centrale. Gli sforzi di coordinamento tra le varie parti interessate favoriranno collegamenti più profondi e contribuiranno allo sviluppo economico sostenibile della regione”. Aiuterà le persone a interagire rapidamente con i partner e stimolerà il commercio tra tre grandi regioni.

Gli obiettivi della piattaforma sono:

(a) aumentare il potenziale di trasporto,

(b) eliminare le interruzioni delle catene logistiche tradizionali e

(c) ridurre il costo del trasporto.

La rotta di trasporto internazionale transcaspica è un’alternativa efficace alle rotte marittime tradizionali, alcune delle quali sono diventate vulnerabili ai pirati e ai terroristi a causa del cambiamento delle strategie regionali.

Il corridoio terrestre collega il Sud-Est asiatico e la Cina con l’Europa, attraversando il Kazakistan, l’Azerbaigian, la Georgia e la Turchia. L’anno scorso, il traffico merci lungo questa rotta ha superato i 2,7 milioni di tonnellate, pari all’86% di tutto il traffico di transito terrestre dalla Cina all’Europa.

Il corridoio transcaspico ha conosciuto uno sviluppo costante nell’ultimo decennio. La sua importanza nella situazione attuale è aumentata in modo considerevole a causa dei cambiamenti geopolitici che hanno avuto luogo nella regione e che sono ancora in fase di ulteriore cambiamento.

Va notato che il numero di navi container che attraverseranno il Canale di Suez nel 2023 è diminuito del 67%, e il costo del trasporto marittimo da Shanghai ai Paesi europei è quasi triplicato negli ultimi mesi. Questa situazione potrebbe non attenuarsi a causa dell’atmosfera politica incerta in quella parte del continente asiatico.

Il transito via terra riduce i costi di trasporto ed è più facile da gestire. Il Kazakistan ha un accordo con l’UE che prevede il miglioramento delle infrastrutture e dei terminal. In collaborazione con l’UE, è possibile aumentare il materiale rotabile, eliminando le barriere amministrative e creando condizioni di trasporto favorevoli.

In ultima analisi, poiché il corridoio attraverserà molti Paesi, riteniamo che il raggiungimento degli obiettivi richiederà il sostegno e la partecipazione di altri Paesi. L’Austria, la Germania, la Lettonia, la Lituania, l’Estonia e l’Ungheria hanno espresso interesse ad aderire all’Associazione della rotta di trasporto internazionale transcaspica.

L’UE ha recentemente annunciato un investimento di 10 miliardi di euro (10,85 miliardi di dollari). Inoltre, è stata concordata una tabella di marcia per lo sviluppo fino al 2027 con Azerbaigian, Georgia e Turchia.

Si tratta di un segnale positivo e, man mano che il lavoro sul corridoio procede, altri Paesi potrebbero essere interessati a partecipare a questo grande progetto. Ha un grande potenziale per aumentare lo standard di vita delle persone che vi sono collegate.

16 Giugno 2024 Di Giuseppina Perlasca

https://scenarieconomici.it/la-ue-investe-della-rotta-transcaspica-per-collegare-cina-ed-europa-evitando-la-russia-e-aiutando-il-kazakistan/


RispondiCitazione
Condividi: