Notifiche
Cancella tutti

Attenzione, la dittatura sanitaria è ora in Costituzione!!!!


Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  

Senza quasi darne notizia, gli articoli 9 e 41 della Costituzione sono stati cambiati, introducendo la tutela dell’ambiente e della salute: sembrerebbe una cosa buona, ma in realtà cela una trappola pericolosissima! 😱 😱 😱 

L'avvocato Fusillo spiega: https://t.me/difendersiora/378

 


Citazione
cedric
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1697
 

Questo è nuovo testo degli articoli 9 e 41 della Costituzione, in grassetto rosso le parti aggiunte.

Articolo 9: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali

Articolo 41: L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana, alla salute, all’ambiente. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali”.

Ne consegue che ora i padroni ed i capitalisti, nazionali o stranieri, non potranno più svolgere attività economiche arrecando danno alla salute ed all'ambiente. Ad  esempio: amianto, OGM, rifiuti speciali, protezioni di sicurezza rimosse, ma è lunga la lista di attività che fanno lauti profitti a spese di salute ed ambiente. E soprattutto i padroni ed i capitalisti non potranno più appellarsi ad alcuna legge in vigore (molte sono ancora del codice Rocco che risale all'era fascista) neppure comunitara o  internazionale perchè sarebbe in contrasto con la carta costituzionale aggiornata.

E' un messaggio chiaro ad esempio e tanto per cominciare, ai produttori, venditori ed utilizzatori di prodotti OGM, come mangimi (soia e mais OGM), sementi (legumi e cereali OGM), ortaggi (pomodori OGM) , legumi (soia OGM) e cereali (riso e grano OGM).  Uno stato occidentale impone limitazioni all'iniziativa economica privata, cioè del profitto con qualunque mezzo. Più stato sociale e meno profitto privato. Probabilmente ci saranno rappresaglie straniere ed anche ricatti nazionali,  forse anche sanzioni comunitarie, vedremo.

 


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 3053
 

"Finalmente uno stato impone limitazioni all'iniziativa economica privata, cioè del profitto con qualunque mezzo."

 

Bella questa! Come se finora fosse legale inquinare, come hanno inquinato la terra dei fuochi, per dirne una!

Io invece la vedo in un altro modo:

quando nel bel mezzo della rivoluzione "green", la nuova miniera d'oro del supercapitalismo, uno "pretenderà" di accendersi una stufa a legna oppure di muoversi col buon motore a scoppio (quello finora alla portata del popolo), diranno:

"no, non puoi farlo;  la stessa Costituzione (mica noi del WEF!) tutela l'ambiente". 

Quanto agli OGM, chi vieta di dichiararli rispettosi dell'ambiente?

"Vedete? con gli OGM si usano meno pesticidi, servono a rispettare l'ambiente". E il piatto è servito.

Ma ancora vi fidate di loro?

 


Rugge, Maryland e Papaconscio hanno apprezzato
RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1697
 

in realtà oggi è del tutto legale inquinare,  visto che la sanzione è  irrisoria. Il costo di una eventuale multa o sanzione (o anche reclusione trasformata in sanzione amministrativa) è tranquillamente assorbibile dai giganteschi profitti. Sempre chei qualcuno scopra l'avvenuito inquinamento e ti porti in tribunale.

Quindi, si, oggi è legale inquinare, perchè se inquini e ti scoprono ti costa pochissimo.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 2774
 

Quste disposizioni in realtà sono meri desideri ‘buonisti’ applicati al mondo in cui viviamo.

Leciti, giusti, financo indispensabili almeno a parer mio, richiedono nrme applicative e cogenti di spessore per la loro applicazione e sopratutto capacità organizzative notevoli per la tutela anticipata e non successiva dei valori da difendere: in realtà la norma prevede che la ‘legge’ direttamente tuteli gli animali, dunque è norma PRESCRITTIVA a carico dell’attività politica futura, mentre la tutela dell’ambiente è SOLO NORMA DI INDIRIZZO e non cogente pratica da prevedersi con una serie di regole apposite ‘oltre’ quelle già esistenti che sappiamo ampiamente disattese: è una sottigliezza giuridica ma è importante.

In questo senso, oggi paiono complessivamente velleitarie conoscendo l’attività ‘surrogatoria’ degli interessi economici svolta dal nostro Parlamento, ma forse un domani saranno utili.

A latere, non posso che rimarcare l’inesistenza di una sensibilità a tutela della salute pubblica mentale, vulnerata oggi come non mai ad esempio da apparati elettronici nè la tutela della ‘corrispondenza’ anche via Web, tutela con norme da hoc che recepiscano ed estendano quanto la costituzione già indica all’ art. 15: anche qui la norma prevede … e la repubblica se ne FREGA.


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1697
 

Oriundo2006 wrote: la tutela dell’ambiente è SOLO NORMA DI INDIRIZZO e non cogente pratica da prevedersi con una serie di regole apposite ‘oltre’ quelle già esistenti

Ed è fondamentale proprio il citato concetto di INDIRIZZO.
Una qualsiasi nuova legge che verrà in futuro emanata non potrà essere in contrasto con i nuovi principi introdotti: art 9 tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi ed art 41 primazia della salute e dell’ambiente rispetto alla libera iniziativa economica privata.

Ne consegue che si pone un grosso vincolo alle future leggi ed guarda caso questo è proprio quanto lamentava il sor Alessandro Fusillo paventando la prossima fine della libera iniziativa capitalistica. Ciò che invece meraviglia è il silenzio di sor Carlo Bonomi, il tenutario di sorella Confindustria, magari non ha ancora letto le email vibranti di dolore dei suoi consorti di periferia per i profitti che andranno persi.

 

 

RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  

Che questa sia una misura positiva (la giustissima tutela dell’ambiente) è la favoletta idilliaca che raccontano. Ora, potranno imporre le loro restrizioni con una valida scusa, perché saranno restrizioni costituzionali! Al via nuove chiusure delle attività, mascherine e quant’altro: è per l'ambiente, è per la salute!! Pensare che sia una cosa positiva è pura follia. Le parole dell’avvocato Fusillo sono molto chiare.

Oriundo2006 citava i "desideri buonisti"... Oggi (ma non da oggi!) nel menu abbiamo: manipolazione, propaganda e ipocrisia. Far credere che ci sono scopi alti di interesse pubblico per mascherare la fine dei nostri diritti e delle nostre libertà. A cominciare dal diritto a dire NO ad un trattamento sanitario sul nostro corpo.

L'ipocrisia la vediamo quando parlano del giorno della Memoria, senza far presente che sta accadendo di nuovo o quando dicono di essere contro le discriminazioni (per esempio verso gli omosessuali) ma non fanno menzione del fatto che ci sono persone che non possono studiare, lavorare e fare molte altre cose!!!

 

 

 

 

 

 


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  
Pubblicato da: @mariog

Ma ancora vi fidate di loro?

 

Esatto!


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  

Anni fa, Serge Latouche aveva prospettato dei modi per tutelare l’ambiente, occorreva modificare il modello economico della crescita infinita. La sua strategia non è andata in porto, però. Forse perché i poteri alti non avrebbero potuto conservare i loro privilegi in quel modo… Il modello lo stanno cambiando ora, ma in un altro modo…


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1697
 

@ Maryland: serve distinguere fra iniziativa pubblica ed iniziativa privata.
Ripeto nuovamente il testo dell'art 41

L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana, alla salute, all’ambiente.

 Nel testo non c'è alcun riferimento ad iniziative pubbliche (leggi, decreti, ordinanze, ecc) che riguardino la salute, perchè il nuovo riferimeno alla salute è rivolto esclusivamente all'imprenditoria privata che viene (giustamente) molto più limitata. Prima delle modifica le limitazioni della libera iniziativa economica erano meramente accademiche e riguardavano solo la  sicurezza, la libertà, la dignità umana: gli imprenditori potevano limitarsi a non lucrare sulla riduzione  in schiavitù (soprassediamo sullo sfruttamento della prostituzione, del lavoro agricolo, del lavoro a cottimo, dei finti contratti a termine, dei cococo, dei ryders, ecc)

Oggi non si puo' più lucrare sulla salute (per l'ambiente parliamo dopo)


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  

L’avvocato ha spiegato che una disposizione così generica apre all’arbitrio governativo. La scusa dell’ambiente (giustissima se non usata ipocritamente) servirà ad altro. Pensare che questi soggetti che hanno calpestato diritti e libertà possano partorire qualcosa di buono è assurdo.
Sarà un ulteriore attacco alle pubbliche e medie imprese volto alla distruzione dell’economia per instaurare il nuovo modello.


RispondiCitazione
adestil
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 2304
 

solo grandi aziende che possono ottemperare facilmente ad assurde prescrizioni..

mentre le piccole(penso al meccanico che deve gestire l'olio esausto lo faranno chiudere subito!) non potranno ..

E siccome co2 e tutto il resto nuoce alla salute..si selezioneranno solo grandi aziende quotabili in borsa e quindi che si possono facilmente acquisire da parte dei grandi fondi..Mentre le piccole aziende familiari non quotabili non interessano alla finanza perchè non se ne può appropriare facilmente e direttamente(certo lo può fare con l'aumento costi energia).

 

Mi sono reso conto che uno dei motivi per cui è difficile capire dove vadano a parare è che usano strategie convergenti e ridondanti in modo che in  un  modo o nell'altro ottengono cmq  il  risultato prefisso..visto che cmq siamo in un campo inesplorato anche perchè chi muove i fili


RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  

In effetti, l'obiettivo è sempre favorire i grandi e distruggere i piccoli "indipendenti", questo è già da anni che avviene, come aveva spiegato Stefano Re ("sistematica demolizione della classe media").

 

Mi sono reso conto che uno dei motivi per cui è difficile capire dove vadano a parare è che usano strategie convergenti e ridondanti in modo che in un modo o nell'altro ottengono cmq il risultato prefisso..visto che cmq siamo in un campo inesplorato anche perchè chi muove i fili

Sì, le strategie che utilizzano per raggiungere i loro putridi scopi le spiegano bene loro https://comedonchisciotte.org/chi-sono-i-vivi-intervista-al-portavoce/ oltre a mostrare come si lotta contro questo marciume.

 


RispondiCitazione
Condividi: