Notifiche
Cancella tutti

Attentato a Brindisi

Pagina 1 / 2

misunderestimated
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 434
Topic starter  

Sapevo che Unabomber sarebbe prima o poi tornato a dirottare l'indignazione verso altri lidi...

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/brindisi_ordigno_esplode_vicino_a_scuola_una_studentessa_morta_sette_feriti/notizie/197129.shtml


Citazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 8261
 

Qui mi sembra ci sia poco da discutere

E non capisco proprio cosa c'entri Unabomber ... storia anche quella mai chiarita ... ma certamente assai diversa nel contesto ambientale e geografico e nelle dinamiche ....

Questo è un vero e proprio tentativo di strage indiscriminata che solo casualmente ha visto finora ( sperando che non muoia un'altra ragazza gravemente ustionata) una sola vittima ....

La scuola dedicata a Falcone e Morvillo, l'anniversario - anzi, il ventennale - proprio della strage di Capaci, l'estrema vicinanza del luogo dell'attentato con il locale Tribunale ... il fatto che proprio oggi a Brindisi era in programma la manifestazione della "Carovana della Legalità" ... e quella scuola era stata negli anni scorsi molto attiva proprio in questo genere di attività culturali anti-mafiose .... ricevendo anche un premio per questo ...

Tutto fa pensare che Cosa Nostra ( o parte di questa) abbia ripreso, magari in alleanza peraltro nota con la mafia locale pugliese, una strategia terroristico/ricattatoria ... 41 bis, sequestri di beni, ripresa di alcune inchieste sulla famosa "trattativa" con lo stato proprio dei tempi di Falcone e Borsellino ... c'è stato recentemente anche il presunto tentato (?!?) suicidio di Provenzano in carcere ... e, sul piano locale pugliese, c'erano stati negli scorsi giorni, proprio nella provincia di Brindisi, una serie di arresti legati alle attività della Sacra Corona, la mafia locale ...

Naturalmente questo non vieta ( come in pressochè tutti i precedenti simili) implicazioni "di stato" ... anzi .... ed è certamente vero che un episodio simile può anche rispondere all'esigenza di un arma "di distrazione di massa" ... anche se nella situazione data non credo si possa distrarre granchè nessuno dalla situazione economica/sociale del tutto insostenibile ...

Ma sulla matrice mafiosa dubito francamente ci possano essere dubbi di sorta ...


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

radisol, ho avuto modo di apprezzarti dai tuoi numerosi interventi sul tema terrorismo anni 70 e co. e ho visto perderti in interminabili discussioni con i complottisti della domenica che ormai sono maggioranza in questo sito.
E' una perdita di tempo ricercare il dialogo, non ti ascolteranno mai.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 8261
 

Hai ragione in generale, ma su questo caso di Brindisi particolari "delirii complottisti" ancora non se ne sono letti ... il riferimento, un pò a pene di segugio, ad Unabomber non mi sembra comunque ancora rientrare in questa categoria .... in più va detto che storicamente tutte le stragi indiscriminate, pure quelle ad innegabile matrice mafiosa, ad una discussione su un uso anche in termini di "complotto" più ampio indubbiamente si prestano, certamente molto più del ferimento pressochè incruento del dirigente dell'Ansaldo o delle bombette contro Equitalia.... e comunque non intendo rinunciare ad esprimere un pò di genericissimo buon senso e di consapevolezza storica di certe dinamiche ..... pur in presenza di certi deliranti personaggi che tendono a leggere ogni fenomeno politico/sociale, violento o meno che sia e persino di tipo criminale, come una interminabile spy story .....


RispondiCitazione
misunderestimated
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 434
Topic starter  

Di grazia, chi sarebbe il mandante? L'esecutore materiale?
Proprio quando si parla di 14.000 obiettivi sensibili da porre sotto protezione eccoti un attentato che costa la vita a due ragazze, fuori da una scuola.
Cosa c'entra la mafia in tutto questo, veramente non lo so: di solito fa fuori gli "impiccioni", ma aspetto di ascoltare la vostra versione.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 8261
 

Beh ... semplice .... gli attentati, tra il 1992 ed il 1993, agli Uffizi a Firenze, alle basiliche romane, ad un altro museo milanese, quello fallito allo Stadio Olimpico di Roma .... ma pure la strage del 1984 al rapido 904 .... lì non c'erano "impiccioni" da far fuori .... ma c'era da lanciare "messaggi" allo stato, al potere ...

A suo modo certamente una sorta di "strategia della tensione", con implicazioni e complicità a vario titolo anche "istituzionali" .... le mafie, quella siciliana in particolare, di complicità statali ne hanno sempre avute .... ma con precise finalità soprattutto di tipo mafioso/criminale .....


RispondiCitazione
misunderestimated
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 434
Topic starter  

Se ammetti che le connivenze mafiose dello stato devo ogni tanto incupire l'animo del gregge con attentati in sedi pubbliche (quindi non è il Don Calogero che preme il bottone, mi pare evidente...) perché mi si accusa di paranoie complottiste?
Mi si da ragione dandomi torto...
Poi gli stessi che piazzano gli ordigni elevano a martiri i Falcone e i Borsellino, e vai con le "carovane" (tipica iniziativa culturale del Tirolo Meridionale o del Polesine...) per sensibilizzare i "ggiovani" alla cultura della legalità.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 8261
 

Non ho accusato te di "complottismo" ... anzi ho detto chiaramente che le tue affermazioni NON rientrano nella categoria del "delirio complottista" ... leggi bene ...

A te ho detto semplicemente che il riferimento ad Unabomber è del tutto inadeguato e fuori luogo ... tanto più che il cosiddetto Unabomber non ha mai ammazzato nessuno ...

Per il resto, a precisa esortazione in questo senso di RicBo, ho risposto facendo una serie di considerazioni più generali su molti utenti di questo sito ...

E questa è un'altra storia ....

Sono poi invece del tutto d'accordo con te rispetto alla critica di certa retorica della "legalità" ..... ma questo è ancora di più un altro discorso ....

La retorica della "legalità" slegata da qualunque analisi socio/economica "di classe", più o meno come il "giustizialismo" che è un'altra versione dello stesso fenomeno, si presta fin troppo evidentemente a logiche "d'ordine" ..... fortemente strumentalizzabili ed utilizzabili da certi "poteri forti" .... nella storia è quasi sempre andata così ....

Ma questo non vieta che, in determinate fasi, la retorica della "legalità" possa indubbiamente dar fastidio, anche spesso su un piano puramente simbolico, ad organizzazioni criminali ed anche a settori del potere innegabilmente corrotti e collusi ....

E possa quindi essere individuata come "obiettivo" da colpire, del tutto simbolico, per lanciare certi "messaggi" a chi, nel potere, è in grado di capirli ....

Questi mi sembrano, a grandi linee, i termini della strage di Brindisi ....


RispondiCitazione
misunderestimated
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 434
Topic starter  

Unabomber saltava fuori puntualmente quando i politici eterodiretti da Bruxelles decidevano di smantellare lo stato sociale, vendere le infrastrutture ai privati, adottare monete uniche e via discorrendo, mentre i serenissimi assaltavano il campanile.
Certo, non avrà mai ucciso, però intanto ha cavato qualche occhio e mozzato una mano a più di un ragazzo/a o bambino/a, di solito le vittime erano giovani proprio come in questo caso (vi ricordate le candele e i barattoli esplosivi, le sorpresine kinder e gli ombrelloni minati?).
Il colpevole non è mai stato trovato, hanno cercato di incastrare un ingegnere pordenonese, poi un agente è stato pizzicato a manomettere le prove del crimine e il caso è stato chiuso.
Anche qui nessun incriminato, nessun mandante, niente: al limite vedrete che accuseranno un garzone della malavita di aver architettato e predisposto il tutto.
Vicino alla scuola c'è un tribunale: bene, si controlli il filmato delle telecamere di sicurezza.
Copione già visto e rivisto...


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 16537
 

Unabomber saltava fuori puntualmente quando i politici eterodiretti da Bruxelles decidevano di smantellare lo stato sociale, vendere le infrastrutture ai privati, adottare monete uniche e via discorrendo, mentre i serenissimi assaltavano il campanile.

nessuno si ricorda che Monti è a Camp David?
Obama gli ha appena detto:

Obama accoglie Monti
"Porteremo a casa risultati"

http://www.repubblica.it/economia/2012/05/19/news/g8_camp_david_obama_monti-35438458/

solo che non si sa ancora a quale casa alludesse Obama.

PS-....e sottolineo Campo David 8)


RispondiCitazione
Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 33516

RispondiCitazione
misunderestimated
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 434
Topic starter  

Un attimo, io non intendevo affermare che l'attentato è da attribuire a QUELL'Unabomber che imperversava 10 anni fa nel nordest. Io mi riferivo al modello archetipico del terrorista solitario, invisibile e chirurgico con un modus operandi simile a quello con cui l'attentatore di Brindisi ha agito.

Poi uno è liberissimo di credere che sia stato uno sfasciavetrine/piromane della bassa manovalanza criminale di Mesagne.


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 14010
 

Mario Monti ha parlato con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, assicurandogli che il governo intende operare con fermezza e determinazione nel contrasto ad ogni tipo di criminalità e favorire la massima coesione di tutte le forze politiche e sociali per prevenire il ritorno nel nostro Paese
Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/7XBM0

non mi fa copiare l'intero testo che è qui

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-05-19/monti-fermo-contrasto-ogni-140952.shtml?uuid=AbZWQAfF

Bomba Brindisi: Grillo, "ora temo leggi speciali e depistaggi"

13:38 19 MAG 2012

(AGI) - Roma, 19 mag. - "Cui prodest questo attentato? Alla criminalita' brindisina, il cui territorio sara' controllato da tutti corpi di Polizia per mesi? Alla mafia siciliana, che si vendica cosi' della commemorazione della morte di Falcone? Cui prodest la morte di una ragazza che andava a scuola?". Beppe Grillo non avanza risposte ma si trincera dietro interrogativi per tentare una prima lettura dell'attentato di Brinidisi.
Dubbi che richiamano altri periodi della storia nazionale, cui Grillo si richiama apertamente: "Coincidenze? Io ho smesso di crederci da tempo, da quando ho visto da bambino per la prima volta Andreotti in televisione", dice a proposito del legame tra il nome della scuola e il passaggio della carovana della legalita'. Non solo: "Ancora una volta non siamo stati in grado di proteggere i nostri ragazzi. Gli italiani lo pensano e io lo dico: da tempo ci si aspettava una bomba come questa, era nell'aria elettrica come prima di un temporale". "Le indagini ci diranno chi sono i colpevoli", dice sempre da suo blog Grillo che passa all'esame delle varie piste. "La prima pista e' quella della criminalita' organizzata. Io spero che siano trovati i delinquenti che l'hanno collocata e i mandanti.
Soprattutto i mandanti. Le stragi, e questa poteva esserlo se l'esplosione fosse avvenuta pochi minuti piu' tardi con l'arrivo di altri pullman di studenti, in Italia hanno sempre avuto colpevoli, ma non mandanti".
"Da piazza Fontana, alla stazione di Bologna, a piazza della Loggia, a Capaci, a via D'Amelio. Gli Spatuzza sono in galera - accusa - ma chi li ordino' e' ancora a piede libero". "Questa bomba - rileva - ricorre in un periodo storico molto simile a quello del '92/'93. Furono le bombe del Pac di Milano, dei Georgofili a Firenze allora a precipitarci in un ventennio infame di cui stiamo pagando le conseguenze e a impedire ogni cambiamento". Grillo chiude la sua riflessione con l'auspicio che "Brindisi, che segue l'attentato a Adinolfi a Genova, non sia l'inizio di una militarizzazione del territorio, di leggi speciali, di neo terroristi e di depistaggi".

http://www.agi.it/politica/notizie/201205191338-pol-rt10081-bomba_brindisi_grillo_ora_temo_leggi_speciali_e_depistaggi


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 8261
 

Grillo, anche a più che leciti scopi elettorali del momento, semplicemente le spara ....

I rischi che indica indubbiamente ci sono tutti ...

Ma è pure evidente che non ci capisce nulla di certe dinamiche ....

Delle "stragi di stato" non solo giudiziariamente non conosciamo i mandanti ma spesso, salvo rarissime eccezioni, nemmeno gli esecutori materiali ... c'è l'indicazione abbastanza dimostrata di Freda e Ventura per Piazza Fontana, ancorchè non più condannabili essendo stati assolti precedentemente per lo stesso reato .... e la condanna ( molto meno credibile) di Fioravanti, Mambro e Ciavardini per Bologna 1980 ... per tutti gli altri episodi, nulla di nulla anche sugli esecutori ....

Già sulle stragi che chiamerei politico/mafiose ( cioè di matrice mafiosa ma anche con finalità politiche) dei primi anni novanta ... se sappiamo tutto o quasi per Capaci .... per Via D'Amelio invece siamo già alla seconda serie di processi dopo che nella prima era stata condannata fino alla Cassazione gente che non c'entrava un tubo .... ed anche degli attentati a chiese e musei degli anni successivi al massimo si sa chi aveva fabbricato gli ordigni ma non molto di più ...

Brindisi, però, anche se somiglia un pò agli ultimissimi esempi che ho fatto, è ancora un'altra storia .... e accetto scommesse sul fatto che gli esecutori ( che in questo caso coincidono sostanzialmente con i mandanti) saranno presi in breve tempo .... è una follia malavitosa tutta locale, di un organizzazione mafiosa di provincia in preda alla disperazione ed al disfacimento più totale ....

Altra cosa è l'utilizzo "emergenziale" che il potere sta cercando di praticare di questa vicenda .... non a caso, col passare delle ore, si parla sempre meno di "mafia" e sempre più di "eversione" ..... ma credo che questo giochetto abbia le gambe assai corte ....


RispondiCitazione
tres19
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 162
 

Faccio una piccola precisazione.

Unabomber è il nome che è stato dato a Theodore Kaczynski, il nome deriva da un mix tra le parole University e Airline, il resto ovviamente da Bomb.
Questo nome gli è stato affibbiato dato che i suoi obiettivi erano principalmente personaggi dell'ambiente universitario e delle compagnie aeree.

Il fatto che ogni volta che esplode un ordigno si usi la parola Unabomber è vile speculazione giornalistica, almeno noi cerchiamo di non alimentarla.


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: