Notifiche
Cancella tutti

Fuga dal ballottaggio, uno su due non vota


helios
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

Fuga dal ballottaggio, uno su due non vota

Affluenza al minimo storico: alle urne il 50,54% degli elettori contro il 60% del primo turno
Francesca Angeli - Lun, 20/06/2016 - 08:09
commenta

Roma - Anche i ballottaggi non infiammano gli italiani. I votanti al secondo turno precipitano al 50,54 per cento, scendendo complessivamente per la prima volta sotto la soglia del 60 per cento.

Oltre la metà degli aventi diritto ha dunque scelto di non scegliere.

E se è vero che il calo dei votanti al secondo turno è «fisiologico» è pure vero che questa volta si partiva già da un dato di affluenza che era il più basso nella storia delle elezioni italiane, il 62,1 per cento. Dall'81,4 per cento del 2001 la disaffezione dei cittadini per la politica o meglio per i suoi rappresentanti è cresciuta di anno in anno fino al crollo. La scelta del non voto in compenso però scatena le interpretazioni. L'astensione è una rinuncia e quindi un'assenza che va interpretata come passività e mancata partecipazione? O invece l'astensione rappresenta un rifiuto attivo e quindi una scelta non più passiva ma anzi ribelle, un segnale di protesta?

Questa seconda interpretazione sembra quella più conforme alla situazione italiana dove nessuno dei candidati in corsa è riuscito a scuotere gli appartenenti al partito degli astensionisti. Il calo dei votanti ai ballottaggi è in realtà un fenomeno oramai consolidato. Al secondo turno prima di tutto si perdono i votanti dei candidati esclusi che spesso scelgono di non votare per gli altri. Negli altri casi non ci si reca al seggio per due motivi opposti: perché si è convinti che il proprio candidato non abbia alcuna possibilità o invece perché si è già sicuri della vittoria. E poi c'è sempre chi non vota per rabbia, disillusione o disinteresse. Infine soprattutto al CentroSud c'è l'opzione «vado al mare».

Il fenomeno si è inevitabilmente ripetuto anche in questa stagione elettorale. A Roma neppure la «novità» rappresentata dalla candidata grillina donna, Virginia Raggi, ha resuscitato i non votanti. I segnali sono stati chiari fin dai primi dati sull'affluenza. Alle 12 aveva votato soltanto il 14,48 degli aventi diritto contro un già scarso 16,72 del primo turno. Dato che faticava a risollevarsi anche alle 19 con il 36,56 di votanti contro il 43,72 del primo turno. Nel dato definitivo eclatante lo scarto a Napoli tra il 54,12 del primo turno e il 35,97 di ieri. Più equilibrata la situazione a Torino dove l'affluenza segnava soltanto tre punti in meno rispetto al primo turno dal 57,17 al 54,41 Simile decrescita a Milano con il 51,80 contro il 54,65 precedente. A Roma lo scarto tra il primo ed il secondo turno si allarga: meno 7 punti dal 57,02 al 50,19 di ieri. A Bologna dal 59,65 del primo turno si scende al 53,15.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/fuga-ballottaggio-su-due-non-vota-1273584.html


Citazione
AlbertoConti
Membro
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1538
 

... decrescita a Milano con il 51,80 contro il 54,65 precedente.

Questa è la nota più triste, più di un milanese su due è tornato per votare un piddino! 😥


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

... decrescita a Milano con il 51,80 contro il 54,65 precedente.

Questa è la nota più triste, più di un milanese su due è tornato per votare un piddino! 😥

votano solo quelli che hanno degli interessi. Nessuno vota per qualcuno che può governare la città quindi perchè gli abitanti stiano meglio nella loro città, ma solo per gli interessi che tizio o caio messo come primo cittadino glieli mantenga inalterati nel tempo.

Il senso del voto non esiste più, per cui quelli che sono stati a casa che sono la maggioranza fanno capire che la gente che ha da proteggere i propri interessi è sempre meno e quei pochi che ne hanno sono sempre più feroci.


RispondiCitazione
AlbertoConti
Membro
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1538
 

Comunque è da una vita che a Milano si eleggono sindaci a dir poco inconsistenti.

Se è vero che ogni città ha il sindaco che si merita, allora Milano fa proprio schifo. Bel simbolo dell'Italia che lavora!


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 16537
Topic starter  

Comunque è da una vita che a Milano si eleggono sindaci a dir poco inconsistenti.

Se è vero che ogni città ha il sindaco che si merita, allora Milano fa proprio schifo. Bel simbolo dell'Italia che lavora!

i sindaci inconsistenti sono usciti dal ballottaggio a Milano e Torino proprio ieri.

Quindi non guardiamo all'inconsiste sindaco di Milano che almeno ha fatto l'expo.

Le città hanno il sindaco che si meritano quindi Roma sarà peggio di prima e Torino le va dietro considerato l'assenza di esperienza delle sindache ovvero il nulla assoluto.

Ha votato meglio chi è stato a casa di quelli andati al ballottaggio.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

albertoc

quando ha un po' di tempo mi scrivi circa le differenze SOSTANZIALI tra 5s e pd?

retorica e voli pindarici non sono ammessi, grazie

8)


RispondiCitazione
mariosoldati
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 278
 

facciamo una cosa i comuni che hanno un sindaco del PD rimangono nell'eurozona gli altri tornano alla liretta, secondo voi chi va in surplus di bilancio e chi in deficit ?


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

facciamo una cosa i comuni che hanno un sindaco del PD rimangono nell'eurozona gli altri tornano alla liretta, secondo voi chi va in surplus di bilancio e chi in deficit ?

da quando il 5s è pro Lira?

😯 😯 😯


RispondiCitazione
Condividi: