Notifiche
Cancella tutti

Er Papa ne vole artri 40.000 in Italia!

Pagina 1 / 2

azul
 azul
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 157
Topic starter  

'Perché non se li mette dentro san Pietro er caro Papa'. Il Vaticano doveva tenerli, non noi!!!!!!'', scriveva ieri una residente di Rocca di Papa.
Ma er caro Papa Santissimo proprio oggi ha ordinato ai vescovi di accogliere in circa 140 diocesi altri 40.000 immigrati, che sono parte del grande progetto europeo della Chiesa Cattolica che dovrà accogliere in totale altri 250.000 migranti in tutte le diocesi europee.

Io, sommessamente, come da mio racconto profetico ( https://comedonchisciotte.org/forum-cdc/#/discussion/99940/schiaffone-morale-del-papa-al-governo-e-al-ministro-sceriffo), chiederei al santissimo papa di cominciare accogliendo LUI, nella Città del Vaticano, appena 200 migranti per darci il buon esempio cristiano. Lo spazio e le condizioni economiche ci sarebbero tutte.
Gli chiederei solo di tenerseli nei suoi confini, di dargli assistenza medica, vitto, alloggio, istruzione, paghetta, cellulare e di pensare alla sicurezza (le pistole teaser le hanno già comprate).
Gli chiederei anche di prenderseli in modalità random, come facciamo noi in Italia, senza selezionare appena donne, bambini (che oltretutto sarebbero in serio pericolo in Vaticano!) e cristiani osservanti. Sarebbe divertente vedere dei ventenni nigeriani o ghanesi, forti e col testosterone a mille a bighellonare per i corridoi e i giardini vaticani negli intervalli tra una messa e una preghiera, tra un prelato auto represso sessualmente e una monachella in estasi stile santa Teresa del Bernini.
Le profezie però nella Bibbia o non si sono mai avverate, oppure quando si sono verificate erano post-eventum.
Perciò, essendo ormai disilluso, insieme al mio illustre concittadino Giuseppe Gioachino Belli ar Papa je direi: "Eminenza, cor padre de li santi che ce ne prennemo artri!"


Citazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

Come ho già scritto altre volte, quando si parla di accoglienza ci sono delle dimenticanze di fondo molto importanti
1^ dimenticanza: quanto dura l'accoglienza ? I giornali hanno titolato che la CEI si prenderà carico delle "risorse" sbarcate dalla Diciotti, ma si occuperà di loro a vita oppure, più verosimilmente, darà loro una ripulita (una doccia, un po' pomata contro la scabbia, qualche vestito nuovo gentilmente regalato dagli italiani, cellulare con conversazioni illimitate, cuffie per ascoltare la musica, qualche spiccetto per le piccole spese correnti), farà loro apprendere qualche parola di italiano e poi sono pronti per scaricarceli; hanno già iniziato sparpagliandoli per le varie diocesi, in modo che passerà quasi inosservato il loro inserimento nelle comunità quando dalla giurisdizione della CEI passeranno a quella dell'Italia. Insomma una accoglienza "alla vasellina".
2^ dimenticanza: è assolutamente opaca la procedura in base alla quale un paese che ha accolto delle "risorse" le cede ad un altro paese;
il paese cedente prepara dei "pacchetti" di risorse e il paese ricevente si prende carico del "pacchetto" senza entrare nel merito di chi si sta portando in casa, oppure è il paese ricevente che si sceglie (ad es. in base alla fedina penale, al grado di scolarità, allo stato di salute) chi accetta di portarsi in casa ? Se fosse quest'ultima la procedura al paese cedente rimarrebbero gli scarti - absit iniuria verbis.
3^ dimenticanza: sono altrettanto opachi i privilegi di cui godono le risorse;
se un cittadino italiano tenta di aprire una attività commerciale incontra tanti di quegli intoppi burocratici e bancari che gli passa la voglia, loro arrivano e aprono attività commerciali da un giorno all'altro, è come se partissero con le autorizzazioni già in tasca e sapessero dove reperire le risorse finanziarie.
Altro privilegio è la trasparenza alle normative a cui gli italiani sono sottoposti: norme di tracciabilità della provenienza dei prodotti venduti, norme igienico sanitarie, norme di sicurezza, norme fiscali: loro non sanno cosa siano e, cosa ancora più grave, nessuno pretende che lo sappiano. A queste vanno aggiunte le leggine che li tutelano e favoriscono nelle graduatorie per la assegnazioni di posti nei nidi, negli asili, nelle scuole, abitazioni; esenzioni dai ticket sanitari; ecc


RispondiCitazione
azul
 azul
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 157
Topic starter  

Completamente d'accordo con te. Salvini questa volta ha dovuto capitolare, inutile arrampicarsi sugli specchi. Come hai detto tu, una volta offerto un ricovero, una mensa e una messa, i simpatici ospiti se ne andranno a zonzo per le lande italiche e saranno sul nostro groppone per tutte le spese che contano: sicurezza, trasporti, sanità con conseguente decadimento del già usurato welfare.
Per poter cantar vittoria, la CEI avrebbe dovuto garantire a Salvini:
1. La residenza dei migranti sul territorio vaticano.
2. l'inserimento sociale, educativo, lavorativo nelle istituzioni e strutture vaticane.
3. L'assistenza medica e previdenziale.
4. L'ottenimento della cittadinanza vaticana.

Niente di tutto questo è accaduto, né mai accadrà e il mio racconto continuerà ad essere inattendibile fantapolitica, mentre io perderò il titolo di profeta.


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

l'inserimento sociale, educativo, lavorativo nelle istituzioni e strutture vaticane

l'ho sognato diverse volte: le risorse che sciamano negli archivi vaticani e bruciano le bolle papali per ricavare i metalli, spesso oro, usato per i sigilli


RispondiCitazione
adestil
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2304
 

ma l'avete visto quel buffone che mandano su tutti i tg che difendeva i migranti a rocca di papa?Ivano Ciccarelli
Ora cercano uno di sinistra che parli alla gente quindi un pò volgare grosso con la barba che non sembri fighetto visto che la barba di martina e romano non funzionano e sembrano delle mascherate...

ma sono gli argomenti che non funzionano pure quelli del grosso romanaccio ex centro sociale finanziato dal pd per contrastare mediaticamente chi non vuole i migranti..
gli striscioni di chi non li vuole dicono ''non li vogliamo portano malattie,delinquenza,molestano le donne''
all'omaccione non rimane che negare tutto cosi' come fa martina o vauro..
che dicono il 70% dei reati è commesso dagli italiani(che sono il 92% della popolazione italiana) ma non dicono che il 30% dei reati restanti è fatto dall'8% della popolazione(che è fatta di stranieri) quindi uno straniero ha 4 volte la propensione a delinquere di un italiano...
e se si va nei reati sessuali sale ancora di più..

perchè mai dovremmo prenderceli ,chi li vuole vorrebbe che in Italia arrivassero persone piu delinquenti degli italiani e questo non ha senso...
è appunto xenofilia (per guadagno)patologia di cui nessuno parla..

''Peccato tuttavia che Ivano - nome da personaggio coatto di Verdone (cit. nextquotidiano.it) e stazza da Mario Brega, quello che non era «comunista così», cioè a un pugno solo, ma «comunista cosìììì», cioè a due pugni - non faccia altro che riscaldare la solita minestra della sinistra perdente, tutta buonismo e accoglienza. Il Manifesto secondo Ivano recita che «il futuro sta nell' integrazione», che accogliere centinaia di disperati è un fatto di «buon senso», e che non bisogna «provare terrore per l' immigrato che non ci ha un cesso dove fare la pipì e me la fa sotto casa».

Riecco i pauperisti - Ivano è il teorico di una sinistra pauperista, convinta che il reddito di cittadinanza sia l' unico modo «per redistribuire la ricchezza»; ed è anche l' artefice di una proposta mirabolante: da portavoce dei Verdi a Marino, suggeriva di abbattere la fontana dei Quattro Mori, simbolo della vittoria dell' Occidente cristiano contro gli Ottomani nella battaglia di Lepanto.
Dicono abbia il cuore tenero, lo chiamano Bambi, perché da ragazzino faceva il Bambinello nel presepe vivente, lo descrivono come un idealista, il Che Guevara dei Castelli, ma se la sinistra romanesca deve ripartire da Ivano da Marino, be' allora viene spontaneo dire: aridateje Marino, nel senso di Ignazio.''

https://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/13373139/ivano-ciccarelli-rocca-dei-papi-sinistra-borgata-umilia-pd-antifascista-amico-migranti.html


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

no non l'avevo visto, ma nella settimana passata ho incontrato molti amici della Tuscia ed è stato un unico coro di lamentele sulla microcriminalità dilagante; uno di un paesino vicino al lago di Bolsena, mi ha detto "Come sai questa è una piccola comunità, ci conosciamo tutti, lasciavamo le porte di casa aperte, non usavamo inferriate alle finestre, poi l'atmosfera è cambiata con l'arrivo dei migranti, furti in continuazione nei campi, nelle case, la paura di aggressioni ha cominciato a farsi sentire; un giorno ci siamo riuniti e ci siamo domandati se volevamo cambiare il nostro modo di vivere; la risposta è stata no; allora abbiamo eletta una delegazione, cinque uomini, sono andati, armati, sai qui siamo tutti armati per via dei cinghiali, fucili da caccia regolarmente denunciati, alla stazione dei Carabinieri e abbiamo detto al tenente: sappiamo chi ci sta cambiando la vita, o li prendete voi o li prendiamo noi … dopo qualche giorno è tornata la normalità.


RispondiCitazione
azul
 azul
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 157
Topic starter  

La barba Martina è stato costretto a farsela crescere, perché così com'era i turisti a Roma lo fermavano in continuazione per strada per fare selfie, scambiandolo per il maggiordomo Lurch della famiglia Addams.

Il problema della sinistra è di forma e di sostanza ed è molto semplice:
la forma e gli abiti devono essere quelli di Ivano, senza più fighetti e fighette, completi da perfetto esecutivo alla Calenda, lustrini, paillettes, abiti firmati, rolex, etc.
Poi soprattutto un problema di sostanza: la sinistra deve fare il suo lavoro che è molto semplice e che è difendere la quota salari, i diritti sociali e mettere in secondo piano i diritti civili. Cioè smetterla di scimmiottare il partito radicale e tornare ad essere il pci. Difendere le nazionalizzazioni, ostacolare la concorrenza dal basso sui salari e quindi combattere l'immigrazione.

La cosa incredibile è che lo spazio a sinistra della politica è stato occupato dalla Lega, dai 5S e persino dalla Meloni! Se il Pd continuerà a vestire l'abito stretto del Partito Radicale, farà la sua fine: 3% di voti e transnazionalizzazione. I contributi glieli pagherà Soros, se non lo sta già facendo.


RispondiCitazione
Platypus
Trusted Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 75
 

"La cosa incredibile è che lo spazio a sinistra della politica è stato occupato dalla Lega, dai 5S e persino dalla Meloni! Se il Pd continuerà a vestire l'abito stretto del Partito Radicale, farà la sua fine: 3% di voti e transnazionalizzazione. I contributi glieli pagherà Soros, se non lo sta già facendo."
La seconda che hai detto: lo sta già facendo.

"la sinistra deve fare il suo lavoro che è molto semplice e che è difendere la quota salari, i diritti sociali e mettere in secondo piano i diritti civili. Cioè smetterla di scimmiottare il partito radicale e tornare ad essere il pci. Difendere le nazionalizzazioni, ostacolare la concorrenza dal basso sui salari e quindi combattere l'immigrazione."
E chi glielo fa fare? non c'è mica più l'URSS che finanziava il PCI! c'è il tizio di cui sopra che cala le palanche se ripeti i suoi mantra fino allo sfinimento. L'internazionale socialista è stata sostituita dalla "transnazionale globalista". Tempo fa girava una battuta tipo: "io sono talmente di sinistra che voto a destra o talmente di destra che voto a sinistra" e la battuta si è trasformata in realtà: per trovare una proposta che non sia imbevuta di radical-chic-polcor da fighetti devi andare dalle parti di Casa Pound più che dalla parte opposta.

Su Martina con la barba devo osservare che fa molto "Frate Francesco"; gli suggerirei anche un bel saio col cordone e potrà andare a predicare agli "uccelli" (e non si faccia della facile ironia!!!).
ultima amenità: pensi che esista realmente la figura del "prelato auto represso sessualmente"?


RispondiCitazione
azul
 azul
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 157
Topic starter  

@adestil "non dicono che il 30% dei reati restanti è fatto dall'8% della popolazione(che è fatta di stranieri)"

Per essere precisi, sono il 32,9% dei reati e il 40% degli stupri.


RispondiCitazione
illupodeicieli
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 760
 

Da quando cominciarono ad arrivare nei nostri porti, mi ero posto alcune domande, che non avevano e non hanno ricevuto risposta: dove devono andare , dove devono essere sistemati i migranti che vengono fatti sbarcare dalle navi; dopo che ti "scavalcano" nelle visite mediche specialistiche (un numero impressionante di costoro, ahimè, soffre di diabete, giusto per dirne una), dopo appunto che li hai lavati e puliti*, dove li metti? Abbiamo visto tutti in tv i vari reportage girati presso le stazioni ferroviarie, ma nella mia città, Cagliari, erano stipati nelle zone centrali dove passavano o cercavano di passare i croceristi: bel biglietto da visita! Ma chiedevo, allora come oggi, l'iter che devono seguire costoro: niente di niente è stato detto, né i vari Bel Pietro o Floris si sono o si erano guardati bene dal chiedere ai politici ospiti in tv, né i loro colleghi giornalisti hanno effettuato indagini in tal senso: fa più scena essere inseguiti da un gruppo di immigrati o rom. Sta di fatto, che come avevo scritto alcuni giorni fa, è curioso che ci sono almeno 4 migranti ospiti nella Parrocchia dell'unica chiesa che c'è a Porto Cervo: in un servizio tv il parroco attuale se ne fa pure vanto : da notare che un migrante "è" nato qui. Per quanto si dice circa le attività commerciali che costoro possono intraprendere, ricordiamo che la nostra regione autonoma, ha messo a disposizione circa 3 milioni di euro , con tanto di tutor e corsie preferenziali; ma per non farci mancare niente, ecco che anche dei privati danno a costoro terreni da coltivare, idem anche dei Comuni, mentre ai sardi gli danno....beh, ve lo potete immaginare che cosa ci possono dare! Sto ...zzo! Curiosità per curiosità, tra le domande mai poste dai media, e quindi da conduttori e giornalisti: hanno mai chiesto ai volontari se fanno volontariato presso le aziende che stanno fallendo o che sono state, che so, delocalizzate? Come volontari ,che si sa, sono mai andati a portare "soccorso concreto" (non parole o frasi di circostanza tipo "vi siamo vicini") ai familiari dei suicidati per motivi economici, per le vittime degli economicidi? E si sono mai chiesti come fanno questi volontari a sopravvivere se non lavorano? Sono ricchi di famiglia?


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

Mi hai fatto tornare alla mente alcuni miei conoscenti, due insegnati di matematica e un medico; gli insegnanti di matematica: lui era assistente all'università, lei insegnava alle elementari e medie in due paesini minuscoli, tanto piccoli che accorpavano in un unica grande stanza tutti gli alunni, elementari e medie; si alzava tutti i giorni verso le 4.30 faceva colazione, preparava le sue cose e partiva a dorso di mulo alla volta di una delle scuole, un giorno insegnava in una, l'indomani nell'altra; un'ora, un'ora e mezza di dorso di mulo all'andata e altrettanto al ritorno, con il sole, con la pioggia; quando si sono sposati hanno fatto il loro viaggio di nozze in un fabbrica occupata; poi lui lo hanno arrestato, era uno di quelli che il PCI chiamava "compagni che sbagliano", uno di PotOp; mentre stava in galera si è messo ad insegnare matematica ai carcerati … ; dopo un po' i "compagni che non sbagliano" sono arrivati alle stanze dei bottoni e ci hanno fatto vedere come si distrugge una nazione … ma questa è un'altra storia, come si suol dire.
Il medico, è una donna molto bella e raffinata, appartiene ad una famiglia miliardaria; la madre ogni volta che mi vedeva mi diceva che non capiva la figlia "Sta' sempre a preoccuparsi dei bisognosi, a casa non muove un dito, mi tocca a fare tutto a me, se non ci fossi io" e io, che sono malizioso, pensavo "ci sarebbe il filippino".
Hai centrato in pieno una delle lamentele che ho ascoltate in questi giorni: la politica dell'accoglienza della sinistra è stata: accogliamoli tutti, salviamo vite ecc, quando l'attenzione era rivolta sugli sbarchi; abbandoniamoli al loro destino, ossia sulle spalle dei cittadini, non appena i riflettori sullo sbarco si spegnavano.


RispondiCitazione
illupodeicieli
Prominent Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 760
 

Ieri ho dimenticato che, quanto detto da altri e che anch'io condivido, cioè "come fa un barchino ad arrivare dall'Algeria in Sardegna", è stato spiegato dai media: un motopeschereccio tunisino stava trainando un barchino verso le coste della Sicilia. Noi abbiamo pensato, in tutti questi anni, che addirittura, navi da carico, magari che trasportano granaglie o cose simili, "calassero in mare questi barchini come si fa con le scialuppe": invece, non li fanno neanche salire a bordo i migranti, li trascinano e basta. Giusto per la cronaca, da inizio anno, in questo modo, di migranti con i barchini ne abbiamo ricevuto oltre 500, per lo più algerini. Pochi? Sì, secondo quanto detto da un ministro algerino, che stimava che almeno 1.000 e più potevamo riceverne (e assisterli, sottinteso). Ci voleva molto dico io a monitorare il mare? Lo so, direte: anche se li beccavano , non potevano rimandarli indietro. Lo so i problemi sono ben altri e non vengono ancora affrontati: almeno secondo i media che ci parlano solo di Salvini e delle sue esternazioni, ma da isolani non ci siamo fatti mancare il saluto romano ai funerali di un prof. di diritto, che Kossiga aveva nominato commendatore. altro modo per distrarci dai veri temi da affrontare e risolvere.


RispondiCitazione
azul
 azul
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 157
Topic starter  

Fonte ansa: Quaranta migranti che dalla nave Diciotti erano stati trasferiti nel centro di Rocca di Papa si sono allontanati e risultano irreperibili. E' quanto si apprende da fonti del Viminale. Nel dettaglio sei si sono allontanati il primo giorno di trasferimento, cioè venerdì 31. A questi si aggiungono 2 eritrei destinati alla Diocesi di Firenze che sono si sono allontanati in data 2 settembre; altri 19 il cui allontanamento è stato riscontrato il 3 settembre, e 13 il cui allontanamento è stato riscontrato ieri e erano destinati a varie Diocesi.

Però possiamo stare tranquilli, perché ai migranti della Diciotti ospiti (al momento) a Rocca di Papa è arrivata la benedizione di Papa Francesco attraverso il cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere del pontefice, che si è fermato a pranzo portando per tutti gli ospiti presenti dei gelati!

La morale per chi ancora non l'avesse capita: alle elemosina ci pensa il Papa, per tutto il resto c'è... lo stato italiano!


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

Vediamo il lato positivo: la prossima volta che la CEI si propone come mediatore possiamo mandarli a … cercare gli "allontanati"


RispondiCitazione
azul
 azul
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 157
Topic starter  

@SanPap Il linguaggio non è mai casuale. Fuggiti sono i detenuti e le persone poste sotto attenzione, "allontanati" possono essere i bambini dallo sguardo del papà, anzi dal Papa. Sono solo dei simpatici bricconcelli!


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: