Notifiche
Cancella tutti

USA. CAMERA APPROVA DDL CHE AUTORIZZA SANZIONI CONTRO LA CPI


dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14439
Topic starter  

La Camera ha approvato un disegno di legge guidato presentato da deputati repubblicani che impone sanzioni alla Corte penale internazionale dopo che il suo principale procuratore ha raccomandato l’accusa di crimini di guerra contro il primo ministro israeliano Netanyahu.
La proposta è passata con 247 voti a favore e 155 contrari. Quarantadue democratici hanno votato insieme ai repubblicani per far passare il disegno di legge nonostante l'opposizione della Casa Bianca.
L'Illegitimate Court Counteraction Act, presentato dal deputato repubblicano del Texas Chip Roy, richiede sanzioni obbligatorie e restrizioni sui visti per qualsiasi persona straniera che lavori o fornisca fondi per la CPI nei procedimenti giudiziari contro gli Stati Uniti, Israele o qualsiasi altro alleato degli Stati Uniti che non sia parte della CPI.
Il voto è arrivato settimane dopo che il procuratore capo della corte internazionale, Karim Khan, ha presentato richieste di mandati di arresto per Netanyahu e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant. Khan ha detto in una dichiarazione che il suo ufficio ha "ragionevoli motivi per credere" che i due leader siano responsabili di "crimini di guerra e crimini contro l'umanità" commessi a Gaza. Khan ha detto che i presunti crimini includevano la fame di civili, attacchi diretti intenzionalmente contro una popolazione civile e altro ancora.
Fonte: ABC News ( https://abcnews.go.com/Politics/house-republicans-pass-bill-sanction-icc-seeks-arrest/story?id=110826493&cid=social_twitter_abcn)

L'Onu si è messa oggi nella lista nera della storia quando si è unita ai sostenitori degli assassini di Hamas".

Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu a commento della decisione delle Nazioni Unite - diffusa da Gilad Erdan ambasciatore del paese al palazzo di Vetro - di metterla nella blacklist delle nazioni che danneggiano i bambini nelle zone di guerra.

"L'Idf è l'esercito più morale del mondo e nessuna decisione delirante dell'Onu potrà cambiare questa realtà". https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2024/06/07/netanyahu-onu-si-e-messa-in-lista-nera-sostenitori-hamas_cc8ef0ce-904e-4b8e-8077-9ec67394c294.html

 

Israele ha ordinato una campagna segreta per influenzare i deputati USA: inchiesta del New York Times

7 Giugno 2024
 
Lo scorso anno Israele avrebbe organizzato e finanziato una campagna di influenza mirata agli Stati Uniti per raccogliere sostegno per la sua offensiva in corso su Gaza. Lo riporta il New York Times, che cita funzionari israeliani anonimi e documenti relativi all’operazione.
 
Il giornale sostiene che il Ministero degli Affari della Diaspora del paese, che è responsabile del collegamento degli ebrei di tutto il mondo con lo Stato di Israele, avrebbe commissionato la campagna segreta e stanziato circa 2 milioni di dollari per l’operazione, assumendo la società di marketing politico di Tel Aviv.
 
Secondo quanto riportato, la campagna sarebbe stata lanciata in ottobre, quando le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno lanciato la loro guerra a Gaza in seguito all’attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre, in cui circa 1.200 persone sono state uccise e altre 250 prese in ostaggio.
 
La successiva guerra di Israele contro Hamas e l’assedio incessante di Gaza hanno attirato critiche internazionali, comprese minacce di sanzioni, poiché si stima che l’IDF abbia causato la morte di oltre 36.000 palestinesi, secondo le autorità sanitarie dell’enclave. 
 
Al suo apice, la campagna di influenza israeliana avrebbe utilizzato centinaia di account falsi che si spacciavano per studenti statunitensi, cittadini preoccupati ed elettori locali su varie piattaforme di social media, tra cui X, Facebook e Instagram, riferisce il New York Times.
 
Questi account sarebbero stati utilizzati per pubblicare commenti filo-israeliani e articoli a sostegno della posizione di Gerusalemme ovest sulla guerra, e miravano principalmente ad attirare l’attenzione dei legislatori statunitensi, principalmente democratici neri, esortandoli a continuare a finanziare l’esercito del Paese.
 
Secondo quanto riferito dal quotidiano neoeboraceno, molti dei post sono stati generati utilizzando l’Intelligenza Artificiale ChatGPT. Sarebbero quindi stati creati tre falsi siti di notizie in lingua inglese che contenevano prevalentemente articoli pro-Israele, spesso rubati da organi di stampa come la CNN e il Wall Street Journal.
 
A marzo, la campagna del governo israeliano era stata notata da FakeReporter, un osservatore israeliano sulla disinformazione. La scorsa settimana, è stato segnalato anche da Meta, che possiede Facebook e Instagram, nonché da OpenAI, proprietario di ChatGPT; entrambi hanno affermato di aver trovato e interrotto l’operazione di influenza. 
 
«Il ruolo di Israele in tutto ciò è sconsiderato e probabilmente inefficace”, ha affermato Achiya Schatz, direttore esecutivo di FakeReporter, citato dal NYT, sottolineando che il fatto che Israele «abbia condotto un’operazione che interferisce nella politica statunitense è estremamente irresponsabile».
 
In una dichiarazione al New York Times, il Ministero israeliano per gli Affari della Diaspora ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’operazione e ha insistito di non avere alcun legame con la società di marketing politico.
 
Nel frattempo, FakeReporter ha stimato che gli account falsi creati attraverso la campagna hanno accumulato poco più di 40.000 follower su X, Facebook e Instagram. Meta e OpenAI hanno concluso che l’operazione di influenza di Israele alla fine non è riuscita ad avere un impatto diffuso, sottolineando che la maggior parte dei follower di questi account falsi erano probabilmente bot.
 
 

Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14439
Topic starter  

Le Maldive proibiscono l’ingresso agli israeliani

6 Giugno 2024
 
Le Maldive hanno annunciato domenica che ai titolari di passaporto israeliano sarà vietato visitare il paese a causa della guerra a Gaza. Il piccolo Paese a maggioranza musulmana nell’Oceano Indiano è una destinazione popolare per i vacanzieri dello Stato Ebraico.
«Il presidente dottor Mohamed Muizzu, seguendo una raccomandazione del governo, ha deciso di imporre un divieto sui passaporti israeliani», ha detto l’ufficio del presidente in un comunicato sul suo sito web.
 
«La decisione del Gabinetto include la modifica delle leggi necessarie per impedire ai titolari di passaporto israeliano di entrare alle Maldive e l’istituzione di un sottocomitato del Gabinetto per supervisionare questi sforzi».  L’ufficio del Muizzu ha aggiunto che il presidente ha deciso di «nominare un inviato speciale per valutare le esigenze dei palestinesi», lanciare una campagna di raccolta fondi e organizzare una manifestazione nazionale a sostegno della Palestina.
 
L’arcipelago dell’Oceano Indiano, noto per le sue spiagge di sabbia bianca, le lagune turchesi e i resort di lusso, ha attirato lo scorso anno quasi 11.000 turisti da Israele, pari allo 0,6% degli arrivi totali. Quest’anno, tuttavia, il numero è diminuito di oltre l’80%.  In seguito all’annuncio, il Ministero degli Esteri israeliano ha emesso un avviso, raccomandando ai cittadini israeliani di evitare di recarsi alle Maldive ed esortando coloro che vi soggiornano a partire.
 
«Per i cittadini israeliani già presenti nel Paese, si raccomanda di prendere in considerazione l’idea di lasciare, perché se si trovassero in difficoltà per qualsiasi motivo, sarà difficile per noi assisterli», ha detto domenica il Ministero degli Esteri in una nota.
 
Le relazioni diplomatiche tra Israele e le Maldive sono state sospese dal 1974. Ai turisti israeliani è stato permesso di visitare l’arcipelago dopo che le Maldive avevano revocato un precedente divieto di viaggio negli anni ’90, e i due Paesi si sono mossi per ripristinare i rapporti diplomatici nel 2010, ma lo sforzo di normalizzazione fu abbandonato due anni dopo, in seguito alla caduta del presidente Mohamed Nasheed.
 
Per gli israeliani le Maldive sono una destinazione ambita e non lontanissima. In un’intervista al talk show di Jimmy Fallon, l’attrice comica lesbica Kate McKinnon fece ridere il pubblico raccontando dell’incontro del cast di Saturday Night Live (la popolare trasmissione comica per cui lavora) con la loro ospite per una puntata di qualche anno fa, la miss israeliana Gal Gadot, che per qualche ragione è stata imposta d’improvviso al cinema kolossal nelle vesti di Wonder Woman.
 
La McKinnon prendeva in giro la Gadot per i suoi discorsi su quanto le piaccia stare coi figli sulla spiaggia delle Maldive, imitandone la pronuncia con accento israeliano: «maaaaldiiiives».
 
La Gadot è stata soldatessa per le forze di difesa israeliane (IDF) con il ruolo di istruttrice di combattimento, 
 
Diversi Paesi a maggioranza musulmana – tra cui Algeria, Pakistan, Bangladesh e Pakistan – hanno vietato i viaggiatori israeliani da quando è scoppiata la guerra tra Israele e il gruppo armato palestinese Hamas il 7 ottobre. Più di 36.000 palestinesi sono stati uccisi durante l’operazione israeliana a Gaza, che è stato innescato da un raid a sorpresa di Hamas negli insediamenti israeliani meridionali.
 
 

RispondiCitazione
Condividi: