Notifiche
Cancella tutti

Bossi ribadisce a Fini l'esistenza del suo "Stato"


Mari
 Mari
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3691
Topic starter  

Bossi ribadisce a Fini l'esistenza del suo "Stato"
"Dieci milioni di persone pronte a battersi per la Padania"

oggi, 22 giugno 2010 20:15

Nuovo scontro tra la Lega e Gianfranco Fini sull'esistenza della Padania. La polemica scoppiata ieri dopo le parole dell'ex leader di An, si arricchisce di un altro capitolo. Dalle colonne di 'Repubblica' fa sentire la sua voce Umberto Bossi: ''Fini dice che la Padania non esiste perche' ne ha paura. Parla cosi' perche' abita molto lontano dalla nostra terra, non gira casa per casa, non conosce questo territorio e per questo qui da noi non becca un voto''. A stretto giro di posta arriva la replica di 'Fare Futuro', la fondazione vicina al presidente della Camera: I leghisti ''urlano per non far sentire la verita''' e ''fanno fumo per nascondere l'assenza dell'arrosto...''. Alle prese con un vertice del Pdl a palazzo Grazioli per fissare il calendario in Parlamento del 'pacchetto' manovra-riforma universitaria-ddl intercettazioni, Silvio Berlusconi tace, ma in una intervista ad 'Oggi' lancia un altola' all'inquilino di Montecitorio: stop a ''provocazioni quotidiane''. Tra i big azzurri del partito interviene il ministro degli Esteri, Franco Frattini, che prova a gettare acqua sul fuoco: ''La Padania e' uno slogan efficace inventato per gli elettori, che non deve preoccupare''. Luca Zaia, esponente di spicco del Carroccio e presidente del Veneto non ci sta: ''Se la Padania e' un'invenzione, allora lo sono anche il Sud e la questione meridionale''. Sulla stessa linea anche il neopresidente del Piemonte, Roberto Cota: ''Fini puo' dire quello che vuole, ma la Padania esiste, e'' sempre esistita nella storia''. Con il passare delle ore il dibattito interno alla maggioranza si accende sempre di piu'. Nel primo pomeriggio Fini torna sull'argomento e affida al sito di 'Generazione Italia' (attraverso una risposta ad un lettore del Nord) la sua controreplica ai governatori leghisti: ''La Padania e' una favola, c'e' solo l'Italia, Accetto la sfida: saro' piu' presente al Nord''. In serata il Senatur alla Camera controribatte: ''Ci sono grosso modo 10 milioni di persone disposte a battersi per la Padania, quindi, esiste''.

E' Bossi ad animare la giornata con il suo affondo nei confronti di Fini: ''La Padania e' talmente inesistente che a noi ha dato piu' voti che a tutti gli altri partiti. Le parole di Fini sono senza senso, appartengono a chi da noi non prende voti''. Subito dopo scende in campo Farefuturo con un corsivo del suo direttore Filippo Rossi: ''Le risposte dei leghisti alla sacrosanta verita' detta da Gianfranco Fini (''La Padania non esiste'') sono l'esempio eclatante del meccanismo retorico che Umberto Bossi & Co. sono soliti utilizzare. Sparano alto per nascondere che, nella sostanza, non possono che dare ragione al loro interlocutore. Urlano per non far sentire la verita'. Fanno fumo per nascondere l'assenza dell'arrosto''. ''Leggiamo -scrive ancora il quotidiano on line- la risposta di Umberto Bossi: 'Fini dice che la Padania non esiste perche' ne ha paura. E' la parte del Paese che produce e paga le tasse e per questo vuole il cambiamento'. Il leader del Carroccio ha ragione: 'La Padania esiste, e' la parte del Paese che produce e paga le tasse''. Chi afferma il contrario? La Padania che non esiste e' quella di cui parla l'articolo primo dello Statuto della Lega Nord, la Padania come 'Repubblica Federale indipendente e sovrana'. Nelle loro risposte a Fini -avverte- in realta' i leghisti gli danno sostanzialmente ragione, smentendo il loro Dna culturale e derubricando la Padania a semplice 'area socio-culturale'''. Intanto Berlusconi al settimanale 'Oggi' avverte: '' In un grande partito puo' anche accadere che vi siano opinioni diverse. Poi pero' si vota e alla fine la decisione che raccoglie il maggior numero di voti deve valere per tutti. Fini non ha mai contestato questa regola, che nel Pdl e' in vigore fin dal primo giorno, tanto e' vero che io stesso ho dovuto subirla in diverse occasioni. Se si stabilisce questo metodo democratico, senza strappi, senza inutili provocazioni quotidiane, senza uno stillicidio di polemiche continue, allora potremo portare a compimento con successo quella felice intuizione che oltre dieci anni fa discussi con l'indimenticabile Tatarella''.

Frattini prova a sdrammatizzare: ''La Padania? Credo che si tratta di uno slogan che la Lega ha inventato tanto tempo fa, efficace agli occhi della loro gente, di quelli che li votano, li elegge. Se la consideriamo in questo modo non mi disturba e non mi infastidisce minimamente''. Basta che non cediamo a ''tentazioni neo-secessioniste''. A difesa delle posizioni di Bossi intervengono i governatori Cota-Zaia. Ma Fini non arretra di un millimetro: ''Perdere tempo a discutere di una cosa che non esiste ci mette fuori strada rispetto al problema vero: come permettere al motore economico dell'Italia di essere competitivo e vincente nell'economia globalizzata. E quindi meno tasse, meno burocrazia, meno lacci e lacciuoli''. E ancora: 'La Padania non esiste, come ci ha ricordato anche la Societa' geografica italiana. C'e' solo la nostra Italia. Che avra' problemi, differenze tra Nord e Sud, ma e' la nostra Nazione. E dobbiamo esserne fieri, non solo quando gioca la Nazionale. Sbaglia -scrive Fini- chi dice che se non esiste la Padania non esiste la questione meridionale''. Fabrizio Cicchitto, capogruppo alla Camera del Pdl, ribadisce l'importanza dell'alleanza con la Lega: ''Non bisogna mai dimenticare che l'attuale maggioranza si fonda sull'intesa fra il Pdl e la Lega.Si tratta di un'alleanza non facile, ma che non ha alternative''. A Carlo Vizzini, senatore del Pdl e presidente della commissione Affari costituzionali di palazzo Madama, non piace questa polemica: ''Io credo nel federalismo e considero le diversita' territoriali una ricchezza per il Paese''. Il senatore Domenico Nania da' un consiglio al presidente della Camera: ''Se la Padania non esiste, meglio non parlarne, se mai si pensi a polemizzare con centrosinistra''.

Per il ministro delle Politiche Ue, Andrea Ronchi, ''in questa fase e' necessario da parte di tutti un grande senso di responsabilita'. Francamente mi sembra che con polemiche poco serie su un tema estremamente serio si finisca per non fare del bene al federalismo che non va svilito a colpi di propaganda''. A fine serata Bossi torna alla carica: '' 'Ci sono grosso modo 10 milioni di persone disposte a battersi per la Padania, vuol dire che esiste Non c'e' uno Stato padano, ma la Padania esiste''. E Fini che si e' detto pronto ad andare di piu' al Nord manda a dire:''Io non vado ad accogliere uno che spara a zero contro di noi. Ha le gambe e la capacita' di prendere il treno da solo... Questa e' una polemica che non fa bene alla salute di Fini, perche' e' difficile che lui prenda i voti dalla nostra parte. Fini dica quello che vuole: tanto i voti ce li lascia tutti a noi''. Per il Pd fa sentire la sua voce Anna Finocchiaro, capogruppo al Senato: ''La maggioranza e' in ebollizione. E' fin troppo ovvio...Si agitano i leader di una maggioranza che non e' cosi' coesa come si vuol far credere. Mi ha fatto molto ridere l'incontro, all'insegna della parola d'ordine 'il Pdl e' unito'. Quando si fanno queste cose vuol dire che c'e' qualche problema. Ho una buona esperienza per poter giudicare anche questo tipo di agitazione''. Fabio Evangelisti, vicepresidente del gruppo Italia dei Valori alla Camera, non ha dubbi; ''Stiamo assistendo a una vera e propria resa dei conti e non basta l'intervento di qualche pompiere. Tutto cio' e' inaccettabile di fronte ad un paese in grave crisi economica. Ormai e' evidente che la maggioranza non esiste piu': vadano a casa''.

http://www.italiainformazioni.com/giornale/politica/94231/bossi-minchione.htm


Citazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 30947
 

e meno male che i venditori di fumo o demagoghi, sarebbero i leghisti quando parlano della Padania...sarebbe molto consolatorio che non ci fosseroo dei demagoghi di maggior calibro di chi parla della Padania ...sarebbe...


RispondiCitazione
mendi
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 300
 

Polemica fuorviante. La Padania non esiste? Perfetto, però esiste nel cuore e nell'anima della gente. Ed è la gente che fa le nazioni, non i maestrini bolognesi.


RispondiCitazione
icemark
Trusted Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 86
 

La padania, almeno come la vede la lega, non esiste, chiedetelo a toscani, umbri e marchigiani...
http://it.wikipedia.org/wiki/Padania

esiste la Val Padana, che sarebbe la valle del Po, ma questo è un altro discorso
http://it.wikipedia.org/wiki/Val_Padana


RispondiCitazione
gianpi
New Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3
 

La padania, almeno come la vede la lega, non esiste, chiedetelo a toscani, umbri e marchigiani...
http://it.wikipedia.org/wiki/Padania

esiste la Val Padana, che sarebbe la valle del Po, ma questo è un altro discorso
http://it.wikipedia.org/wiki/Val_Padana

----------------------------------------
è esistita la Repubblica Cispadana, cmq a proposito di 'Valle del Po', poiché quelli che negano l'esistenza della Padania sono evidentemente i "patrioti pro domo sua", ricordiamoci di B. Mussolini, che non era certo un 'leghista ante litteram' e che già nel dicembre '40 si lamentava del comportamento dei soldati meridionali in guerra, farneticando di voler fare la "razza guerriera" solo con gli abitanti della Valle del Po e con pochi elementi scelti del centro Italia".. gli altri dovevano lavorare al loro servizio.. da Diario di G. Ciano 1937/1943 ed. Mondadori.. quindi poiché come diceva Samuel Johnson "il patriottismo è ultimo rifugio delle canaglie" giudizio un po' discutibile, ma che nel caso dei 'patrioti interessati' (a ciuccare soldi al Nord) è azzeccatissimo.. cerchiamo di smetterla di fare gli antileghisti a prescindere, e se i meridionali hanno le palle (e molti le hanno) che le tirino fuori e la piantino con i piagnistei
('chiagni e fotti'.. lo conosciamo il proverbio)


RispondiCitazione
RobertoG
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 210
 

Per il Pd fa sentire la sua voce Anna Finocchiaro, capogruppo al Senato: ''La maggioranza e' in ebollizione.

Nel PD invece, oramai si può parlare al massimo di "rigor mortis".


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 14010
 

non si coglie il punto, il fatto è che da fastidio che la Lega impedirà un governo tecnico (definizione che non ho mai capito in base a cosa si definisca tecnico se non della truffa, le cose peggiori son state fatte sotto governi tecnici)


RispondiCitazione
RobertoG
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 210
 

Già alla Lega il governo tecnico oggi non piace. Nel '95 invece appoggiò quello di Dini. Chissà come mai? Non sarà che i partiti fanno sempre quello che gli conviene?

Se si votasse oggi la Lega vincerebbe. Nel '95 sarebba stata ridotta ai minimi termini.


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 14010
 

Già alla Lega il governo tecnico oggi non piace. Nel '95 invece appoggiò quello di Dini. Chissà come mai? Non sarà che i partiti fanno sempre quello che gli conviene?

Se si votasse oggi la Lega vincerebbe. Nel '95 sarebba stata ridotta ai minimi termini.

ho mai scritto che i partiti facciano il bene dei cittadini Lega inclusa????

Nel 95 fece cadere il gov Berlusconi e sicuramente non era così forte.
Il punto è ciò che dice oggi, ovvero è contraria.


RispondiCitazione
Condividi: